Trump approva i dazi, ma non per tutti i Paesi

Il presidente ha spiegato che potrebbero esserci deroghe per Messico, Canada e Australia. Alle 21.30 (ora italiana) firmerà il decreto sulle importazioni

Donald Trump mantiene il suo piano di imporre dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio. Il presidente americano ha infatti firmato il decreto.

"Inizialmente rimarrà fermo al 10% e al 25%", ha spiegato, "Avrò il diritto di andare più su o più giù a seconda del Paese e il diritto di togliere o aggiungere Paesi. Io voglio solo equità perché noi non siamo stati trattati in modo giusto".

I Paesi alleati

Trump ha spiegato che potrebbero esserci deroghe per Messico e Canada, se saranno soddisfacenti i risultati delle trattative per rinegoziare l'accordo commerciale Nafta. "Se raggiungiamo un accordo, è più probabile che non andremo a gravare questi due Paesi con i dazi", ha dichiarato. "Saremo abbastanza flessibili", ha continuato affermando che anche un numero non specificato di altre nazioni alleate potrebbero essere esentate dai dazi. Tra queste spicca l'Australia con la quale "abbiamo un rapporto molto stretto, un surplus commerciale. È un grande Paese, un partner a lungo termine, faremo qualcosa con loro".

"Saremo molto onesti e flessibili, ma dobbiamo proteggere i lavoratori americani, come ho detto che avrei fatto in campagna elettorale", ha continuato Trump.

La Germania

Tra i Paesi nel mirino degli Stati Uniti c'è invece la Germania. "Abbiamo amici e anche dei nemici che si sono approfittati enormemente di noi da anni su commercio e difesa. Se guardiamo la Nato, la Germania paga l'1% e noi paghiamo il 4,2% di un pil molto più importante. Questo non è giusto", ha affermato riferendosi alle spese militari.

Commenti
Ritratto di Nahum

Nahum

Gio, 08/03/2018 - 20:31

Pazzo pericoloso, le misure proposte sono del tutt’e illegali e colpiranno come un boomerang anche l’economia americana. Per non parlare ma del fatto che tutto il mondo o quasi gli si rivolterà contro. Well done Mr President !

nunavut

Gio, 08/03/2018 - 20:31

Sbraitate sempre contro di lui sui telegiornali e il web e lui vi servirà il menu che ha deciso per i nemici. Il Canada ,il Messico e pure l'austrialia sono fortunati che non si vendichi degli insulti ricevuti,soprattutto quelli prima di essere eletto.Pur se non ti piacesse la decisione elettorale del popolo di un'altra nazione,se tu fossi minimamente intelligente cercheresti il miglior profitto per il tuo popolo nonostante non ti piaccia,

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 08/03/2018 - 20:44

Trump

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 08/03/2018 - 20:55

Trump governa l'economia. Invece i Democrats tipo Prodi, incassano tangenti dai Paesi concorrenti per tradire la Patria. Però dicono di essere "Cittadini del Mondo". Per questo essi vanno emarginati.

mandorleto

Gio, 08/03/2018 - 20:59

Allora i cinesi venderanno ai messicani che rivenderanno agli USA

glasnost

Gio, 08/03/2018 - 22:23

Questo è sicuramente un UOMO che non ha paura di prendere decisioni, anche politicamente scorrette, se sono utili al popolo che amministra!

faman

Gio, 08/03/2018 - 22:28

è ovvio che Trump consideri l'Europa un nemico, è il concorrente più pericoloso, se l'UE fosse poi più solida, sarebbe un pericolo mortale (economicamente parlando) per gli USA, per non parlare poi della Cina.

rokko

Gio, 08/03/2018 - 22:36

Costui affosserà le economie mondiali, quella americana in primis. Se gli dà così fastidio il deficit commerciale, piuttosto che mettere dazi dovrebbe chiedersi delle ragioni di tale deficit: pensa davvero che con i dazi il deficit si ridurrà ?!? Boh. Comunque, a parte questo, sottolineo la STUPIDITA' di mettere dei dazi sulle materie prime come acciaio, alluminio e ferro, per un paese industrializzato come gli USA, cosa spera di ottenere se non che le imprese del suo paese che fanno uso di queste materie prime perderanno competitività ? Ne è un chiaro esempio la Electrolux, che aveva annunciato un nuovo stabilimento in Tennessee ed ora ha rinunciato, visto che probabilmente pagando di più le materie prime la convenienza dell'investimento si perderebbe. Bah

ammazzalupi

Gio, 08/03/2018 - 22:46

GRANDE TRUP!!! LUNGA VITA A TE!!! Questa è giustizia commerciale!!! La signora Merkel si appresti a tirar fuori gli euri che ha rubato all'ITALIA, così vediamo se continuerà a fare il "comandante del pastificio"!!!

