Agenzie di spionaggio estere dietro al traffico dei segreti

Nel mirino dati di politica, finanza, banche, massoneria. Legami con Buzzi (Mafia Capitale). Indagato poliziotto

Potrebbero esserci altri soggetti, persino internazionali, dietro a Giulio e Francesca Maria Occhionero, i due fratelli accusati di procacciamento di «notizie concernenti la sicurezza dello Stato, accesso abusivo al sistema informatico aggravato e intercettazione illecita di comunicazioni informatiche e telematiche», arrestati ieri mattina a Roma dagli uomini della polizia postale.

Le indagini hanno preso il via nel marzo 2016. È stato Francesco Di Maio, addetto alla sicurezza di Enav, l'ente di controllo che si occupa del traffico aereo, a nutrire sospetti dopo l'arrivo di una mail spedita dalla casella di posta elettronica del professor Ernesto Staiano, un romano che mai aveva lavorato con l'ente. A quanto pare, il pc che aveva inviato la mail faceva parte di un nodo di uscita «della rete di anonimazione Tor», che racchiudeva vari indirizzi di studi della Capitale e che veicolava attraverso il pishing. Il messaggio era stato aperto e il virus al suo interno, ovviamente inserito dagli Occhionero, ossia il malware «EyePyramid», aveva infettato la rete aziendale e il contenuto di tutti i computer a essa collegato era stato copiato su un server negli Stati Uniti. I due fratelli, a quel punto, potevano vedere che cosa i dipendenti di Enav scrivevano sui loro pc.

Un vero e proprio lavoro di spionaggio alla Wikileaks, insomma. Roba da fuoriclasse del cyber crimen, gente che, attraverso questi traffici illeciti, riusciva a raccogliere materiale in quantità enorme. Si parla di un lavoro, attuato dal 2011 al 2016, che ha portato all'hackeraggio di 18.327 computer e alla scoperta di 1.793 password. Appare strano che due persone totalmente sconosciute nel mondo degli hacker avessero così tante capacità. Così strano che si pensa che, in realtà, non siano che un «paravento», la punta dell'iceberg di un'organizzazione più complessa, che opererebbe col fine di detenere il potere, di guidare l'andamento economico internazionale e avere vantaggi per i suoi appartenenti. Se fosse così saremmo di fronte a uno dei più grossi intrighi mai scoperti. Le informazioni recuperate fanno infatti pensare a possibili contatti con agenzie di spionaggio estere che avrebbero potuto acquistare dagli Occhionero, sborsando laute cifre, informazioni e anche «notizie concernenti la sicurezza dello Stato». Ecco perché si cerca di risalire, anche con l'aiuto dell'Fbi, a eventuali conti correnti dei due aperti fuori dall'Italia.

Tenuti sotto controllo sono anche i progetti negli anni proposti dall'ingegnere hacker. Su uno dei server usati dai due, è stata recuperata la cartella «Tabu», con informazioni sull'Autorità portuale di Taranto. Gli Occhionero «avrebbero fornito consulenza per un'operazione commerciale per costruire infrastrutture nel porto pugliese al governo Usa». Ma c'è un altro punto, che questa volta riguarda il sistema bancario. L'ingegnere avrebbe fornito a Monte dei Paschi di Siena «la sua metodologia di trading giornaliero implementando un'apposita linea dedicata ai clienti high-net-worth». Si studia pertanto per risalire a eventuali hackeraggi anche in questo settore. Infine, Occhionero è membro della loggia «Paolo Ungari - Nicola Ricciotti Pensiero e Azione» di Roma, nella quale, in passato, ha ricoperto il ruolo di maestro venerabile e che fa parte del Grande Oriente d'Italia, il cui gran maestro è il senese Stefano Bisi, anche lui elencato tra gli spiati dei due fratelli. Una ossessione, quella dell'uomo arrestato, per le informazioni legate ai membri della massoneria.

Peraltro, c'è un collegamento con l'inchiesta P4, visto che gli inquirenti sono risaliti al fatto che tutti i dati raccolti, poi, finivano magicamente a quattro indirizzi già rilevati nel corso di questo secondo filone di indagine. Come si ricorderà, la P4 avrebbe avuto «l'obiettivo di gestire e manipolare le informazioni segrete o coperte da segreto istruttorio, oltre che di influenzare gare d'appalto», anche di alto livello.

