Usa, democratici propongono "sorveglianza statale" per i bimbi

La governatrice dell'Oregon, Kate Brown, ha proposto visite generali a domicilio, da parte di operatori sanitari autorizzati, nelle famiglie con neonati. Polemiche negli Usa.

Negli Usa, in particolare nello stato dell'Oregon, uno degli Stati americani più progressisti, le associazioni, cristiane e non, che si battono per la libertà di educazione dei figli da parte dei genitori, sono sul piede di guerra.

La governatrice locale, la democratica Kate Brown, in carica dal 18 febbraio 2015, ha proposto un controverso progetto di legge che intende ordinare, all'Oregon Health Authority, di "studiare visite a domicilio da parte di operatori sanitari autorizzati" nelle famiglie con figli neonati.

Questo per controllare, per esempio, se i bambini hanno ricevuto i vaccini, ma anche per controllare come il bambino sta crescendo o come viene educato dai genitori. Il disegno di legge, chiamato tecnicamente Senate Bill 526, è stato definito necessario per “la conservazione immediata della pace, della salute e della sicurezza pubblica” e quindi ne è stata dichiarata l’urgenza È prevedibile che venga approvato senza problemi, dal momento che nell'Oregon Legislative Assembly, organo bicamerale formato da un Senato di 30 membri e da una House of Representatives di 60 membri, esiste una larga maggioranza del Partito Democratico.

Patrick Allen, direttore dell'Organizzazione sanitaria dell'Oregon, ha dichiarato al Beaverton Valley Times che questa proposta “non è qualcosa che interesserà solo le persone in difficoltà, ma è tutto ciò di cui hanno bisogno tutti i bambini”. Così i nuovi genitori, inclusi i genitori adottivi, potrebbero essere oggetto di una serie di visite domiciliari da parte di personale sanitario inviato dal governo. L’Oregon, quindi, diventerebbero il primo stato a richiedere visite domiciliari universali per i genitori dei neonati.

Esiste già un programma di visite domiciliari a livello federale Usa, finanziato dall'Health Resources and Services Administration. Il programma federale di visite domiciliari materne, infantili e di prima infanzia è stato creato nel 2010 come parte dell'Affordable Care Act. La missione è quella di fornire e finanziare visite domiciliari "volontarie", "evidence-based" a donne incinte a rischio e neo-mamme. Il programma si rivolge alle famiglie a rischio, con l'obiettivo di prevenire abusi e abbandoni, e per migliorare la salute mentale e fisica di entrambi i genitori e del bambino. Nell'esercizio finanziario 2017, il programma ha visitato 156 mila famiglie, con 942 mila visite totali in 22 contee degli Stati Uniti di Donald Trump.

Ma il programma federale Usa è dichiarato "volontario", mentre l'Oregon sembra che lo voglia rendere obbligatorio, dopo averlo sperimentato nella sola contea di Lincoln, una realtà piccola, con solo 45 mila abitanti, dove la più grande città della contea, Newport, raggiunge appena le dieci mila anime.

La legislazione proposta, sulla quale sono stati resi noti pochissimi dettagli, ha suscitato grande entusiasmo da parte dei democratici e da parte delle associazioni di sinistra, mentre ha messo i brividi alla restante parte degli americani che temono un aumento delle interferenze del governo nelle loro vite private, nella vita delle famiglie, nel rapporto tra genitori e figli.

Ancora non si sa se queste visite "universali" previste dal progetto di legge debbano intendersi obbligatorie o meno ma la proposta sta scatenando onde d'urto in tutti gli Usa. La domanda più ricorrente è la seguente: "Il governo ha il diritto di entrare nella mia casa semplicemente perché ho un bambino?"

"Qual è la grande emergenza?", ha chiesto Paula Bolyard, supervising editor di Pj Media, e sostenitrice dell’Homeschooling. "Lo stato dell'Oregon è preoccupato che alcuni genitori stanno allevando i loro figli senza l'occhio vigile del Grande Fratello che controlla ogni loro mossa, nella prospettiva della sinistra progressista?", ha attaccato la Bolyard. "È spaventoso pensare a cosa succederà ai genitori che rifiuteranno tali visite", ha osservato, lanciando una pesante accusa: “Come pensa uno stato come l’Oregon, che attualmente non riesce a gestire i casi dei bambini che sono affidati alle sue cure, di sorvegliare altri 40 mila bambini all'anno, per non parlare delle somme necessarie per farlo!”.

