La piscina fallica ha bisogno di un restauro E Varese a caccia di sponsor pensa a Siffredi

<p>
Ha pensato bene il comune di Varese. Nessuno meglio del re del porno italico potrebbe mettere nome e soldi per restaurare l'opera d'arte
</p>

VARESE - Il comune di Varese cerca fondi per il restauro della piscina di Villa Mylius. La piscina della villa lombarda, di un certo interesse artistico, aspetta da tempo chi finanzi il suo restauro. E chi meglio di Rocco Siffredi poteva capire la "delicatezza" della situazione? Il comune lombardo deve avere pensato che nessuno meglio del re del porno italico poteva avere a cuore la conservazione della singolare piscina. Costruita negli anni '50 da Pietro Porcinai, la piscina della villa è costituita da due vasche circolari, collegate a una terza vasca rettangolare, che da all'insieme una forma fallica. "Ma l'opera non ha nulla di  volgare", commentano dal comune. La piscina versa da lungo tempo in uno stato di incuria piuttosto serio, a dispetto della leggenda che la vuole luogo di mitiche feste e alla giunta varesina piacerebbe vederla restaurata. "L'opera potrebbe diventare senza problemi una meta per i curiosi. E' un'opera discussa ma di sicuro interesse". Di che turismo sarebbe meta la singolare opera d'arte è però meglio non chiedere.