Blitz dell'estrema destra vicino alla sede del Pd: "Un figlio non si compra"

Scritta di protesta del movimento di estrema destra romana Foro753 davanti a una sede del Pd dove questo pomeriggio parlerà la Cirinnà

“Un figlio non si compra”. È questa che compare davanti alla sede del Pd romano del quartiere Monteverde che oggi ospiterà l’incontro dal titolo ‘lo stesso amore, gli stessi diritti’ a cui parteciperanno la senatrice dem Monica Cirinnà, e vari esponenti del mondo Lgbt come Fabrizio Marrazzo del Gay Center, Mario Colamarino del circolo Mario Mieli e Marilena Grassadonia presidente dell’associazione ‘Famiglie Arcobaleno.

Nella notte il movimento di estrema destra Foro 753 ha impresso il suo messaggio nell’asfalto e poi ha rivendicato il blitz con un comunicato in cui sottolinea di aver “sempre assunto una posizione intransigente per quanto riguarda la difesa della famiglia naturale composta da un padre, una madre e dei bambini ed in questa visione tradizionale non può esserci' spazio per le famiglie surrogate o "geneticamente modificate".

Ed è per questo che il Foro 753 trova “inammissibile la compravendita dei figli attraverso l'abominevole pratica dell'utero in affitto che trasforma una nuova nascita in una sorta di oggetto da acquistare tra gli scaffali di un virtuale quanto inverosimile supermarket della vita e riduce la donna, ovviamente pescata tra le fasce più indigenti delle popolazioni, da portatrice di vita a portatrice di profitto”. “Questa non è civiltà, questo è il kaos. Il risultato di un consumismo estremo, un dogma senza regole, senza rispetto, senza valori”, si legge ancora nella nota.