Asili solo per bambini tedeschi. Polemica in Alto Adige: "È pulizia etnica"

La campagna del movimento secessionista: "Priorità per i bambini tedeschi negli asili tedeschi". Verdi all'attacco: "Prefazione di pulizia etnica"

Una nuova pesante campagna della Süd-Tiroler Freiheit sta dividendo l'Alto Adige. Nei giorni scorsi gli indipendentisti della provincia autonoma di Bolzano hanno affisso un manifesto a dir poco provocatorio per sponsorizzare gli asili solo per bambini tedeschi. I Verdi lo hanno subito catalogato come "una prefazione di pulizia etnica".

Il tema della presenza di bambini non di madrelingua tedesca che frequentano asili tedeschi è ritornato in auge nelle ultime settimane. I cartelloni, che sono stati affissi soprattutto negli spazi appositi alle fermate degli autobus, raffigura un bambino con una penna in mano e la scritta: "Priorità per i bambini tedeschi negli asili tedeschi". Ovviamente, lo slogan è in lingua tedesca. Per il movimento secessionista sudtirolese, che punta alla separazione dell'Alto Adige dall'Italia, si tratta di un diritto fondamentale della popolazione di lingua tedesca in Sud Tirolo, mentre per i Verdi altoatesini non è altro che "pulizia linguistica".

In sei asili tedeschi a Bolzano, secondo i dati forniti dalla Süd-Tiroler Freiheit in conferenza stampa, più del 50% dei bambini non è di madrelingua tedesca. In un asilo di Merano si arriva al 70%. Recentemente mamme e papà sono stati sottoposti a colloqui per testare il loro livello di conoscenza del tedesco e, poi, invitati a iscriversi a corsi di seconda lingua e a non iscrivere i figli alla materna tedesca. Anche la giunta provinciale aveva deciso di centralizzare le iscrizioni alle scuole materne per "impedire o limitare l'affollamento da parte di bambini non tedeschi". "Solo il 10% dei bambini di madrelingua tedesca è iscritto agli asili tedeschi perché i posti sono occupati da stranieri e italiani", commenta il leader del movimento popolare Sven Knoll ricordando che "la lingua tedesca è un diritto fondamentale per chi è di madrelingua".

Commenti

dagoleo

Mer, 02/05/2018 - 10:00

Però riconosco il loro diritto di difendere la loro origine e la loro identità. In Francia l'identità italiana della Provenza negli anni è stata totalmente cancellata. Si è salvata solo la Corsica, che ha saputo mantenere la sua lingua e le sue origini, grazie al carattere orgoglioso ed all'occorrenza anche molto deciso dei Corsi. Nell'ultimo tour del france passato dalla Corsica non si vedeva una bandiera francese, solo bandiere corse. Se non faranno così in pochi anni, tra italiani e islamici, saranno cancellati. Un tempo li avrei criticati, oggi invece li capisco e molto.

beowulfagate

Mer, 02/05/2018 - 10:02

Mi sembra giusto che i bambini italiani non siano costretti a mescolarsi con questi crucchi di serie D;e dovrebbe valere nei confronti di tutte le altre etnìe nel resto del paese.

routier

Mer, 02/05/2018 - 10:07

La dissennata e demenziale politica immigratoria (specialmente nero/magrebina) porta a queste esagerate forme di "difesa" etnica degli autoctoni. E' sempre bene ricordare la terza legge della dinamica: "Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria".

chebarba

Mer, 02/05/2018 - 10:09

E' appena il caso di ricordare che siamo in Italia e non in Austria, ma la lingua che costoro parlano non è tedesco, bensì un dialetto alpino, che la mia vicina, tedesca di Gottinga (famosa per la sua Università) non capisce, in quanto non è tedesco!!!!!!

Trinky

Mer, 02/05/2018 - 10:11

Ma quelle 2 associazioni a delinquere che stanno rompendo con le denunce di razzismo, ultima quella al Comune di Lodi, perchè quando riguarda tutto quello legato al PD fingono di non accorgersene?

