Altolà di De Magistris a Renzi: "Dialogo o sarai respinto"

Il sindaco di Napoli risponde al premier: "Se pensa di espropriare la nostra città, di mortificare la dignità di questo popolo e di mettere le mani sulla città, come già capitato anche ad altri, sarà respinto con fermezza e risolutezza"

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha annunciato che il 6 aprile sarà a Napoli per partecipare alla cabina di regia su Bagnoli. E ha reso noto che, a tal proposito, intende procedere "con o senza il Comune". Un vero e proprio guanto di sfida per il primo cittadino napoletano, che risponde a muso duro, attraverso un video. "Signor presidente del Consiglio - dice Luigi De Magistris - se lei pensa di venire a Napoli per riannodare il dialogo istituzionale saremo molto felici di accoglierla. Ma se pensa di espropriare la nostra città, di mortificare la dignità di questo popolo e di mettere le mani sulla città, come già capitato anche ad altri, sarà respinto con fermezza e risolutezza". De Magistris non ha per nulla gradito quanto dichiarato dal premier su Bagnoli e soprattutto l'idea del premier di "andare avanti con o senza il Comune".

"Se lei pensa di espropriare la nostra città o realizzare scempi come la Tav o il ponte sullo Stretto o le trivelle - aggiunge de Magistris - è bene che lei sappia che qui c'è un popolo che sa resistere alle prepotenze e ai soprusi. Questa città ha come elemento costitutivo la resistenza a ogni forma di violenza e occupazione, sa respingere le occupazioni militari, mafiose e istituzionali".

Leggendo le dichiarazioni di Renzi, spiega de Magistris, "pensavo ci potesse essere finalmente un sussulto di verità, che il Governo chiedesse scusa per il ritardo della bonifica. A Bagnoli c'è stato uno sperpero di denaro pubblico e un disastro ambientale, e i maggiori responsabili dello scempio appartengono al suo partito - prosegue de Magistris rivolgendosi al premier - come dimenticare quando Comune e Regione erano guidate da Bassolino, o la stagione che ci ha preceduto quando la Giunta comunale, della quale faceva parte come assessore la sua attuale candidata a sindaco Valente, non ebbe un sussulto di dignità per costituirsi parte civile nel processo per disastro ambientale".

De Magistris spiega anche di non essersi meravigliato "se tra i primi schierati dalla sua parte ci sia stato Lettieri, che lei venne a trovare di notte volando in elicottero come un pipistrello. Non mi meraviglia perché prima di noi questa città era trasversalmente amministrata da centrosinistra e centrodestra ed era molto forte la commistione tra politica e prenditori di soldi pubblici". Il Comune di Napoli, sottolinea il primo cittadino, "non ha fatto perdere tempo, in questi 5 anni abbiamo cercato di scrivere una pagina diversa con un piano nell'interesse della città. Voi dovevate fare la bonifica, che ancora non avete fatto, e forse vi siete mossi solo perché abbiamo avuto il coraggio di adottare un'ordinanza che prevede che chi ha inquinato paghi".

E a Napoli, conclude de Magistris, "funziona che ogni 5 anni si vota e il popolo elegge un sindaco, non funziona che si diventa presidente del Consiglio con una manovra di palazzo e si prova a governare facendo accordi con persone condannate in primo grado per corruzione. Se lei fa appello al dialogo istituzionale, non aspettavamo altro, vogliamo dialogare. Ma è impensabile costruire Bagnoli senza la città".

Annunci

Commenti
Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mar, 29/03/2016 - 16:52

....in questi 5 anni abbiamo cercato di scrivere una pagina diversa.....blablablablabla....... rempiendo la cittá di immondizia. Ma stai zitto buffone che di castronate ne hai fatte e dette.

aitanhouse

Mar, 29/03/2016 - 17:08

noi rispettiamo le opinioni di tutti per quanto riguarda la programmazione e le decisioni circa il futuro di una città,di una regione, del paese: basta solo che chi parla abbia avuto il consenso del popolo come prevedono le istituzioni. Chi non è passato attraverso le urne taccia o almeno si procuri prima un reale consenso popolare altrimenti in democrazia ciò si chiama DITTATURA.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 29/03/2016 - 17:17

A Napoli c'è un popolo che sa resistere alle prepotenze e ai soprusi......e che sa respingere le infiltrazioni mafiose etc etc. URCA una faccia tosta...MAGISTRALE.

Libertà75

Mar, 29/03/2016 - 18:13

Cosa centrino Tav, ponte sullo stretto o trivelle con Bagnoli, questo lo sa solo Gigino. Sul resto, bisogna dire che ha ragione. In effetti le responsabilità delle precedenti amministrazioni (nella maggior parte dei casi di csx) nel mangiamangia di soldi pubblici sono evidenti. Ma non chiedete al PD di rimborsare dei danni fatti... 5 banche svuotate e 0 centesimi recuperati.

giovanni PERINCIOLO

Mar, 29/03/2016 - 18:16

La lotta dei giganti : il bischero contro il buffone!

Ritratto di blackeagle

blackeagle

Mar, 29/03/2016 - 18:23

Su questo ed altri giornali patani, quando si parla di renzi, lo si fa solo per mettere in evidenza la sua nullità, quando invece renzi si occupa di Napoli allora è un buon rapresentante istituzionale!!! siete l'immagine dell'ipocrisia, siete l'immagine dell'itaglia nel mondo!

ziobeppe1951

Mer, 30/03/2016 - 01:55

Blackbigol...lungi da noi nel dire che il buffone è un buon rappresentante istituzionale, forse l'avrai letto sulla carta igienica de l'unità