"Battisti? Se lo prendiamo partirà subito per Roma"

Grace Mendonça, procuratore generale dello Stato brasiliano, spiega che dal punto di vista giuridico Cesare Battisti è spacciato perché l’unico impedimento all'estradizione "sarebbe un cambio di idea da parte del nuovo esecutivo"

Si stringe la morsa nei confronti di Cesare Battisti. Il latitante italiano, dopo che il Brasile ha concesso l’estradizione, sembra essere fuggito in un Paese confinante, probabilmente la Bolivia. Un bel problema per le autorità brasiliane. O forse no?

“Esiste un mandato di cattura contro la persona da estradare. Una volta fermato, in qualsiasi paese si trovi, speriamo che sia restituito al Brasile affinché possa essere estradato in Italia”, spiega al Messaggero Grace Mendonça, nominata nel 2016 dal presidente Michel Temer Procuratore generale dello Stato, prima donna a ricoprire tale ruolo nella storia del Brasile. Mentre gli avvocati di Cesare Battisti considerano incostituzionale l’estradizione voluta da Temer e sono pronti a fare ricorso, la Mendonça rassicura l’Italia che da attende di rinchiudere l’ex terrorista di Lotta Continua nelle patrie galere. “La decisione del Presidente è totalmente supportata da quella del giudice Luiz Fux del Supremo Tribunal Federal (la massima autorità giudiziaria del Paese, ndr), che ha confermato la linea del Plenario (decisione favorevole all’estradizione del 2010, ndr). Spetta al Presidente decidere, di forma politica, sull’estradizione. Noi - dice il procuratore - non osserviamo alcun elemento di incostituzionalità”. E poco importa che Battisti abbia sposato una brasiliana e sia padre di famiglia dal momento che “lo stesso Supremo Tribunal Federal, seguendo le nostre argomentazioni, ha già riconosciuto che tale requisito non impedisce l’estradizione”. “Grace Mendonça, procuratore generale dello Stato brasiliano, spiega che dal punto di vista giuridico Cesare Battisti è spacciato perché l’unico impedimento all'estradizione "sarebbe un cambio di idea da parte del nuovo esecutivo"

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Mer, 19/12/2018 - 12:56

L’hanno lasciato scappare di proposito. Questa è tutta una farsa.

DIAPASON

Mer, 19/12/2018 - 13:10

in fuga come un codardo

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 19/12/2018 - 13:16

si è messa in moto la filiera internazionale del soccorso rosso! o qualche possa credere che un pidocchio come battista si possa muovere in libertà e lestezza da un paese all'altro solo con le sue in'esistenti forze?

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 19/12/2018 - 13:28

---certo che se penso ad un omologo di battisti di segno opposto --mi viene subito alla mente delfo zorzi---il cui destino però è stato sicuramente più raggiante di quello del povero battisti---zorzi di ordine nuovo se ne andò a svernare in giappone ed ebbe la prontezza di spirito di sposare una raga nippon---ottenendo così la cittadinanza del sol levante--- la legge giapponese che esclude l'estradizione di propri cittadini ha fatto il resto---ed oggi zorzi che è divenuto pure imprenditore se la ride di gusto---swag

27Adriano

Mer, 19/12/2018 - 13:47

..Se prendiamo, già è vero se.... Se avessi le ali, forse sarei un... uccello.

titina

Mer, 19/12/2018 - 13:57

Non è che il Brasile lo aveva avvertito?

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 19/12/2018 - 14:28

Forse é meglio che se lo tengano loro. Se ce lo dovessero dare oggi sarebbe un'altra bocca da mantenere a spese nostre. E poi riceverebbe "permessi" in abbondanza, rovinandoci il fegato. A questo unto rimanga pure inBrasile o comunque oltre l'Atlantico.

Romolo48

Mer, 19/12/2018 - 16:47

@ elkid ... definire Battisti il "povero Battisti" è un insulto che solo gente col cervello in decomposizione può pensare; e questo indipendentemente da Zorzi.