Schettinen

Il co-pilota tedesco dell'Airbus ha fatto una strage per suicidarsi. Peggio della Concordia

Andreas Lubitz

È un tedesco di 28 anni l'autore della strage che ha ucciso i 150 passeggeri che erano a bordo del volo da Barcellona a Düsseldorf precipitato senza motivo sulle Alpi francesi. Si chiama Andreas Lubitz, era il copilota del velivolo e ha deliberatamente portato il suo Airbus Germanwings - dopo essersi barricato in cabina di pilotaggio – a schiantarsi. Una tragedia nella tragedia per i parenti degli uomini, donne e bambini vittime – ora si sa - non di una tragica fatalità ma di un disegno folle e criminoso.

La chiamano «componente umana», ed è tutto ciò che sfugge a regole, protocolli, abilitazioni e tecnologie. Per tutti, ma soprattutto per i tedeschi, supponenti nelle loro presunte superiorità e infallibilità, è più che uno smacco. Eppure molte tragedie dipendono dalla variabile impazzita della «componente umana».

Il 13 gennaio 2012 la nave da crociera Costa Concordia affondò (32 morti) per la scelleratezza del suo capitano Francesco Schettino. Der Spiegel , autorevole settimanale tedesco, nell'occasione aggredì e insultò tutti gli italiani «razza inferiore». Riporto uno stralcio di quell'articolo: «Mano sul cuore, ma vi sorprendete che il capitano fosse un italiano? Vi potete immaginare che manovre del genere e poi l'abbandono della nave vengano decise da un capitano tedesco o britannico? Conosciamo tipi del genere dalle vacanze al mare, maschi bravi, capaci di parlare con le dita e con le mani, in principio gente incapace di fare del male, ma bisognerebbe tenerli lontani da macchinari pesanti e sensibili, come si vede».

In effetti tra i comandanti Schettino e Lubitz c'è una bella differenza: il primo è un pirla (detto con rispetto, per evitare querele) pericoloso, il secondo è un freddo e lucido assassino. Cosa dovremmo dire oggi: «Vi sorprende che fosse un tedesco?». A differenza dello Spiegel , noi non lo pensiamo. Perché come quella sera della Concordia c'era un italiano che gridava a Schettino in fuga «Torni a bordo, cazzo», così fuori dalla porta della cabina chiusa dell'Airbus che andava a schiantarsi c'era un tedesco che urlava a Lubitz «Apri la porta, cazzo». Che i tedeschi imparino la lezione. Ogni popolo deve fare i conti con le proprie vergogne e i propri eroi.

Annunci

Commenti
Ritratto di sekhmet

sekhmet

Ven, 27/03/2015 - 12:41

Bravo Sallusti, ben detto. Sekhmet.

Aristofane etneo

Ven, 27/03/2015 - 12:44

Scrivere "Schettinen" equivale a scendere nella fogna in cui sguazzano certi giornali tedeschi o nordeuropei quando pubblicano il piatto di spaghetti condito da pistola, coppola e "mafia" (siciliana s'intende non le loro o quelle di Wall Street o cinesi o...). Una preghiera ed un profondo cordoglio per le vittime e i loro parenti.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 27/03/2015 - 12:48

Eg. Direttore, ben detto!! Lo si pubblichi in prima pagina de Il Giornale il suo intervento domani - così i crauti imparano il rispetto.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Ven, 27/03/2015 - 12:51

Concordo on il Suo articolo Direttore anche se lo avrei intitolato diversamente: Tedeschi....meditate....meditate!!

giovauriem

Ven, 27/03/2015 - 12:55

caro direttore ,i tedeschi devono fare qualche conto in più, loro nascono barbari e lo sono tutt'ora.

plaunad

Ven, 27/03/2015 - 13:05

Ben detto. Adesso avanti signori germanofili fanatici. Provate a difendere i vostri semidei.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 27/03/2015 - 13:16

cattivo gusto

Alessio2012

Ven, 27/03/2015 - 13:25

Sallusti, non si abbassi ai livelli de il fatto.

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Ven, 27/03/2015 - 13:32

"Mano sul cuore, ma vi sorprendete che il copilota fosse un tedesco?". BEN DETTO. TEDESCHI INCAPACI. SONO DEGLI IRRESPONSABILI. MEDICI e DIRIGENTI STUPIDI STUPIDI E SOLO STUPIDI COME SOLO I TEDESCHI SANNO ESSERE STUPIDI.

Maura S.

Ven, 27/03/2015 - 13:40

supremazia tedesca!!!!!!! che non sia il principio della fine?????

Opaline67

Ven, 27/03/2015 - 13:47

SALLUSTI DA DIECI E LODE; ANZI STRA-LODE.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 27/03/2015 - 13:50

Egr. Diretore devo dissentire da gran parte del suo articolo. Schettino non è un pirla, lo è stato il suo equipaggio di plancia. L'italiano che ordinava di tornare a bordo"cxxxo!" non aveva capito un accidente di come si trovava la nave, credeva che era ancora sulla linea di galleggiamento in normale assetto e che Schettino poteva risalire sulla scaletta di corda che si trovava ormai sotto la fiancata affondata. Schettino aveva comandato una regolare e sicura manovra, hanno pxxxiato i suoi ufficiali, non lui. Sui tedeschi sono d'accordo con lei ma trovo assurdo che abbiano messo un caso da psichiatra alla guida di un aereo del genere. Loro lo sapevano, Schettino viceversa non sapeva che aveva un equipaggio di rincoglioniti con certificato nautico per guidare navi.

marcomasiero

Ven, 27/03/2015 - 13:56

... constatazione della supponenza e arroganza crucca ...

Raoul Pontalti

Ven, 27/03/2015 - 13:56

La giusta risposta agli spocchiosi dello Spiegel, tra l'altro sinistrorsi.

moshe

Ven, 27/03/2015 - 14:04

In ferie all'estero, mi era capitato di dover sorridere ad un capitano di imbarcazione travestito da schettino, chissà se su qualche aereo della Germanwings capiterà la stessa cosa!?!?!? ..... con tanto cordoglio per le vittime innocenti.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 27/03/2015 - 14:06

Dopo aver sperato fino all'ultimo che il co-pilota dell'aereo avesse anche solo una goccia di sangue nordafricano, assorbita la delusione per non aver potuto pubblicare l'articolo che tanto avrebbe desiderato scrivere, con titolo a caratteri cubitali del tipo "L'ISLAM DICHIARA GUERRA ALLA CIVILTA'" , ecco che il buon Sallusti pensa bene di consolarsi togliendosi qualche sassolino dalla scarpa, replicando ad un articolo vergognoso (quello publicato a suo tempo da Der Spiegel) con il proprio altrettanto squallido. E se all'indomani dell'attentato a Charlie Hebdo eravamo tutti francesi, europei ed occidentali, col c****o che oggi siamo tutti tedeschi!

mariolino50

Ven, 27/03/2015 - 14:08

Schettino ubbidiva facendo quello che facevano tutte le navi fino ad allora, viste più volte anche sotto casa mia, ha avuto molta sfortuna e poi forse si è cagato in mano come si dice, io ho visto dal vivo la Concordia arenata e se eri fuori col cacchio che ci risalivi, ci voleva Messner, e anche se eri sopra era inclinata oltre 45 gradi, infatti dopo per entrarci ci sono volute attrezzature da scalata, non potevi fare più niente. Il comandante da gli ordini, ma se i sottoposti sbagliano a volte non cè più tempo per rimediare come si è visto, ma pagherà solo lui per tutti.

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 27/03/2015 - 14:10

Skettinen purtroppo è ormai un marchio italiano, ma questo bastardone "Andreas Lubitz" è ben peggio, perciò i krukki si devono solo vergognare!

Ritratto di mirosky

mirosky

Ven, 27/03/2015 - 14:15

bravo sallusti,neanche i tedeschi si abbassano a tanto

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Ven, 27/03/2015 - 14:17

Il parallelo mi sembra forzatissimo, fuori luogo. Polemica banale e stonata. Sallusti, va bene il tono sopra le righe, ma questa non è merce da Giornale.

agostinoghiglione

Ven, 27/03/2015 - 14:24

Il paragone con Schettino è improponibile.Perchè la manovra dell'inchino era nota a Costa Crociere (perchè all'uscita del Porto di Civitavecchia veniva disattivato il pilota automatico) e alla Guardia Costiera che avrebbe dovuto interdire il passaggio di navi di quelle dimensioni all'interno dell'Isola del Giglio.Niente di tutto ciò e occorso nel caso dell'aereo della Germanwinks.Se mai vittima del dopo 11 settembre 2001.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 27/03/2015 - 14:27

mariolino50, nemmeno Messner ci sarebbe riuscito a salire su quella nave. Non era una parete di roccia ma metallo liscio su cui trovare appiglio è cosa impossibile. Solo l'uomo ragno ci poteva riuscire con le sue corde di ragno.

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Ven, 27/03/2015 - 14:31

Come stupirsi che i tedeschi abbiano permesso che un pazzo lucido comandasse un loro aereo, visto che, in un passato non tanto lontano, hanno lasciato che un altro pazzo lucido comandasse il loro paese?

