Accuse firmate Di Matteo Il pm che aspira a fare il ministro grillino

Il nuovo filone aperto su input del magistrato palermitano. Con un triplo obiettivo sul Cav

Quando un magistrato - e Nino Di Matteo è il magistrato antimafia più famoso d'Italia - si schiera a favore di un partito, che è il M5S, si espone al sospetto che i suoi atti giudiziari non siano imparziali. Ecco perchè oggi che Silvio Berlusconi si ritrova indagato per le stragi mafiose dalla Procura di Firenze, su input del pm di Palermo, quel sospetto è legittimo. Anche per la tempistica.

Che il leader di Forza Italia sia un avversario temibile per Grillo & company è evidente e la notizia arriva alla vigilia del suo arrivo in Sicilia, per le elezioni regionali di domenica in cui si fronteggiano il candidato governatore del centrodestra Nello Musumeci e quello del M5S Giancarlo Cancelleri. Elezioni che avranno una forte ricaduta sul voto nazionale di primavera e prima di allora potrebbe arrivare la sentenza di Strasburgo sulla candidabilità di Berlusconi.

Su tutto questo peserà la nuova inchiesta. E Di Matteo, pm del processo sulla Trattativa Stato-mafia che ha colpito anche il Quirinale, ha espresso le sue simpatie per i 5Stelle, lodandone il codice etico e partecipando con il collega Piercamillo Davigo ad incontri pubblici, è stato indicato come futuro ministro dell'Interno di un governo grillino e gli sarebbe stata offerta anche la candidatura a governatore in Sicilia. Al convegno del M5S sulla giustizia a Montecitorio di fine maggio, disse che non lo «scandalizzava» l'impegno politico di un pm, solo che doveva essere una scelta «definitiva». Senza smentire la sua disponibilità per il Viminale.

Ecco allora che il fatto che Di Matteo abbia sollecitato i colleghi fiorentini per l'apertura di una nuova inchiesta, per riproporre le accuse contro il Cavaliere archiviate nel 2011, ha il suo peso. A settembre, alla commissione parlamentare Antimafia, aveva detto proprio questo: che il processo sulla Trattativa non bastava più e bisognava andare oltre, partendo appunto dalle frasi intercettate del boss mafioso Giuseppe Graviano. Frasi che per i pm indicherebbero in Berlusconi il «mandante» delle stragi del 1992-1993.

Ora il suo desiderio di riaprire la partita giudiziaria contro il Cav è stato esaudito, ma il sospetto che tutto rientri una strategia politica, come evitarlo? Di Matteo, sotto scorta dal 1993, è ora sostituto alla Direzione nazionale antimafia, ma concluderà il processo di Palermo, ereditato dall'altra toga passata (senza successo) alla politica, Antonino Ingroia e il 14 dicembre pronuncerà la sua requisitoria. Ha più di 100 cittadinanze onorarie, anche quella consegnatagli dalla sindaca grillina di Roma Virginia Raggi. E il suo futuro, giurano in tanti, sarà in politica. Avrà messo in conto le accuse, pronto ad appuntarsele sul petto come medaglie. «Come sempre da oltre 20 anni, a ridosso di una competizione elettorale, a pochi mesi dalle elezioni nazionali e nel giorno in cui Berlusconi sarà in Sicilia, è stata pubblicata la notizia di una nuova indagine nei suoi confronti», protesta il senatore-avvocato di Fi Niccolò Ghedini, chiedendo al Guardasigilli Orlando di indagare sulla fuga di notizie. «Ridicolo indagare Berlusconi per le stragi di mafia», dice il leader della Lega Matteo Salvini. «Altra campagna elettorale, altra indagine su Berlusconi», fa eco la presidente di Fdi Giorgia Meloni.