A quanto pare il budget proposto per le visite domiciliari universali dalla governatrice dell'Oregon Kate Brown, per il 2019-21, ammonterebbe a 8,7 milioni di dollari. Per Health Impact News, un sito che monitora tutte le notizie che hanno un impatto sulla salute, è difficile credere che “i professionisti del settore medico che lavoreranno nelle nostre case staranno effettivamente beneficiando i nostri figli e le nostre famiglie" ed ha lanciato una pesantissima accusa: “Questo disegno di legge proposto per le visite domiciliari universali è forse solo un altro modo per lo Stato di raccogliere fondi e potenzialmente di rimuovere i bambini dalle loro case per metterli nel sistema di affido e di adozione redditizio?”, spiegando che il sito ha già “documentato in che modo il sistema di affidamento non riguarda principalmente la protezione dei bambini, ma è semplicemente un sistema di traffico di bambini finanziato dallo stato”. Una preoccupazione più immediata espressa dalla maggior parte delle famiglie è, invece, quella relativa all’eventuale obiezione dei genitori ai pareri dei medici sui loro figli. In quel caso cosa accadrà?

Per la dottoressa Bolyard le visite a domicilio non sono da considerare solo uno strumento di controllo della salute dei neonati, ma una sorta di giudizio sui genitori: “Agenti governativi che sorvegliano le case di genitori rispettosi della legge, e che non sono stati accusati di un crimine e senza un mandato, sono una violazione inconcepibile non solo dei diritti dei genitori e della libertà individuale ma anche del Quarto Emendamento", ha avvertito la Bolyard. "Non è abbastanza dare i nostri figli alla propaganda statale per 180 giorni all'anno, dal primo giorno della scuola materna fino alla fine della scuola superiore?”, ha detto polemicamente la Bolyard.

Cosa succederà, si è chiesto Matthew Archbold sul National Catholic Register, “se questo funzionario governativo venisse a sapere che i genitori intendono allevare i figli insegnando loro che il sesso prematrimoniale o gli atti omosessuali sono un peccato? Li iscriverebbero in una lista di inidonei al ruolo di genitori?". Cosa accadrà esattamente se un genitore rifiuterà l'ingresso in casa ad un rappresentante del governo o semplicemente non sarà d'accordo con le raccomandazioni approvate dallo stato non è stato ancora svelato.

La dottoressa Alanna Braun, della Oregon Health and Science University e membro dell'Oregon Pediatrics Society, ha detto chiaramente che le visite a domicilio non valuteranno solo la salute dei bambini, ma anche quella dei genitori. "Avere un nuovo bambino a casa è stressante per tutti, indipendentemente dal reddito", ha detto. "È un momento della vita in cui quasi tutti hanno bisogno di aiuto". Questo e altri rilievi preoccupano coloro che temono che le autorità pubbliche interferiranno ancora di più sulla educazione dei loro figli, ricordando quanto accaduto in Norvegia, dove lo Stato ha rimosso alcuni genitori dall'affidamento dei loro figli perché li avevano "indottrinati religiosamente".

L’Oregon è uno dei Stati più liberal d’America. Gli aborti, sovvenzionati con soldi pubblici, sono permessi anche alle ragazze quindicenni senza il permesso dei genitori. L’eutanasia e l’uso della marijuana sono state legalizzate da anni. È stato riconosciuto il matrimonio omosessuale e il “terzo sesso” sui documenti.

La maggior parte di questi "traguardi" sono stati giustificati nel nome del “diritto alla libertà” e “alla privacy”. Tuttavia ora che le autorità pubbliche hanno deciso di aumentare il controllo sulle famiglie e sull'educazione dei loro figli, il diritto alla libertà e alla privacy sembrano essere scomparsi magicamente.

Commenti

cgf

Sab, 02/02/2019 - 19:18

Molti americani si trasferiranno, basta solo che vedano come funziona nel nord europa e non ci penseranno due volte.

istituto

Sab, 02/02/2019 - 21:55

La Governatrice Demokratica si è dimenticata di dire che in seguito gli stessi fanciulli al sopraggiungere della maggiore età e le loro famiglie,riceveranno " ulteriori visite" di Operatori Statali per " verificare " in quale senso politico il neo 18enne sia orientato e voti conseguentemente: se in senso Demokratico ( senso giusto) oppure in senso Repubblicano ( senso sbagliato), per prendere gli opportuni provvedimenti in merito.

Algenor

Dom, 03/02/2019 - 00:42

Teniamoci stretto Salvini o questi pazzi prendono il sopravvento anche da noi.

ohibò44

Dom, 03/02/2019 - 12:55

Kate Brown, Alanna Braun, Erna Solberg primo ministro norvegese : che non sia il caso di cominciare a parlare di « Grande sorella » ?

stefi84

Dom, 03/02/2019 - 14:43

Queste cose mi puzzano di stato totalitario.

rosolina

Dom, 03/02/2019 - 20:42

PARTE SPARTA...ringrazi Dio chi non ha figli