Ritratto di H2SO4

H2SO4

Ven, 27/03/2015 - 14:32

È la grande precisione tedesca non si era nemmeno accorta che costui era in malattia. Non poteva essere sul posto di lavoro. È ora Der SPIEGEL casa ne dice ?

Fradi

Ven, 27/03/2015 - 14:36

Caro direttore ben scritto, tuttavia i tedeschi non hanno mai imparato alcuna lezione dalla storia. Loro pensano di essere tenuti solo ad impartire lezioni agli altri. Quindi aspettiamoci solo che dicano che la colpa è della fidanzata italiana che ha scaricato il pilota.

agostinoghiglione

Ven, 27/03/2015 - 14:42

Io tutto questo odio per la Germania proprio non lo capisco.Vorrei che le relazioni industriali fossero in Italia come le loro col cosiddetto "sistema Renano" cioè partecipativo con i lavoratori dentro i consigli di Amministrazione.Poi hanno 5 grandi produttori di auto Mercedes,Volkwagen,BMW,Audi,Opel a cui si aggiunge la Porsche.E tutti con modelli di eccellenza.Se penso che dopo la guerra gli hanno tolto tutta l'industria aeronautica e che solo da poco partecipano all'Airbus mi chiedo quanto male ci siamo fatti in Europa!

ex d.c.

Ven, 27/03/2015 - 14:45

Sono fatti opposti tra loro. La Concordia è stato un incidente ed il comandante ha fatto quanto di meglio per salvarsi e salvare i passeggeri

Ritratto di Ulisse Di Bartolomei

Ulisse Di Bartolomei

Ven, 27/03/2015 - 14:46

Bravo Direttore! Le circostanze sono accomunabili come difetti di sistema, in cui due individui inadeguati a operare in quel tipo di contesti, vi accedono per la negligenza di chi dovrebbe impedirlo. La differenza sta che per l'Italia si inserisce in un quadro complessivo di "non soluzione"!

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Ven, 27/03/2015 - 14:46

mi domando cosa avrebbe scritto la stampa tedesca se il nome del copilota fosse stato ''andrea brambilla'' oppure ''pasquale pistone''.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Ven, 27/03/2015 - 14:50

@Dreamer_66 Da incorniciare

mariolino50

Ven, 27/03/2015 - 15:10

H2SO4 La malattia risulta se il certificato lo mandi al datore di lavoro, o se almeno gli telefoni come io ero obbligato a fare, se lo tieni in casa tua risulti sano.

galerius

Ven, 27/03/2015 - 15:20

Pienamente d'accordo con Sallusti. Quanto al 'cattivo gusto', pensiamo prima a Der Spiegel, alle risatine Sarko-Merkel eccetera.

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Ven, 27/03/2015 - 15:20

@mariolino50: lo ripeterò fino allo sfinimento...la Costa è responsabile di avere messo al comando di una nave un irresponsabile (capisce dunque il parallelo, ben azzeccato, con chi ha messo quella persona ai comandi di quel velivolo?), però non ha ordinato quella sera un passaggio sottocosta al Giglio, che pubblicità poteva averne se sull'isola non vi erano turisti ed i passeggeri, anche fossero usciti sui ponti esterni a prendersi freddo, non avrebbero visto che una sagoma scura e le poche luci di Giglio Porto?

gigi0000

Ven, 27/03/2015 - 15:22

Il Direttore Sallusti ha fatto un capolavoro. Ma molti, troppi commentatori mostrano tutta la loro pochezza, non apprezzando il fine messaggio ed arrampicandosi sugli specchi del fuori tema per denigrare ciò che non è loro dato di comprendere. O semplicemente per fare i Bastian contrari. "Ogni popolo deve fare i conti con le proprie vergogne e i propri eroi." Così come ogni partito ed ogni tifo politico. Ma gli stessi calunniatori non possono capirlo.

Boxster65

Ven, 27/03/2015 - 15:37

Egregio Direttor Sallusti, non sono un Suo fan ma devo ammettere che con questo titolo per quanto mi riguarda ha riacquistato 100.000 punti! Bellissimo! Complimenti!

Ritratto di abj14

abj14

Ven, 27/03/2015 - 15:42

stock47 13:50 – Sono molto spesso d'accordo con i suoi commenti, ma su questa faccenda Schettino non ci capiamo proprio. Evito di rifare qui la tiritera delle ca22ate di Schettino cominciate con l'approccio al Giglio (tempi e modi) origine di tutte le successive disgrazie e mi limito a raccontarle una storiella che girava nella mia compagnia di navigazione (sono un ex ufficiale). A fine viaggio il Comandante fa il suo rapporto alla direzione : "Ho effettuato il viaggio risparmiando 3 gg sull'itinerario, ho sbarcato e imbarcato tutto il carico senza danni, ho risparmiato carburante sfruttando le correnti favorevoli, ho consumato meno provviste di quanto da tabella e poi . . . all'ultimo momento giusto in vicinanza dell'arrivo qui, quel deficiente di 3° Ufficiale è andato sugli scogli". - Bonne journée.

Gianca59

Ven, 27/03/2015 - 15:42

In linea di principio sono d' accord, anche se Schettino è quello che avvalla ed esegue una bravata di che forse ha più complici, mentre qui è il gesto feroce di uno sconsiderato che non appartiene al genere umano. Se proprio cerca la rivincita, pubblichi il suo articolo come inserzione pubblicitaria sullo Spiegel .....

Ritratto di echowindy

echowindy

Ven, 27/03/2015 - 15:47

HO SEMPRE PENSATO CHE IL FAMIGERATO GENOCIDIO FOSSE UN REATO COMMESSO ALLO SCOPO DI STERMINARE UN COMPLESSO DI MOLTE VITE DI ESSERI UMANI. IN QUESTO RICONOSCIAMO AI TEDESCHI IL MERITO E IL VANTO DI ESSERE I MIGLIORI ARCHITETTI DI GENOCIDIO CHE LA STORIA RICORDI. ANCHE IN QUESTA TRAGEDIA, IL GIOVANE TEDESCO ANDREAS SI E’ DIMOSTRATO DI GRAN LUNGA SUPERIORE AL NOSTRO COMANDANTE SCHETTINO. SE I TEDESCHI VANNO ORGOGLIOSI DI QUESTA LORO PRESUNTA SUPERIORITÀ, TUTT’ALTRO CHE LODEVOLE, POVERI NOI!

Aristofane etneo

Ven, 27/03/2015 - 15:58

Non, non mi stava per niente bene che giornali da fogna come "Der Spiegel" identificassero gli Italiani con spaghetti, coppola e mafia e per ritorsione "il Giornale" che risponde a tono e a sproposito. Qui ci sono delle vittime innocenti e l'immenso dolore dei loro parenti per colpa di pochi che dovevano controllare e non l'hanno fatto. Ma si sa i giornalisti sono, spesso, serve che si atteggiano a snob

Aristofane etneo

Ven, 27/03/2015 - 16:02

"Tedeschi crucchi, mangiapatate" Italiani "mafiosi, mangia spaghetti" mi ricorda tanto il nostro casareccio "Sporchi terroni" "ottusi polentoni". Trovo molto riprovevole tale aberrante logica in una situazione così tragica per le vittime, per i loro parenti e per chi appartiene persone perbene.

82masso

Ven, 27/03/2015 - 16:06

Si vuol paragonare un fatto del tutto casuale e imprevedibile con un'altro frutto dell'incopetenza tutta italiana.

Ritratto di illuso

illuso

Ven, 27/03/2015 - 16:27

Mi dispiace, non sono daccordo con la maggioranza dei commenti. Bisogna commentare i fatti a prescindere dalla nazionalità di coloro che ne sono protagonisti. Schettino è stato un idiota vergogna della marina italiota, Andreas Lubitz invece, da quel che sembra, un depresso come ce ne sono a migliaia in tutti i campi e in tutte le categorie di lavoratori. Se si dovesse allontanare dal lavoro tutti coloro che soffrono di disturbi psichici in italieta non lavorerebbe più nessuno.

Luigi Fassone

Ven, 27/03/2015 - 17:03

Non concordo,stavolta,col Direttore. Esiste una basilare differanza tra i due "piloti". Il nostrano se l'è svignata,col deretano pieno di prodotto della sua digestione. Il "crucco" invece è rimasto lì fino all'ultimo,130/73/75 pare siano i valori della sua pressione del sangue (sistolica/diastolica/ pulsazioni).Una bella e brutta differenza...Che se l'Oltralpe,ossia il crucco,se la fosse fatta sotto come l'altro,il napoletano di Meta,sarebbe "asciuto" dalla cabina e il Comandante avrebbe evitato la tragedia...

volp

Ven, 27/03/2015 - 17:07

Sallusti informati credo che Lubitz fosse pure comunista....

tRHC

Ven, 27/03/2015 - 17:07

Sallusti :BENDETTO!!!!