Commenti

Albius50

Mer, 01/11/2017 - 09:34

Io ho sempre votato e se x assurdo non trovo nelle scelte i miei partiti di riferimento voterei come ultima spiaggia e a malincuore PD, mai M5S.

tonipier

Mer, 01/11/2017 - 10:28

" ALCUNI DI QUESTI SONO TELECOMANDATI DA COMPAGNI VERI" Non solo Berlusconi....ma anche poveri cittadini martoriati da un sistema di padronanza in assoluto........ Due sono le specie di errori in cui il giudice può incorrere: gli errori dovuti ad incapacità, a neglicenza, a svista, riconducibili alla categoria giuridica subiettiva del genere colpa; gli errori preordinati, commessi di proposito, alimentati dall'intento di eludere il dovere di imparzialità nell'assolvimento della funzione giurisdizionale, integranti la categoria giuridica subiettiva del genere " DOLO".

Giovanmario

Mer, 01/11/2017 - 11:19

ahi.. ahi.. ahi!!.. povero di matteo.. che scherzi gioca l'età (o la sfrenata cupidigia).. e quindi secondo questo integerrimo magistrato berlusconi il 14 maggio del '93 avrebbe ordinato alla mafia di bombardare maurizio costanzo e la moglie.. perchè? per cosa? forse per non pagargli una eventuale buonuscita da mediaset?? o forse per convincerlo a rottamare la vecchia mercedes??.. è che ormai.. è anziano.. perchè in agricoltura due braccia (più quelle della scorta).. farebbero sempre comodo..

SAMING

Mer, 01/11/2017 - 11:20

AD ABIUS 50. Carissimo, dici che, come ultima spiaggia, voteresti a malincuore PD, cioè il partito che è l'origine e la continuazione di ogni male dell' Italia. Se è nato il stelle lo dobbiamo al PD, se il debito pubblico aumenta lo dobbiamo al PD, se le tasse opprimono lo dobbiamo al PD,se l' economia è fiacca lo dobbiamo al PD, se siamo invasi dai barbari lo dobbiamo al PD, insomma, dimmi una cosa buona che il PD abbia fatto per l'Italia. Mi allargo e ti faccio un' altra domanda: nominami uno stato che, governato dalla sinistra sia prospero. Puoi cercare quanto vuoi, non ce n'è anzi, ti dirò di più, se qualche stato era prospero, caduto in mano alla sinistra è diventato povero ed in bancarotta. Allora se vuoi votare turati pure le narici e vota per qualsiasi ma non per PD che è la rovina in assoluto.

demetrio_tirinnante

Mer, 01/11/2017 - 11:35

Una buffonata, una volgare capsata, in cui non crede neppure chi gli rema contro di défault!

Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Mer, 01/11/2017 - 12:01

Trattasi di fatti temporali preistorici. Questi potenti organismi istituzionali, orgogliosamente togati, riaprono un tale caso, trattato e ritrattato, semplicemente per un "sentito dire in carcere". L'incontinenza di questi prostatici appare stupefacente (ben per loro che la latrina non fosse occupata, se no povera toga). Questi comportamenti non sono commentabili, ben si presterebbero unicamente ad un pirotecnico corollario di male parole. Certo è che questo "novello apostolo" mi ricorda molto, per il modo d'incedere e per il vezzo di porsi con il profilo migliore quei due che in un modo o nell'altro sono accasati a Napoli.Ma cacciateli via tutti: serietà, serietà, serietà ..... la mancanza di serietà va assunta a reato!

agosvac

Mer, 01/11/2017 - 12:20

Che c'è da dire? Se di matteo diventa il Pm antimafia più famoso prendendo il posto di magistrati della levatura di Falcone e Borsellino, allora , realmente, la magistratura italiana è caduta "molto, ma molto" in basso!!! La chicca sulla torta???: lo stesso di matteo parteggia per i grillini!!!!! Non mi risulta che Falcone o Borsellino abbiano mai "parteggiato " per un partito politico. Avranno , forse, avuto simpatie, ma mai un coinvolgimento esplicito che, si sa, è contro la Costituzione!!!

Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Mer, 01/11/2017 - 12:25

Ma quella li è tutta scorta? Quella sarebbe la scorta per gli spostamenti a piedi in centro città? Mi sovvengo alla mente i grandi eroi del passato come il Generale Dalla Chiesa, Falcone, Borsellino, le loro scorte erano un simil proforma perchè ben sapevano che quando la mafia decide di uccidere non c'è scorta che tenga. Da persone intelligenti, oltre che estremamente riservate, vivevano la loro missione ben sapendo che la morte era scritta nel loro destino, poichè la loro lotta alla mafia era ad oltranza. L' Italia genera purtroppo tanti miserabili opportunisti smodatamente ambiziosi ma genera anche meravigliosi eroi.

emilio ceriani

Mer, 01/11/2017 - 12:32

E pensare che nelle aule dei Palazzi di Giustizia campeggia la scritta: "La legge è uguale per tutti" ...

nonnoaldo

Mer, 01/11/2017 - 12:33

A forza di vivere in contesti mafiosi capita che se ne assimilino cultura e metodi.

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 01/11/2017 - 12:33

---il gioco è vecchio come il cucco--oggi si tenta di screditare e di isolare di matteo come ieri fu fatto per falcone--basta conoscere la biografia di di matteo e delle cose da lui fatte per riconoscere in lui uno dei duri e puri--come falcone e borsellino--spero che vada avanti con coraggio e colmi quell'ultimo step che i due giudici icona sacrificatisi per lo stato non riuscirono a portare a termine

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Mer, 01/11/2017 - 12:45

Questo perché non abbiamo un Presidente decente eletto dal Popolo inquanto presidente del CSM doveva intervenire quando è evidente Giustialismo, ma il Pd con il grande Vecchio Comunista Napolitano eccovi lo sfacelo del giusto Processo ed come sono i fatti perché Mattarella é miope e non chiede lumi alla Procura di cose stravecchie del '93 allora riapra il caso Napolitano del '56? Forse non meritavano la fucilazione per alto Tradimento in favore dell'URSS? Sicuro che la Giustizia é uguale per tutti?

Libero 38

Mer, 01/11/2017 - 12:51

L'accozzaglia PDiota-komunista non cambia mai.E' il cancro che uccide gli italiani.Con la complicita' della stampa e giustizia sinistroide cercano di vincere le prossime elezioni.

Albius50

Mer, 01/11/2017 - 13:38

X SAMING ricordatelo bene alle elezioni comunali di Milano VI SIETE TURATI IL NASO perché siete VIGLIACCHI ecco perché voterei PD come ultima spiaggia.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mer, 01/11/2017 - 14:03

Ecco spiegato l'arcano.

frabelli1

Mer, 01/11/2017 - 14:11

Non ci credo. Non ci posso credere. Ecco che i PM tornano alla carica perché Berlusconi torna in politica. Ma ci sono ancora italiani che creeranno a queste pagliacciate? BASTA, viene voglia di gridare, sei vergognosi, per voi la "Verità" non esiste, la costruite secondo le vostre fantasie.

Ritratto di comunistialmuro

comunistialmuro

Mer, 01/11/2017 - 14:31

Mi spiace,ma non sono d'accordo,se non era Di Matteo sarebbe stato qualcun'altro;il problema e' che bastano le chiacchiere di un delinquente qualsiasi per finire sotto processo e restarci per una decina d'anni e la cosa non riguarda solo Berlusconi,ma tutti gli italiani. L'unica analogia storica con l'attuale sistema giudiziario italiano e' l'inquisizione spagnola,ma possiamo ritenerci fortunati,alla fine del cosidetto "processo",non si viene piu' bruciati vivi;almeno per ora.

lavieenrose

Mer, 01/11/2017 - 14:44

elkid per favore si chiarisca la differenza tra eroe e pagliaccio

m.nanni

Mer, 01/11/2017 - 15:52

denuncia per abuso di potere a questi magistrati sfrontati, con risarcimenti miliardari per lo spietato stalking nei confronti di Berlusconi. ma i deputati di FI e del cdx tutto, che fanno, non s'incazzano?

VittorioMar

Mer, 01/11/2017 - 16:14

....CI PENSERANNO QUELLI DI MPD E LORO SIMPATIZZANTI A "REGOLARE" LE AZIONI DEL M5S !!...C'E' UNA FOLLA CHE SI STA POSIZIONANDO : LE VECCHIE GLORIE CONTRO I GIOVANI SCAPESTRATI !!...COME UNA PARTITA DI CALCIO : SCAPOLI V/S AMMOGLIATI !!