nunavut

Gio, 08/03/2018 - 22:53

ecco cosa vi costa trattarlo nella vostra consueta abitudine di offendere. In diplomazia si possono dire molte cose anche sgradevoli ma con educazione.Fatevi un esame di coscienza e vedrete che,pensando che vincessero i vostri amici lo avete denigrato alla grande ,ora che ha vinto lui,ne dovrete subire le conseguenze .Trudeau e Pen~a Neto dovrebbero ringraziare Trump che non li ha messi nella lista dei nemici.Ascoltando le Tv canadesi e frasncophone,personalmente li metterei nella lista degli nemici acerrimi.

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Gio, 08/03/2018 - 22:54

God is with you and United States of America . Trump ha ragione . Yeeeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhh .

Andrea De Benedetti

Gio, 08/03/2018 - 22:57

Forse in guerra con l`America erano gli altri. Oggi,con Trump, l`America reagisce. Sono finiti i pasti e gli insulti " a gratis" come direbbe GRILLO.

greg

Gio, 08/03/2018 - 22:57

Quando venne eletto Bergoglio, lo Spirito Santo, che avrebbe dovuto vigilare per dare un capo giusto e cristiano alla Chiesa di Roma. Ma si lasciò distrarre da San Pietro che lo invitò ad andare a prendere un caffè, e così successe che venne votato il pampero apostata di Dio e estimatore di Allah. Ma per fortuna quando venne eletto Trump lo Spirito Santo vigilava, e gli americani hanno eletto un uomo di buon senso e con le palle. Dio di benedica Donald

nunavut

Gio, 08/03/2018 - 23:01

Finalmente la Merkel ha trovato il suo Wterloo,purtroppo saranno tutti glia ltri paesi europei a pagarne lo scotto.Se oggi la grosse deutschland é così potente lo deve pure agli aiuti americani nel dopo guerra.Al trattato di pace della prima guerra mondiale si lamentarono del pessimo trattamento subito e scatenarono la seconda guerra,dopo la pace gli alleati si immaginarono di comportarsi differentemente aiutandoli a RINASCERE ed ora siamo nella stessa situazione vogliono COMMANDARE l'intera europa con l'aiuto dei vassalli francesi.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 08/03/2018 - 23:41

E come dargli torto?

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 08/03/2018 - 23:43

Bravo Trump! Potessimo farlo anche noi...

alox

Gio, 08/03/2018 - 23:46

Povero ixxxxxxxe, ma non aveva detto che le contrattazioni si sarebbero fatte Paese per Paese? Poveri Noi (USA) neanche stessimo a parlare del Burundi (senza offesa); inoltre la Germania fu rasa al suolo, da destra e da sinistra...se l'e' cercata vero ma ha pagato pure il dazio con la DDR sotto la tirannia Russa per piu' di 50 anni.

Alessio2012

Gio, 08/03/2018 - 23:47

BRAVO TRUMP! BISOGNA PICCHIARE DURO CONTRO GLI IDIOTI!

morgoth

Ven, 09/03/2018 - 00:43

Se vuole fare una guerra commerciale, basta cominciare a tassare le aziende multinazionali statunitensi. E non mi riferisco solo ad Amazon, Facebook, Google, Apple ma a quelle più di 4000 aziende campioni di incassi e di evasione fiscale... parliamo di migliaia di migliardi di dollari! Solo in Italia, il conto per Google ammonta a 370 milioni e per Facebook a 549 milioni. Le imposte sul reddito complessivamente pagate nel 2016 da Facebook, Apple, Amazon, Airbnb, Twitter e Tripadvidor ammontano a quelle versate dalla sola Piaggio!!! E questo consente loro di praticare concorrenza sleale e monopolizzare il mercato.

umbertoleoni

Ven, 09/03/2018 - 01:16

un clamore mediatico, di quelli che distinguono una stampa neutrale e fedele alla corretta informazione da quella (la stragrande maggioranza al guinzaglio del padrone da servire): appunto il clamore di questo annuncio: un'altro di quegli annunci strombazzati dai media dell'establishment assolutamente immotivato. Trump al contrario, dei politici clown che ci ritroviamo, sta semplicemente formalizzando le cose per le quali gli americani lo hanno mandato alla casa Bianca. Del resto noi siamo nella botte di ferro della UE, che come sempre ci aiuta a superare i nostri problemi economici. Lo fara' anche questa volta, comperando tutti i prodotti che non riusciremo piu'a vendere negli USA, perche' troppo cari. In compenso noi compreremo tutte le auto tedesche (anche noi le adoriamo come gli americani) che resteranno loro in casa. Quindi, di che spaventarci ?