Giacinto49

Ven, 27/03/2015 - 17:07

Più che di "skettinen" sembrerebbe di dover parlare di "lufthantinen".

degrisy

Ven, 27/03/2015 - 17:26

Tedeschi: rozza progenie di un popolo che non conosceva la scrittura quando Roma aveva Cesare e Virgilio.

Luigi Farinelli

Ven, 27/03/2015 - 17:40

Agostinoghiglione h.14,24: concordo con quello che ha scritto ma concordo anche con Sallusti. I tedeschi possono costruire tutte le Porsche e Mercedes che vogliono ma le campagne di Der Spiegel rimangono una vergogna indegna di un popolo civile E DOVREBBERO ESSERE TUTTE RINFACCIATE, ad una ad una, anche se ciò significa speculare su una terribile disgrazia. Le speculazioni razziste e politiche non debbono rimanere sempre a senso unico o contribuiranno a portarci ancora più in là di dove ci hanno condotto gli intrighi tedeschi in materia economica per rimediare all'infezione delle loro banche e ai raggiri in materia di calcolo del loro debito pubblico, fino al criminale ricatto dello "spread"!

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 27/03/2015 - 17:45

Inutile pensare a Skettinen: la germania sempre al di sopra di ogni sospetto non potrà mai accettare un paragone del genere dato che questo giovane copilota è tedesco ed i tedeschi non sbagliano mai

linoalo1

Ven, 27/03/2015 - 17:55

Quanta Ignoranza!Chi ha proposto questa cagata,ci deve spiegare anche dove sono le analogie!La Gente,prima di aprir bocca e dire cagate,dovrebbe farle filtrare dal Cervello,ammesso che lo abbiano!Qualcuno,forse più intelligente di me,civuole spiegare anche una sola analogia con il caso Schettino?

alfa553

Ven, 27/03/2015 - 18:00

Sallusti,lei come sempre capisce poco e dimentica che uno e morto e l'altro fa il bellimbusto fuori.....non dimentichi.

Anonimo (non verificato)

passeramichele

Ven, 27/03/2015 - 18:06

Dal dopoguerra a mia memoria questo è il primo grave incidente aereo che comporta la perdita di un aereoplano che coinvolge una compagnia tedesca, dal 1945 in poi gli incidenti gravi che hanno coinvolto le compagnie italiane sono stati almeno 5 dico CINQUE, per cui le compagnie tedesche sono tra le più sicure al mondo. In particolare "L'Air Berlin" l'hanno scorso è stata classificata la più sicura al mondo. Se andiamo a vedere poi le compagnie americane gli incidenti dal 1945 non si contano. Per cui tutte queste speculazioni su quest'incidente, lasciano il tempo che trovano.

Ritratto di perigo

perigo

Ven, 27/03/2015 - 18:08

Sono due cose completamente diverse. Schettino non ha mica voluto farlo volontariamente, il tedesco invece sì! Quindi la sua situazione è molto ma molto peggio del caso della Concordia!

salvatore40

Ven, 27/03/2015 - 18:18

" Mach' die Tür auf" avrà urlato il Kommandant,"verdammte Scheiße"!Espressioni terribili,nel peggior momento.Per un uomo,nel momento in cui l'umanità andava a spegnersi. Ottimo articolo,Direttore,ottima risposta a Der Spiegel.Anche per i tedeschi vale l'evangelico :" Chi è senza peccati..." Eppure, qualcuno è senza peccato.Questo qualcuno si chiama :" Razza Perfetta!

robytopy

Ven, 27/03/2015 - 18:21

povero Sallusti, anche in un momento come questo, non si smentisce. La maestra direbbe- completamente fuori tema- e poi -uno è un pirla, giustamente come ha detto- -l' altro non era un lucido assassino ma un malato.

alfa553

Ven, 27/03/2015 - 18:26

E che il signor sallusti fa l'italiota da 4 soldi,da forza italia e forza silvio, oltre il signor sallusti non va.Come si fa a dirigere un giornale in questa maniera......bho !!!!!

UnaTedesca

Ven, 27/03/2015 - 18:32

Sono tedesca, vivo da anni in Italia, e stranamente non mi sento superiore e infallibile. L'atto del pilota è inconcepibile, ma mi dispiace che il Giornale ha preso spunto di questa tragedia per scrivere certe frasi. Penso che l'autore dell'articolo si riferisca all'articolo del "Il Spiegel" qui tradotto: http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/01/26/larticolo-che-ci-da-degli-schettino/186596/ Di questo articolo apparso sul "der Spiegel" si puo' discutere. Ma non ho trovato niente di scritto su italiani come "razza inferiore". All'autore del'articolo: Mi potrebbe fornire la fonte? Poi invito di leggere l'articolo completo, così si capisce che la citazione di "Il giornale"è tirato completamente fuori dal contesto.

SINTETICO

Ven, 27/03/2015 - 18:37

Ma guarda un pochino... Leggendo i commenti... Manca pochissimo alla proclamazione di Schettino Santo Subito... Che vergogna! Una schifezza! Come si può paragonare un suicida ad un codardo! Tutti e due hanno ucciso innocenti. Ma uno e' morto e l'altro si scattava selfie a bordo della Concordia con i periti del tribunale...

info@licht-ital...

Ven, 27/03/2015 - 18:42

GUTEN TAG HERR SALLUSTI , Kompliment. Schettinen vielleicht besser Skettinen ist ein guter Ausdruck. Dennoch gibt es einen gewaltigen Unterschied zwischen Lübnitz und Schettino. Und hier muß ich leider feststellen, daß es unter den italienischen Lesern sehr viele Idioten wie in Deutschland gibt. Der entscheidende Unterschied ist, daß Capitano Schettino nicht im Entfernensten den Tod von Passagieren hat herbeiführen wollen. Er war schlicht und einfach ein "Vollidiot" so wie Sie ihn betitelt haben. Lübnitz dagegen wollte von vorn herein ein Gemetzel. Ihm war scheißegal ob 150 Menschen dabei verrecken. Und genau dies ist eingetreten. QUESTA E LA GRANDE DIFFERENZA!! Speriamo che il giornalista dello Spiegel tale JAN FLEISCHHAUER che nel 2012 nel suo indegno articolo su Schettino ha dato del vigliacco a tutti gli Italiani si scusi e si vergogni per il resto della sua vita.

Il giusto

Ven, 27/03/2015 - 18:46

Un applauso a sallusti che ancora una volta ci dimostra che uomo sia!!!Complimenti...

Antigerman

Ven, 27/03/2015 - 19:35

Cara signore Una Tedesca, ci mancherebbe che si sentisse superiore o infallibile. Quelle parole sono state scritte sullo Spiegel. C'è poco da interpretare o da capire. Il problema è che lei appartiene ad un maledetto popolo che ha un razzismo innato. Il SUO popolo è la rappresentazione di ciò che i suoi giornali scrivono. Dico SUO popolo perchè morirò prima di sentirmi appartenente alla stessa comunità a cui appartiene la Germania. VOI una volta alla settimana scrivete articoli in cui gli "altri", che siano italiani, greci, spagnoli o francesi, vengono sfottuti al limite del razzismo per sfogare il vostro complesso di superiorità. Votate per criminali che stanno sterminando l'Europa, sfottete chiunque non sia tedesco, austriaco, olandese o finlandese, non vi scusate neppure... e vorreste essere piaciuti e rispettati? Ma per favore...

panzer@57

Ven, 27/03/2015 - 20:15

Noto che la maggior parte dei commenti sono inerenti a fatti esposti dal direttore,invece ci sono degli sciacalli " tipo alfa 553" che non capiscono una mazza, e parlano a vanvera senza capire quello che dicono.

panzer@57

Ven, 27/03/2015 - 20:15

Noto che la maggior parte dei commenti sono inerenti a fatti esposti dal direttore,invece ci sono degli sciacalli " tipo alfa 553" che non capiscono una mazza, e parlano a vanvera senza capire quello che dicono.

panzer@57

Ven, 27/03/2015 - 20:16

Noto che la maggior parte dei commenti sono inerenti a fatti esposti dal direttore,invece ci sono degli sciacalli " tipo alfa 553" che non capiscono una mazza, e parlano a vanvera senza capire quello che dicono.

