Trump vince in South Carolina, Hillary Clinton in Nevada

Con il 32,5% dei voti Trump porta a casa le primarie del South Carolina, dieci punti davanti a Rubio (22,5%) e Cruz (22,3%). Jeb Bush, inchiodato al quarto posto (7,8%), si ritira. Nei caucus del Nevada vince Hillary Clinton con il 52,7%, davanti a Sanders con il 47,2%

Donald Trump e Hillary Clinton. Sono loro i vincitori del doppio appuntamento elettorale di ieri, in South Carolina per i repubblicani e in Nevada per i democratici. Il South Carolina rafforza le speranze di Trump di conquistare la nomination, in quella che, ormai, è una corsa a tre: dietro di lui restano in corsa Marco Rubio e Ted Cruz, coinvolti in un testa a testa mozzafiato per conquistare il secondo posto, divisi da poco più di 1.000 voti. A spuntarla è Rubio. Il South Carolina segna anche la fine delle ambizioni presidenziali di Jeb Bush, che abbandona la corsa per la Casa Bianca. Troppo grande la distanza dai secondi, per giunta in uno Stato considerato "feudo" dei Bush. Con il 32,5% dei voti Trump ha staccato di almeno 10 punti Rubio (22,5%) e Cruz (22,3%); Bush si è fermato al 7,8%, John Kasich al 7,6%, mentre Ben Carson ha ottenuto il 7,2%.

Nei caucus del Nevada, invece, Hillary Clinton ha battuto Bernie Sanders con il 52,6% delle preferenze contro il 47,3% del senatore del Vermont. Quest'ultimo non demorde e preannuncia vittoria al Supermaterdì (1° marzo), quando ad esprimersi saranno una dozzina di stati. In Nevada, dove la Clinton aveva battuto anche Obama nel 2008, le donne hanno rappresentato oltre il 50% dell'elettorato e 6 su 10 hanno votato per Hillary. I votanti appartenenti alle minoranze sono stati circa il 40% del totale e la metà ha sostenuto l'ex segretario di Stato. Eppure la volata non c'è stata, il distacco tra i due sfidanti è di appena 5 punti.

"Sono orgoglioso della campagna che abbiamo condotto" ma l'Iowa, il New Hampshire e il South Carolina hanno emesso il loro verdetto e "questa sera sospendo la mia campagna", ha annunciato Jeb Bush, visibilmente commosso, ai propri sostenitori.

Grande felicità, invece, dal candidato in testa alla corsa: "Voglio ringraziare la gente del South Carolina - ha detto Trump nel discorso della vittoria - questa è una notte speciale". Perfino sua moglie Melania, che solitamente non interviene, ha preso la parola per ringraziare gli elettori e fare i complimenti al suo Donald. Sul palco a festeggiare anche la figlia di Trump, Ivanka, con il pancione e pronta a partorire "da un momento all'altro", ha scherzato Trump, indicando che non gli sarebbe dispiaciuto un nipotino nato in South Carolina. Molto contenti anche Rubio e Cruz, entrambi hanno cantato vittoria. E se Rubio punta al grande ritorno dopo il deludente quinto posto del New Hampshire, Cruz si presenta come "l'unico in grado di battere Trump". Anche se l'establishment del Gop ormai ha scelto: l'anti Trump sarà Rubio. Quest'ultimo lancia la propria sfida: "Il messaggio uscito da queste primarie è chiaro, l'America è pronta per una nuova generazione di conservatori che la guidi nel XXI secolo". E la generazione a cui fa riferimento Rubio è quella dei figli della "rivoluzione di Reagan".

In South Carolina Trump sembra essersi avvantaggiato dallo scontro con Papa Francesco, in uno Stato dove i cattolici sono una minoranza e a dominare sono gli evangelici, ostili al pontefice progressista e timorosi dell'ingerenza vaticana, come ai tempi del primo candidato cattolico per la Casa Bianca, John Kennedy. Subito dopo la vittoria Trump ha rilanciato la sfida per bloccare gli immigrati, promettendo che il muro ci sarà e sarà anche più alto e sarà il Messico a pagare per costruirlo. "E mi prenderò anche i voti di Bush", ha assicurato. Il miliardario continua a raccogliere migliaia di fan ai suoi raduni e a "bucare" sui media con le sue bordate provocatorie, dando sfogo alla rabbia ed alla frustrazione di una parte di elettorato repubblicano. Questi i suoi due ultimi affondi: il primo contro Obama, duramente accusato per non aver partecipato ai funerali del giudice della Corte suprema Antonin Scalia: "Mi chiedo se avrebbe partecipato se fossero stati in una moschea", ha twittato Trump, facendo riferimento alla recente prima visita del presidente in una moschea americana. Poi una stoccata contro l'islam, quando ha raccontato che il leggendario generale americano John Pershing avrebbe fermato gli attacchi dei musulmani nelle Filippine, all'inizio del Novecento, sparando contro di loro proiettili immersi nel sangue dei maiali, animale che i musulmani e altri gruppi religiosi considerano impuro.

