Nei locali di Milano va di moda l'etilotest

Proprio per sensibilizzare i milanesi a un problema che, negli ultimi
anni, ha causato decine di morti sulle strade lombarde, il Comune ha promosso un vero e proprio tour nei locali più <em>in</em> della città

Milano - Promuovere la prevenzione e la lotta contro l’alcool divertendosi. Il Comune di Milano lancia un progetto innovativo che guarda ai giovani. "La tua vittoria? Fermarsi per primo" è una vera e propria sfida a chi frequenta i locali notturni, beve e poi sui mette alla guida dell'auto. Proprio per sensibilizzare i milanesi a un problema che, negli ultimi anni, ha causato decine di morti sulle strade lombarde, l'assessorato ai Consigli di zona ha promosso un vero e proprio tour nei locali più in del capoluogo lombardo.

Sensibilizzare i giovani Diventato con il passare degli anni un vero e proprio status symbol per le nuove generazioni, l’alcool attenta quotidianamente alla vita dei ragazzi, minacciandone lo sviluppo sia dal punto di vista fisico che psichico. Proprio per questo la prevenzione deve passare attraverso il divertimento. "Si tratta di un tour di 11 tappe nei locali più frequentati dai giovani milanesi che toccherà le zone della città", afferma l'assessore milanese, Ombretta Colli spiegando che, attraverso software altamente innovativi, i ragazzi avranno la possibilità di calcolare la curva alcolemica e testare i propri riflessi in situazione impreviste. "Attraverso il gioco e il divertimento - continua la Colli - i giovani potranno prendere coscienza degli effetti dell’alcool sul loro fisico”.

Il laboratorio milanese Quello che Palazzo Marino vuole promuovere insieme a Orizzonte-Eventi è una presa di coscienza da parte del ragazzo che non viene isolato ma raggiunto all’interno di un luogo di ritrovo, nel momento in cui si avvicina all’alcool in compagnia degli amici. Decisamente innovativi gli strumenti utilizzati, a partire dal misuratore di curva alcolemica. Si tratta di un software a icone che, in modo intuitivo e veloce, consente di valutare dal punto di vista teorico, la propria curva alcolemica, ossia la quantità di alcool presente nel sangue calcolata in funzione di quanto si prevede di bere e mangiare. Il reazionometro, invece, è un sofisticatissimo e divertente software in grado di provare i riflessi del partecipante simulando gli imprevisti alla guida di un veicolo sotto l’effetto dell’alcol. Gli strumenti sono stati approvati dal dipartimento della sanità Francese e dall’Ospedale di Niguarda, durante test effettuati per le riviste Automobilismo e Motociclismo.

Guidare sicuro Il modello proposto dal capoluogo lombardo è un esempio per tutto il paese. In tutta Italia, infatti, il numero di incidenti causati dall'abuso di alcool è molto forte. Da qui la possibilità data a chi parteciperà al progetto di portare con sé un etilotest mono-uso decidendo di utilizzarlo nel momento più opportuno. "Da solo si potrà rendere conto di quanto avrà bevuto e, quindi, potrà agire di conseguenza - conclude la Colli - magari lasciando che sia qualcun altro a guidare la macchina verso casa".