Ritratto di pinox

pinox

Ven, 27/03/2015 - 20:19

il Der Spiegel non è che scrisse proprio a vanvera, noi abbiamo i terroni, e quelli la media la buttano giu' di brutto.

agostinoghiglione

Ven, 27/03/2015 - 20:28

Rabbrividisco al pensiero che mi abbiate censurato per aver espresso un totale dissenso al vostro Direttore per come ha scritto l'articolo!Ricordiamoci cosa veniva scritto su questo giornale all'epoca di Telekomserbia e Prodi paragonato a Mortadella.Per poi arrivare dopo anni all'arresto del vostro informatore.

agostinoghiglione

Ven, 27/03/2015 - 20:33

@giovauriem:mi mancava di sentire anche questa "che i tedeschi" nascono barbari e lo sono tuttora.Devo distruggere tutta la musica che sento in casa da Bach in poi e quindi buttare via tutta la letteratura e la filosofia.Il barbaro è quello che ha espresso questo pensiero e mi firmo pure perchè non ho paura.Agostino Ghiglione!

agostinoghiglione

Ven, 27/03/2015 - 20:37

Allora un vostro commentatore ha scritto che i Tedeschi nascono barbari e lo sono tuttora.Domani butto via tutta la musica,la letteratura e la filosofia tedesca e chiedo di di mettermi in corrispondenza con lui.Agostino Ghiglione Roma

Ritratto di fabriziotorino

fabriziotorino

Ven, 27/03/2015 - 21:03

Cari krauti, oggi potrei dirvi che dalla prima guerra mondiale non avete perso l'abitudine alle stragi ed all'olocausto! Come vi fa sentire questo, idioti? Troppo spesso sparlate degli Italiani a vanvera e il destino (tragico) vi punisce. IDIOTI!!!

saveresci

Ven, 27/03/2015 - 21:45

Nessuno ha evidenziato che il certificato di malattia in Italia viene inviato per via telematica all'inps e di seguito al datore di lavoro. In questo caso io non avrei potuto prendere servizio in quanto l'ufficio personale mi avrebbe invitato a ritornare a CASA.....!!!! Per TETESCHI di Germania come funziona questo aspetto? Sicuramente in Italia il pilota sarebbe rimasto suo malgrado a dormire con buona pace delle povere vittime. Non me la sento di giudicare una persona ammalata a tale livello , ma lo stato Germania più che la compagnia aerea ha sulla coscienza la morte di 150 persone.

Ritratto di orcocan

orcocan

Ven, 27/03/2015 - 21:52

Sallusti va spesso giu' di brutto, ma possibile che nessuno si sia accorto che il confronto non lo fa speculando sulla disgrazia ma sul modo di fare informazione? Mentre noi italiani siamo portati a criticare tutto, autosputtanarci e farci sputtanare dando per scontato che i media stranieri hanno sempre ragione, gli stessi media esteri difendono a spada tratta tutto quello che succede in casa propria. L'Italia fara' schifo, ma un minimo di amor proprio no eh?

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 27/03/2015 - 22:25

abj14 non scrivo i miei commenti per far felice qualcuno ma per dare la mia opinione, piacevole o spiacevole che sia, dovrebbe aver capito che non sono per il pensiero unico che fa felici i fanatici ma non la ragione. Quello che ha fatto Schettino era perfettamente in regola all'epoca e permessa. Schettino ha impostato una rotta sicura un chilometro parallelo alla costa in acque profonde. Sono i suoi Ufficiali, patentati come Comandanti, a non avvertirlo, come era loro dovere fare, che avevano cambiato rotta e che si trovavano più vicino di come aveva stabilito lui. (segue)

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 27/03/2015 - 22:31

abj14 (seguito) Se errore di Schettino c'è stato, è quello di aver dato fiducia ai suoi ufficiali ma se il capo di una gerarchia non si fida delle capacità dei suoi sottoposti può buttarsi a mare perché fanno parte tutti quanti di un organizzazione, di una squadra. Rotta facile da eseguire per degli Ufficiali in seconda, se hanno agito da pazzi Schettino cosa c'entra? E' la stessa cosa che per i due piloti, uno pazzo e l'altro sano. La differenza è che Schettino ha evitato il disastro, mentre il Comandante dell’aereo no, e lei a Schettino glie ne fa una colpa? Scommetto che avrebbe applaudito, se il pilota riusciva a salvare il suo aereo dal suo secondo.

marcosol

Ven, 27/03/2015 - 22:31

"Che i tedeschi imparino la lezione". Quell'articolo rappresentava il pensiero di un giornalista, al più di una redazione. Non il pensiero dei tedeschi. Come l'articolo di cui sopra rappresenta il pensiero di Sallusti, il quale non rappresenta gli italiani. Per fortuna dell'Italia, aggiungerei

Controcorrente2

Ven, 27/03/2015 - 22:42

"Mano sul cuore, ma vi sorprendete che il capitano fosse un italiano?" Non sono d'accordo con questa affermazione solo per quanto riguarda la parola "italiano". Se ci scrivevano "napoletano" la cosa suonava corretta. All'estero non hanno ancora compreso la differenza fra "italiano" e "napoletano"

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 27/03/2015 - 22:55

Il Direttore ha voluto rivalersi sui tedeschi a proposito di quanto avevano scritto di noi ma ha sbagliato ad usare Schettino come esempio di cretineria. Ci sono molte analogie, diversamente da quanto scrivono altri, sui due casi. I due comandanti e il suo secondo per l’aereo e i suoi ufficiali di plancia, per Schettino. Le differenze fra i sottoposti è che il secondo voleva uccidersi e uccidere, mentre per gli ufficiali di plancia occorre pensare a un rincoglionimento collettivo, anche se è difficile da credere perché verrebbe da pensare che volessero anche loro il disastro. La differenza tra Schettino e il capo pilota è che ha avuto modo di accorgersi e salvare la nave, cosa che non è riuscita del tutto per colpa sempre del suo equipaggio di plancia, mentre per il Comandante pilota non ha potuto fare niente. (segue)

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 27/03/2015 - 22:56

(seguito) C’è forse qualcuno che incolpa tale Comandante di essere andato al cesso, lasciando il comando a un pazzo a lui ignoto? Certo che no! Anzi tutti applaudono alla sua inutile azione coraggiosa. Schettino, viceversa, ha salvato praticamente un grosso paese di persone, dalla pazzia dei suoi sottoposti, però tutti a tirargli la croce addosso per averli salvati! E’ questa l’illogicità di molti italiani, non solo in questo caso ma in molteplici situazioni di fatti e valori nazionali e morali. Si abbandonano all’isteria, al mettere al rogo un incolpevole per allontanare il male dalla collettività e ingraziarsi gli Dei, come se fossero ancora dei primitivi che credono a queste sxxxxxxxe, non volendo prendere responsabilità di quello che fanno e accettare errori e responsabilità altrui che sono sempre inevitabili, in molti casi.

Aristofane etneo

Sab, 28/03/2015 - 00:39

Per l'ineffabile "pinot - Ven, 27/03/2015 - 20:19". Basta tracannare vino e grappa di scarsa fattura e faccia come me: un bicchiere di buon vino a pasto e grappa da 45 euro in sù quando si sente giù di corda. Mi raccomando un solo dito in orizzontale di detta grappa.

m.nanni

Sab, 28/03/2015 - 01:16

penso che i tedeschi sono pericolosi sempre; il pilota che ha trascinato alla morte 156 innocenti più che depresso era un criminale. quello che anche la storia recente racconta sui tedeschi ci obbliga di tenere sempre gli occhi ben aperti; anche quando fanno del bene. continua...

m.nanni

Sab, 28/03/2015 - 01:17

segue dal prec commento Il popolo tedesco dovrebbe tenere il capo chino sotto il peso di una macchia indelebile. il paragone con Schettino (mi dispiace, caro direttore) è fuori luogo. due tragedia completamente diverse. una dolosa, l'altra colposa, seppure gravissima. quella nave crociera stava per compiere l'ennesimo rito, l’inchino; rito che doveva essere vietato e impedito a regime dall'autorità marittima territorialmente competente. e poi la vogliamo dire tutta su quella sciagura colposa? chi era al timone, Schettino o il timoniere? chi azionava i comandi della nave? Chi era al “volante” della nave? ovviamente Schettino si porta appresso le responsabilità giuridiche ma lui non ha lanciato la nave contro gli scogli per uccidere,per morire assieme ai passeggeri. Schettino voleva vivere. il pilota tedesco che poteva ammazzarsi per conto suo ha voluto portare con lui alla morte una serie interminabile di innocenti. depresso ma criminale!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 28/03/2015 - 01:21

Mal comune mezzo gaudio. Ci consoliamo sapendo che in Germania ci sono dei pennivendoli come quelli che imperversano in Italia dalle pagine di Repubblica. È una ben misera consolazione però ha un suo risvolto positivo. LA LORO MISERA PIAGGERIA CI PERMETTE DI APPREZZARE CHI FA DEL VERO GIOIRNALISMO.

rokko

Sab, 28/03/2015 - 01:33

Il discorso è ovvio, peccato che con questo articolo Sallusti sì abbassi esattanente al livello di chi critica.

Ritratto di abj14

abj14

Sab, 28/03/2015 - 04:52

stock47 22:25 22:31 : 2/2 - Se invece Schettino è salito in plancia con il suindicato CONGRUO ANTICIPO e non è stato capace di evitare gli scogli, beh ... è inutile aggiungere altro (mi sembra di ricordare che lui stesso subito dopo l'urto abbia detto fra sé e sé "Madonna c'aggio cumbinate"). - P.S. In rif. a quanto lei dice "Sono i suoi Ufficiali, patentati come Comandanti, a non avvertirlo, come era loro dovere fare, che avevano cambiato rotta e che si trovavano più vicino di come aveva stabilito lui". Oltre a quanto già esposto prima, domanda : lei era lì, ha visto le carte nautiche con la relativa rotta tracciata e la rotta reale rispetto a quella tracciata ? Ha anche visto quando l'Ufficiale di guardia ha avvertito Schettino e quando questi è salito sul ponte ? Ha visto anche cosa ha detto/fatto Schettino una volta salito sul ponte (solo o in compagnia) ?

