Piazza Affari chiude in rialzo, Ftse Mib +0,91%. Bene Bulgari e Saipem

Piazza Affari chiude in rialzo sulla scia di Wall Street e del buon andamento di alcuni titoli. L'indice Ftse Mib ha segnato un +0,91% a 21.425 punti, mentre l'All Share ha guadagnato lo 0,81%. La migliore performance del listino è di Bulgari (+3,84%) dopo che Goldman Sachs ha aggiunto la società nella sua «convinction buy list», definendola fonte di opportunità. Molto bene anche Cir (+2,30%) e Telecom (+1,89%). Pirelli ha segnato un progresso dell'1,82% dopo l'innalzamento del prezzo obiettivo da 6,6 a 7 euro da parte degli analisti di Unicredit. La società ha annunciato che vuole consolidare la propria posizione in America Latina e che, entro il 2013, farà investimenti per 100 milioni di dollari in Argentina. Tra gli energetici, brilla Saipem (+2,22%) che si è aggiudicata nuovi contratti offshore. Rialzi più contenuti per Eni (+0,68%) ed Enel (+0,38%). Positivi i bancari, tranne Bpm (-0,21%): Ubi (+1,60%), Intesa Sanpaolo (+1,73%), Unicredit (+1,25%). Monte dei Paschi di Siena ha chiuso invariata dopo che Moody's ha abbassato da A2 ad A1 il rating sul deposito a lungo termine. In luce anche il risparmio gestito con Mediolanum (+1,90%). Bene Fiat (+0,69%) ed Exor (+1,22%). In controtendenza Italcementi (-1,76%), Parmalat (-0,72%), Atlantia (-0,44%), Autogrill (-0,44%), Terna (-0,31%), Snam (-0,13%) e Ansaldo (-0,15%). Fuori dal paniere principale, balzo in avanti di Risanamento (+7,75%) dopo le indiscrezioni sul via libera in arrivo alla cessione dell'area ex Falck a Sesto San Giovanni.
Le Borse estere. Il buon andamento di Wall Street, trainata dal calo del dollaro e dalla positiva trimestrale di Boeing, sostiene i listini del Vecchio continente, che chiudono con il segno più. I rialzi sono comunque piuttosto moderati, in quanto l'attesa del Beige book della Federal Reserve invita gli operatori alla cautela. L'Ftse100 di Londra guadagna lo 0,44%, il Dax di Francoforte sale dello 0,52% e il Cac40 di Parigi avanza dello 0,55%.