Ma non è tutto, perché i due Occhionero hanno strane connessioni anche con la Rogest srl, di cui Giulio era consigliere e Maria Francesca presidente, la società gemella della cooperativa 29 giugno, al centro degli scandali di Mafia Capitale. L'amministratore unico della Rogest è Carlo Maria Guarany, braccio destro di Salvatore Buzzi.

A che puntavano l'ingegnere e la sorella? Ovviamente a tenere sotto controllo tutto il sistema di potere italiano, per trarne benefici o farli avere a un «gruppo di soggetti al servizio di interessi oscuri e illeciti». Insomma, collegamenti che potrebbero portare a sorprese non di poco conto. Intanto c'è un poliziotto indagato per favoreggiamento.

Sistema politico, finanziario, bancario e massonico sotto la lente di ingrandimento: ossia i poteri forti, quelli che guidano un Paese e la sua economia. La Westland securities, fondata proprio dai due fratelli Occhionero, sarebbe collegata a una società offshore, la Homeric Ltd con sede nei Caraibi inglesi, una multinazionale che, si dice, avrebbe dietro Giorgios Karatzaferis, capo dei populisti greci. Una pista, come altre, che gli investigatori seguono per risalire a chi fosse dietro ai due romani e sciogliere il nodo di una matassa fin troppo complicata.

Commenti

diesonne

Mer, 11/01/2017 - 08:44

dieonne han ragione il presidente trump.non fidatevi delle mail affidatesi ai corrieri.più progresso più malessere e delinquenza criminale-porre rimedio radicale al falso progresso

Ritratto di orione1950

orione1950

Mer, 11/01/2017 - 08:55

E poi dicono che i poteri forti sono l'ossessione del popolino. Chi sa se quest'indagine arriverà mai alla fine; ho i miei dubbi.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 11/01/2017 - 09:09

Dati su supporti americani.... primo elemento essenziale. 2) il Nobel per la Guerra farà di tutto per gettare fango sulla Russia.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 11/01/2017 - 09:14

Nulla di nuovo sotto il sole: è da quando hanno iniziato la favola di internet e tecnologie correlate che sono sorti come funghi i sistemi di "copia incolla e divulga" di tutti gli affari degli altri. Volevate l'auto ultra accessoriata ... spingetevela.

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 11/01/2017 - 09:16

guardate bene a che punto sta arrivando la curiosità di Putin! oramai si interessa anche dei pettegolezzi italiani e dire pettegolezzi è poca cosda dato che sicuramente Monti non è certo capace di niente di più!

cesar

Mer, 11/01/2017 - 09:38

se c'è qualche giornalista fra di voi , non vi sembra che dovrebbe chiedersi il motivo per il quale è stato rimosso rapidamente il responsabile della polizia postale ? è vero che fra i poliziotti non ci sono dei fenomeni ma anche se tardivamente hanno svolto il loro lavoro con dei risultati... sarebbe bello che qualcuno seguisse per un po le sorti di questo poliziotto per capire se è stato promosso o trombato ecc.

mauro.t

Mer, 11/01/2017 - 09:50

Fa sorridere questa storia. Intanto cominciamo a capire quale era il contenuto delle mail spedite, perche' siano state aperte da computer in reti importanti, perche' non ci fossero sicurezze sulle sulle reti e sui server di posta. Poi si puo' parlare di attacco hacker ad altissimo livello o, come credo che sia, circonvenzione di incapace.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 11/01/2017 - 09:58

noi guardiamo questi, chissà gli ISIS cosa ne combinano, che rete hanno installato in Europa.

Luigi Farinelli

Mer, 11/01/2017 - 10:13

x gpl_srl@yahoo.it: Complimenti! Lei è già arrivato a capire tutto: C'è Putin dietro tutto questo! Perché non si mette in contatto con gli inquirenti visto che lei è già qualche passo avanti rispetto a loro. Gli inquirenti, poverini, non possiedono la sua capacità deduttiva e la sua lungimiranza!

