Trump gela pure la Nato: "All'America costa troppo"

"La Nato funziona solo perché ci siamo noi. Spendiamo miliardi di dollari per aiutare gli altri paesi e non abbiamo soldi per costruire una scuola: tutto questo finirà"

“L’attuale segretario di Stato non credo abbia fatto un buon lavoro. La negoziazione di John Kerry con l'Iran è una delle cose peggiori che abbia mai visto. Gli abbiamo soltanto fatto due regali, sbloccando i fondi e non pretendendo i nostri prigionieri prima che iniziassero i negoziati. Fossi stato io la trattativa sarebbe stata diversa. Gli avrei detto: ‘liberati i nostri prigionieri o vi raddoppieremo le sanzioni’. In brevissimo tempo sarebbero stati liberati. Invece gli abbiamo dato un sacco di soldi che, ovviamente, non stanno investendo da noi. Avete notato che hanno acquistato 118 Airbus? Non velivoli della Boeing, ma Airbus. E’ una brutta vicenda, anche per Israele”.

E’ iniziato così l’atteso incontro tra Donald Trump ed il comitato di redazione del The Washington Post, focalizzato sulla strategia della politica estera degli Stati Uniti guidati dal possibile nuovo presidente. Trump ha messo in discussione il ruolo dell'America in Europa, Asia e Medio Oriente. Trump sembra accantonare il ruolo centrale degli USA, a beneficio del sostegno economico interno.

Debito interno

“L’America di oggi non è quella di ieri. Abbiamo un paese diverso da quello che ha lasciato Reagan. Abbiamo 19 miliardi di dollari di debiti. Siamo seduti probabilmente su una bolla. Se quella bolla dovesse esplodere, saremmo nei guai. Dobbiamo ricostruire il nostro paese, le nostre infrastrutture. Sono atterrato in un aeroporto che stava cadendo a pezzi. Siete mai stati in Qatar? Ci sono aeroporti che gli americani nemmeno immaginano, cose che non hanno mai visto”.

Il mondo è diventato adulto

“Dobbiamo promuovere i nostri valori nel mondo, ma abbiamo un paese in cattive condizioni. Cattive. I nostri centri urbani sono un disastro orribile. Baltimora ad esempio, St. Louis, Ferguson, Oakland. La situazione peggiorerà entro la prossima estate. Eppure non capisco. Guardo i nostri centri urbani e poi le infrastrutture che abbiamo costruito per due/tre volte in Iraq e che continuano a fare esplodere. Costruiamo scuole e loro ce le distruggono. Poi le riedifichiamo e loro ce le distruggono. Però, non possiamo costruire una scuola a Brooklyn, perché non abbiamo i soldi per l'istruzione. Fermi tutti, dobbiamo prenderci cura di noi stessi, il mondo forse non è ancora consapevole, ma credo sia abbastanza adulto da cavarsela da solo. Il nostro paese si sta disintegrando, con un tasso di disoccupazione tra i giovani afro-americani del 58/59 per cento. Dobbiamo creare incentivi per le persone nell’amare ciò che stanno facendo. E’ assurdo, spendiamo soldi in paesi che non ci vogliono. Vogliono solo i nostri soldi, ma questa cosa finirà”.

I rapporti con la Nato

“La Nato? È una buona cosa…se funzionasse anche senza di noi. Siamo seri. Gli sviluppi in Ucraina hanno investito molti paesi della Nato, ma non gli Stati Uniti. Eppure, se notate, stiamo facendo tutto noi. I nostri alleati cosa hanno fatto? Perché non interviene la Germania? Perché tutti i paesi confinanti con l’Ucraina non trattano con la Russia? Perché noi siamo la nazione più forte? È vero. La Nato come concetto va bene, ma all’atto pratico funziona solo se ci siamo noi dentro. Non ci aiuta nessuno. Volete un esempio? Regaliamo centinaia di miliardi di dollari per sostenere paesi che sono, in teoria, più ricchi di noi. O non lo sapete? Germania, Arabia Saudita, Giappone, Corea del Sud. Noi diamo denaro all’Arabia Saudita. Questa storia finirà, anche perché non possiamo più permetterci questi regali. La Nato è stata istituita in un momento diverso. È stata creata quando eravamo un paese più ricco. Prendiamo denaro in prestito dai cinesi, lo capite? La Nato ci costa una fortuna e sì, stiamo proteggendo l'Europa, ma stiamo spendendo un sacco di soldi. Punterò alla ridistribuzione dei costi ed assicuro che gli Stati Uniti non sopporteranno ancora il totale peso della difesa in Europa. Non è giusto e non otteniamo nulla in cambio, così come il nostro impegno in Corea del Sud. Un paese ricchissimo che non ci da quasi nulla per quello che facciamo”.