Trump si gode il successo ma sa che la vittoria è ancora lontana. "Non è facile correre per la Casa Bianca - dice al Marriott Hotel di Spartanburg -. È duro, è odioso, è squallido, è crudele, è meraviglioso". Poi prosegue: "Quando vinci è bello. E noi cominciamo a vincere per il nostro Paese, che ora non vince più". La campagna ora fa rotta in Nevada, dove Trump dà appuntamento al suo popolo. Non li chiama più elettori, li definisce un vero e proprio movimento, un movimento che "farà tornare l'America grande".

Se John Kasich e Ben Carson restano in corsa, nonostante il magro bottino rimediato in South Carolina, nel Gop scatta la corsa per conquistare i voti di Bush. Trump è convinto di tirarli dalla sua parte. Ma lo sono anche Rubio e Cruz, che rendono l'onore delle armi all'ex governatore della Florida. "Ho un grande affetto e una grande ammirazione per il governatore Bush - dice Rubio, suo ex delfino -. È stato il miglior governatore della storia della Florida e ritengo e prego che il suo servizio per il Paese non sia finito qui". Parole di stima anche da Cruz: "Bush ha portato onore e dignità in questa campagna... basandola su idee e non su attachi e insulti". La frecciata, ovviamente, è rivolta a Trump.

Guarda il discorso di Trump

Guarda il discorso di Hillary Clinton

Annunci

Commenti

vince50_19

Dom, 21/02/2016 - 07:04

Di male in peggio..

Miraldo

Dom, 21/02/2016 - 07:11

Mettetevi l'anima in pace chi governerà gli Stati Uniti sarà Trump come in Francia sarà la Marine Le Pen e in Italia la Lega di Salvini, con questi personaggi potremo ritornare in careggiata punto...............

linoalo1

Dom, 21/02/2016 - 09:05

Che brutta gente!!!!

Massimo Bocci

Dom, 21/02/2016 - 09:20

Forza Donald, riporta alla democrazia la dov'è è nata!!!

Singolarita

Dom, 21/02/2016 - 09:43

Grande trump speriamo che possa diventare presidente e si apra una nuova era contro islamici phroci e compagnia bella. Ci vuole un presidente d'acciaio come lui! Un uomo vecchio stampo per far tornare i vecchi tempi!

Tobi

Dom, 21/02/2016 - 09:44

la Clinton è una delle burattinaie di Obama. Come facciano gli elettori americani a darle credito è un mistero. Del resto gli americani hanno dato fiducia ad Obama per il suo secondo mandato. Sbagliare è umano, perseverare è ...

Ritratto di massacrato

massacrato

Dom, 21/02/2016 - 09:52

Le grandi cose sono sempre state fatte da uomini forti e decisi, le mezze seghe lasciano ciò che trovano. L'uomo forte fa cose buone e cose cattive, sta ai parlamentari tenerlo nei limiti giusti e utili al popolo. L'uomo forte fa i fatti, la mezza sega parla, parla, parla... in mezzo alle sabbie mobili, mentre affonda. Tra il dire e il fare, c'è di mezzo il mare; fra sinistra e destra, c'è di mezzo il cervello.

levy

Dom, 21/02/2016 - 10:10

Se il sistema non fosse corrotto completamente, la Clinton sarebbe messa a giudizio per i misfatti gravi che ha commesso e probabilmente andrebbe in prigione, invece riceve donazioni di decine di milioni di dollari da wall street, dai Soros e dai Bildeberg e partecipa vittoriosamente a una campagna elettorale che la porterà alla presidenza. La stampa segue l'andazzo e il giornalista investigativo giace morto e sepolto.

