La moglie del tabaccaio picchiato: "Mio marito ridotto in fin di vita, il nigeriano aveva modi da boss"

L'uomo rimane ricoverato in prognosi riservata a Napoli. Il racconto dell'aggressione in metro nelle parole della moglie

Aggredito da un nigeriano, ora lotta tra la vita e la morte in ospedale. Un tabaccaio di Napoli è stato preso a pugni da uno straniero di 36 anni perché chiedeva ai suoi clienti, alla stazione Chiaiano, di non far l’elemosina.

L’episodio s’è verificato sabato scorso nell’area della fermata della metropolitana. L’esercente ha subito un colpo in pieno volto dal 36enne, poi fermato dai vigilantes e portato in commissariato è stato arrestato. La vittima, intanto, era è stata soccorsa e trasferita presso l’ospedale Cardarelli di Napoli dove rimane ricoverato in prognosi riservato. A scatenare la furia dell’aggressore sarebbe stato il fatto che questi tentava di tenerlo a distanza dai suoi clienti a cui lo straniero s’era abituato a chiedere, talora con insistenza, l’obolo.

Nei giorni immediatamente successivi all’aggressione, la tabaccheria è rimasta chiusa. Con un cartello a spiegarne i motivi: “Ulderico Esposito, grande marito, padre esemplare, amico di tutti, è stato ridotto senza motivo in fin di vita da un nigeriano.

Più volte era stata denunciata la pericolosità di questo soggetto, ma non è mai stato allontanato”. Ieri l’esercizio ha riaperto e la moglie del 52enne, Daniela, ha spiegato in un’intervista rilasciata al Mattino l’accaduto. "Bisognava proteggere mio marito".

“Avevamo appena chiuso e stavamo andando via quando il nigeriano ha detto ad alta voce e in napoletano ‘tabaccaio, omm’ ‘e m..’. Mio marito s’è voltato e quello gli ha scagliato un pugno violentissimo”. La donna, poi, ha raccontato dei tentativi fatti per ottenere l’allontanamento di quell’uomo. “Era insistente, opprimente, seguiva le persone e non dava loro tregua finché non aveva avuto i soldi. Mio marito si limitava ad urlargli di allontanarsi e di smettere di importunare le persone. Ho scritto (all'Anm, l'ente che gestisce la metro di Napoli ndr) quello che avevo detto al telefono mille volte, quell'uomo era pericoloso e andava allontanato".

Commenti

lafinedelmondo

Gio, 13/06/2019 - 11:00

FATTO TENUE...DIREBBE UNA TOGA ROSSA

VittorioMar

Gio, 13/06/2019 - 11:27

..QUESTO E' PURO "TERRORISMO" ...non sottovalutatelo...piccoli episodi ma DIFFUSI creano PANICO...PAURA...TERRORE...la gente si guarda ATTORNO e prima dell'INVASIONE non ACCADEVA...NON SOTTOVALUTATELO...!!..anche QUESTO E' TERRORISMO...con ogni MEZZO !!

titina

Gio, 13/06/2019 - 12:12

Si dovrebbe vietare, per legge, di sostare davanti ai negozi e ai supermercati per chiedere l'elemosina. Credetemi, ogni giorno vorrebbero un euro ed evito di andare al supermercato. Però ogni tanto l'euro lo do e sbaglio.

il_corsaro_nero

Gio, 13/06/2019 - 12:33

Ma il buon Giggino era troppo impegnato ad organizzare la flotta napoletana e la marcia pro migranti di fine mese!

Ritratto di Marco-G

Marco-G

Gio, 13/06/2019 - 12:54

I "buonisti accoglioni" hanno trasformato l'elemosina in una sorta di obolo doveroso nei riguardi degli "sfortunati fratelli" in cerca di fortuna e di pace. Naturalmente le povere creature prendono molto sul serio questo obbligo morale e si indignano ogniqualvolta il becero fascista si dimentica di questa perla di civiltà e non si affretta a mettere mano al portafoglio.

lafinedelmondo

Gio, 13/06/2019 - 13:01

titina... la nostra fine sarà proprio la paura di fargli un torto non dandogli l'euro.... fai due conti di quanto ottengono ogni giorno con i nostri soldi estorti sotto forma di tasse. mangiano, hanno casa gratis, i soldi in tasca non gli mancano MAI, non rinunciano ai capi alla moda. sono comunità molto organizzate e perloppiù uomini... siamo così noi italiani oggi??

Una-mattina-mi-...

Gio, 13/06/2019 - 13:03

VEDIAMO SE IL PAPA CHIEDE SCUSA E SE L'ANPI SCENDE DAI MONTI PER DIFENDERCI DALL'INVASORE

Ritratto di Lissa

Lissa

Gio, 13/06/2019 - 13:21

Vediamo cosa hanno da dire le emancipate toghe?

Ritratto di TheBoss1969

TheBoss1969

Gio, 13/06/2019 - 13:21

Caro Il Giornale, cerchiamo di tenere sott'occhio la vicenda, gentilmente appuntiamocela e verifichiamo e documentiamo le vicende che seguiranno. Cosa succederà alla risorsa? verrà rilasciata tra qualche giorno? perchè considerato non pericoloso? oppure è richiedente asilo per motivi umanitari? Ma la camorra cosa dice? come faceva la risorsa a lavorare indisturbata ? e lo stato? lo stato dov'è?? IL TABACCAIO INTANTO è IN RIANIMAZIONE

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Gio, 13/06/2019 - 13:28

Tranquilli il Naufrago Nigeriano sarà presto libero, ha reagito secondo la sua Cultura, non è imputabile.

