Nell'ex industria Bugatti nascerà il centro commerciale «Urban Style Area»

L'area di 30 mila metri quadri, acquistata nel 2008 dall'imprenditore Stefano Pulsoni, aprirà a fine 2012, con un investimento di 55 milioni di euro. Lapo Elkann ne è testimonial e collaborerà al progetto del centro per fashion, sport, eventi

Là dove nascevano le mitiche auto del marchio Bugatti sorgerà «Urban Style Area», un enorme centro commerciale basato su un nuovo concept e format. Avrà spazi dedicati alla moda e allo sport, ad esposizioni, convegni, spettacoli ed altri eventi.
Sarà aperto al pubblico alla fine del 2012, ma è già aperta la campagna per la commercializzazione degli spazi.
Lapo Elkann è il testimonial del nuovo piano commerciale, che prevede la riqualifica dell'exarea industriale Bugatti a Campogalliano (Modena). «Vogliamo dare un'anima urban ad uno spazio in disuso», dice.
Tutto inizia nel 2008, quando l'imprenditore Stefano Pulsoni acquista all'asta la più grande e prestigiosa area industriale del modenese, quella una volta dedicata alla produzione di esclusive auto di lusso.
L'intenzione è di trasformarla tramite l'immobiliare Stefim Srl in un innovativo centro commerciale e di intrattenimento.
L'investimento totale è di circa 55 milioni di euro e si prevede un'opportunità di posti di lavoro per oltre 400 persone.
«In questo progetto - spiega Pulsoni- ci siamo spinti verso un'innovazione che non sia invasiva, bensì una rivalorizzazione che esalti le caratteristiche di un'area industriale di straordinario pregio e storia».
La base è lo studio di Federica Sala, esperta nello sviluppo retail di progetti complessi e in acquisition da parte di fondi di investimento.
Il progetto di recupero e sviluppo architettonico è affidato all'architetto Roberto Corradi, già autore di interventi prestigiosi quali gli stabilimenti e la torre Maserati e il new look degli stabilimenti Lamborghini.
Collabora alla grande operazione la società ChangeDesign di Renato Montagner, che ha portato alla definizione di un format di area commerciale e di intrattenimento assolutamente innovativa.
Il team si arricchisce della competenza del gruppo Giugiaro Architettura nella fase di caratterizzazione degli spazi interni ed esterni.
Elkann partecipa con la società da lui fondata, LA Holding, e le sue partecipate: Independent Ideas per la comunicazione e Sound Identity per la caratterizzazione sonora e il sound design.
Urban Style Area vuole lanciare una nuova filosofia di vita, essere un luogo dove ritrovarsi per respirare un'aria internazionale nella moda, nell'arte, nel design, nel cibo, nell'intrattenimento. Tutto con uno stile urbano, semplice, divertente, appagante e adatto a tutte le tasche.
Il nuovo centro sarà suddiviso in 5 aree tematiche: fashion, sport e tempo libero, interni ed esterni, servizi e ristorazione, intrattenimento ed eventi e affiancato dalla realizzazione di un hotel con 97 stanze. Le aree sportive avranno una piscina scoperta e la capacità di 1300 parcheggi.
Ci saranno anche degli ambienti destinati agli spettacoli (jazz, cabaret, street-dance), aree espositive e spazi verdi multifunzionali con giardini verticali.
La nuova organizzazione della zona sarà realizzata con spirito innovativo, adattando e caratterizzando sia le strutture esistenti che quelle nuove, collegandole tra di loro e ispirandosi alla cultura del territorio noto come terra dei motori, del tessile, della ceramica, della musica e del gusto.
L'area si affaccia sull'autostrada del Brennero e quindi è facilmente raggiungibile, soprattutto dalle principali città del nord Italia.
«Urban Style Area - dice Lapo Elkann- è un progetto complesso, che unisce la contemporaneità dello stile urban all'artigianalità di un'area geografica di grandi tradizioni, creando una miscela di collaborazioni e contaminazioni che renderà questo centro unico al mondo. É una bellissima opportunità di lavorare con un gruppo di persone dalla grande creatività, elemento chiave per dare una svolta al progetto, unendo stile ed architettura. Il target? Non è preciso, perchè è lo stesso concetto di urban a non avere età».
Se Lapo è l'interprete del lo stile «urban», bisogna descrivere il suo look, alla presentazione del progetto a Milano, negli spazi di Italia Independent, marchio di creatività e stile che ha fondato.
Dunque, è arrivato a bordo di una Vespa nera, indossando casco fashion, gilet rosa shocking come le calze, cravatta viola come la camicia a quadretti e calzoni bianchi.
Abbinamenti che solo un «fashion addicted» può permettersi.