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Mer, 02/05/2018 - 10:12

Embeh... ! Dove sarebbe lo scandalo ?

steacanessa

Mer, 02/05/2018 - 10:12

E continuano a prenderci per i fondelli, dentro e fuori casa.

cecco61

Mer, 02/05/2018 - 10:23

Buffo paese l'Italia. Le tradizioni autoctone del nord e degli italiani in generale, difese dalla Lega che chiede semplicemente parità di trattamento in ottemperanza dei principi costituzionali, sono sinonimo di razzismo per il PD e la sinistra intera. Le stesse, vantate da meridionali e altoatesini, per non parlare di immigrati vari, sempre con l'avallo di PD e sinistra, sono la giusta difesa delle tradizioni, meritevoli di tutela e di interpretazioni superfavorevoli delle Leggi e, spesso, giustificazione a delinquere che deve quindi essere non condannabile.

Ritratto di mircea69

mircea69

Mer, 02/05/2018 - 10:25

La scuola uguale per tutti discende dal falso assioma di egalitarismo dei rossi. In realtà i bambini sono diversi l'uno dall'altro (per lingua, capacità, impegno, interessi, ecc). Non a tutti si applicano gli stessi metodi didattici, è giusto e vantaggioso per tutti segregare.

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 02/05/2018 - 10:41

Tagliategli i finanziamenti. Tornano subito a cuccia. Però se vale questo assunto nel resto d'itaglia primai bimbi italiani poi gli immigrati.

claudio faleri

Mer, 02/05/2018 - 10:54

fanno benissimo a salvagurdare quello che gli interessa al di là della solita retorica di regime sul razzismo e fascismo, ogni popolo pensi a se, l'ue ha creato una vomitevole miscela forzata di razze

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 02/05/2018 - 11:06

Hanno ragione. Solo noi continuiamo a non capire che se vogliamo salvarci dall'invasione bisogna adottare misure serie e radicali e smetterla di tentare di dialogare con chi opera solo per ragioni ideologiche. Nei commenti precedenti sono individuati due errori fondamentali della nostra società. @routier cita la famosa legge fisica che dice “Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria.”, che conoscono tutti, ma facciamo finta di ignorarla. Quando ci si stanca della prepotenza degli invasori si reagisce anche in maniera violenta. @ mircea69, invece stigmatizza un altro tragico errore dell’ideologia sinistra: il concetto di uguaglianza. Un errore che continua a creare danni enormi alla società umana, nel tentativo di creare una società di uguali in un mondo in cui l’uguaglianza non esiste, è solo un concetto astratto che nasce e muore nelle menti bacate dei marxisti.

Ritratto di Attila51

Attila51

Mer, 02/05/2018 - 11:34

FANNO BENE-

Massimom

Mer, 02/05/2018 - 11:42

Grazie al pd ed ai suoi alleati cattocomunisti presto scomparirà l'identità italiana in Alto Adige. Non ci si può aspettare altro dagli odiatori della nazione e del popolo, che rinnegano la patria ricordandosi dei "sacri confini" solo quando 4 doganieri francesi, un poco svelti di mano, controllano in territorio italiano un presunto spacciatore africano.

Ritratto di Grifona

Grifona

Mer, 02/05/2018 - 11:47

Mandate l'esercito. Questa è terra Italiana.

ginobernard

Mer, 02/05/2018 - 11:52

"Buffo paese l'Italia" certo ... speriamo solo che dalla commedia non si passi alla tragedia. Ci sono tutti i presupposti purtroppo. Una invasione di questa quantità e soprattutto qualità metterà a dura prova la tenuta civile di questo paese. Speriamo bene.

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 02/05/2018 - 12:03

jawohl,per pikkoli macaroni pardon itagliani, costruiremo asili moolto più caldi perché più freddolosi,jaaa??

Altoviti

Mer, 02/05/2018 - 12:19

L'alto-adige è Italia, sono loro ad essere venuti ad installarsi dopo. La Germania è abbastanza grande, se voglio essere tedeschi rim

Fjr

Mer, 02/05/2018 - 12:30

Tedeschi solo perché parlano e pure male il tedesco allora quelli che parlano fluentemente 4 o 5 lingue li facciamo cittadini del mondo?forse sarebbe meglio , gli altoatesini o sud Tiroler o come accidenti vogliono autodefinirsi non sono austriaci ,infatti gli austriaci da sempre sappiamo come li considerano, e sono italiani a ritmo alternato ,giusto per precisare siete italiani su suolo italiano la frontiera è parecchio più in la’ quindi Rassegnatevi

DRAGONI

Mer, 02/05/2018 - 12:35

NON RISPETTANO I NOSTRI MORTI DELLA 1^GUERRA MONDIALE!

