Così il Comune in rosso premiava i suoi dirigenti: altra beffa per i romani

Duecentonove manager su 212 ricevevano incentivi: Marino stanzia 4 milioni nel 2014. L'ex ad di Eur Spa, Mancini, ha intascato un bonus di 63mila euro

Roma - Per la procura, Roma è un Comune infiltrato, imbottito di corrotti, di malaffare e di pericolosi contatti con la mafia. Ma per il Campidoglio, fino alla tempesta della grande inchiesta sul Mondo di mezzo di appalti e mazzette, era il regno dei premiati. Piovevano centinaia, migliaia di euro, per tutti. Non di tredicesime, ma di premi di risultato, che la «Relazione sulla performance» del Comune, l'ultima disponibile del 2013, «validata dall'organismo indipendente di valutazione il 23 settembre 2014», proclamava raggiunto con lode in molti settori, con punte superiori al 90%.

L'amministrazione condotta da Ignazio Marino ha stanziato per il 2014 oltre 4 milioni di euro di premi risultato per dirigenti e funzionari. Per l'esattezza 2 milioni, 800mila 14 euro destinati ai dirigenti e un milione 250mila euro ai funzionari. Per i primi la liquidazione dei premi non è ancora stata avviata, mentre per i secondi è in corso. Ecco la beffa per i romani: con le loro tasse hanno premiato una gestione dell'amministrazione che ora i magistrati definiscono quasi mafiosa. In base alle tabelle con i compensi di ciascun dirigente nel 2013, solo tre su 212, pecore nere, non hanno ricevuto premi. Duecentonove dirigenti premiati su 212 è una media altissima, da amministrazione marziana: alcuni hanno percepito una retribuzione maggiorata di quasi 30mila euro, in un caso si è superata quota 55mila euro. Mai, però, come uno dei record-men dei premiati, che tra l'altro è anche uno degli arrestati dell'inchiesta Mafia Capitale: l'ex ad di Eur Spa Riccardo Mancini ha ricevuto dalla partecipata del Comune lo scorso anno un bonus di risultato di 63mila euro.

Nella lista dei gratificati del Comune compaiono altri dirigenti coinvolti nelle indagini. Come Italo Walter Politano, solo indagato, ma comunque dimessosi dal ruolo di responsabile della Trasparenza. Ha ricevuto un premio di 19.244 euro. Il suo stipendio nel 2013, tra premio, retribuzione tabellare e di posizione è stato di 132.341 euro.

Come tutti i Comuni, anche Roma ha un settore delegato alla «misurazione e valutazione della performance». Fa capo al macro-settore Trasparenza, da cui si è appunto chiamato fuori il responsabile, come detto. E quest'ufficio ha steso una «Relazione sulla performance» che per il 2013 presenta risultati strabilianti. Il settore «Igiene urbana, decoro e manutenzione», quello più vicino alla municipalizzata Ama, ha ottenuto un punteggio fantastico: 95% dei risultati conseguiti. Nove e mezzo, quasi la perfezione.

Uno dei settori più coinvolti dall'inchiesta Mafia Capitale è stato quello legato all'accoglienza degli immigrati e alla gestione dei campi rom. Era su questo terreno che sguazzava il mondo delle cooperative, con appalti milionari, in testa la «29 giugno» di Salvatore Buzzi: obbiettivi raggiunti al 92,3%, certifica la «Relazione sulla Performance». Anche il comparto Manutenzione del territorio e ambiente, che gestisce il verde pubblico (altro punto di contatto con gli affari di Buzzi e dell'ex Nar Carminati) è stato promosso a pieni voti: l'82,5% degli obbiettivi prefissati sono stati conseguiti. Ai Lavori Pubblici, la fucina degli appalti, neanche a dirlo un voto di performance del 91,3%.

Il sistema dei «controlli interni» viene definito di buon livello: «a regime» il controllo sulla «regolarità amministrativa e contabile», «attivo ma in fase di perfezionamento» quello sulle società partecipate. Nell'introduzione della «Relazione sulla Performance 2013», si sottolineano gli sforzi del Comune per perseguire la trasparenza amministrativa e per dare battaglia alla corruzione grazie al «Programma Triennale della trasparenza e della legalità», al fine di promuovere, si legge, «la legalità e lo sviluppo della cultura dell'integrità». Da notare come la stessa relazione sottolinei che tra i requisiti per ottenere i premi vi è senza dubbio «l'osservanza delle disposizioni in materia di trasparenza e di legalità». E così sono arrivati regali per quattro milioni.

 

Annunci

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 14/12/2014 - 13:44

ecco una ulteriore conferma del sistema mafioso del comune di roma!! i dirigenti premiati anche se i servizi sono indecenti! :-) bravi! bravi! complimenti! neppure alemanno riusciva a fare peggio del PD!!!!

