Berlusconi non cede: la convivenza obbligata non può funzionare

L'ex premier boccia coalizioni dettate dalle leggi elettorali: «Frenano l'azione di governo»

Roma - Alla vigilia della manifestazione «sovranista» di Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi non apre troppi spiragli alla riunificazione del centrodestra nel suo formato tradizionale. Anzi, in una intervista al Foglio mostra un interesse davvero ridotto per le coalizioni, soprattutto se imposte dalla legge elettorale. Una riflessione che nasce dalle passate esperienze con gli alleati di governo e si proietta sui rapporti con Lega e Fratelli d'Italia.

«Le coalizioni imposte dalla legge elettorale - lo hanno dimostrato sia l'Ulivo che l'Unione - non funzionano. Anche nel centrodestra la convivenza obbligata con partner recalcitranti, se non addirittura infidi, ha reso molto più difficile la nostra azione di governo e ci ha impedito di fare alcune riforme, dal fisco alla giustizia, che consideravo indispensabili» dice il presidente di Forza Italia. «Quindi non mi appassionerei a questo problema soprattutto in una fase nella quale la trasformazione del sistema politico da bipolare a tripolare rende qualsiasi sistema maggioritario inapplicabile se non a prezzo di una grave distorsione della democrazia. Per questo chiedo il proporzionale, per vincere nell'ambito del centrodestra: un'alleanza che deve basarsi su valori e programmi condivisi, e non può essere solo una somma di partiti che stanno assieme, costretti dalle regole elettorali, per provare a vincere. Se poi in Italia oggi non esistesse una maggioranza di cittadini pronta a sostenere uno schieramento, allora non potremmo far guidare il paese a una piccola minoranza (piccola perché metà degli italiani comunque non vota)».

Berlusconi non apre spiragli neppure alla suggestione di un partito dei moderati con lui e Renzi. «Di fantascienza non mi occupo. Se Renzi un giorno decidesse di diventare un moderato, lasciasse il Pd e chiedesse di iscriversi a Fi, non mi opporrei In fondo è giovane, ha tempo per ricredersi e correggersi». Chi lancia qualche segnale verso Salvini è Renato Brunetta. «In tutta Europa destra e sinistra sono plurali, non univoci. Nei due schieramenti, nelle due famiglie politiche ci sono tante anime. A Salvini dico: confrontiamoci, senza Opa ostili» dice il capogruppo di Forza Italia, intervenendo alla festa dei lettori de Il Giornale, ad Abano Terme. Una sostanziale chiusura verso l'area «sovranista» arriva, invece, da Stefano Parisi che annuncia ufficialmente di essere pronto a scendere in campo. «Alle elezioni ci sarò. Vedremo in quale forma. L'ideale sarebbe mettere in campo con Forza Italia un soggetto unico liberal-popolare in grado di federare tutta l'area moderata. Un soggetto composto da gente pulita e nuova, con candidati espressione del territorio, che possa attrarre i delusi del renzismo. Se non sarà possibile farò una mia lista. Salvini e Meloni? Siamo soggetti diversi, ma ci si potrebbe trovare dopo il voto a governare insieme».

Commenti
Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Sab, 28/01/2017 - 09:23

Mi chiedo perchè Berlusconi non si batta in primis perchè ci sia il vincolo di mandato , lui è stato tradito più volte dagli uomini eletti con i voti di Forza Italia e se ben ricordo quasi la metà dei parlamentari ha cambiato casacca dalla sua elezione.

paolonardi

Sab, 28/01/2017 - 09:33

In compenso funziona benissimo per far vincere altri l'andare ad elezioni in ordine sparso.

moshe

Sab, 28/01/2017 - 10:08

Berlusca, senza FDI e Lega ti rimane solo la sinistra e con lei perderesti tutti i tuoi elettori!

Ritratto di Turzo

Turzo

Sab, 28/01/2017 - 11:22

In compenso l'alleanza sottobanco con il PD funziona BENISSIMO! A questo gli serve un illustre scienziato della geriatria!

Ritratto di mauriziogiuntoli

Anonimo (non verificato)

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 28/01/2017 - 12:05

Bravo. Vai a governare con il pd. La lezione del supporto al clown di rignano non gli è bastata.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Sab, 28/01/2017 - 12:06

Ritento.Bossi, approfittando maldestramente dei suoi meriti di fondatore della Lega, vuole imporre dei limiti alla meritata crescita consensi attorno a Salvini. Dica anche che cosa dovrebbe fare il segretario federale. Dovrebbe forse regalare il campo di gioco a Berlusconi, cioè rinunciare alle sue idee e ai suoi programmi, farsi beffeggiare e, in più, farsi comandare da FI? Ambedue, Bossi e Berlusconi, farebbero bene a darsi una calmata e a chiarire cosa vogliono proporre.

emigrante48

Sab, 28/01/2017 - 12:20

Berlusca ha solo interesse a salvare Mediaset, cosa che puó fare solo se si lega a doppio filo con i PiDioti e il potere finanziario massonico che 5 anni fa lo defenestró, con l´aiuto dei traditori interni finiani. Vada dove gli pare, ma sappia che troverá pochi ITALIANI disposti a seguirlo!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 28/01/2017 - 13:16

Ha gia dimenticato come si chiamavano i PARTENER RECALCITRANTI, bene glie ne ricordo i nomi FOLLINI,CASINI,FINI tutti Leghisti VERO?????AMEN.

ectario

Sab, 28/01/2017 - 17:59

Primo, non disturbare troppo chi comanda e chi comanda è la sinistra.