greg

Dom, 21/02/2016 - 10:22

Mi ricordo, anno 1980, quando Ronald Regan partecipò alla sfida presidenziale repubblicana. Veniva da due buoni mandati come governatore della California, eppure i democratici dicevano peste e corna di lui, come attore di quart'ordine ad Hollywood che sapeva solo interpretare la parte del cowboy fasullo. I soliti argomenti dei democratici (come i sinistri in Italia) quando trovano un nemico temibile, ora con la Clinton. Reagan vinse e fu un grande Presidente. Trump mi ricorda Reagan e so che come Presidente risolleverà l'America, quella rurale, quella della gente che lavora sul serio, quella geniale che sa creare progresso, quella che la mafia finanziaria odia perché quella mafia vuole dominare il mondo con i suoi soldi virtuali e l'imposizione di un governo di "Illuminati" (???) enormemente ricchi su una umanità disastrosamente povera. E Trump, pur di religione protestante, è enormemente più religioso dell'ormai mezzo eretico prete ridanciano Bergoglio

venco

Dom, 21/02/2016 - 11:51

Le critiche di Bergoglio fanno bene a Trump.

djangounchained

Dom, 21/02/2016 - 12:01

Giratela come volete alla fine vincerà Sanders, uno che è riuscito a prendersi il 47% nel feudo di Hillary dove aveva battuto anche il lanciamissili Obama del 2008 è il favorito.. Comunque per battere Trump Cruz e Rubio dovrebbero allearsi, dato che non succederà sarà TrumpvsSanders e il verdetto sarà già scritto

moshe

Dom, 21/02/2016 - 13:07

Trump è l'unica speranza che hanno gli Stati Uniti di risollevarsi dopo aver subito lo sfascio prodotto dal komunista musulmano abbronzato!

flashpaul

Dom, 21/02/2016 - 13:24

Miraldo: Dio lo volesse!

UNITALIANOINUSA

Dom, 21/02/2016 - 13:46

Grande movimento dei repubblicani che non vedono di buon occhio Trump, per riuscire ad ottenere la scelta a candidato del partito di Marco Rubio. Se riusciranno nel loro intento, Trump formera' immediatamente un terzo partito... italiano in usa

greg

Dom, 21/02/2016 - 14:42

VENCO - peccato che le critiche di Trump non facciano bene a Bergoglio, che ormai ubbidisce solo alle gerarchie vaticane che vogliono distruggere la chiesa.

Raoul Pontalti

Dom, 21/02/2016 - 16:01

La buona notizia è che la dinastia dei petrolieri guerrafondai è fuori dalla competizione presidenziale: Jeb Bush si è ritirato. L'altra buona notizia è che se per davvero Trump sarà lo sfidante di Hillary questa vincerà in carrozza perché non solo confermerà gli Stai popolosi e del nord-est più favorevoli ai democratici ma passerà negli Stati cruciali come l'Ohio l'8 novembre.

tersicore

Dom, 21/02/2016 - 16:03

A quanto pare, i MEDIA non istuPDscono soltanto gli italiani. Solo col lavaggio del cervello, infatti, si può spiegare il successo della Clinton, dopo i disatri che ha fatto con l'abbronzato. Se verrà eletta Presidente questa donna incapace, che eccelle solo in megalomania, il declino definitivo dell'Occidente è assicurato.

Carlo36

Dom, 21/02/2016 - 16:54

Trump ha il merito di aver rifiutato giustamente il politicamente corretto che sta distruggendo gli USA come l'Europa. I suoi stupidi e corrotti nemici mi ricordano le feroci critiche a Ronald Reagan che poi risultò il miglior presidente USA del secolo passato e che sarebbe stato eletto una terza volta se la legge l'avesse permesso prima della sua malattia. I Clinton ed Obama hanno quasi distrutto l'occidente. I Clinton con la promozione e l'invito alle banche di dare i mutui senza garanzia (subprime) che portarono alla crisi finanziaria mondiale di cui non ci siamo ancora liberati. L'Obama che passerà alla storia come il peggior presidente Usa peggio ancora di Carter per aver provocato più morti in Medio Oriente ed in Nord Africa di tutti i presidenti precedenti e la quasi distruzione dell'UE. Premio Nobel del cxxxo! Forza Trump!!!!!!!

Ezra Pound

Dom, 21/02/2016 - 17:02

Trump for president!