Ritratto di stock47

stock47

Sab, 28/03/2015 - 07:07

orcocan Ven, 27/03/2015 - 21:52, concordo con lei. Il nostro guaio è che abbiamo una cultura masochista al massimo. Ci piace autoflaggerlarci e farci flagellare dagli altri. La responsabilità é del cattolicesimo che da sempre, specialmente nell'ultimo secolo, predica ciò. Non condanno il cristianesimo, ha avuto grandi meriti culturali, di sviluppo del pensiero umano e nel rendere tutti gli uomini uguali come natura umana, perchè all'epoca di Cristo la distinzione tra schiavi e padroni era molto profonda, uno schiavo era considerato poco più che un oggetto. Tuttavia ci ha trascinato nel suo vortice masochista e temo che non ci sia modo di liberarsene, i Papi attuali sono lontanissimi dall'essere come un Giulio II.

falconero

Sab, 28/03/2015 - 08:49

Io sono un viaggiatore e proprio per questo ho conosciuto persone di tutte le nazionalitá. Dopo decenni mi sono fatto questa opinione: dove c'é una persona moralmente sporca e zozza, normalmente é un tedesco; i turisti sessuali piú ignobili e pervertiti, sono i tedeschi; una persona diabolicamente e pericolosamente instabile, generalmente é un tedesco; Hitler era tedesco, come i milioni che lo hanno appoggiato e massacrato milioni di persone; chi ha dichiarato guerra all'Europa per ben 2 volte e provocando 2 guerre mondiali (perdendole) sono stati i tedeschi; chi sta muovendo guerra economica e creando il caos in Europa oggi, sono i tedeschi; chi ha commesso il gesto piú vigliacco e schifoso che io riesco a ricordare é stato un tedesco ai comandi di un aereo. Razza superiore? Razza di M direi visto che se dobbiamo fare un saldo tra quello che al mondo hanno dato e quello che hanno tolto dovremmo solo tirare lo sciacquone.

Ritratto di caribou

caribou

Sab, 28/03/2015 - 08:56

È più sicuro volare, che attraversare le strisce pedonali in Italia!!

buri

Sab, 28/03/2015 - 09:01

Ben detto! è da augurarsi che i tedeschi la smettano di sentirsi la razza eletta e di insultarci, si facciano un esame di coscienza e forse capiranno di non essere perfetti e superiori agli altri

foxman

Sab, 28/03/2015 - 09:24

Diceva Primo Levi che i tedeschi (la minuscola non è causale) sono metodici qualunque cosa facciano, sia quando costruiscono automobili che quando ammazzano le persone. In base alla mia esperienza sono anche quelli che a casa loro hanno un comportamento impeccabile ma che,una volta all'estero, smenticono la loro vera natura ancestrale di stampo barbarico: basta fare un giro al centro di Roma e osservare chi, più di ogni altro, butta cartacce per terra (per non dire altro). Sono sempre stati e resteranno degli incivili, alla strega di tutti i popoli nordici. Sono al limite, un po' più "educati" in alcune circostanze, ma la civiltà è qualcos'altro

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Sab, 28/03/2015 - 09:56

Nulla accomuna Schettino, vigliacco che abbandonò la nave quando avrebbe dovuto essere l'ultimo a lasciarla, a un malato di mente!!!!!!!!! Come il pilota tedesco, negli ultimi 40 anni ci saranno stati almeno una decina di casi a livello mondiale, tra cui un pilota americano e un pilota giapponese. Come suo solito, Sallusti fa di tutta un'erba un fascio!!!!!!!!! Vigliacco ....

FraZa

Sab, 28/03/2015 - 09:59

Concordo pienamente con Lei, Direttore, con i commenti espressi verso certa stampa tedesca, nonostante i lamenti di coloro i quali soffrono di evidente senso di inferiorità' verso gli stranieri in generale (e tedeschi particolare). Lei ha perfettamente commentato questo caso di penosa spocchia teutonica, manifestato da parte di coloro i quali hanno scritto con il fiele e veleno sul caso "Concordia", ed ora si affannano a non riconoscere la più' elencare delle verita': non sono semidei infallibili. Grazie e continui cosi'.

Ritratto di abj14

abj14

Sab, 28/03/2015 - 10:22

stock47 22:25 22:31 : 1/2 - Rien à faire ! – Lei ha mai navigato come Ufficiale o Comandante su una nave da carico e/o passeggeri ? Credo di no; io sì. Quando l'Ufficiale di rotta traccia la rotta prima della partenza, detta rotta viene approvata o corretta dal Comandante; inoltre, il Comandante traccia, o tracciava ai miei tempi, una X sulla rotta nel punto in cui deve essere chiamato con congruo anticipo (ripeto congruo anticipo) per lo meno quanto serve per sincerarsi personalmente della situazione in occasione di passaggi sensibili/rischiosi (scrivendo,ad es., PCM = Please Call master). Detto "congruo anticipo" per dargli il modo e il tempo di rendersi conto di dove si trova (a vista e con gli strumenti), verificare la rotta, velocità, distanze da terra, pescaggio, eventuale traffico, visibilità, stato del mare e venti. Schettino è arrivato in plancia troppo tardi (e forse anche troppo in forma per la buona cena interrotta). - Segue 2/2 – (2° invio)

Ritratto di caribou

caribou

Sab, 28/03/2015 - 10:29

foxman:

Ritratto di caribou

caribou

Sab, 28/03/2015 - 10:31

foxman: Invece qui all`estero gli italiani si comportano da veri signori educati vero?

Ritratto di stock47

stock47

Sab, 28/03/2015 - 10:31

abj14, vi sono tre filmati su youtube fatti dalla Codacons, l'associazione che difende i consumatori. Li ascolti attentamente, vi sono tutti i particolari dei fatti avvenuti, basati non solo sulla parola di Schettino ma su documenti portati nel processo e una ricostruzione scientifica di com'è andata e di come sarebbe andata, se. E' ovvio che Schettino sul momento ha creduto d'essere il responsabile dell'urto ma in seguito ha scoperto le ca$$ate fatte dal timoniere e dal terzo ufficiale, per non parlare di quelle precedentemente fatte dagli altri, perchè ha potuto visionare le registrazioni. Il primo video è il seguente e gli altri li trova a fianco del sito: https://www.youtube.com/watch?v=vitfdF0dBWk

Ritratto di stock47

stock47

Sab, 28/03/2015 - 10:38

abj14, Schettino ha preso il comando in Plancia dopo che aveva finito di telefonare a un conoscente del Giglio. Si è ritrovata l'accostata già impostata dal Secondo Ufficale e ha creduto che fosse stata impostata a distanza di sicurezza, cosa che i suoi 4 ufficiali si sono ben guardati dal dirgli non solo al passaggio delle consegne di comando ma anche quando stavano andando contro il Giglio che loro sapevano benisimo essere la situazione. Schettino lo potrai accusare di troppa fiducia nei suoi sottoposti ma non aveva motivo di dubitare di loro. Personalmente ho il sospetto che abbiano voluto fargli le scarpe a rischio di un disastro.

Ritratto di DASMODEL

DASMODEL

Sab, 28/03/2015 - 11:43

@Antigerman- ven.27/03/2015- Ha scritto la verità. Sono austriaca, vivo da sempre in Italia, anche gli austriaci sono "sfottuti" dai tedeschi di continuo... noi con "strafottenza" li ignoriamo ...per loro è molto peggio! Saluti. ps: una preghiera per le vittime di questa tragedia.

Ritratto di orcocan

orcocan

Sab, 28/03/2015 - 11:54

Noi italiani siamo i migliori. Siamo un popolo di santi, poeti e navigatori. Quale altro paese ha 60 milioni di partiti politici e organizzazioni sindacali, 60 milioni di magistrati, 60 milioni di allenatori di calcio, 60 milioni di esperti piloti, 60 milioni di comandanti, 60 milioni di esperti in fisica, chimica, diritto penale, civile, navale... Dimentico qualcosa? Scusate, ma nei commenti di qualsiasi quotidiano c'e' sempre quello piu' esperto dell'esperto che in genere sorvola l'argomento arzigogolando sul sesso degli angeli.

Alessio2012

Sab, 28/03/2015 - 12:00

Sono d'accordo con stock47... Ridicolo poi quello che dicono certi haters, secondo cui Schettino se la sarebbe svignata... Schettino sapeva nuotare, e non sarebbe certo affogato nella Concordia. Forse nella testa di queste persone non c'é una nave, ma un aereo, dove come nei film comici, il pilota se la svigna con il paracadute, mentre l'aereo precipita.

