Nasce lo sportello per scegliere l’università

Attivo entro aprile 2008 Nelle scuole sarà anche distribuita una guida

È stato presentato ieri «Centrorientamento», un progetto per aiutare gli studenti che, raggiunto il diploma di scuola media superiore, saranno chiamati a scegliere l’iscrizione a una facoltà universitaria o di alta formazione artistica e musicale. Una scelta delicata che può compromettere il successo finale. Secondo l’Istat, infatti, il 20 per cento delle matricole abbandona gli studi sin dal primo anno di corso.
«Centrorientamento» è un’iniziativa che vede coinvolte, accanto all’amministrazione provinciale, la Direzione scolastica regionale e rappresentanti degli atenei milanesi. Alla presentazione del progetto, alla quale ha partecipato anche il sottosegretario Nando Dalla Chiesa, l’assessore provinciale all’Istruzione Giansandro Barzaghi ha dichiarato: «Questa iniziativa ribadisce il nostro impegno nell’estensione delle reti dell’orientamento nel sistema scolastico che già si è concretizzato in questi anni attraverso l’apertura di sportelli territoriali di orientamento. Un primo sportello, dedicato al tema dell’orientamento verso l’università e l’alta formazione artistica e musicale, sarà attivato nell’istituto scolastico Gallaratese di Milano e, entro aprile 2008, sarà pubblicata una guida dell’offerta formativa universitaria per gli studenti delle scuole di Milano e provincia. L’auspicio è che questa iniziativa contribuisca in modo efficace alla diffusione della cultura dell’orientamento, in sinergia con le diverse istituzioni, al fine di ridurre gli abbandoni universitari, in particolare nei primi semestri dei corsi di studio di primo livello».
Oltre allo sportello, con questa iniziativa si intendono potenziare diverse forme di collaborazione tra mondo universitario e mondo della scuola, a partire dalla formazione dei docenti. L’obiettivo, insomma, è quello di mettere in condizione gli studenti di capire come e che cosa si deve fare per essere pronti a frequentare un corso universitario sia dal punto di vista delle competenze richieste che delle metodologie della ricerca. In questa prospettiva è prevista anche un’attività di scambio delle esperienze di studio fra università e scuola superiore. L’attività verrà potenziata attraverso la diffusione di una newsletter trimestrale che verrà inviata a tutti gli istituti superiori di Milano e provincia.