jaguar

Mer, 02/05/2018 - 12:52

Hanno il passo del Brennero a pochi km, possono anche accomodarsi in Austria e smetterla di rompere.

manson

Mer, 02/05/2018 - 12:56

d'altra parte in certe zone di Italia scuola e asilo sono piene di bimbetti che non parlano italiano, ritardano i programmi scolastici dei bambini italiani, costringono i bambini italiani a non poter celebrare festività religiose, a non mangiare certi cibi alla mensa e portano a scuola il loro cibo puzzolente e malsano. quindi è normale che la gente con cervello ci tenga a tutelare un minimo di identità culturale e storica

Ritratto di navajo

navajo

Mer, 02/05/2018 - 12:58

Carissimi c'è una bella differenza tra chi vuole giustissimamente difendersi da islamici e clandestini, e questi signori che non rifiutano, (anzi) i denari degli italiani, cioè i nostri, come regione a statuto speciale, facendo, a nostra differenza la bella vita proprio con quei denari, e poi ci sputano addosso.

ginobernard

Mer, 02/05/2018 - 13:04

se una comunità non li vuole perché forzarla a tutti i costi ad accoglierli ? c'è già Milano che prende tutti ... oppure ci sono tante città rette dal PD. Che mettano il soldi dove hanno la bocca. Che si cucchino loro la accoglienza che tanto vogliono.

Ritratto di jasper

jasper

Mer, 02/05/2018 - 13:15

Chi ha scritto l'aticolo non ha capito un cavolo. E' un dato di fatto che negli asili tedeschi in Alto Adige ci sono più bambini africani e musulmani che tedeschi. Chi parla di pulizia etnica è un idiota. Gli abitanti cercano solo di difendersi dall'invasione afro-medio-Orientale, cosa che dovrebbero fare in tutta Italia gli Italiani se non vogliono un giorno essere sopraffatti dagli invasori non Europei.

Ritratto di jasper

jasper

Mer, 02/05/2018 - 13:23

Anche in Alsazia ci sono quelli che dicono'Siamo in Francia e si deve parlare Francese', ma dimenticano che in Alsazia il grosso della popolazione è di lingua tedesca come in Alto Adige-Südtirol, dato che l'Asazia (Elsass-Lotringen) eil Südtirol furon occupati 'manu militari' da potenze vicine, ma nemiche (la Francia e l'Italia).

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mer, 02/05/2018 - 13:33

(2) In questi casi il governo centrale di Roma dovrebbe reagire in un solo modo: inviare l’esercito o le forze dell’ordine affinché si scateni una dura repressione. E quando si dice ‘dura repressione’ non è nel senso teorico o simbolico di un buffetto sulle guance. Inutile entrare nei dettagli. Comunque anche le continue rivendicazioni di costoro sono il segno inequivocabile del declino dell’Italia. Un paese nel pieno della sua forza, sia fisica che etica, non permetterebbe mai sconcezze simili.

Malacappa

Mer, 02/05/2018 - 13:38

Se sono asili con lingua tedesca e' giusto che vadano bambini che parlano tedesco se va mio figlio che parla italiano non capisce una mazza

Ritratto di venividi

venividi

Mer, 02/05/2018 - 13:59

Scusate una domandina: chi paga?

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Mer, 02/05/2018 - 14:15

Secondo la nostra Costituzione, tutti i cittadini italiani, in Italia, hanno gli stessi diritti e doveri. Se ci sono dei cittadini italiani che hanno avuto la cittadinanza austriaca, possono vantare diritti di poter iscrivere i loro figli in ...Austria.

Mannik

Mer, 02/05/2018 - 14:26

Altoviti, ma hai dormito quando a scuola hanno insegnato storia o cosa? Ammesso che a scuola tu ci sia andato.

Mannik

Mer, 02/05/2018 - 14:28

Jasper, anche lei non ha capito nulla di questa campagna. Il problema è linguistico e riguarda forse sei asili su 350 esistenti in Alto Adige, vada a informarsi prima di scrivere scemenze.

