Berlino ammette: l'euro ha fallito E il premier pure

Se Volker Wieland, che fa parte dei consiglieri ufficiali di Angela Merkel, dice che il nuovo governo italiano dovrebbe chiedere l'aiuto del Fondo Europeo di salvataggio a cui è stata sottoposta la Grecia con un vero e proprio commissariamento, con l'aggiunta del Fondo monetario, questo non è un pensiero in libertà. Ha un pesante valore politico. E significa due cose: che Renzi era una sorta di commissario ombra di Berlino a cui si perdonavano gli errori finanziari, perché ciò consentiva di condizionarci e di farci tenere gli immigrati non desiderabili; e che ora che Renzi sta per lasciare Palazzo Chigi qualcuno a Berlino vorrebbe passare al piano B, che consiste nel sequestro del governo di Roma. Un passo molto più lungo della gamba, perché tale sequestro sarebbe privo di base legale e sarebbe, dal punto di vista politico ed economico, dannoso non solo all'Italia - dove fino a ora la sospensione della democrazia non era giunta a tanto - ma anche alla Germania e all'Eurozona. Infatti, se fosse vero che l'Italia è in una situazione talmente critica da dover chiedere l'assistenza del fondo di salvataggio, nonostante abbia un consistente attivo di bilancia dei pagamenti e uno spread dei suoi titoli pubblici sotto i 200 punti, ciò vorrebbe dire che l'euro non è in grado di funzionare, essendo una architettura irrazionale. La Germania, inoltre, non ha alcun interesse ad avanzare pretese di egemonia di questa dimensione, su una delle tre maggiori economie industriali europee e sul paese più strategico del Mediterraneo.

D'altra parte Wieland suggerisce all'Italia commissariata un programma basato su una vera riforma del mercato del lavoro (implicitamente ammettendo che quella di Renzi non lo è, perché non ha liberalizzato i contratti aziendali e regionali e non ha incentivato quelli di produttività), una riforma efficace della Pubblica amministrazione (la legge Madia del governo Renzi evidentemente non lo è) e una riforma della giustizia (quella del governo Renzi per le procedure che ingarbugliano i crediti deteriorati delle banche, dunque, non lo è). Poiché questo è il programma del centrodestra, non c'è bisogno di commissariarci per attuarlo. Se a Berlino ora piace questo riformismo, dopo avere appoggiato Renzi che faceva tutt'altro, suggerisca che queste misure siano poste come condizione per la prosecuzione della politica di facilitazione finanziaria della Bce oltre la primavera 2017 e per la soluzione del problema Monte dei Paschi, senza bail-in. Ovviamente, peraltro, tenendo conto che l'Italia non è la Grecia o Cipro (che pure vanno considerati stati di liberi cittadini, non come sudditi) e che molte cose andrebbero riformate con criteri più liberali e più produttivistici anche a Bruxelles e nelle strutture dell'euro.

Commenti
Ritratto di filatelico

filatelico

Mer, 07/12/2016 - 09:16

L'intellingenza tedesca è veramente pronta !!!

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 07/12/2016 - 09:19

O forse Belino pensa che siamo incapaci a tenere i conti a posto chiunque vada a governare, non posso essere che d'accordo.

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 07/12/2016 - 09:21

Non è tanto l'euro il fallimento quanto la Comunità Europea, ovvero è mancata totalmente la volontà di creare una U.E. politica, sociale ed economica e questo non è colpa della "moneta" semmai ne è una conseguenza.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mer, 07/12/2016 - 09:37

ben svegliati Krukki mangiapatate........ dormito bene ???

Blueray

Mer, 07/12/2016 - 10:25

Chi i disastri li combina e li alimenta non deve permettersi di suggerire le soluzioni. Quindi la Germania pensi ai cavolacci suoi. Quanto all'euro un ritorno alle monete nazionali contemporaneo per tutti risolverebbe molti problemi, come ben sanno i Paesi che non hanno l'euro, anche se ne creerebbe di nuovi. E' comunque lapalissiano che i Paesi poveri ad alto debito pubblico (come l'Italia) non possono detenere il debito in una moneta estera (l'euro appunto) che non possono governare. Non è l'Unione ma l'euro il problema che non ci darà aria finchè ci sarà.

Giulio42

Mer, 07/12/2016 - 10:41

Sono tante le cose che deve spiegare Berlino, la moneta unica, e la globalizzazione chi ha favorito ? La Germania. Chi ha fatto accettare le regole sull'immigrazione ? La Germania. Questo cosa a portato ai sui concorrenti ? Chiusura di fabbriche, instabilità, miseria a tutto beneficio di chi ? La Germania. Hanno perso la guerra ma hanno stravinto senza sparare un colpo.

Una-mattina-mi-...

Mer, 07/12/2016 - 12:49

SAI CHE SCOPERTA...

agosvac

Mer, 07/12/2016 - 13:26

Per quanto riguarda l'introduzione dell'euro, ho sempre pensato che è stato un errore grossolano. Infatti non ha mai rispecchiato le economie interne dei vari paesi Ue. I cambi sono stati fasulli ed hanno favorito solo alcune nazioni a scapito di altre!!! L'Italia è stata quella maggiormente penalizzata.

Raoul Pontalti

Mer, 07/12/2016 - 13:37

Ma cosa c'entra il fallimento dell'euro nel ragionamento di Wieland? Wieland parte dal presupposto contrario: come la Grecia l'Italia deve restare nell'eurozona e se fallisce nelle azioni che ne consentono la permamenza, l'Italia dovrebbe uscire dall'euro e dall'Europa ma per fallimento dell'Italia stessa, non dell'euro.

0dino

Mer, 07/12/2016 - 13:54

Buffo! Gli incapaci che hanno CREATO il problema ci vorrebbero imporre la soluzione

Ritratto di Giuseppe da Basilea

Giuseppe da Basilea

Mer, 07/12/2016 - 14:00

Imbecilli, non solo l`Euro e`un fallimento, ma tutta L`Europa Unita e`un fallimento. Riesco a capirlo io che ho solo la terza elementare, e non lho capite voi che avete studiato nelle l`Universita`!....

orsobepi

Mer, 07/12/2016 - 14:24

Complimenti sig. Raoul Pontalti per la sua analisi. Quando entrò l'euro alcuni economisti dissero "è stato messo il tetto (euro) mentre la casa (UE) è da costruire". Prima dell'euro avrebbero dovuto rivedere le leggi riguardanti lavoro, tasse, sanità, giustizia e fare in modo che almeno fossero simili. Sicuramente Grecia e Italia sono messe molto male e la sola moneta unica ha penalizzato ulteriormente. Quindi l'euro ha fallito ed è tale fallimento che ci sta portando alla rovina.

Libertà75

Mer, 07/12/2016 - 14:38

gzorzi, a ridaje con il qualunquismo... se lei si sente ignorante è normale, del resto vota PD