Gianca59

Dom, 14/12/2014 - 13:57

Ma quali erano gli obbiettivi da raggiungere e come venivano misurati ?

daniperri

Dom, 14/12/2014 - 13:58

Quando un'azienda privata non ha profitti (men che meno se è in "rosso) non vengono dati bonus a nessuno! E non è solo a Roma che elargiscono quattrini e poi piangono miseria se devono spendere per gli asili e per gli anziani. Vergogna!

Ritratto di MAFIAcapital€

MAFIAcapital€

Dom, 14/12/2014 - 14:01

MAFIOSI

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 14/12/2014 - 14:06

Ma questi bonus venivano elargiti perchè?? Forse perchè facevano una parte del lavoro loro spettante?? O perchè avevano un indirizzo politico ben definito,kompagni, insomma per dirlo chiaramente.Mi piacerebbe sentire da marino le argomentazioni in merito.!

luigi.muzzi

Dom, 14/12/2014 - 14:25

Il sindaco Marino poteva "non sapere" ?

Ritratto di giorgio51

giorgio51

Dom, 14/12/2014 - 14:31

Ricordate da dove arriva Marino cacciato dagli USA per falso in rimborsi spese.

Albius50

Dom, 14/12/2014 - 14:33

E' proprio inutile eleggere i SINDACI la dimostrazione è MARINO che dice se il prefetto non sa nulla neppure io non sapevo, a questo punto il SINDACO serve per distribuire PREMI ai DIRIGENTI che vuole lui per il resto NULLA è proprio una FIGURA PARASSITARIA e COSTOSA

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Dom, 14/12/2014 - 14:48

Allegro chirurgo, ma hai la faccia trapiantata al posto del sedere o pensi che siam tutti scemi?

Romolo48

Dom, 14/12/2014 - 15:19

Per L'amministrazione di Roma: "i buci non sono nelle strade, i buchi sono nella vostra testa". A fronte di quali obiettivi e quali risulltati vi siete premiati: Banda di delinquenti. PS: prossimo sapere i nomi dei tre non premiati e perché?

beale

Dom, 14/12/2014 - 15:31

Si guarda il dito che indica la luna dove la luna è il sistema di certificazione della qualità che non certifica un bel niente. E' un sistema solo cartolare, costoso ed ingannevole; un po' come la certificazione dei bilanci.

Ritratto di pinox

pinox

Dom, 14/12/2014 - 15:32

ci vogliono le regole non gli onesti, LE REGOLE!!!!! cio' che è di tutti non è di nessuno in questo paese,e chi non le rispetta deve pagare di persona per queste schifezze.

gio 42

Dom, 14/12/2014 - 16:11

Buonasera con i governi fine anni 2000 inizio 2001 ci fu il pellegrinaggio dei sindaci italiani a Roma con il cattocomunista fassino in testa. Questi sono i frutti di quegli alberi, dai quali si riconoscono se sono alberi buoni o alberi cattivi. Poi dicono i filosofi e pensatori moderni dicono che la parola di Nostro Signore non esiste e non dice la verità. Saluti

Beaufou

Dom, 14/12/2014 - 16:19

L'a.d. di Eur s.p.a.? quello della Nuvola, ancora di là da venire e paralizzata dai debiti? Ah, quello. Credevo lo proponessero per la mobilità obbligatoria, e invece sento che piglia sessantatremila euro di bonus. Roma delenda est.

Giorgio5819

Dom, 14/12/2014 - 16:22

Esattamente come i quattro premiati a Genova per aver dormito sui problemi idrici della città. Sinistra docet.

Frank.brownies

Dom, 14/12/2014 - 16:25

Non una parola sulla precedente amministrazione, ha lasciato un buco di oltre 800 milioni, e' stata il regista ed artefice di questo scandalo e non dite niente...non una parola sulle centinaia di assunzioni ad AMA ed Atac, sui biglietti finti,su EUR spa, suille concessioni edilizie cha hanno massacrato Roma....la lista sarebbe infinita, fate una ricerca nelle varie circoscrizioni, i vari scandali e favoritismi,l'assenza ed azzeramento dei servizi dovuti ai cittadini, perche' non palate dei mondili di nuoto, di come sono stati spesi centinaia di milioni per costruire strutture uìinutili e non utilizzate e quanto son costate ?? andate a farvimuna passeggiata sul litorale e forse capirete qualcosa, Voi peo' parlate della panda rossa di marino e del divieto di sosta...veramente assurdo e raccapricciante