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Mer, 02/05/2018 - 14:34

@-Alsikar- Cosa intendi con "dura repressione"? Ti riferisci alle foibe in cui i titini hanno gettato migliaia di italiani? Il Sud Tirolo è terra loro, assegnato all'Italia da un ingiusto trattato di pace che se n'è altamente infischiato dei popoli e delle nazionalità, allo stesso modo come, 20 anni dopo, un altro trattato iniquo ha conseganto alla Jugoslavia terre che erano italiane de mille anni. Se i sudtirolesi hanno un torto è quello di essere incoerenti e di continuare a beccare soldi (italiani) da mamma Roma!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 02/05/2018 - 14:36

Beh credo che anche in vaticano funzioni così.Non ci sono cittadini stranieri ed è tutto recintato da mura,le stesse mura che il bergoglione vuole abbattere negli altri paesi.

cir

Mer, 02/05/2018 - 14:49

viva l' AUSTRIA , abbasso l' itaglia ...

FRATERRA

Mer, 02/05/2018 - 15:38

.....@gianniverde.....ottimo esempio......bravo.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 02/05/2018 - 15:38

dai un poco di liberta agli schiavi e ti troverai schiavizzato! è una legge di natura, mai allungare la catena che tiene fermo il piede.

Angelo664

Mer, 02/05/2018 - 15:39

Io in Alto Adige ci vado da anni a sciare, circa 25. Posso dire che tutto cio' che vedo la e' stato fatto bene e con rispetto, sono educati, puliti, vai negll'ospedale di Brunico e non ti sembra nemmeno di essere in Italia. Loro sono stati ceduti dall'Austria all'Italia alla fine della prima guerra mondiale e mai si sono sentiti Italiani. Col tempo frequentando quei posti ho capito anche perche' !! Dopo tanti anni nemmeno io vorrei essere Italiano, dopo aver compreso che la storia d'Italia e' costellata di tradimenti e voltagabbanismo, che siamo nati per un atto di brigantismo quale era Garibaldi e tutti i suoi. Messi insieme da 200 anni ma nessuno che si identifica con un altro. Siamo ancora l'Italia dei comuni goveranta ancora da briganti e malfattori in giacca e cravatta. Bene fanno i Tirolesi a tenersi alla larga e mettere i paletti.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mer, 02/05/2018 - 16:13

Quando, nel corso dei decenni, un potere costituito ha un atteggiamento di insulsa tolleranza verso qualsiasi cosa, naturale che gli eventuali problemi, che inevitabilmente si determinano da questa tolleranza, tendano a peggiorare. Nella fattispecie si è di fronte a istanze palesemente sovversive come quelle che portano pervicacemente avanti questi traviati dell’Alto Adige. Insomma diventa fisiologico che poi si verifichino queste avvisaglie in cui implicitamente, da parte di questi sciagurati, si richiede l’attuazione del concetto per loro primario: la secessione. (1r)

Ritratto di jasper

jasper

Mer, 02/05/2018 - 16:21

@Mannik: Tu non ha capito un cassio. Cosa significa 'il problema è linguistico'. E' logico che è linguistico. Cosa dovrebbe essere mai? In Alto Adige ci sono Asili per bambinmi di lingua Italiana e per Bambini di lingua tedesca. E' logico che se negli asili di lingua tedesca si iscrivono un gran numero di bambini di lingua italiana oppure addirittura di lingue arabe o africane, in quegli asili si crea una grande confusione per i bambini di lingua tedesca, per le insegnanti e per i bambini di altra lingua. Hanno perfettamente ragione i politici tedeschi locali a voler ripristinare le regole che prevedono la separazione per lingua a seconda della lingua parlata in famiglia. Gli stranieri, i cui figli parlano lingue afro-asiatiche se ne tornino a casa loro che sarebbe meglio, anche per i loro figliolini che qui sono un peso e corpi estranei.

Ritratto di jasper

jasper

Mer, 02/05/2018 - 16:28

Se è previsto in Alto Adige che ci siano Asili per i Bambini di lingua tedesca ed Asili per bambini di lingua Italiana (così vale per tutte le scuole) per quale dannato motivo i bambini di un gruppo etnico devono andare ad invadere gli asili dell'altro gruppo etnico per fare solo confusione e creare dissevizio a scapito di tutti i bambini sia di lingua tedesca che di lingua Italiana e creare un gran problema agli insegnanti. Il vero problema sono semmai i c.d. migranti che stanno invadendo la regione con tutta la loro prole.

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Mer, 02/05/2018 - 17:30

Via subito tutti i privilegi delle Regioni a Statuto speciale. E se riprovano a cominciare un'altra volta a mettere le bombe... regolarsi di conseguenza. Basta fare come la Tatcher con l'Irlanda del Nord e tutto rientra nei ranghi.

