La banda dell'Audi gialla "tutelata" dalle nostre leggi

La gang che terrorizza il Nord est immortalata dai video. Le telecamere "leggono" le targhe ma non sono collegate alla banca dati del Viminale

Varie rapine, forse un tentativo di sequestro di persona, sparatorie con polizia e carabinieri. Da una settimana il curriculum criminale della «banda dell'Audi gialla» si sta arricchendo di ora in ora. Il Nord est ostaggio di tre o quattro banditi che spadroneggiano tra Venezia, Treviso, Padova e Vicenza. Identica la sceneggiatura: prima il «colpo» armi in pugno, poi la fuga a bordo del loro bolide giallo. Vano, finora, ogni inseguimento. Quella dannata auto è troppo veloce. Pare sfiori i 300 km orari. Addirittura contromano sulla tangenziale di Mestre. Fatto sta che questa dell'inafferrabile «gang della supercar» sembra ormai la trama tragicomica di uno di quei film «poliziotteschi» degli anni '70 interpretati da Maurizio Merli nel ruolo del commissario Betti. Un titolo per tutti: «La polizia ha le mani legate». Da allora sono trascorsi oltre 40 anni, ma la polizia continua ad avere le «mani legate». Colpa di leggi inadeguate, ma - paradossalmente - anche di tecnologie non sfruttate adeguatamente.

Partiamo dalle norme. Significativa la denuncia di Giordano Biserni, presidente dell'Asaps (Associazione amici polizia stradale) che, a proposito della gang di criminali albanesi, fa una denuncia ben precisa: «Al momento anche se questi malviventi venissero bloccati a bordo del loro bolide rubato risponderebbero appena di ricettazione della macchina e qualche eccesso di velocità, null'altro...». Insomma roba da ritiro di patente (ammesso che l'abbiano mai avuta), mica da galera. Una realtà che fa sgommare di rabbia il popolo del web: «Delinquenti che si sentono intoccabili, tanto da prendersi gioco di noi...», «Assurdo giocare a fare i garantisti anche con questa gentaglia...». Eppure le tecnologie per beccarli ci sarebbero. Sul fronte velocità, la polizia ha pensato bene di mettere (è proprio il caso di dirlo) in pista le sue due Lamborghini Huracan, le uniche in grado di potere tener testa all'Audi dei criminali immortalati finora da decine di telecamere di sicurezza, ma senza risultato.Altro che «siamo tutti spiati», qui la fa franca chiunque, anche chi fa «ciao ciao» alla telecamera mentre delinque.

Cosa succederebbe se su quell'auto ci fossero dei terroristi? Un'Audi gialla con targa svizzera non è proprio un ago nel pagliaio della rete viaria italiana. La verità è che il sistema di telecamere installate sulle nostre strade si fa sempre più evoluto, ma è costretto allo strabismo dalla solita burocrazia e dalla mancanza di una vera strategia per la sicurezza. Basti pensare al «tutor» in autostrada, il sistema che legge le targhe di chi corre troppo. Fin dall'inizio ha dovuto fare i conti con gli scrupoli sulla privacy. Solo dallo scorso dicembre, grazie a un emendamento alla legge di Stabilità, è autorizzato a incrociare i numeri di targa con le banche dati della Motorizzazione, per segnalare veicoli non revisionati o con l'Rc auto scaduta o falsa. Manca però l'autorizzazione per l'accesso all'elenco di veicoli rubati e auto oggetto di inchieste dello Sdi, la banca dati gestita dal Viminale. Lo stesso accade con i sistemi come «Easy traffic» che sempre più Comuni stanno installando soprattutto tra Lombardia, Veneto, Emilia e Friuli: telecamere in grado di leggere la targa anche di notte e avvisare in pochi secondi la polizia locale del passaggio di auto sospette come l'Audi gialla, fornendo anche la direzione di marcia dell'auto.

Anche in questo caso devono lavorare col freno tirato: per la privacy possono conservare i dati solo per sette giorni (anche se il Garante concede proroghe motivate). E soprattutto anche qui niente accesso completo alla banca dati dei veicoli sospetti, previsto dal pacchetto sicurezza Berlusconi-Maroni ma dal 2008 ancora in attesa di decreto attuativo, incagliato tra le resistenze ministeriali.E pensare che il ministro Alfano si vantò su Twitter della cattura di Claudio Giardiello, il killer del tribunale di Milano riconosciuto da una telecamera di questo tipo. Che però era del Comune di Brugherio e solo grazie a un accordo con le forze dell'ordine locale seppe della targa ricercata. Ma sono iniziative sporadiche. «Abbiamo tecnologie incredibili - dice Luigi Altamura comandante della polizia locale di Verona e rappresentante Anci - ma non ci consentono di fare rete: il caso dell'Audi conferma che è venuto il momento di cambiare». Già, fare rete non significa solo twittare.