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 14/12/2014 - 16:58

CARISSIMA Emanuela Fontana, per sua conoscenza, MAGARI fosse solo una beffa per i Romani. È una beffa anche per tutti gli Italiani residenti all'estero ed iscritti all'AIRE, la legge sull'AIRE è stata cosi "BEN" congeniata che, chiunque si iscrive vede per LEGGE trasferito il suo DOMICILIO FISCALE a Roma, senza importare di quale Regione Italiana fosse residente prima di iscriversi, pertanto le ADDIZIONALI REGIONALE e COMUNALE IRPEF che si vede trattenere sono quelle relative a Roma ed il Lazio e finiscono nelle casse di questi due ENTI!!!! Per informazione gli Italiani iscritti all'AIRE sono quasi 4 milioni,piu degli abitanti di Roma!!!Poi si lamentavano quando qualcuno (senza far nomi) l'Umberto gridava Roma Ladrona!!!. Buen Domingo dal Leghista monzese

Giorgio5819

Dom, 14/12/2014 - 17:01

Frank.brownies, diciamo qualche milione di parole sulla gestione di Roma da parte dei comunisti negli ultimi 50 anni,poi alla fine tiriamo le somme. E se non basta informati su Genova,Napoli,Siena...non si parla nel sonno, prima è meglio svegliarsi !

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 14/12/2014 - 17:22

Frank bravo !! Il colpevole è solo Alemanno ma dal 1993 fino al 2008 c'erano rutelli e veltroni ora c'è marino gente onesta fuori dubbio ed anche le coop rosse tutte immacolate.La COOP sei tu???????

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Dom, 14/12/2014 - 17:44

Faccio osservare che l'attuale sistema premiale per i dirigenti e i funzionari, in particolare la "valutazione della performance", coi relativi premi, è figlio anche dell'ultima fallita riforma della p.a., la legge n. 15 del 2009, altrimenti detta "riforma Brunetta". Stiamo quindi tutti aspettando una vera riforma della p.a., che parifichi del tutto il diritto del lavoro privato a quello pubblico, con contratti veramente individuali per tutti (quindi non solo per i dirigenti), premi rapportati veramente ai risultati, e possibilità di licenziamento, come c'è nel privato.

canaletto

Dom, 14/12/2014 - 18:03

SE NON E' MAFIA QUESTA!!!!!! MA I GIUDICI DELLA CORTE DEI CONTI CHE KAZZO CI STANNO A FARE SE NON RUBARE STIPENDI????? ANDATE A CASA MAFIOSI PURE VOI E FANNULLONI. LA MAFIA E' ANCHE NELLA GIUSTIZIA CONTABILE OLTRE CHE NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

leo_polemico

Dom, 14/12/2014 - 18:07

Gianca59 Dom, 14/12/2014 - 13:57 Lei scrive: "Ma quali erano gli obbiettivi da raggiungere e come venivano misurati?" Le rispondo. Nel pubblico, in generale, siamo nello stesso caso dei contatori elettronici dell'energia elettrica (quelli bianchi con il display lcd per intenderci): l'enel li ha fatti costruire in Cina, li installa e, in caso di reclami per consumi anomali, li controlla, ovviamente a spese dei clienti. In altre parole, controllato e controllore coincidono: chiaramente per la massima trasparenza e serietà a "loro" favore.

Bellator

Dom, 14/12/2014 - 18:29

Questi sono tutti da licenziare, nelle Amministrazioni Pubbliche, il malaffare entra solo perché voluto da dirigenti ladri e compiacenti, nelle Società private, quando notano che un Dirigente zoppica, gli spezzano ambedue le gambe !!.Nel Comune di Roma si devono setacciare tutti gli Assessorati e fare una bella cernita.La Capitale,per la parte amministrativa,deve essere scorporato dalla Regione Lazio, deve essere una Città Metropolitana,con una Amministrazione propria, che non deve gravare sul Bilancio Regionale.E' mai possibile che nella Regione Lazio il 50% dei consiglieri,sono eletti dalla città di Roma,per il numero eccessivo di abitanti,rispetto alla totalità di cittadini delle altre quattro Provincie,che debbono sempre sottostare alla volontà Romana, per le scelte regionali da proporre.

moshe

Dom, 14/12/2014 - 18:33

altra beffa per i romani ..... la beffa è sopratutto per il nord, che per roma mafia-capitale, deve sborsare vagonate di milioni di euro. SECESSIONE, SUBITO !!!!!

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Dom, 14/12/2014 - 18:34

Se a qualcuno fosse sfuggito il particolare, sappia che il malvezzo di distribuire ai propri dirigenti il goloso bottino dei "premi di risultato" appartiene ormai a TUTTI gli Enti Pubblici che ne possono disporre e viene regalato a cani e porci a prescindere dai reali risultati ottenuti. I casi clamorosi di Genova e Roma sono solo la punta dell'iceberg ma lo spreco ingiustificato di denaro pubblico che nei bilanci degli enti pubblici va sotto il nome di "premi di risultato" avviene in tutta Italia.