Ritratto di gattomannaro

gattomannaro

Mer, 02/05/2018 - 18:14

@manson - 12:56 Tutto vero, purtroppo. Comunque, avendo qualche conoscenza sia delle etnie Africane che di quelle delle vallate Altoatesine, in tema di Q.I. non ci vedo tanta differenza. E nemmeno nell'attitudine a sfruttare il prossimo.

Ritratto di jasper

jasper

Mer, 02/05/2018 - 18:24

@franco_G: Dimentichi che alle spalle del Südtirolo c'è la'Austria e la Germania....come la Russia è alle spalle della Serbia tanto per fare un esempio. Sai cosa significa? L'Irlanda del Nord non aveva nessun angelo protettore e ciononostante....l'Inghilterra a visto i sorci verdi.

Reip

Mer, 02/05/2018 - 18:36

Per lo meno loro combattono per la libertà, per il sacrosanto diritto alla salute alla sicurezza e al benessere, e combattono per difendere i loro valori, la loro terra e la loro cultura da questa orda fetente e maleodorante di disperati finti profughi clandestini africani, che illegalmente invadono il nostro territorio, approfittando delle nostre leggi lassiste, e del nostro sistema giudiziario fallito di sinistra grazie al business delle coop rosse della caritas delle ong e dei partiti di sinistra! ... Che ben venga un Alto Adige libero e indipendente, terra di legge, di ordine e di pulizia, piuttosto che una cloaca schifosa stracolma di irregolari africani, islamici, terroristi stupratori e delinquenti come le maggiori città italiane, Roma Milano, Napoli, Bologna, Firenze....

venessia

Mer, 02/05/2018 - 19:07

Potameee! e berghem de hura?

Ritratto di jasper

jasper

Mer, 02/05/2018 - 19:31

@Alsikar: Una dura repressione dovrebbe aver luogo verso gli imbecilli par tuo. Dovrebbero essere addobbati con camice di forza e rinchiusi in qualche stanza ben imbottita e poi sedati.....profondamente.

Ritratto di jasper

jasper

Mer, 02/05/2018 - 19:58

Dovrebbe essere chiaro a tutti quelli che hanno studiato un po' di Storia relativa alla Grande Guerra che l'Alto Adige-Sudtirolo (che non era terra c.d. irredenta) è stato rubato al mondo germanico e ragalato all'Italia dalla Francia e dall'Inghilterra come ricompensa per l'eseguito tradimento della Triplice Alleanza nel 1915. O ci sono altrie motivazioni valide?

QuebecAlfa

Mer, 02/05/2018 - 20:35

Leggo sempre le solite idiozie di persone che non conoscono la situazione del territorio sudtirolese. Primo: l'autonomia è tutelata da un accordo internazionale; dunque il governo italiano non può revocare nulla in modo unilaterale; ogni variazione prevede una nota informativa a Wien e il Landeshauptmann del Südtirol riferisce direttamente al cancelliere austriaco Secondo: la republica austriaca continua a svolgere la propria funzione di tutela della popolazione sudtirolese Terzo: per l'attuale vice cancelliere Heinz Christian Strache si deve riunificare tutto il territorio del Tirolo (non so se mi spiego... lo ha detto l'attuale vice cancelliere nel 2016 a Meran) Quarto: in Tirolo meridionale sopravvivono ancora leggi e tradizioni austriache

Cheyenne

Mer, 02/05/2018 - 20:40

MA TOGLIETE I VITALIZI AGLI AUSTRIACI TIPO LA TERRORISTA KLOTZ. QUESTI SONO PEGGIO DEGLI ITALIANI POLTRONISTI E LADRONI

Gervasetto

Mer, 02/05/2018 - 20:49

in Italia non esistono asili tedeschi !!!

Ritratto di direttoreemilio

Anonimo (non verificato)

apostrofo

Gio, 03/05/2018 - 01:18

In mancanza di un governo che governi, ognuno si può sentire libero di fare quello che vuole. E lo fanno. In Alto Adige poi non perdono occsione di provarci.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Gio, 03/05/2018 - 07:33

L'Austria fu ben contenta nel farci questo regalo. Infatti col cavolo che vuole riprenderseli indietro!! Grosse stronzerie per dirla come la dicono i Tognini.

cir

Ven, 04/05/2018 - 15:17

viva l' AUSTRIA , SEMPRE !!!