Annunci
Commenti

Mapagolio

Lun, 25/01/2016 - 09:03

Forza Alfano fagli bu' che si spaventano,usar il bazuca no......

fisis

Lun, 25/01/2016 - 09:17

Il paradosso è che i tutor sono efficientissimi a rilevare il più piccolo superamento del limite di velocità, per tartassare il povero automobilista, ma permettono di farla franca a pericolosi delinquenti. Questo stato e questa giustizia (rossa) sono sempre più nemici del popolo italiano.

rudyger

Lun, 25/01/2016 - 09:54

Bella la nostra DEMOCRAZIA , che fa rima con pazzia! siamo un popolo di imbecilli.

VittorioMar

Lun, 25/01/2016 - 10:16

..è preferibile una Polizia "DECISA".come negli USA che criminali lasciati liberi di "DELINQUERE!!

Much63

Lun, 25/01/2016 - 10:30

Pagliacci, hanno messo in campo le Lamborghini. Sai che paura, in 10000 km di strade due macchine in grado di prenderli. Invece di fare gli sboroni comunichino alla gente invece quali sono le macchine della polizia o carabinieri in giro, Punto 1200, Grande Punto e Panda 1300 diesel, le 159 non vengono neanche più assegnate perchè troppo costose. Invece di spendere 130 milioni per un F35 comprassero dei veicoli decenti.

linoalo1

Lun, 25/01/2016 - 10:46

Per femarli,una volta individuati,basterebbe una semplice Cintura Chiodata stesa per tutta la larghezza della strada!!!l'Audi gialla,andrà anche veloce,ma non credo che abbia le Gomme Blindate!!!!

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Lun, 25/01/2016 - 10:54

Tranquilli quei criminali sono spacciati! Adesso vedrete come lo Stato li annienta con una serie di multe per eccesso di velocità!

Much63

Lun, 25/01/2016 - 10:56

E comunque il problema non sta solo nel tipo di vetture, ma nel numero sempre più esiguo di pattuglie e nelle regole di ingaggio. Poi pensare che la soluzione del problema stia nel fare un inseguimento a 250 km/h è da cerebrolesi, questi scappano in contromano in autostrada figurrsi se la polizia può accettare di farlo. Un 9 per 19 ben assestato risolverebbe tutto.

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Lun, 25/01/2016 - 10:56

Attento Much63: potresti venire incriminato per buon senso dilagante e disturbo di business politico!

veromario

Lun, 25/01/2016 - 11:15

saranno banditi arroganti,ma non credo siano tanto scemi da andare ancora in giro con l'audi gialla visto che oramai la riconosce anche un bambino.

morghj

Lun, 25/01/2016 - 11:19

Per fermarli basterebbe fare una cosa molto semplice, come si fa negli USA ed in molti altri Paesi, dove non esiste l'idiozia nostrana. Quando si avvista l'auto basterebbe una sventagliata di mitra e tutto si risolverebbe. Ma si sa in Italia le cose sensate non si fanno mai.

elio2

Lun, 25/01/2016 - 11:26

Siamo in uno stato di polizia, dove si difendono sempre e solo i criminali e si colpiscono duramente i cittadini, non ci si deve meravigliare mai di niente, da un governo abusivo e incostituzionale, che nessuno ha mai autorizzato a governare, che si è poi suddiviso tra gli amici, tutte le più alte cariche dello Stato, di conseguenza abusive e incostituzionali pure loro, cosa ci si può aspettare se non l'assoluta mancanza di una qualsiasi forma, anche blanda, di democrazia?

ilbelga

Lun, 25/01/2016 - 11:26

inseguirli con l'elicottero, una volta individuati sparargli addosso senza pietà alcuna.

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 25/01/2016 - 11:30

Di questo, in parte, ne siamo responsabili visto chi abbiamo eletto. I politici ( di tutti i partiti) sono molto più sensibili a tutelare i criminali piuttosto che i Cittadini onesti. Le leggi e la loro poco chiara applicazione lo dimostrano giornalmente.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 25/01/2016 - 11:33

avranno fatto qualche telefonata e quindi incrociando da dove lo hanno fatto a che ora lo hanno fatto con i passaggi escludendo tutti gli altri potrebbero arrivare al numero e da qui ascoltare le loro mosse. Su ci sono i mezzi, usateli.