Ritratto di abj14

abj14

Sab, 28/03/2015 - 12:09

stock47 – Non voglio tediare oltre misura i lettori su un argomento che esula dal presente articolo. Mi permetto solo un'osservazione ancora. Lei dice "in seguito ha scoperto le ca$$ate fatte dal timoniere e dal terzo ufficiale". Mi limito al solo timoniere e la nota manovra timone a sn/dx. Quando si dà l'ordine al timoniere, chi ha dato l'ordine guarda contemporaneamente l'indicatore di barra posto al centro della plancia verificando così in tempo reale, e non dopo 13 o quanti siano secondi, la posizione del timone e come si sta spostando, sì da intervenire all'istante in caso di errore del timoniere. – Quanto al fatto che qualche ufficiale volesse fuorviare il Comandante per ripicche personali (con 4.000 persone in gioco ?) tutto può essere, ma mi sembra abbastanza assurdo. Buona giornata a tutti.

robylella

Sab, 28/03/2015 - 12:10

Dissento energicamente da Sallusti, i due fatti non sono paragonabili! In un caso abbiamo incapacità ed arroganza, nell'altro malattia e volontarietà. Inoltre schettino è un marchio puramente italo-napoletano!

FrancoLuceri

Sab, 28/03/2015 - 12:26

Caro dott. Sallusti, lei dice giustamente che "molte tragedie dipendono dalla variabile impazzita della «componente umana»". E questo fatto pone a tutti una domanda: se in questo caso non possono ritenersi responsabili le istituzioni economiche, (i piloti sono strapagati) siamo certi che le istituzioni culturali siano altrettanto esenti da responsabilità, per come formano e informano gli individui? La rappresentazione della realtà nasce perfetta nel mondo della cultura, ma in alcuni cervelli malati arriva tanto deformata, da indurli a comunicarci quanto odiano la vita, da spezzare quella di altre 149 persone per farcelo capire. Le variabili impazzite di questo tipo non sono governabili per via politica o giudiziaria o economica. Dovremmo domandarci se per caso la cultura sta facendo del suo meglio nel formare e informare gli umani. Gli uomini sono plasmati dalla cultura: come può questa "componente umana" essere così imponderabile?

Ritratto di stock47

stock47

Sab, 28/03/2015 - 12:34

abj14, è evidente che lei non ha ancora visti i video. Schettino era impossibiltato a fare quello che lei dice di guardare al centro della plancia. Stavano a ridosso degli scogli e Schettino era impegnato a guardare fuori dalla vetrata DAVANTI AL TIMONIERE. In base a quello che vedeva esternamente ordinava al timoniere. Gli era del tutto impossibile fare quello che lei dice, non è forse per questo che esiste l'ufficiale di guardia al timoniere quando il Comandante non lo può controllare? Esistono le registrazioni della plancia. Schettino quando vi è salito non ha rilevato il comando, l'ha fatto a fine telefonata, facendo chiaramente capire che si aspettava un CPA passaggio a mezzo miglio, comando preso su richiesta del suo Secondo che aveva già impostato la virata e a cui Schettino si è attenuto, credendo di essere ampiamente al sicuro.

passeramichele

Sab, 28/03/2015 - 13:14

Fare articoli ironici su una tragedia del genere è roba da spazzatura mediatica.

Ritratto di abj14

abj14

Sab, 28/03/2015 - 14:19

stock47 12:34 – Risulta subito e chiaramente evidente che Schettino è salito troppo tardi in plancia e non si è reso conto con certezza di dove si trovava. Nell'intervista dice (a 11mn 00s) "sono salito sul ponte 3 o 4 mn prima che poi si è verificato o 5, non ricordo esattamente . . . comunque, 5-6 mn prima ero sul ponte di comando". Ecco, basta questo; e se aggiungiamo che nel frattempo parlava al telefono con Palumbo (a terra) per sapere se c'era abbastanza acqua, voilà la frittata è pronta. Che ci possano essere anche inadempienze altrui non lo escludo, resta il fatto che la sua enorme responsabilità avrebbe dovuto indurlo a prendere per tempo tutte quelle precauzioni che invece non ha preso (per tempo) e, da ex navigante, mi dispiace per lui.

Ritratto di stock47

stock47

Sab, 28/03/2015 - 15:40

abj14, lei come esperto di navigazione dovrebbe sapere che in navi da crociera di quel tipo, che fanno lunghi percorsi, esistono ben tre Comandanti. Quello che ha la titolarità del comando della nave e si suoi due sostituti per gli ovvi turni. Gli Ufficiali, anche se non hanno una nave, hanno le stesse conoscenze marinare del Comandante, quando fanno il turno sono loro che comandano la nave. Il fatto che Schettino sia salito in plancia non vuol dire un bel niente, non c’è il cambio automatico solo perché è salito in plancia, su quelle navi si fa visitare spesso la plancia ai passeggeri anche facendo pagare il biglietto, in certi casi. Schettino è stato invitato a prendere il comando da uno dei due Primi Ufficiali, appena ha finito la telefonata, prima non c’era stato nessun scambio di consegne, solo l’indicazione di Schettino di una distanza di mezzo miglio, cioè un chilometro. (segue)

Ritratto di stock47

stock47

Sab, 28/03/2015 - 15:44

abj14 (seguito) Vi erano ben tre Ufficiali oltre a Schettino, nessuno si è degnato d’informare il Comandante, anche mentre ormai stavano andando a sbattere, le sembra normale? E’ come il Comandante di quell’aereo che, se fosse stato in cabina e avesse visto il suo secondo dirigere l’aereo a schiantarsi, se ne fosse rimasto tranquillamente zitto. E’ così che in mare un equipaggio coopera all’esistenza di una nave? Il Comandante sarà anche il Comandante ma è solo una “rotella”, senza l’aiuto di tutto il resto del “meccanismo” non può controllare una nave da solo, lei lo dovrebbe sapere meglio di me.

Ritratto di stock47

stock47

Sab, 28/03/2015 - 15:46

abj14 (seguito 3) La manovra, inoltre è stata impostata dal Primo Ufficiale, una rotta di collisione. Sarebbero questi i Primi Ufficiali di marina, gente inaffidabile? Il Comandante può lottare contro il mare ma non contro il sabotaggio o imbecillità di un collega. Questi erano addirittura in TRE. Si può capire il momentaneo mancamento di un uomo ma addirittura di tre allo stesso tempo! Torno a ripetere, rincoglioniti se non peggio.

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Sab, 28/03/2015 - 16:29

Molti non sono d'accordo...il punto che non colgono è questo: non si tratta di confrontare un aereo con una nave o un incidente con l'altro, ma che le rispettive organizzazioni aziendali, fallendo clamorosamente, abbiano dato il comando ad una persona non adatta. L'unica differenza è che nel caso Costa il soggetto era un irresponsabile incline alle bravate(anche prima del Giglio, basterebbe chiedere), il tedesco era un caso mentale conclamato!

Ritratto di aiachiaffa

aiachiaffa

Sab, 28/03/2015 - 16:32

Grazie dr. Sallusti per aver difeso l'Italia,visto che i nostri politici sono tutti dei leccapiedi o dei lecc'altro dei tedeschens !!! Che figuraccia si autoinflitta la tedeschian !!!

gedeone@libero.it

Sab, 28/03/2015 - 16:43

Caro (per modo di dire) kompagno alfa 553, posso gentilmente farti presente che i tuoi commenti sono un inno alla insulsaggine umana???

Italo-Tedesco

Sab, 28/03/2015 - 16:48

Vorrei far notare che il Spiegel non ha mai scritto quello che l`autore di questo giornale suggerisce, il che rende l`argomento un argomento fantoccio. Persino il passagio citato e stato tradoto in maniera dubiosa. Una parente italiana a condiviso l`articolo e mi ero stupito che il Spiegel possa aver scritto delle cose simili e infatti non e vero. Ecco l`articolo (per quelli come me che parlano entrambe le lingue): http://www.spiegel.de/politik/deutschland/s-p-o-n-der-schwarze-kanal-italienische-fahrerflucht-a-811817.html Mi sono registrato solo per questo a "Il Giornale", perche da italo-tedesco l`amicizia tra i popoli di mia madre e mio padre mi vanno a cuore e protesterei in Germania se il Spiegel avesse scritto cose del genere, come protesto qua se "Il Giornale" scrive quello che scrive in questo articolo.

info@licht-ital...

Sab, 28/03/2015 - 17:40

Lieber Deusch-Italiener, (mehr deutsch als Italiener). Bevor du so ein Mist auf Italienisch schreibst, lies dir den Artikel vom Spiegel 2012 von dem furchtbaren Journalisten Jan Fleischhauer und zwar vollständig, dann würdest du "deutsch" vor deinem Italiener wegnehmen ! Es sei denn du bist mittlerweile komplett teutonisiert, was man annehmen muß, nachdem man dein Kunstwerk gelesen hat.

