"La bandiera spagnola si avvicina a Gibilterra" Il governo di Madrid saluta la Rocca ritrovata

Il ministro degli Esteri: «Hanno votato per restare nella Ue, sì a nuove relazioni»

Con la vittoria della Brexit nel referendum di in Gran Bretagna «la bandiera di Spagna si riavvicina alla Rocca» di Gibilterra, dove invece è nettamente prevalso il voto a favore della permanenza nell'Unione Europea, addirittura con il 96 per cento: così il ministro degli Esteri spagnolo, Josè Manuel Garcia Margallo. «D'ora in avanti», ha proseguito il capo della diplomazia di Madrid, «bisognerà trovare il tipo di relazione che Gibilterra vuole se intende avere accesso al mercato interno dell'Unione».

Garcia Margallo ha quindi chiarito che cosa il suo governo intenda per «sovranità congiunta» sul minuscolo territorio, rilanciata a seggi da poco chiusi nel Regno Unito: «La nostra formula è quella di una sovranità congiunta britannico-spagnola per un periodo di tempo limitato», ha puntualizzato, «che sfoci nella restituzione di Gibilterra». Durante la fase transitoria, ha spiegato, gli abitanti del promontorio potranno mantenere la nazionalità britannica, sempre che lo desiderino, e godere di un regime fiscale speciale. Con l'uscita della Gran Bretagna dalla Ue, ha sottolineato ancora il ministro, quest'ultima non ha più voce in capitolo sulla questione, che «adesso ha carattere bilaterale e va negoziata esclusivamente tra il Regno Unito e la Spagna». Anche invocando la comune appartenenza comunitaria, Londra si è sempre rifiutata di trattare una cessione del proprio territorio d'Oltremare, acquisito nel 1713 con il Trattato di Utrecht a conclusione della guerra di successione spagnola, ma che secondo Madrid costituisce un ormai anacronistico possedimento coloniale.

A Garcia Margallo ha replicato David Lidington, sottosegretario britannico agli Affari Europei: «Mai accetteremo accordi che facciano passare i 33.000 abitanti gibilterrini sotto la sovranità di un altro Paese contro la loro volontà», ha tagliato corto. «Il Regno Unito rimarrà al fianco della Rocca». La co-gestione di Gibilterra fu respinta dalla popolazione con un referendum nel 2002.

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 27/06/2016 - 09:11

vogliono restare hanno buon senso..

Ritratto di Overdrive

Overdrive

Lun, 27/06/2016 - 09:21

ottimo. cominciamo con i particolarismi territoriali.

Ilpassatorcortese

Lun, 27/06/2016 - 09:41

Chissà se la Spagna considera anacronistici anche i suoi possedimenti di Ceuta e Melilla in Marocco.

epc

Lun, 27/06/2016 - 10:07

A Gibilterra ha prevalso il Bremain perchè Gibilterra già occupa una posizione economica ultra-privilegiata all'interno della UE (esenzioni fiscali pazzesche, mancanza di IVA ecc.). Logico che preferiscano rimanere in questa situazione di ultra-privilegio! Dubito fortemente che sarebbero contenti di entrare a far parte della Spagna, che invece è perfettamente integrata nella struttura (elefantiaca) dell'Unione.

Raoul Pontalti

Lun, 27/06/2016 - 10:58

Ceuta e Melila sono sotto sovranità spagnola, Gibilterra è in proprietà del Regno Unito per effetto del trattato di Utrecht del 1713 ma la sovranità rimane spagnola e quando il Regno Unito avrà deciso di disfarsi dell'ex colonia (ora possedimento d'oltremare) la proprietà tornerà alla Spagna, come sancito dal trattato.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 27/06/2016 - 13:01

hahahah questa è ancora più bella.... il calcio dell'asino degli spagnoli, miserabili... ognuno si prepara a fare da sciacallo e avvoltoio, lo comanda il regime per punire gli indomiti inglesi ... e il tutto mentre l'Europa intera subisce un'invasione di feccia che ci farà sparire dalla Storia per farci entrare nel IV mondo.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 27/06/2016 - 13:04

Si tornino con la Spagna, li aiuteranno a pagare i debiti.

Ritratto di Sniper

Sniper

Lun, 27/06/2016 - 13:47

Quando avra` perso Scozia (pro-EU) e Irlanda del Nord (anche pro-EU e pronta a ricongiungersi con la Madrepatria naturale), Little England potra` fregiarsi, nella sua nostalgica configurazione imperiale, di Galles (pecore), Gibilterra (sassi), e Malvinas (pecore, sassi e forse petrolio, ma con l'Argentina pronta alla zampata: un'altra Thatcher che parte in tromba con la flotta per rispondere ad un'invasione non la trova piu`).