Settimio.De.Lillo

Dom, 14/12/2014 - 18:55

Proprio tutti onesti e zelanti i dirigenti RRROSSI; peccato che nessuno se ne sia accorto prima.Tutti fankazzisti meritevoli di encomi e mazzette ai danni della povera gente.Mascalzoni senza vergogna, basta dire che sono KOMINISTI.,

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Dom, 14/12/2014 - 19:04

@Giovanni da Udine, esatto. E sarebbe anche ora che per "risultato" si debba intendere soprattutto i servizi resi ai cittadini, e non obiettivi fasulli inventati ad hoc per arraffare i premi. E lo dico da funzionario pubblico, l'attuale sistema in vigore fa schifo!

uccellino44

Dom, 14/12/2014 - 19:04

Una delle specialità di noi italiani è l'autosufficienza. Infatti ci autoamministriamo, ci autopromuoviamo e, ovviamente, ci autopremiamo!! Basta guardare la Magistratura: anche lì sono completamente autosufficienti!

pbartolini

Dom, 14/12/2014 - 20:20

Questo dovrebbe far capire ai "pirla" della partita Iva e che lavorano nelle imprese private perche' il sistema non si puo autosostenere, smettiamo di dare la colpa alla Merkel e facciamo una vera risoluzione (mi raccomando pero' che sia democratica) per fare un RESET completo dell'apparato statale régionale provinciale comunale ministeriale, partecipate, sanita, istruzione,giustizia. Ah dimenticavo!!, queste sono le riforme che sta facendo RENZI...

marcoghin

Dom, 14/12/2014 - 20:24

Adesso pxxxoniamoli perché per loro sarà più difficile entrare in paradiso!! Vero Papa? Noi intanto continuiamo a mangiare mxxxa......

marcoghin

Dom, 14/12/2014 - 20:24

Adesso pxxxoniamoli perché per loro sarà più difficile entrare in paradiso!! Vero Papa? Noi intanto continuiamo a mangiare mxxxa......

pbartolini

Dom, 14/12/2014 - 21:01

Comunque per questione di decenza e di rispetto per i Romani, i premi al Comune Roma li dovrebbero sospendere per almeno cinque anni.....

gigetto50

Dom, 14/12/2014 - 21:39

...mi ricordo questa primavera una vagonata extra di soldi rastrellati a tutti i contribuenti ed autorizzati da Renzi per coprire i buchi finanziari di Roma Capitale.... Ma un po' di controlli prima...no....eehhh?? Mah....tutta la combriccola cattocomunista....

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 14/12/2014 - 21:48

Renzi ha fatto la pseudo Riforma delle Province sapendo che ad essere eletti sarebbero tutti della sinistra dato che i consigli comunali sono quasi tutti di sinistra; mandiamoli in Libia a guadagnarsi il pane insieme ai grillini che sono tanto carini. Shalòm P.S. Certo che quelli di Sel dovrebbero vergognarsi di chiamarsi sellini poiché se veramente lo fossero sarebbero scomodi e inutilizzabili come ora. Shalòm e Forza Italia

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 15/12/2014 - 00:13

Come a Genova anche a Roma e chissà dove ancora ci saranno comuni che sperperano denaro pubblico con "incentivi" ingiustificati ai propri dipendenti. GIÀ PRENDONO STIPENDI ASSURDAMENTE ALTI. Però non si accontentano. Si sono inventati gli "incentivi" per aver raggiunto traguardi CHE SONO IL LAVORO PER IL QUALE RICEVONO LO STIPENDIO. Qui si tratta di un vero e proprio furto di denaro pubblico.

Ritratto di cable

cable

Lun, 15/12/2014 - 05:38

Non solo i sinistri, bisogna ricordarselo. Anche Ale-magna ha contribuito a questo malaffare. E chiedeva sempre più soldi allo Stato (il quale li preleva al Nord, come sempre) e poi faceva regali agli amici e compari. Il problema non è sinistra/destra, ma avere i terroni che magnano sempre senza mai saziarsi!

Scricciolo

Lun, 15/12/2014 - 08:44

Duecentododici dirigenti, premi equivalenti al lordo annuo di un operaio è proprio vero che non c'è fine al peggio. Dopo quanto successo tutti a casa perchè se non sono dei complici nel malaffare sono incapaci ed incompetenti dato che non si sono accorti di nulla.

elio2

Lun, 15/12/2014 - 09:00

Quello che per me è inconcepibile, NON è Marino del quale NON ho un briciolo di stima, essendosi fatto beccare dagli americani a fare la cresta e rimandato a casa a calci in c..o, che doveva essere l'ultima persona da eleggere a sindaco della capitale ma del sistema comunista che mette al primo posto gli interessi del partito e della nomenclatura, fregandosene di tutti gli altri, compresi degli idioti che li hanno votati e che dopo 70 anni che li pigliano per il c..o, continuano a votarli e dargli fiducia.