Triatec

Mer, 01/11/2017 - 17:11

elkid @ Sinceramente più che un erede di Falcone e Borsellino, Di Matteo sembra un emulo di Ingroia, stessa passione e stesso accanimento contro Berlusconi. Come Ingroia aveva Ciancimino, anche Di Matteo ha il suo pentito, quel galantuomo di Graviano. Sicuramente le intercettazioni telefoniche tra Napolitano e Mancino furono fatte distruggere per salvaguardare Berlusconi. Vero elkid?

PEPPINO255

Mer, 01/11/2017 - 17:15

MI PIACEREBBE TANTO VEDERE DI MATTEO QUERELARE IL GIORNALE PER DIFFAMAZIONE....!!!

Ritratto di elkid

Anonimo (non verificato)

pioma2

Mer, 01/11/2017 - 17:31

questo gesto mi riporterà a rivotare berlusconi ora bastaaaaaaaaaaaaa con questi personaggi non mi piace la autonomia della magistratura debbono sottostare alle leggi come tutti noi comuni mortali ed è inutile che si rifugiano in quella norma che gli consente di fare tutto quello che vogliono e restare impuniti , troppi magistrati si sono venduti alla sinistra debbono andare processate e mandate in galeraaaaaaaaaaa

Ritratto di enzo33

enzo33

Mer, 01/11/2017 - 17:40

Caro Silvio, non so se vi siano i presupposti (ci sarebbero tutti per conto mio) di fare una querela a questi magistrati balordi, e chiedere danni per non meno di 20 milioni di Euro da spalmare sulle social- -card. Che ne pensi? Con tanta stima. Enzo33

Alessio2012

Mer, 01/11/2017 - 17:42

Se pensiamo che un altro Di Matteo è stato quello che ha fornito il tritolo per uccidere Falcone...

maurizio50

Mer, 01/11/2017 - 17:59

Un tempo si diceva che la vergogna italiana erano i Sindacati. Ora la vergogna italiana è rappresentata dalla magistratura che fa politica; la fa da una posizione di privilegio, per cui traccia le linee guida e poi lascia che siano emerite nullità, in questo caso m5S e soci, a realizzarle. La fa senza responsabilità, perchè nessuno dà mai la colpa ai giudici per quanto avviene, perchè le colpe sono solo dei politici. La fa senza incarico di nessuno perchè nessuno ha mai incaricato i giudici di fare politica, anche se poi i giudici la fanno senza renderne conto a nessuno!!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 01/11/2017 - 18:29

Ma pensano di sostenere una simile fanfaronata? O si mettono la coda fra le gambe, come in tutti gli attacchi precedenti?

emilio ceriani

Mer, 01/11/2017 - 21:07

elkid: Non c'è bisogno di screditare nessuno. Fanno tutto da soli.

Giovanmario

Mer, 01/11/2017 - 21:25

PEPPINO255.. anche a me.. per vederlo perdere..

lawless

Gio, 02/11/2017 - 04:26

finchè ai pm non sarà vietato fare politica non potranno essere mai al di sopra di tutti e di tutto, mai e poi mai potrà essere credibile, per un cittadino onesto, ciò che si legge nelle aule dei tribunali: "la legge è uguale per tutti". Il disastro delle nostra giustizia sta proprio nel fatto che chi amministra la legge in massima parte lo fa per secondi fini, per ideologia e per interessi personali che nulla hanno a che vedere con la tutela del cittadino. Sono 222 gli ex magistrati che in qualche modo ruotano intorno al nostro governo, non so se ho reso l'idea!

27Adriano

Gio, 02/11/2017 - 08:01

...sotto sotto c'è una certa regia.. Come si chiamerà il regista rosso? E come si chiama la mafia di cui fa parte il regista rosso? Chi sono gli alleati, o meglio, kompagni del regista?

Ritratto di enzo33

enzo33

Gio, 02/11/2017 - 08:31

Basta con lo strapotere dei magistrati, e vadano in galera come tutta la povera gente quelli corrotti, e non agli arresti domiciliari per "malattia"