Ritratto di Azo

Azo

Mer, 11/01/2017 - 10:16

Forse, sarebbe meglio che la stampa, rendesse noto ciò che è stato trovato, sui segreti, che questa gente nasconde, con molta probabilità, renderebbe questa gente stessa più umile e meno arrogante!!! L`ARROGANZA, e il POTERE, """il virus che l`ALTA CLASSE SOCIALE ITALIANA hà intaccato nei massimi termini"""!!!

Dordolio

Mer, 11/01/2017 - 10:20

Io sono un nessuno. E non penso di avere un qualche interesse per chicchessia. Ma mi appoggio ad un servizio antispam indipendente (a pagamento) che mi filtra tutto. E non scarico nulla: leggo solo il testo PRIMA sul server dell'antispam, dove resta con annessi e connessi. E per questo spendo pochi spiccioli. Per carità, volendomi controllare saprebbero benissimo come farlo. Ma che strutture delicate aprano email "ad penis canem" come si dice non lo posso credere. Ce la vogliono vendere così, ma o c'è dell'altro o certa gente di fronte ai monitor andrebbe cacciata prima di subito. E che vada a pulire i pavimenti.

nalegior63

Mer, 11/01/2017 - 10:47

CHE COSA E IL GRANDE FRATELLO ? IL CUGINO PICCOLO ?

no_balls

Mer, 11/01/2017 - 10:51

intanto l'fbi una bella copia dei dati archiviati se la sara' fatta o no???? e con tutta quella mole di dati "interessanti" quanti procedimenti giudiziari saranno aperti ??? e chi sara' incaricato di Trattare quei dati ???? gia' la prima testa e' stata tagliata.... ora ne saltano altri... e saranno avvicendati da uomini di fiducia... non si sa ma mai che qualche informazione venga fuori

no_balls

Mer, 11/01/2017 - 10:59

lo hanno rimosso secondo me perche' qualche soggetto spiato e' venuto a conoscenza delle indagini soltanto ora..... e stara' ripensando alle mail..foto...e le chat avute con l'amante negli ultimi 2 anni... ed e' particolarmente innervosito. In effetti bisognava rendere pubblica l'indagine... secondo loro.

sale.nero

Mer, 11/01/2017 - 11:11

Ma dove pensiamo di andare con questi chiari di luna?! Altro che ladri di polli, qui si domina, si condiziona, si gestisce a soggetto e poi ci incazziamo quando ritenaiamo che i nostri politici non sono in grado di governare ... qui si muove tutto a tema ... ecccheeeè cupola abbiamo sopra di noi!!! "Lasciate ogne speranza, voi ch'intrate ..." e che sia Caronte a traghettarvi e non un angelo nocchiero

blackbird

Mer, 11/01/2017 - 11:34

@mauro.t: E' dagli spiragli che entra l'uragano. Scerzi a parte, uno dei più sicuri sistemi operativi è stato hakerato in pochi minuti entrando attraverso il programma di posta. L'importante non è ciò che riesci a vedere, ma entrare nel sistema altrui, specialmente se non adeguatamente protetto. Poi si vedrà quali e quanti dati si riesce a carpire. Se servono o no...

VittorioMar

Mer, 11/01/2017 - 11:49

...anche da noi paga PUTIN!!

g-perri

Mer, 11/01/2017 - 12:03

Nessuno si aspetti scandali e rivelazioni. Sono stati semplicemente scoperti due agenti che agivano sotto copertura al soldo di chissà quale agenzia. Occorre essere consapevoli che ne esistono molti altri che restano operativi e fanno altrettanto, alcuni addirittura coperti da false identità. La moderna tecnologia consente questo ed altro.

Marcello.508

Mer, 11/01/2017 - 12:11

Sono curioso di vedere come andrà a finire questa faccenda (se veramente verrà e completamente alla luce o verrà "edulcorata"), chi è al centro dello "snodo", tuttavia ricordo che la massoneria da oltre 200 anni ambisce sia al potere temporale che a quello spirituale. E non ha mai cambiato obbiettivo.