Piazza Affari chiude in rialzo con Wall Street, Ftse Mib +0,36%

Chiusura di seduta in rialzo per la Borsa valori, che, dopo una giornata incerta, approfitta nel pomeriggio della spinta di Wall Street e dei dati Usa delle vendite al dettaglio Usa a novembre, migliori del previsto, segno del buon andamento dell'economia. L'attesa però è per la riunione della Fed in serata. L'indice Ftse Mib segna un progresso dello 0,36%, a 20.708 punti, All Share a +0,35%. Per Piazza Affari una seduta positiva, a consolidare e rafforzare ulteriormente i guadagni dell'ultimo periodo. Avvio poco convinto, con gli indici scesi fino al -0,8%, poi il recupero a metà giornata e lo scatto finale. Scambi invariati, a 2,1 miliardi di euro. Mediaset chiude con un +3,29% (e massimo del +5%) beneficiando del voto favorevole al governo Berlusconi, che ottiene la maggioranza alla Camera e al Senato. Bene il comparto energia, con Eni a +1,41%, Saipem +0,79%, Terna +1,36% dopo un report positivo di Bofa Merrill. In recupero Edison (+1,10%) e A2A (+0,67%) dopo il calo di ieri. Tra le banche Bpm cede lo 0,79%, Banco Popolare lo 0,43%, Unicredit lo 0,47% nel giorno in cui il cda esamina il piano industriale. Sale Intesa, a +0,68%. Rialzi nelle tlc per Telecom (+1,13%) e Tiscali (+3,90%). Tra gli industriali Fiat perde lo 0,82%, Ansaldo -1,59%, Italcementi sale dell'1,25%. Exor guadagna l'1,04%. Sul resto del listino balzo di Erg Renew (+30,38%) con la controllante che ha annunciato un'Opa sul titolo, e il prezzo che prontamente si allinea a quello di offerta.
Le Borse estere. Chiusura positiva per le Borse europee, anch'esse influenzate dalla buona tenuta di Wall Street. Sotto la parità solo Francoforte, che cede lo 0,03%. Il Ftse100 di Londra avanza dello 0,52% e il Cac40 di Parigi sale dello 0,27%