Bufale e teorie del complotto "Così ho smascherato Grillo"

Un ex dipendente pentito della "Casaleggio" svela le notizie false diffuse dagli attivisti sui social network

Da dipendente della Casaleggio Associati ad acchiappabufale il passo è breve. Almeno così è stato per David Puente, informatico di origine venezuelana, che ora si occupa di debunking, lo smascheramento delle notizie false che circolano sul web. Un argomento molto attuale. Il 2016 di Beppe Grillo si è infatti concluso con l’affondo contro l’Antitrust.

Il comico genovese si è inserito nel dibattito sulle bufale in rete e ha attaccato l’intervista al Financial Times del presidente dell’Antitrust Giovanni Pitruzzella. Secondo Grillo, la proposta di Pitruzzella di istituire una task force pubblica anti-bufale, è l’anticamera di «una nuova inquisizione». Scrive il leader del Movimento Cinque Stelle sul suo blog il 30 dicembre: «La post-verità è una definizione usata dai rosiconi che non sono entrati nel ventre della balena del web e quindi non riescono a interpretare i tempi. La post-verità semmai è quella costruita dai giornalisti. Se bloccate un social ne fioriranno altri dieci».

E il 2017 del blog comincia con lo stesso spartito. Ieri, un post dell’eurodeputata Isabella Adinolfi tirava le somme: «È finito il 2016, l’anno del tramonto dei media tradizionali». David Puente conosce bene sia la comunicazione dei grillini, sia le bufale online. L’ex dipendente di Casaleggio ha deciso di impegnarsi a fondo nella lotta alle bufale propinate ai naviganti di internet da improbabili portali d’informazione, pagine Facebook e account Twitter. Spiega Puente: «Nel Movimento Cinque Stelle ci sono persone che credono fermamente a bufale e teorie del complotto. Ma il riportarle tramite loro canali non ha soltanto attirato un elettorato al quale mancava rappresentanza. Alcuni attivisti si sono ritrovati a credere a certe falsità solo “perché se lo dicono loro è vero”». L’attivista, insomma, è vittima della sindrome del «me lo ha detto mio cugino».

Ma non esiste solo il blog di Beppe Grillo, la propaganda viaggia anche su altre piattaforme. Tra cui i social network: «Ci sono una serie di account Twitter, pagine e gruppi Facebook non ufficiali dai quali vengono diffuse bufale per tre motivi: per la convinzione che siano verità assolute, perché sono notizie false a favore del Movimento, e per fare soldi sfruttando la credulità», sostiene Puente, che aggiunge: «L’ultima cosa è la più grave, ma non ho memoria di esponenti del Movimento Cinque Stelle che si siano lamentati di ciò». Il presidente Antitrust Pitruzzella, nell’intervista contestata da Beppe Grillo proponeva la creazione di una sorta di authority pubblica impegnata nello smascheramento delle bufale. Ma secondo l’informatico ex Casaleggio «non dovrebbe essere un soggetto pubblico ad occuparsi di queste cose, anche perché i complottisti andrebbero a nozze nel sostenere che c’è “una censura di regime”».

E poi non bisogna dimenticare la magistratura e autorità competenti ad altri livelli, «anche se ci sono tempi biblici». Qui spunta un altro caso con protagonista Beppe Grillo. Si tratta di una disputa con Franco Battaglia, editorialista del Giornale, un professore impegnato da anni a smontare le teorie complottiste di certi ecologisti. Dice Puente: «Ad esempio Grillo sostenne che Battaglia fosse un “consulente delle multinazionali”. La magistratura verificò i fatti e condannò il genovese per diffamazione».

Commenti

paolonardi

Lun, 02/01/2017 - 09:27

Il prof. Franco Battaglia e' uno dei pochi scienziati seri che smaschera, purtroppo poco ascoltato, le bufale megalattiche e costosissime degli ecologisti - sostenitori del riscaldamento globale di origine antropica.

giovanni PERINCIOLO

Lun, 02/01/2017 - 09:46

Resta solo da organizzare il festival delle bufale e poi vedere chi tra grillo e il bischero riuscirà vincitore! D'altra parte le bufale e le promesse costano poco e, non ricordo chi, qualcuno ha detto che in politica le promesse impegnano solo coloro che ci credono e non già chi le ha fatte!

paolonardi

Lun, 02/01/2017 - 09:56

(segue) Dicendo che Battaglia e' uno dei pochi scienziati seri, puo essere male interpretato: non significa che sono pochi infatti sono tantissimi, ma sono pochi quelli che si dedicano alla divulgazione, erroneamente convinti che l'evidenza scientificamente provata sia piu' forte delle teorie sbagliate. Non tengono conto della credulita' popolare che cade preda dei profeti di sventura soprattutto quando si comprano qualche Nobel come Al Gore.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 02/01/2017 - 10:02

Tutti gli ex, che fino al minuto prima erano culo e camicia, sono i peggiori diffamatori. Per essere credibili dovevano dirlo prima, altrimenti ne sono conniventi e colpevoli, sicuramente da condannare. Questi grillini mi sembrano essere estratti da avventurieri che pensavano di essersi messi in luce e a posto con il lavoro(???). Giustificabili solo di questi tempi per il lavoro, visto gli sconquassi degli ultimi 5 anni.