Il nemico

“Non possiamo più permetterci di spendere una fortuna per equipaggiare gli altri paesi. Non spendiamo per noi, ma solo per gli altri. Le armi migliori poi, finiscono in mano al nemico. Noi li forniamo ai nostri alleati in Medio Oriente e poi li regalano nelle mani di chi ci vuole morti. Il figlio di un mio caro amico, non posso dirvi tanto su di lui, mi racconta che il nemico ha tutti i migliori sistemi d’arma realizzati negli Stati Uniti. I nostri ragazzi hanno attrezzatura obsoleta. I terroristi, invece, la migliore che riusciamo a produrre con tanto di scritta Made in USA. Vi sembra normale? Inviamo forniture in Siria per miliardi e miliardi di dollari per equipaggiare i Combattenti per la Libertà. Ma chi ci dice che un giorno non si rivolteranno contro gli USA? Sapete quanti Humvee corazzati ed armati con munizionamento pesante abbiamo regalato? 2300. Noi invece abbiamo soldati storpi, perché i nostri mezzi non sono corazzati. I nostri ragazzi perdono gli arti in guerra perché li mandiamo in missione con veicoli non blindati”.

I rapporti con la Cina

“Situazione terribile, non hanno alcun rispetto, ma noi possiamo fare tanto, più di quello che la gente immagina. Noi abbiamo il potere commerciale sulla Cina. Non credo che inizieranno la terza guerra mondiale, ma dobbiamo essere imprevedibili, rispetto a ciò che siamo adesso, assolutamente scontati. Siamo totalmente prevedibili e questo è male. Conosco molto bene la Cina, faccio affari con loro da decenni. Hanno ambizioni incredibili e si sentono invincibili. Il fatto è che noi abbiamo ricostruito la Cina, grazie ai nostri miliardi. Se non fosse per noi, non avrebbero aeroporti, strade e ponti. La Cina va affrontata sotto il punto di vista commerciale. Il libero scambio ci ha rovinato. Loro portano ogni cosa nel nostro paese. Noi, invece, dobbiamo pagare”.

La teoria dell’imprevedibilità

“Il presidente Obama, quando ha lasciato l'Iraq, ha dato una data precisa. Ho subito pensato fosse una cosa terribile da dire. Il nemico, infatti, si è ritirato e rinforzato per poi riprendere le posizioni perse. Altro esempio? Obama, lo scorso dicembre, ha annunciato che 50 dei nostri ragazzi migliori sarebbero stati inviati in Siria. Sono il meglio del meglio, ma perché dobbiamo indire una conferenza stampa per annunciare il dispiegamento dei reparti speciali? Gli abbiamo messo un mirino. Ecco cosa intendo per essere prevedibili, quando annunciamo al mondo che i nostri Tier-1 sono in Siria. Ci sono dei momenti in cui è meglio stare zitti. Qualcuno ha pensato fosse una buona idea. Per me è stata pessima.

Il petrolio

“Una delle decisioni peggiore della storia del paese: l’Iraq. Abbiamo investito denaro, truppe e perso delle vite per poi regalare il petrolio. Invece no. Le nostre truppe avrebbero dovuto prendere il controllo dei pozzi petroliferi e sarebbero stati nostri. Invece no. Adesso ci ritroviamo con l’Iraq che acquista da chiunque, compreso dall’Iran”.