Carlo36

Dom, 21/02/2016 - 17:33

Se vincesse la stupidissima, corrotta ed incapace Hillary, se non altro per i disastri combinati in politica estera, e lo ha dimostrato al Dipartimento di Stato promuovendo con lo stolto Sarcozy la distruzione della Libia di Gheddafy, sarà un incubo per l'Occidente con centnaia di milioni di morti tanti da superare quelli del secolo passato con due guerre mondiali, qualla di Corea, del Vietnam, dell'Irak ecc. ecc. Sarebbe una tragedia immensa. Trump e Putin salvate voi L'Occidente. Dio salvi l'America e l'europa. Hillary presidente sarebbe il suicidio degli USA.

alberto_his

Dom, 21/02/2016 - 17:41

Tifavo Bush, lo ammetto. Lo ritenevo l'unico in grado di portare a fine certa l'impero USA... impossibile resistere a tre Bush nell'arco di mezzo secolo

greg

Dom, 21/02/2016 - 18:14

Pontalti, Pontalti, ma si limiti a fare le sue previsioni sulla transumanza delle capre tibetane allevate in Abruzzo. Se andiamo a rileggerci i suoi interventi relativi alla politica extraitaliana degli ultimi 10 anni, scopriamo che lei non ne ha imbroccata una che sia una.

greg

Dom, 21/02/2016 - 18:35

Aspetto la pubblicazione dei numeri degli elettori andati a votare, poi farò l'analisi, ma sono già sicuro di ciò che dico, il South Carolina è uno stato del Sud con quasi 5 milioni di abitanti, il Nevada è uno stato del sud, con meno di 3 milioni di abitanti, legato al gioco d'azzardo, ai matrimoni e divorzi lampo, ma entrambi governati da governatori repubblicani, il che significa che il 50% della Clinton è basato su circa 1/4 degli aventi diritto al voto. Direi che è un po' poco per i toni giubilanti di Raoul Pontbassi qui sopra

Gaby

Dom, 21/02/2016 - 20:21

L'America ha la scelta tra : Un comunista (Bernie Sanders), la burattina di Obama (Hillary Clinton) e Trump. Se Donald e' eletto riparera' i danni fatti da 8 anni dell'abbronzato.

piero calca

Dom, 21/02/2016 - 20:40

@Carlo36 , ti quoto al 1000%. Vai Donald !!!

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 21/02/2016 - 21:12

alcune cose che vuole fare trump captate seguendo svogliatamente queste lunghe primarie usa 1) non accettare sul suolo americano nessun cittadino di religione musulmana 2)cacciare i musulmani che sono sul suolo americano--da notare che perfino nell'esercito usa ci sono musulmani che hanno combattuto le guerre del golfo-se non è una prova di fedeltà questa ditemi voi cosa lo è... 3)non far entrare più nessun messicano in usa costruendo un muro al confine 4)cacciare tutti i messicani dal suolo americano perchè sono tutti assassini e stupratori---andarsi a vedere quanti sono i messicani in usa e rendersi conto delle elucubrazioni di questo pazzo- 5) vuole chiudere internet ed ogni tipo di social media in usa perchè pericolosi veicoli di estremismo 6)vuole rendere ogni forma di tortura legale per le forze dell'ordine e per l'esercito 7)vuole rendere qualsiasi forma di espropriazione facile e legale da parte del governo in nome della sicurezza nazionale

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 21/02/2016 - 21:18

8)favorevole alle tesi del NRA quindi più armi per tutti--immaginatevi i campus universitari con migliaia di studenti armati--ed ogni maggiorenne che esce di casa che prende le chiavi dell'auto e la fondina 9)è contrario ad ogni tipo di intervento di aiuto internazionale---quindi se un paese straniero è sconvolto da un immane terremoto -maremoto o affine si scordi l'intervento dello zio tom 10)la cina deve essere trattata come un nemico ed iniziare grosse sanzioni economiche 11)tutti i tecnici americani che sono in africa a studiare rimedi contro l'ebola non vuole farli rientrare per paura di contagio 12)Contrario ad una delle poche cose buone fatte da obama -ossia la riforma sanitaria---niente da fare --si ritornerà al passato -solo chi è titolare di assicurazione potrà curarsi --chi non ha soldi si terrà la sua povertà e la sua malattia- votate trump-for president--se gli americani son contenti così--evviva la democrazia

peter46

Dom, 21/02/2016 - 21:21

Come sta per succedere in Italia con un 'amico'(l'unico ed anche unico europeo invitato al suo compleanno)del fratello ...appena gli americani hanno sentito il 'consiglio per gli acquisti' del suo fratello maggiore George,zàcchete...taglio netto e preciso e Jeb bush mette fine alla dinastia che più 'destabilizzatrice' del mondo non poteva esserci.Solo in 'ta(g)lia' gli rimangono estimatori.

alox

Dom, 21/02/2016 - 22:28

@greg: Trump ti ricorda Reagan? Ma se ha votato e finanziato Carter, i Clinton e Obama? Ma se ha accettato con piacere l’endorsemnet di Putin (Putin e’ un rosso che rimpiange Stalin!) Si sputtana da solo perche’ nel 2002 era d’accordo ad un intervento in IRAQ, ed oggi dice che fu’ un errore di G.Bush? Ma va' a pesa' pom!

