Il bambino arrestato per un orologio in Texas ora ha cambiato scuola

"Da allora non dorme più", racconta il padre. E la famiglia ha scelto di far cambiare istituto a tutti i figli

Ha solo quattordici anni il ragazzino arrestato pochi giorni fa Irving e poi rilasciato, sospettato di voler fare esplodere un congegno che portava al polso, che altro non era che un orologio. Particolare, certo, lo aveva costruito lui. Ma tra questo e una bomba c'è di mezzo un abisso e la reazione eccessiva dell'insegnante ha scatenato un'ampia polemica.

Ahmed Mohamed, questo il nome del ragazzo, è finito in manette per quelle che la polizia ha definito allora "cose che non tornavano" nel suo orologio. Una situazione tanto spiacevole che a muoversi è stato poi persino il presidente Barack Obama, che ha invitato il ragazzino a un incontro alla Casa Bianca.

Ora Ahmed ha deciso di lasciare la MacArthur, la scuola di Irving dove studiava. Non solo. La famiglia ha deciso di ritirare tutti i figli dagli istituti del distretto, per reiscriverli altrove. È il padre Mohamed a raccontare che dal giorno del suo arresto il ragazzino fatica a dormire e ha perso l'appetito. "Quello che è successo ha lacerato la famiglia".

Commenti

Gibulca

Mar, 22/09/2015 - 09:57

Dalle foto pubblicare, il congegno del bambino era molto ma molto simile a una vera bomba. Complimenti alla polizia per aver rilevato il fatto, poi rivelatasi una bufala. Ma loro non potevano saperlo. Suggerisco al padre del ragazzino, di fare molta attenzione a cosa fa suo figlio: cerchi di educarlo all'amore e al rispetto delle leggi e di chi segue altre religioni e badi che non si faccia coinvolgere nel fanatismo islamico, che mi pare colpisca molti imbe**lli. E' a quell'età che si forma il cuore e la mente dell'adulto del domani