Popi46

Ven, 09/03/2018 - 06:33

Trump,piaccia o non,è il Presidente eletto che pensa al suo popolo, gli USA possono permettersi anche l'autarchia totale,se volessero,gli oppositori politici a parte gli urli di disperazione sono disarmati, gli USA hanno all'incirca la stessa popolazione dell'EU, che invece è una Unione disunita. Ergo,delle critiche europee Trump se ne fa un baffo. Il vero competitor è la Cina, che peraltro è stata momentaneamente messa a tacere sia su Taiwan sia col cucciolotto nordcoreano. Fate voi.

rokko

Ven, 09/03/2018 - 07:03

morgoth, no se l'Europa e gli altri agiranno estensivamente in risposta a Trump nello stesso modo, ci vorrà molto poco tempo per affossare l'economia mondiale. Molto meglio attendere il momento in cui Trump realizzerà che le sue misure non saranno servite a nulla e che anzi avranno indebolito l'economia Usa, cosa che accadrà di sicuro.

mila

Ven, 09/03/2018 - 07:15

che cosa vuol dire "si salvano solo i Paesi alleati?" L'Italia non era nella NATO e quindi alleata degli USA?

ILpiciul

Ven, 09/03/2018 - 07:43

Finalmente il popolo americano capirà di aver votato per un Presidente che si prende cura di esso (del popolo). Ben fatto! Morgoth: La gallina va spennata una piuma per volta altrimenti se ne accorge e fa casino. Arriverà anche la tassazione per le corporations.

Ritratto di Nahum

Nahum

Ven, 09/03/2018 - 07:52

Notate cari fanciulli che l'Italia é il primo esportatore europeo di acciao negli stati uniti, quandi prima di eccitarvi pensate a chi perderà il posto per delle misure illegali imposte da un megalomane

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 09/03/2018 - 08:31

La furbizia è nel l'uomo, e quindi cosa ci propone, che un Paese colpito dai dazi apra un'azienda fittizia in un Paese "amico" degli usa per far transitare i propri materiali da vendere agli usa. Basta poco che ce vo'.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 09/03/2018 - 11:37

Non vedo il mio commento dell 08:22: riprovo. Trump aveva pur detto "America first": non sta facendo altro che mantenere, piaccia o non piaccia, la parola data. Sarà interessante vedere, in ambito Ue, dove ad es. andrà a parare Rebbekah Dorothea Kasner, dall'oscuro passato in DDR (nella Stasi anche se da esterna). Quella che ha ricevuto il premio dall’ordine massonico ebraico del B’nai B’rith Europe nel pranzo di gala in suo onore dell’11 Marzo 2008.

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 09/03/2018 - 12:47

Quello che Trump fa, e che molti non capiscono o fanno finta di non capire, é che la protezione da quei mercati ove le condizioni di lavoro e relativo costo sono enormemente differenti dovrebbe essere adottata da tutti. Basti vedere lo sfacelo., in Europa ed in particolare in Italia, con la liberalizzazione del commercio con la Cina, paese talmente differente per i costi di produzione ma soprattutto per le condizioni economiche, sociali ed etiche dei lavoratori. E se qualcuno crede che un Presidente non possa emanare delle leggi, significa che non ha alcuna idea della struttura legislativa.

Ritratto di nutella59

nutella59

Ven, 09/03/2018 - 14:01

Non c'è nulla di strano nel pretendere da paesi come l'Italia, che impone il 25% di tasse d'importazione per i prodotti USA, di pagare il 25% per esportare i propri prodotti negli USA. Si chiama semplicemente GIUSTIZIA. Per la Germania vale lo stesso discorso: esportano Volkswagen e Mercedes a centinaia di migliaia di autovettura l'anno, senza quasi pagare tasse d'importazione, mentre pretendono d'imporre tasse del superiori al 20% sulle auto americane. Se volete mordere, è meglio che abbiate i denti! Gli USA li hanno.

nunavut

Ven, 09/03/2018 - 22:28

@ alox 23:46 ma dimentichi che quando ci fu la riunifcazione delle due Germanie hanno pagato pure i primi paesi che fondarono la Eu,permttendo lo sforamento del 3% e aiutandola economicamente e in quel frangente la grosse Deutscland era piuttosto una kleine Deutschland.

nunavut

Lun, 12/03/2018 - 18:44

@ morgoth 00:43. Lei scrive e non solo Google,Amazon etc.. ma poi li nomina come primi evasori (non parliamo solo di dazi),non le mai passato per l,anticamera del cervello che é "forse" quello che desidera Trump = silurare i suoi accerrimi nemici tramite le ritorsioni europee???