Proprio sul petrolio, la posizione di Trump resta comunque debole. Il candidato, infatti, non entra nel merito delle possibili ritorsioni degli alleati degli Stati Uniti nella Regione, per una mossa che rafforzerebbe la convinzione che gli USA sono attivi nell’area Medio Orientale solo per le risorse petrolifere del mondo arabo. Trump propone anche di rimodulare un nuovo rapporto con l’Arabia Saudita, definita come un bambino. Resta scarsamente approfondito il progetto di Riyadh, Doha e Abu Dhabi per garantire una zona sicura all’interno della Siria. L’intervento di Trump al The Washington Post, è stato bollato da molti analisti statunitensi come un “viaggio verso l’ignoto per un candidato con poca esperienza dimostrabile che si discosta nettamente dalle posizioni tradizionali del partito”.

Annunci
Commenti

ziobeppe1951

Mar, 22/03/2016 - 11:13

Bravo Trump, parole sante

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 22/03/2016 - 11:29

E' UNO CON LE PALLE, SPERIAMO CHE VENGA ELETTO.

Ritratto di Arlecchino_86

Arlecchino_86

Mar, 22/03/2016 - 11:34

Cosa debole? È abbastanza coerente nella sua tendenza verso il disimpegno nel Medio Oriente. Mille volte più coerente che i candidati dell'establisment.

Pierpaolo Poldrugo

Mar, 22/03/2016 - 11:58

C'è assai poco da togliere ed altrettanto poco da aggiungere. Trump o non Trump, per quanto "debole" possa essere la sua posizione, comunque "Questa storia finirà, anche perché non possiamo più permetterci questi regali." Questo è il dato di fatto con cui conviene, si da ora, saper fare i conti.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Mar, 22/03/2016 - 12:08

Nonostante I tentativi di farlo sembrare matto ragiona in accordo al buon senso commune e vincerà le nomination : Sul tema Nato ha ragione .Costi enormi ,per tutti, per risolvere nulla (vedi Ucraina etc). Sul tema Iraq ormai tutti concordano è stato un errore enorme.Ha ragione anche sul tema delle armi che finiscono ai terroristi ed alla necessaria riservatezza che deve proteggere le mosse in caso di Guerra.

Keplero17

Mar, 22/03/2016 - 12:20

Condivido, basta nato e basta sanzioni alla Russia dove il comunismo non esiste più. La Russia vuole solo proteggere i russi che vivono in Ucraina e non ha nessuna mira espansiva come vogliono farci credere.

Ritratto di RomenoXPunizioneGiustizia

RomenoXPunizion...

Mar, 22/03/2016 - 12:34

Un pazzo. Per fprtuna la gente seria neanche lo ascolta. L'Alleanza non se toca. Rimanera nella storia statunitese come il peggiore candidato alla Presidenza americana . Un populista senza progetto .

ORCHIDEABLU

Mar, 22/03/2016 - 13:04

MA QUESTO PERSONAGGIO RIDICOLO COME PENSA DI SPAVENTARE GENTE CHE LAVORA E VIVE VICINO AI GIACIMENTI DI PETROLIO!!! PER CHI E' NATO IN QUELLE ZONE,SENTE IL DOVERE DI DIFENDERE IL PROPRIO TERRITORIO.COME TUTTI GLI ESSERI UMANI SULLA TERRA.

potaffo

Mar, 22/03/2016 - 13:08

Trump mi piace sempre di più. La NATO non ha più senso che esista, ora é il braccio armato delle elite nazi-globaliste che stanno mettendo a ferro e fiamme il mondo, ci privano della libertà e della nostra identità. W Trump!

ORCHIDEABLU

Mar, 22/03/2016 - 13:12

TRUMP,RIGUARDO ALLE MERCI IMPORTATE DALLA CINA IL MOTIVO NON E' IL PREZZO MINORE O SUPERIORE DALL'ESTERO,E LA GENTE CHE COMPRA DA DECENNI PRESSO I NEGOZIANTI CINESI PER LA CRISI ECONOMICA CHE HA COLPITO L'EUROPA,LORO I MERCANTI CINESI MAROCCHINI TUNISINI E DI ALTRE PROVENIENZE L'HANNO CAPITO PRIMA DI TE CHE NON VIVI NELLA REALTA' DEI LAVORATORI DI TUTTO IL MONDO,QUINDI NON CAPISCI NULLA DI ECONOMIA DOMESTICA,FIGURIAMOCI QUELLA MONETARIA MONDIALE.SE PROPRIO NON SAI DOVE SCARICARE LA TUA FOLLIA,ASSUMI TANTE PERSONE DISOCCUPATE E FALLE LAVORARE TU CHE PUOI DI TUTTE LE RAZZE,COSI' IMPARI A DIMENTICARE L'IGNORANZA ED IL RAZZISMO,RENDENDOTI UTILE.