Anonimo (non verificato)

diegom13

Sab, 28/03/2015 - 18:05

Caro Direttore, ma secondo Lei i Tedeschi sono lo "Spiegel"? Sarebbe come dire che qualunque sciocchezza detta dal "Giornale" (e sono tante, compresi certi articoli colmi di complessi di inferiorità misti a strisciante razzismo) rappresenta gli Italiani.

diegom13

Sab, 28/03/2015 - 18:14

@Italo-Tedesco, info@licht-ital... : la traduzione riportata nell'articolo di Sallusti è esatta, ma è scorretta la citazione: l'articolo citato bisognerebbe leggerlo fino in fondo, e si capirebbe che la frase in questione è una provocazione seguita da un'analisi sugli stereotipi culturali e di genere. L'articolo conclude dicendo che quegli stereotipi culturali sono roba becera del passato, ma forse qualche luogo comune sulle Nazioni ha ancora ragion d'essere, e per questo basta vedere com'è amministrato il Sud Italia. È una scorrettezza riportare solo una frase che lo stesso articolista usava per mostrare gli eccessi ai quali non si deve arrivare, senza riferire del contesto.

Luigi Fassone

Sab, 28/03/2015 - 19:12

Il commento più concreto letto fino ad ora (sabato 28 marzo ore 18,15) è quello scritto da saveresci (Ven, 27/03/2015 - 21:45)

Ritratto di pfedrizzi

pfedrizzi

Sab, 28/03/2015 - 19:29

Caro Sallustri, quando mi sento depresso ed oggi le motivazioni sono moltissime, mi leggo un tuo scritto sull'argomento del momento e poi mi chiedo. Possibile che una persona come lei non occupi un posto più determinate ? Poi mi rispondo che è meglio stia lì dove può contribuire tener viva la verità e l'ovvietà che sono materie prime ormai in esaurimento. Mi verrebbe da dire che bisognerebbe salvare il suo DNA o qualcosa latro per evitare che si estingua la "razza giornalista" che è capace di dire le cose del colore che sono e di destinarle in modo indipendente dal colore. Nella fattispecie i tedeschi non cambieranno mai come gli italiani ma noi italiani non saremmo mai capaci di fare tanti danni all'umanità come gli hanno fatti i tedeschi nella loro storia millenaria ... ci stanno riprovando co metodi adeguati ai tempi ed alle tecnologie.

Ritratto di pfedrizzi

pfedrizzi

Sab, 28/03/2015 - 19:30

Caro Sallustri, quando mi sento depresso ed oggi le motivazioni sono moltissime, mi leggo un tuo scritto sull'argomento del momento e poi mi chiedo. Possibile che una persona come lei non occupi un posto più determinate ? Poi mi rispondo che è meglio stia lì dove può contribuire tener viva la verità e l'ovvietà che sono materie prime ormai in esaurimento. Mi verrebbe da dire che bisognerebbe salvare il suo DNA o qualcosa latro per evitare che si estingua la "razza giornalista" che è capace di dire le cose del colore che sono e di destinarle in modo indipendente dal colore. Nella fattispecie i tedeschi non cambieranno mai come gli italiani ma noi italiani non saremmo mai capaci di fare tanti danni all'umanità come gli hanno fatti i tedeschi nella loro storia millenaria ... ci stanno riprovando con metodi adeguati ai tempi ed alle tecnologie.

Italo-Tedesco

Sab, 28/03/2015 - 19:45

@info-ital...: Si tacuisses... @diegom: La traduzione riportata secondo me non e esatta, ma e piu pesante il contesto (Kontext) che lei descrive esattamente, grazie. Trovo scandaloso che da quest`articolo si possa fare questo: "Der Spiegel , autorevole settimanale tedesco, nell'occasione aggredì e insultò tutti gli italiani «razza inferiore».". Si puo discutere la citazione e l`essatezza della traduzione. Ma di infuocare la gente in Italia raccontandole che nel maggiore settimanale tedesco Spiegel (che al solito non difendo...) si possano dire cose del genere, e un giornalismo completamente irresponsabile. Da (mezzo) Italiano mi sentirei giustamente offeso, se der Spiegel potesse scrivere cose del genere (verreberro distrutti dal opinione publica, per raggioni storiche e l`autore sarebbe stato licensiato il giorno dopo - se l`articolo sarebbe mai statp publicato).

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 28/03/2015 - 21:29

Beh, se rileggiamo la storia di kamikaze ante litteram ne sarebbero piene le pergamene e per vedere i "giorni nostri" i tedeschi e gli italiani furono "fratelli di sangue" nel darsi le "tafazzate" a vicenda ormai settanta e passa anni fa. Purtroppo l'uomo ha dei pregi e dei difetti: a paragone di Caino e Abele solo Caino ne ha combinate di grosse con conseguenze nefaste per il suo simile ... forse della serie: lei non sa chi sono io.

seccatissimo

Dom, 29/03/2015 - 01:05

X PFEDRIZZI. Lei come è successo anche a Sallusti in merito al suo articolo in discussione, HA PRESO UN GROSSO GRANCHIO ! Legga anche i precedenti commenti al suo, di Diegom13 Inoltre, mi permetta di dirglielo che, a proposito della suo opinione sui tedeschi e sugli italiani, Lei sta dicendo delle emerite primitive minchiate e dimostra che l'invidia ed i complessi di inferiorità sono pessimi consiglieri e portano a dire e fare grandi sciocchezze.

precisino54

Dom, 29/03/2015 - 11:23

X saveresci – 21:45; non avendo lavorato alle dipendenze di un datore di lavoro, tranne una breve periodo quasi 25 anni fa, non avevo certezze in merito, ma avevo idea che fosse così come dici. Inviterei quanti parlano di efficienza teutonica e di altre corbellerie di quietarsi, in questa occasione hanno fatto una stron..ta che è costata la vita di 149 che si fidavano di quanto con tanta vanagloria veniva loro detto. Una cosa forse è indiscutibile: anche in questa occasione sono stati "űber alles", ma sono certo che faranno di tutto per nascondere il loro errore per continuare a farci la morale: VERGOGNA!

Chrom

Dom, 29/03/2015 - 12:12

Caro Sallusti, tu diventi ogni giorno più pericoloso. O forse lo sei sempre stato, non saprei. Pericoloso per chi ti legge, ovviamente, e pericoloso intellettualmente, intendo. Cos'altro potresti essere se poi uno dopo che ti ha letto non riesce più a reagire. Reagire intellettualmente, s'intende. Questa tua, ritengo, innata capacità sta perfino allentando la capacità mia di generare pensiero critico; che tanto ci pensi tu. Comincio a sospettare che sia proprio il caso che ti legga di meno (e spero tu riesca a immaginare il sorrisino bonario ma anche beffardo stampato in questo momento sulla mia faccina). Complimenti! Gli ennesimi...

goods

Dom, 29/03/2015 - 12:42

per fare questo paragone senza senso, raschiando il fondo del barile, lei Sallusti penso che abbia problemi psichici non meno gravi di quelli di Lubitz. Questo titolo e il contenuto sono l'antitesi non solo del giornalismo ma anche della mera logica.

LP

Dom, 29/03/2015 - 12:46

Caro Direttore, questa volta, mi spiace, ma non sono d'accordo. Non capisco la linea anti-tedesca del Giornale. Io resto e lavoro volentieri in un Paese serio, organizzato, civile, e che, soprattutto, tende a rispettare i patti. Noi, inguaribili voltagabbana e opportunisti per natura (anche se abbiamo altri pregi) faremmo bene a guardare in casa nostra. Se vi piace tanto Napoli, andateci e attenti al portafogli.

Cacciamo i Padani

Dom, 29/03/2015 - 18:39

Ognuno ha i suoi MOSTRI, NOI SCHETTINO, LORO LUBITZ. Purtroppo ci sono le VITTIME che sono TUTTE UGUALI davanti alla MORTE, senza distinzione di nazionalità.

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 29/03/2015 - 19:04

ma lo si vuol capire o no che la VERGOGNA di Schettino e' stata l'abbandono della nave!! mentre a bordo i passeggeri impauriti non sapevano che fare!! non e' tanto l'errore idiota (che ha le sue gravi conseguenze) ma la questione Schettino e' l'abbandono della nave..con scialuppa, invece di averla lasciata a passeggeri..

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 29/03/2015 - 19:08

LP i tedeschi hanno spirito di corpo anche se fanno emerite c©©©©©©te cosa che lei da tipico Italiano non dimostra, e' la gente come lei che spesso fa la differenza tra i teteschi e gli italiani..

superpunk

Dom, 29/03/2015 - 19:24

due gesti che solo la falsità sallustiana può associare, in un italia germania a colpi di morte. schettino ha fatto una manovra e quello che è ridicolo è tutta la sceneggiata intorno che la sua italianità gli permette ancora di fare dopo che altri sono morti. il copilota si è suicidato portandosi dietro di se poveri innocenti. ma a sallusti come ai suoi discepoli mononeuronali interessa solo che sia tedesco per insultare la merkel o musulmano per scopi propagandistici.

victorwiskey

Dom, 29/03/2015 - 19:44

Caro Sallusti,questa volta non sono d'accordo. La follia è una tragedia della salute,essere un pirla è una tragedia e basta! Poi,siccome mi scompisciavo quando Quello che aveva soltanto esclamato "vada a bordo,cxxxo!",veniva osannato come un eroe,adesso che anche Lei sembra ventilarlo,mi preoccupo alquanto.

persio

Dom, 29/03/2015 - 20:07

C'è una bella differenza tra uno sbrasone incosciente e pure vigliacco e un lucido, efficiente e freddo assassino. Se Schettino e Lubitz rappresentassero ciascuno le rispettive culture direi che quella del secondo manca di qualcosa: il Rinascimento. Se Lubitz avesse avuto il Rinascimento nel suo retaggio culturale avrebbe avvertito come prioritario il valore della vita dei passeggeri, e si sarebbe ammazzato da solo. Non abbiamo nulla da invidiare a nessuno.

