Manovra, Boccia insiste: "La plastica costerà di più"

Il ministro per le Autonomie ha sottolineato che "si mette qualche centesimo sulle bottigliette di plastica, e questa cosa indigna. Prima scendiamo in piazza con Greta, ma appena va via ce la dimentichiamo"

Ha già creato molte polemiche la tassa sulla plastica inserita nella bozza della manovra economica. Nel dibattito si inserisce anche il ministro per gli Affari regionali e le autonomie Francesco Boccia, che ha incontrato i giornalisti a margine della visita a Washington, dove ha partecipato alla riunione di sistema dei diplomatici italiani negli Stati Uniti.

In un colloquio con La Stampa, il deputato del Partito democratico ha sottolineato che “si mette qualche centesimo sulle bottigliette di plastica, e questa cosa indigna. Prima scendiamo in piazza con Greta, ma appena va via ce la dimentichiamo”. Il ministro ha spiegato che i cittadini devono sapere che se consumano la plastica pagano un po' di più, mentre se consumano il vetro pagano meno, e ha detto di non trovare nulla di scandaloso in questo provvedimento. Secondo Boccia, “è la cultura che cambia. Altrimenti si fa propaganda con le passioni delle persone, usandole per raggirarle”.

Il ministro ha poi lanciato una stoccata ai critici della manovra, compreso Matteo Renzi. Ha usato una metafora perché a suo parere dopo il commissario tecnico della nazionale, ci sono i commissari tecnici della legge di bilancio. Boccia ha evidenziato che questo esecutivo ha ereditato una cambiale da 23 miliardi di Iva con la firma di Matteo Salvini. Il ministro ha detto che nella manovra si poteva fare di più, “ma con quali risorse? Siccome sono tutti fenomeni, i ct della legge di bilancio ti dicono cosa togliere - ha concluso - ma non ti dicono mai da dove prendere”.

Commenti

Valvo Vittorio

Sab, 02/11/2019 - 17:17

Il vetro e la plastica sono la materia prima per costruire igienicamente i contenitori del futuro, tassarli sono un'azione vessatoria e punitiva. Tempo addietro si scoprì che l'amianto è cancerogeno ed è stata proibita giustamente la produzione. Vetro o plastica si possono ciascuno fondere e creare nuovi contenitori. Una sanzione vessatoria al vetro o plastica serve solo per fare cassa! Non è un incentivo a diminuire la produzione per salvaguardare la salute dei cittadini! Questo governo dovrebbe favorire la costruzione dei termovalorizzatori per salvaguardare la salute e l'igiene del territorio principalmente urbano. Roma esempio più clamoroso.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 02/11/2019 - 17:56

Meglio se la plastica costerà di più. La speranza é che scompaia, essendo un pericolo costante per la Terra. Prodotto indistruttibile sta invadendo i mari. La plastica deve essere tassata fortemente, anzi meglio ancora vietata.

Ritratto di Furio64Lostile

Furio64Lostile

Sab, 02/11/2019 - 20:06

Secondo me i 5 Stalle sono solo ipocriti... Volete cambiare i modi ed il Paese ? La plastica viene messa fuorilegge, non tassata. Siete mai andati a fare la spesa ? il suo costo chi lo sosterrà se non i poveri utenti finali ? Il fumo fa male ? Non si vende più, invece di tassarlo. Salvo i liquori ed il vino che fanno male solo se consumati in dosi eccessive. Il gasolio inquina ? Lo tassiamo.... Cari 5 Stalle, regalate a me ed agli altri che lavorano una auto elettrica in sostituzione della mia che è un diesel (preso per spendere meno... ).