agosvac

Mar, 22/03/2016 - 13:13

Questo sarà anche folle, ma dice cose piuttosto giuste. In una cosa sbaglia, non è che la Nato costi troppo agli Usa, costa troppo a tutti i paesi aderenti!!! Tra l'altro la sua stessa ragione di esistenza, la difesa contro l'Urss, è venuta a decadere con lo scioglimento dell'Urss!!! Spero che Trump si renda conto che anche l'Onu, così com'è non ha più alcuna ragione di esistenza: è uno spreco di denaro che potrebbe essere utilizzato dagli Stati per salvare sé stessi invece di dare da mangiare ad un bel numero di mangiapersi!!!

Ritratto di SoluzionidaItalianoMedio

SoluzionidaItal...

Mar, 22/03/2016 - 13:15

Speriamo che vinca. Guarda un po, la base dei repubblicani è con lui, i politici di professione contro. Ci sarà un PERCHE'.

Libero1

Mar, 22/03/2016 - 13:29

Brutte notizie da Tump per i leccac..i europei.Se saro' eletto presidente dagli USA non ci saranno piu' aiuti per i furbetti europei.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 22/03/2016 - 13:52

se ELETTO DAREBBE UN DURO COLPO AL NUOVO ORDINE MONDIALE

giovauriem

Mar, 22/03/2016 - 14:12

trump ha le idee chiare , è dice delle sacrosante verità , gli americani lo seguiranno ? è vero anche che non ha dei veri avversari , la Clinton è una vera quaquaraquà , peggiore del negretto .

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 22/03/2016 - 15:12

E questo sarebbe matto??!!Non mi sembra!!!...Vedo comunque,che ci sono i soliti "noti",a cui si è aggiunto qualche "novizio",che lo giudicano un "senza progetti",un visionario,etc,etc.solo perchè il "partito ammassa-cervelli",glielo suggerisce....!Poverini!

Ritratto di Arlecchino_86

Arlecchino_86

Mar, 22/03/2016 - 15:22

Bellissimo. Anche nel giorno degli attacchi di Bruxelles c'è della gentaglia pazzesca che urla "No al razzismo!". Vi aiuterà soltanto un manicomio per essere rinchiusi e non mordere la gente normale. Potete essere contagiosi.

gian paolo cardelli

Mar, 22/03/2016 - 15:28

agosvac, condivido in pieno.

Aegnor

Mar, 22/03/2016 - 16:01

Nato,ONU,UE,inutili pozzi mangiasoldi

alox

Mar, 22/03/2016 - 23:11

Intanto Putin ha annesso la Crimea solo perche' l'Ucraina non e' un paese NATO e minaccia chiunque parla di adesione alla NATO! E' un po' che Trump lo dice (dov'e' il GREG!) gli ex-alleati diventano i nemici e i nemici (specialmente i dittatori con l'atomica) amici! Comunque l'Italia (leadership) e' (anche ideologicamente) gia' schierata con Russia e Cina...vedremo!

alox

Mar, 22/03/2016 - 23:18

...L'Italia ripudia la guerra, con Trump ai comandi anche Liechtenstein ci mette sotto! hahahahahha

alox

Mar, 22/03/2016 - 23:18

E Putin si frega le mani!

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Lun, 04/04/2016 - 20:35

Trump parla di pancia alla gente non ernetico-politichese delle tangenti parellele e convergenti! Poi Obama non piace a nessuno, se guardate l'ONU e UE peggio andar di notte! Italia? Quale? Quella che da 4^ potenza Economica del Mondo ora ridotta al lumicino che per fortuna non si illuminava con tutta il cuore UE, se attaccavano la centrale nucleare a Bruxelles. Trump è pazzo e populista?