Ritratto di orione1950

orione1950

Lun, 02/01/2017 - 10:22

grillo ha solo paura che i suoi guadagni diminuiscono. Se si toglie credibilità al sito addio guadagno. Quando il popolo che ha votato m5s sarà cosciente che la politica di grillo ha come unico scopo l'arricchimento suo ed dei suoi soci, il movimento si scioglierà come neve al sole. Spero che il comico e soci siano prima o poi inquisiti per truffa e restituiscano i soldi guadagnati con la frode.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 02/01/2017 - 10:46

se ci pensate bene, grillo non fa altro che ripetere gli stessi atteggiamenti di renzi, facendo spacciare per verità, le loro bugie.... poi, dite che grillo è meglio di berlusconi! stupidi fino in fondo! :)

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 02/01/2017 - 10:50

Grillo, "il comico genovese", appunto, che, per quanto mi riguarda, non mi ha fatto mai neanche ridere con le sue battute cretine. Ma dico, ci si può affidare ad un comico od alle sue idee della vita, della società ecc.? Eppure c'è tanta gente senza speranza che lo fa. In questo modo perdendola del tutto.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 02/01/2017 - 10:50

...quello che vi dimenticate di dire è che il Sig. David Puente ha sgamato anche voi a diffondere bufale, ed è successo più di una volta...

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Lun, 02/01/2017 - 10:54

Scrivo ora dalla mia stanza segreta non per dire le solite cose demolitrici del Grillo "parlante" ma per affermare che mi ha stancato sia Grillo sia coloro che danno tanta importanza a quest'uomo privo di qualsiasi valore etico - morale. Se questa è la visione del Mondo che si possono non solo disinformare ma anche accusare tutti gli Altri di essere disonesti non vedo la differenza fra i grillini e i piddini che sicredono "I migliori". Poverini sono e poverini rimangono e se togli loro lo zuccherino sbattono i tacchi come ballerini. Shalòm e Forza Italia.

marcosera

Lun, 02/01/2017 - 10:57

ha un sito bisognoso di pubblicità sto David e non smaschera propio nulla verificabile sul sito prego

Gianfranco__

Lun, 02/01/2017 - 10:58

le nuove tecnologie richiedono nuove leggi. Chi sfrutta false notizie per guadagnare soldi abusando della credulità popolare deve essere condannato.

Ritratto di Azo

Azo

Lun, 02/01/2017 - 11:03

Il froff. Battaglia, non è noto perchè la politica è tanto sporca che al primo focolaio di notizie dannose per il partito reggente, CERCANO DI SOPPRIMERE IL TUTTO.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Lun, 02/01/2017 - 11:05

E' stato geniale chi ha raggrumato tutta l'italica ignoranza col semplice uso del web che, anche se talora utile, è una solenne stupidità. Ed i risultati si vedono.

diesonne

Lun, 02/01/2017 - 11:07

diesonne gtillo è un comico e non solo vende bufale,ma pasquinate e bugie-non è uno storico ed analista politico, per questo non ama i dibattiti pubblici,ma usa ilweb e i suoi fans le bevono senza opposizione..sono creduloni e come pinocchio credono al gatto e alla volpe.siate seri non ccettate le pasquinate-la verità si trasmette in pubblico e confrontarsi.non bisogna nascondersi dietro un web anonimo-punto

cgf

Lun, 02/01/2017 - 13:21

Le più grandi bufale sono quelle "pre-verità" e senza andare troppo indietro nel tempo il NO al referendum, Trump, Brexit etc etc prossimamente scomparirà anche la verginità di Junker, sempre meno difendibile

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Lun, 02/01/2017 - 13:23

Contrariamente al solito, una volta tanto sono più d'accordo con Grillo che con altri. Se Soros e compagnia bella si stanno dando da fare per costruire "la madre di tutte le agenzie antibufale" e quelli di casa nostra ci provano, magari per emulazione, io credo di avere ottime ragioni per preoccuparmi. Fino ad oggi, molte notizie all'inizio spacciate per bufale, o presentate attraverso canali alternativi, si sono poi rivelate DEVASTANTI per scoprire gli altarini a personaggi "di grosso calibro". Arrivare a costruire un "centro antibufale" è secondo me la via maestra per successivamente eliminare ogni vboce "fuori dal coro". Meglio lasciare all'intelligenza del singolo la valutazione finale. Almeno finchè il singolo si supponga "ancora in grado d'intendere e volere"

nipotedimubarakk

Lun, 02/01/2017 - 13:26

Le armi di distruzione di massa in iraq non esistevano, la bufala ha portato migliaia di morti e instabilità in tutto il mondo. Per non parlare della bufala delle" primavere arabe" che hanno portato all'omicidio di gheddafi e i clandestini africani in itallia. E il problema sarebbe grillo?

il corsaro nero

Lun, 02/01/2017 - 15:22

@dreamer_66: ci potrebbe fare qualche esempio? Aspetto fiducioso!

gedeone@libero.it

Lun, 02/01/2017 - 15:51

#Menono Incariola, quoto il suo post. Meglio lasciare qll'intelligenza del singolo la valutazione se è o meno una bufala.

Efesto

Lun, 02/01/2017 - 16:10

Grillo (con la macchina casaleggio) è del tutto identico al pifferaio di Hamelin. Purtroppo il fenomeno della credulità popolare esiste, ed è perniciosamente operante. Se solo si prova a contestare Sua Verità grillo si viene immediatamente tacciati di servilismo ai potentati. I 5 stelle dovranno, purtroppo, morire da soli quando i danni che avranno provocato saranno troppi e pesanti per gli stessi adepti. Come i fraticelli milleranisti al compimento del primo millenio dopo Cristo. La loro pericolosità aprì gli spazi alla rinascita, così come la Raggi, distrutta Roma, la farà rinascere.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 02/01/2017 - 17:19

il corsaro nero: fiducia mal riposta ma non per colpa mia. Evidentemente il solerte censore ha ricevuto indicazioni dall'altro: "non pubblicare post che ci sbugiardano". Comunque puoi verificare di persona nel blog di David Puente (c'è anche un motore di ricerca interno).