Ritratto di tox-23

tox-23

Gio, 13/06/2019 - 13:34

"Quello che avevo detto al telefono mille volte, quell'uomo era pericoloso e andava allontanato"... ma chi si prende la briga di allontanare un Nigeriano sapendo che le porte della galera ti si aprono solo se lo sfiori con un dito o non gli parli con sufficiente rispetto ? Si, perchè se non lo guardi con occhi bassi sei "razzista" e vieni linciato, inoltre per avere ragione di quelli come lui, come è noto dalle cronache del Giornale, ci vogliono 6-8 agenti di Polizia che rischiano comunque di essere picchiati perché evidentemente preferiscono mantenere un basso profilo per i motivi di cui sopra. L'esercente non poteva, ma l'unica è scappare, correre più lontano possibile.

Ritratto di navigatore

navigatore

Gio, 13/06/2019 - 13:58

ma che dite mai è stato il tabaccaio a provocarlo, ed il magistrato rosso, , a tale dichiarazione avrà la possibilità di condannare il tabaccaio per danni morali e non solo

LorisDalPoz

Gio, 13/06/2019 - 14:17

che paghi per quello che ha fatto. sarebbe poi bello che i soprusi fatti dalla criminalità organizzata quotidianamente a napoli avessero la stessa risonanza nei giornali

scorpione2

Gio, 13/06/2019 - 14:31

titina, basta non darglieli,quando ti salutano tu li saluti e morta la',se insistono tu persisti.

Ritratto di navajo

navajo

Gio, 13/06/2019 - 14:42

Il macellaio che si è difeso nella sua villa e ha ferito il ladro, è stato condannato a 5 anni di reclusione anche in appello. Il tabaccaio che non si è potuto difendere, lotta tra la vita e la morte. Ma in che cavolo di paese viviamo?

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Gio, 13/06/2019 - 14:59

Uno degli effetti diretti che scaturiscono dal dominio della Legge Suprema è quello che favorisce la proliferazione incontrollata di psicopatici. Siccome anche tra gl'invasori, unitamente a molti italiani, esiste un grado elevato di psicopatici, non è complicato intuire che il territorio italiano stia diventando, a livello planetario, un laboratorio avanzato in cui molti psichiatri, anche stranieri, possano studiare le nuove mentali forme patologiche generatesi da uno sproporzionato eccesso di libertà improvvidamente concesso dalle solite menti limitate a favore anche di minoranze minorate.

lisanna

Gio, 13/06/2019 - 15:40

scommettiamo che quel cartello costera' alla titolare un'accusa di razzismo e magari sara' indagata da qc solerte pm?

effecal

Gio, 13/06/2019 - 15:45

Per i maledetti sinistri è un esempio di libera iniziativa da parte di un gradito ospite

uberalles

Gio, 13/06/2019 - 15:45

Sono certo che il solito giudice di sx. giudicherà il fatto "lieve" e consentirà al delinquente troglodita di continuare la sua "attività" di questuante, magari gli assegnerà anche una postazione privilegiata dove possa esercitare il suo mestiere.....

Ritratto di 98NARE

98NARE

Gio, 13/06/2019 - 16:43

se il NIGERIANO aveva modi da "boss" allora si era integrato perfettamente in quel Territorio !!! Accogliete Accogliete, ringraziate anche Beceri Sindaci come il VOSTRO !!

pendra

Gio, 13/06/2019 - 17:14

Mettetelo agli ARRESTI DOMICILIARI a Casa della BOLDRINI.......

Ritratto di Flex

Flex

Gio, 13/06/2019 - 18:58

Bisognerebbe fare causa al PD e al Vaticano per aver favorito l'ingresso della criminalità nel nostro Paese come se non ne avessimo abbastanza della nostra.

rawlivic

Gio, 13/06/2019 - 19:08

servive una reazione stile Memphis...

edo1969

Gio, 13/06/2019 - 19:40

E fare come hanno fatto i poliziotti a Memphis no eh? 20 pallottole ben piazzate e la storia è chiusa. No no, da noi comandano i negroidi, i Saviani, i Fazi e i magistrati buonisti. E ci becchiamo la mafia nigeriana, come se non bastassero le nostrane. E andiamo dritti dritti nel burrone.

gavello

Gio, 13/06/2019 - 19:55

baypassare la giustizia rossa, tribunale del popolo, identificarlo e toglierlo dai piedi

Algenor

Gio, 13/06/2019 - 22:05

Sono sicuro che un compagno giudice libererá immediatamente il povero migrante concedendogli l'attenuante del razzismo implicito da parte della vittima, per poi riconoscergli anzi il diritto al risarcimento per le lesioni alle nocche, mentre successivamente un altro compagno giudice sentenzierá che non si può revocare il permesso umanitario per lesioni gravissime, e qualche anno dopo la povera risorsa si candiderà consigliere comunale con un partito di sinistra.

gio777

Ven, 14/06/2019 - 06:20

I RICCHI ORMAI NON PRENDONO PIU' LA METRO GLI AUTOBUS ED I TRENI. GRAZIE SINISTRA BUONISTA