Ritratto di Arlecchino_86

Arlecchino_86

Lun, 22/02/2016 - 01:47

@Raoul Pontalti, non avete nemmeno una pallida idea degli sentimenti fra gli americani. Anchè Sanders avrebbe più possibilità di vincere nelle generali che HRC. È almeno uno sinistrato sincero, mentre HRC è una truffatrice anchè negli occhi della sinistra. E negli occhi della destra è addirittura traditrice e corrotta. In quanto a corruzione, Boschi, essendo comparata con HRC, sarà una poveretta orfana affamata che ha rubato qualche tarallini nella panetteria. Immaginando il suo duello con Donald... Sapete la parola del gergo politico americano "landslide"? Donald lo avrà. Meramente va a rovesciarla.

Ritratto di Arlecchino_86

Arlecchino_86

Lun, 22/02/2016 - 02:20

@alox, [Pensieroso] Non ti ha bastato l'ultima volta? Possiamo ripetere, sinistrato. Mi sempre piace porre in chiaro l'ignoranza della sinistra "europea" in quanto alla politica e la società americana. Stavolta vado a stenebrarti in rapporto alle opinioni di Patrick Joseph Buchanan, il Direttore delle comunicazioni della Casa Bianca durante Ronald Reagan e lo scienziato politico più di destra degli Stati Uniti di oggi. Vado a raccontarti ciò che pensa di Trump, di Putin e di tutti gli altri. Vuoi?

tethans

Lun, 22/02/2016 - 08:12

Se donald trump sale al potere la democrazia muore

alox

Lun, 22/02/2016 - 12:34

E' Arrivato prof l'arlecchino86, il "quasi-laureato" in scienze politiche (con la tesi nel cassetto about gli US), che ha VISITATO gli US? hahahhaha Trump ieri diceva che il Papa e' un buffone, oggi e' un Santo! E' tutto e il suo contrario in poche ore! Ma basta che gli dici che ha un bel ciuffo e sei dalla sua parte! Non abbiamo bisogno che mi illumini...lo ascoltiamo ogni giorno!

alox

Lun, 22/02/2016 - 12:47

@erlecchino86, prova somarello che ti smentisci subito, perche' Trump e' un controsenso....

alox

Lun, 22/02/2016 - 13:17

@tethans: ben detto...se vieni a visitare gli US altre al passaporto anche un eventuale cartellino religioso: Islamici no! Cristiani cattolici forse (dipende da quel che dice il Papa)! Alla faccia del primo amendamento!

Ritratto di Arlecchino_86

Arlecchino_86

Lun, 22/02/2016 - 17:58

@alox, come aspettato. Sai che Buchanan è un autorità indiscutibile e l'amico personale di Reagan. E sai che pensa a proposito di quello e quelli menzionati. E anche sai che una creatura misera e mendicante come tu non ha una chance persino teorica di smentire quest'uomo. Da qui procedono le tue scimmiate patetiche. La tua parodia del cervello non ti permetterebbe dibattere persino nel giardino d'infanzia, a non contare noi e tanto più Buchanan. Posso anche farti ricordare come urlavi "Kasich for president!" E dov'è ora il tuo Kasich? Battuto anche dal Welder Kid, a non contare Trump e Cruz.

alox

Lun, 22/02/2016 - 22:18

Guarda Kasich e' ancora li', Kasich for president! Lo scrivo sempre ma non lo pubblicano mai, solo quelli che amano Putler fanno passare sull'UNITA' oggi il GIORNALE! PAT BUCHANAN: quello che se ne usci' dal GOP per far parte del partito socialista USA? Quello che endorsed Bush's 2004 re-election, writing: Bush is right on taxes, judges, sovereignty, and values. Kerry is right on nothing. o che scrisse: "Russia ... is on God’s side. The West is Gomorrah," and "that Moscow is the Godly City of today and command post of the counter-reformation against the new paganism." Quello con unan controversa simpatia per Hitler! Quello che Darwin.. tutte palle! La similitudine Trump/Pat Buchanan e' sulla similtudine della campagna nel 1992...che perse! Svegliati CIUCCIO!