La bimba contesa dalla nascita I genitori sposati per 4 giorni

Il padre: "Il mio matrimonio è stato una truffa". A rimetterci è la figlia, ostaggio di giustizia e burocrazia: ha 20 mesi e non vede il papà da 10

Succede tutto troppo in fretta in questa coppia pugliese. L'apparenza è un bel quadretto felice. Si incontrano un giorno per caso. Lui è un commercialista e docente della Gallipoli bene, lei gestisce un resort nel Salento. Si piacciono. Si innamorano. C'è l'età che incombe e tanta fretta di fare una famiglia a modo e per bene. È una girandola di emozioni, rapida e vorticosa. E così, appena due mesi dopo, avvolti in un'atmosfera da romanticismo preconfezionato sono già a Parigi, lui che la chiede in sposa, le nozze da organizzare, lei che ha sempre più fretta e accelera, i primi scricchiolii: pochi giorni prima del grande giorno, arriva una raccomandata al futuro sposo che gli fa cadere addosso pezzi di quell'amore perfetto. È l'ex di lei che si fa avanti perché la donna ha un debito con lui di 400mila euro. «Lei- spiega Carra- tra le lacrime ammette i debiti ma nega quella vecchia relazione e per dimostrarlo lo denuncia per stalking». Il colpo è duro, ma famiglia tutta incassa perché in fondo i soldi non sono tutto e c'è un matrimonio da celebrare e gli inviti già spediti. Certo, l'entusiasmo ormai è al ribasso, sceso a patti con la delusione, con mezze verità che diventeranno il trampolino di lancio per brutte liti e infinite contestazioni. Si sposano, ma dopo quattro giorni di convivenza lei torna dalla madre. «Appena sposati mi ha chiesto dei soldi per pagare i debiti. Mi sono rifiutato così sono iniziati i problemi. Poi se ne è andata. Il mio matrimonio è stato una truffa orchestrata per soldi». Accuse gravissime tutte da dimostrare. Quello che è certo è che quei pochi giorni sono bastati per concepire una bambina. «Abbiamo avuto sì e no quattro giorni di intimità. Sono arrivato a pensare che anche la gravidanza era stata pensata a tavolino». Quando nasce la bambina la situazione è più che compromessa e così le visite del padre a casa della madre della piccola sono una vera e propria prova di nervi. «Non mi dava il permesso di prenderla in braccio, di farle una foto da mostrare ai nonni. Ogni volta era più umiliante». A giugno la prima udienza per l'affido ed è un incubo che si avvera per Carra. Il giudice stabilisce la collocazione prevalente dalla madre. «A quel punto è scoppiato a piangere- racconta l'avvocato Emanuela Palamà - e ha gridato: “non è giusto“». Seguono istanze al giudice, lettere alla madre, suppliche. Passano interminabili mesi. Otto per l'essattenza. Un tempo infinito e crudele quando di mezzo c'è la disperazione e l'impazienza di un padre che aspetta di abbracciare la sua piccola. E quando il giudice -dopo le ferie estive risponde - il risultato è kafkiano. Sceglie di dirottare gli incontri in uno «spazio neutro» presso i servizi sociali. «Un ambiente neutro è uno spazio di osservazione a cui si ricorre quando il rapporto è problematico- spiega la matrimonialista Daniela Missaglia. Ma in questo caso è assurdo. Perché il giudice non usa il buon senso? Invece vedo l'incapacità di un tribunale a reagire in modo tempestivo davanti alla deriva di una madre che usa a suo piacimento il possesso della figlia». «Perchè non posso vedere mia figlia a casa mia? Io sono un docente, insegno diritto. Non sono un mostro da tenere sotto controllo»domanda Carra. Ascoltata da Il Giornale , l'avvocato che difende la madre della bambina, Amelia Misurale si limita a dire: «Le cause si fanno in tribunale e l'avvocato deve tacere con i giornali». Ma come molti processi all'italiana, anche questo ha risvolti gonfi di sciatteria e incuria. Sembra un'inezia ma da sola fa capire molto: nella trascrizione del provvedimento il giudice inciampa sul Comune di residenza della bimba. Confonde cioè il nome di un paese con un altro. E così, nonostante l'evidente errore trascorrono altri mesi prima che la svista venga corretta. Procedure. Burocrazie. O forse solo tanta insensibilità.

Commenti
Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mer, 17/12/2014 - 09:19

Le donne vogliono da noi due cose: materiale genetico e risorse finanziarie. E la storia di questa donnaccia (intendiamoci non sono tutte così per fortuna) la dice lunga.

FRAGO

Mer, 17/12/2014 - 09:39

Il giudice sbaglia il nome del comune, in un paese veramente civili, d'ufficio, ci dovrebbe essere un risarcimento, legato al tempo, così è il giudice che si incarica di sveltire la burocrazia perché tale risarcimento lo paga Lui!!!

Ritratto di nowhere71

nowhere71

Mer, 17/12/2014 - 10:48

fare un figlio con un'altra persona e' un terno al lotto, in dubio abstine.

Ritratto di nowhere71

nowhere71

Mer, 17/12/2014 - 10:52

fare un figlio con un'altra persona e' come la roulette russa. Se poi ti separi e sei un uomo e vuoi ancora vedere la tua bambina devi mangiare tanta di quella m****a e spendere tanti di quei soldi che non avete idea. Le donne sanno come vendicarsi e la legge le tutela in questo.