LP

Dom, 29/03/2015 - 20:50

Rapax, guardi che quando mi riferivo a un Paese serio, civile ed organizzato mi riferivo alla Germania, non certo all'Italia, da cui me ne sono andato, felicissimo, oltre 15 anni fa, portando con me la mia azienda. Fosse stato per tutti gli imprenditori lungimiranti come me, le zecche e i parassiti romano-statali sarebbero da tempo morti di fame. Sono orgoglioso di aver dato il mio (piccolo) contributo nel far sì che 'tirassero la cinghia'. Anzi, inviterei tutti gli altri a farlo, vi garantisco che ne guadagnerete in salute.

paluello

Dom, 29/03/2015 - 22:03

BRAVO DIRETTORE LO SO CHE PUO' DARE FASTIDIO A QUALCUNO MA CERTE VOLTE BISOGNA AVERE IL CORAGGIO DI DIRE COME STANNO LE COSE.

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 29/03/2015 - 22:07

rapax Dom, 29/03/2015 - 19:04, visto che la vergogna di Schettino, come dice lei, è stato quello di abbandonare la nave, ce lo spieghi lei come avrebbe dovuto fare per non abbandonarla. Un lecca lecca per premio.

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 29/03/2015 - 22:08

rapax Dom, 29/03/2015 - 19:04, visto che la vergogna di Schettino, come dice lei, è stato quello di abbandonare la nave, ce lo spieghi lei come avrebbe dovuto fare per non abbandonarla. Un lecca lecca per premio. Anche il pilota dell'aereo sarebbe dovuto entrare in cabina ma non ci è riuscito. Lo spieghi ai suoi parenti come avrebbe dovuto fare.

seccatissimo

Lun, 30/03/2015 - 02:30

X FALCONERO del 28.03.2015 Lei è un fenomeno, perché è riuscito a farmi soffermare un tempo del tutto immeritato su quanto ha scritto per riuscire a capire se Lei è più un uomo di M oppure se invece è più ignorante di una capra !

seccatissimo

Lun, 30/03/2015 - 02:37

X PERSIO Ma cosa va a tirare in ballo? Rimanga coi piedi per terra! Anche perché non solo in Italia ma anche in Germania vi è stato il rinascimento, nello stesso periodo.

seccatissimo

Lun, 30/03/2015 - 02:59

Ma quanto sono noiosi, piccoli, piccolissimi, quegli italiani e sono troppi, che pieni di complessi, per darsi un tono, un po' di autostima e per ostentare una falsa sicurezza e conoscenza del mondo, non sanno trovare niente di meglio per tirarsi su che criticare e denigrare i popoli stranieri.

fermamarina

Lun, 30/03/2015 - 08:06

L'articolo migliore sull'argomento! Complimenti e grazie ad A. Sallusti che stimo molto!

edo1969

Lun, 30/03/2015 - 08:19

e quando poi si scoprirà che anche la merkel faceva il bunga bugna il buon sallusti scriverà "berlusconen" ! tié ai tedeschi ah ah ah... alta scuola di giornalismo bananas

abstract-6

Lun, 30/03/2015 - 08:31

Ancora una volta il Direttore ha dato lo spunto per una lunga discussione. Tanti commenti mi sembrano interessanti, altri un po' meno. Comunque è vero che certi articolisti, uguale dove essi siano, spesso scrivono formidabili cavolate. Due terribili tragedie non dovrebbero far emergere rancori o rivendicazioni.

Giorgio1952

Lun, 30/03/2015 - 09:13

Sallousti concordo "Che i tedeschi imparino la lezione. Ogni popolo deve fare i conti con le proprie vergogne e i propri eroi". Questo vale anche per ilo nostro paese e per lei, quindi siccome Berlusconi non è un eroe, rimane una vergogna per l'Italia!

Ritratto di franco_DE

franco_DE

Lun, 30/03/2015 - 10:08

egregio direttore, non si può fare un paragone con Schettino e Lubitz, Schettino era sano di mente anzi non fece il suo dovere in piene facoltà mentali, il tedesco impazzì o era depresso considerato un ammalato altra cosa.Cordiali saluti.

Ritratto di stock47

stock47

Lun, 30/03/2015 - 10:17

edo1969, beh! è stato pubblicato da tempo una foto della giovane Merkel con due amiche, completamente nude, sulla spiaggia-

Tuthankamon

Lun, 30/03/2015 - 11:44

In alcuni dialetti si dice che "la meraviglia si attacca". Certo noi abbiamo abbiamo avuto uno scemo allevato dalla camorra come capitano di lungo corso, ma loro hanno certificato un pazzo per portare in giro migliaia di passeggeri ...! Alla faccia dei sorrisetti di Angela!!

Tuthankamon

Lun, 30/03/2015 - 11:49

Quando poi un settimanale a tiratura nazionale, fa delle affermazioni offensive, seppur vere per quel singolo capitano di lungo corso, e le generalizza, qualcuno che non abbia la memoria corta (come molti di noi), potrebbe ricordargli i passati exploit di alcuni comandanti di aerei o navi di linea, tra gli altri tedeschi o inglesi!! La chiudo qui che è meglio e concordo che è inutile continuare su questa solfa!

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 30/03/2015 - 11:52

stock47 non cadere per "sbaglio" nella scialuppa per esempio..mentre molte altre per i passeggeri erano inservibili o inutilizzabili, facendo salire a bordo della scialuppa chiunque PRIMA DI LUI..anche l'ultimo degli inservienti..LUI HA ABBANDONATO LA NAVE PUNTO, questa è la vergogna..

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 30/03/2015 - 11:53

ergo state lontani da islamici e tedeschi..potrebbero avere giubini esplosivi..eh eh

lorenzo464

Lun, 30/03/2015 - 12:07

non capisco chi si indigna per l'articolo di Sallusti: chiaro, nessuno pensa (nemmeno Sallusti, credo) che Lubitz sia rappresentativo del tedesco medio, ma visto che in Germania si è fatto passare il ciltrone e vigliacco Schettino come italiano medio, qui si può fare passare il depresso, sadico e criminale Lubitz come il tedesco medio..oltretutto la storia conferma di sicuro più la seconda teoria...

Tiz

Lun, 30/03/2015 - 12:12

Articolo decisamente infantile...

lorenzo464

Lun, 30/03/2015 - 12:16

Fantastico franco_DE! Era un depresso considerato un ammalato, e, geni, era idoneo a pilotare un aereo...

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 30/03/2015 - 12:21

seccatissimo ma insomma veniamo attaccati da tutti (sopratutto i su citati) pure dai solito "stupidini" esterofili italioti come lei..e non possiamo farlo noi?? ma andate a quel paese i tedeschi, gli esterofili come lei ..

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 30/03/2015 - 12:24

ho seri dubbi che l'11 settembre i piloti non fossero "tedeschi" adesso oltre agli islamici dovremo stare attenti anche ai tedeschi...la Ferrari è "avvisata"

enzo1944

Lun, 30/03/2015 - 12:59

andrea626390,sei sempre stato e sempre sarai un povero piccio,incazzato e fuori di testa! Svegliati che è ora!!.....il mondo cambia sempre ed ogni giorno! Svegliati!!

Ritratto di stock47

stock47

Lun, 30/03/2015 - 15:33

rapax, non ho chiesto il come è sceso dalla nave ma cosa avrebbe dovuto fare, secondo te, nella situazione in cui si trovava e, visto che ci sei, spiega anche cosa avrebbe dovuto fare il capo pilota per entrare in quella cabina. Schettino è riuscito a salvare tutti i suoi passeggeri, compreso se stesso, quel capo pilota non è stato capace di salvare i suoi passeggeri e nemmeno sè stesso. Italia batte Germania 4200 a 150.

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 30/03/2015 - 19:10

Schettino ha abbandonato la nave con ancora molti passeggeri in pericolo DOVEVA STARE A BORDO, punto, anche dopo evventuale manovra di "sicurezza" quella scialuppa la doveva lasciare ad altri, la questione della germania l'ho specificata sopra..ai tedeschi come agli islamici non gli si deve far pilotare nessun aereo..distinguo le due cose.

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 30/03/2015 - 19:13

stock47 le dirò di più a me non incanta manco la capitaneria e quel "aczzo salga a bordo" detto in un ufficio al caldo..facile fare gli irreprensibili così, la capitaneria si è fatta "bella" a disgrazia fatta, dove stava prima quando gli inchini erano la norma??? ma non difenda l'indifendibile, sull'abbandono di un comandante della nave dove stavano ancora parecchi viaggiatori impauriti.