Much63

Lun, 25/01/2016 - 11:40

Giovanni da Udine. Starai plui atent. Mi dispiace per Alfano che non può andare in tv per pavoneggiarsi e prendersi meriti che non gli competono.

Dako

Lun, 25/01/2016 - 11:41

Italia (bel paese) farlocco con sistemi di me..., leggi di me..., POLITICI che fanno leggi di me..., conclusione non può essere che questo paese si sta trasformando in uno schifo generale.

TORRIDO

Lun, 25/01/2016 - 11:45

La foto di quelli in stazione non sono loro di sicuro,e con le regole di Alfano il poliziotto come e successo con questi ad Abano T.deve sparare in aria! meglio stare in ufficio che in galera o al cimitero,

maurizio50

Lun, 25/01/2016 - 12:00

Questa vicenda ci dimostra quale sia l'abisso di incapacità in cui l'Italia si è cacciata!! Tre delinquenti che scorrazzano in lungo ed in largo per Veneto e Lombardia, che sono ricercati per rapine e furti nelle abitazioni, responsabili tra l'altro per la morte di una automobilista, anche qualora arrestati avrebbero ben poco a temere per il loro futuro.Abbiamo giudici che sarebbe meglio tornassero a scuola: i farabutti ex art.589 CP sono passibili di reclusione da tre a dieci anni (3.comma);inoltre è prevista la custodia cautelare in carcere. Ciò a prescindere dalle sanzioni per i reati di rapine e furti continuati e aggravati in concorso tra essi.Oltre all'associazione a delinquere punita con la reclusione da tre a sette anni. Le leggi , insomma, ci sono!! BISOGNA FARLE VALERE e non fare finta di niente!!!!!!

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 25/01/2016 - 12:17

però se facciamo un annuncio a reti unificate dove parla la sboldrina forse riusciamo a convincerli a consegnarsi alla polizia in cambio di pasticcini, alloggio in resort 5 stelle con wifi e idro

fisis

Lun, 25/01/2016 - 12:28

@maurizio50 Non pensi che il problema non risieda tanto nelle leggi, (anche se una revisione in certi casi sarebbe auspicabile, vedi ad esempio il diritto alla legittima difesa, quando si è sorpresi, nel sonno, in casa propria, da delinquenti), quanto nell'applicazione di esse da parte di una certa giustizia rossa, che giudica con le lenti dell'ideologiia ed è sempre pronta a trovare tutte le attenuanti per ladri e delinquenti, perchè considerati "vittime" della società capitalistica?

Ritratto di Loudness

Loudness

Lun, 25/01/2016 - 12:33

Eppure alle nostre forze dell'ordine, bsaterebbe accendere un pc, andare su "iutubb" e vedere come fanno in Texas, Arizona, California... ecc ecc... a fermare i criminali automuniti.

agi2010

Lun, 25/01/2016 - 12:39

Sembra abbiano confermato l'accordo di fermarsi a fronte di una ricchissima ricompensa, e sucessiva immediata fuga.L'ideatore di questa genialita' e' ovviamente alf ano che si sta' preparando per la conferenza stampa. "Ho fermato l'Audi gialla"........!!!

Raoul Pontalti

Lun, 25/01/2016 - 12:54

La legge che non va è quella che mantiene in servizio certi somari a carico del debito pubblico. A parte il fatto che la ricettazione è punita più severamente del furto anche aggravato, quei signori di reati che comportano l'arresto ne hanno una serie: furto aggravato, ricettazione, associazione per delinquere, resistenza a pubblico ufficiale (o in subordine la violazione dell'art. 650 cp che però è contravvenzionale) e trascuriamo ovviamente altri reati minori che in sé non comportano l'arresto nemmeno facoltativo. Quindi il sale sulla coda a quei delinquenti anche i pelandroni a carico del debito pubblico dovrebbero potercelo mettere se la pelandronaggine non li paralizzasse completamente!

Much63

Lun, 25/01/2016 - 13:25

Caro Loudness non sono i poliziotti a dover andare su "iutubb", ma gli italiani a votare persone adatte.

Much63

Lun, 25/01/2016 - 13:35

x Raoul Pontalti. Come sempre lei solleva polemiche con chi non ha colpa. I poliziotti non hanno responsabilità se una vettura da 450 cv semina una, se va benissimo, da 200. Sono stati intercettati più volte e se ne sono scappati sparando. Se le nostre F.O. avessero a disposizione leggi adeguate l'Audi e i suoi occupanti sarebbero già, chi dallo sfasciacarrozze e chi in frigorifero.

freud1970

Lun, 25/01/2016 - 13:36

Giustizia estremamente forte con i deboli e debolissima con i forti. Vergogna.

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Lun, 25/01/2016 - 13:52

Se hai la sfortuna di entrare in una zona vietata al traffico (anche solo per errore) come area C, zona ZTL o altre, la multa ti arriva di certo. Invece andare a 300 all'ora in autostrada contromano non succede niente: W l'Italia!

aldopastore

Lun, 25/01/2016 - 13:56

L'italia(forse) digitale...............ma, comunque, disconnessa. Proprio come il ‪#‎Moccioso‬ , disconnesso dalla realtà. Di noi, non ridono piu nemmeno i polli. Siamo la caricatura del Mondo.

Raoul Pontalti

Lun, 25/01/2016 - 14:34

Much63 io mi riferivo alle assurde dichiarazioni del pulotto che giustificava l'inerzia dei pelandroni in divisa con la motivazione che quei tre non andrebbero in carcerazione preventiva e non potrebbero nemmeno essere arrestati per l'esiguità della pena per i reati commessi, quando invece la legge è chiara: per due tipologie di reato di quelle da me ipotizzate sulla base dei riscontri di cronaca l'arresto è obbligatorio e per le altre è facoltativo. Per quanto concerne i malfunzionamenti di collegamento tra i sistemi di controllo elettronico questi non dipendono dalla legge bensì da quei pelandroni dei ministeri interessati e dai vertici polizieschi. Trascuro di commentare l'eresia Tua della soppressione a colpi di pistola per chi, a detta degli stessi pulotti, non avrebbe commesso gravi delitti...

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 25/01/2016 - 14:39

Purtroppo anche se mi "COSTA"stavolta devo dare ragione al postato del Prof di Trento 12e54. Non tanto perche scrive cose giuste, ma perche nell'articolo stesso si riporta che "il pacchetto di sicurezza Berlusconi/Maroni del 2008 è (UDITE UDITE) in attesa del decreto attuativo incagliato tra le resistenze ministeriali" Questi sono i PELANDRONI quelli che FANNO FINTA di lavorare nei ministeri che BLOCCANO TUTTO!!! Questi in un paese serio (quale l'Italia NON È) li avrebbero cia mandati a PELARE PATATE in qualche CASERMA!!!!! Pax vobiscum.

maurizio50

Lun, 25/01/2016 - 16:16

@hernando45! Questa non me la dovevi fare!! Dare ragione al tuttologo trentino diventa pernicioso per la salute di chi scrive su questo blog! Adesso il soggetto, forte sopratutto per la tua approvazione, andrà avanti imperterrito fino alla notte dei tempi e ci delizierà con la storia dei pelandroni in divisa!! Però , come sempre, si dimenticherà dei pelandroni che fanno politica,suoi ex compari di consorteria,che sono i veri responsabili dello schifo in cui da quattro anni hanno scaraventato il Paese!!!

Much63

Lun, 25/01/2016 - 16:43

xRaoul Pontalti. Carissimo Raoul, io equiparo in tutto e per tutto il percorrere l'autostrada contromano a un tentativo di omicidio, e c'erano tutti i presupposti perchè ciò accadesse. Ritengo che l'onesto debbba essere tutelato sempre ed a ogni costo e nel frangente una famigliola su una Panda non avrebbe avuto scampo. Se i signorini avessero saputo di poter esser bersaglio di qualche colpo ben assestato forse avrebbero desistito dalla loro follia. Così la penso, e ribadisco il concetto del 9 per 19.

Marc666

Lun, 25/01/2016 - 21:34

Mi sa che può essere qualche scena di un film tutta sta cagata sullAudi gialla , magari le riprese son dei fake

Marc666

Lun, 25/01/2016 - 22:32

Bravo veromario son proprio dei monelli e bricconcelli!!!!

Marc666

Gio, 28/01/2016 - 07:43

Andassero a controllare meglio i GIOSTRAI altro che albanesi, a proprio parere qua c'è lo zampino suo di loro sia la folle guida sia i furti sua le zone dove hanno trovato l'auto bruciata!!!!! Questa è opera solo ed esclusivamente di giostrai veneti!!!!!