Calenda: no ai grillini o me ne vado

L'eurodeputato pronto alla scissione in caso di un incucio del Pd

«Se si fa l'accordo con i Cinque Stelle me ne vado dal Pd». Carlo Calenda la mette giù dura, e in una intervista al Foglio annuncia di essere pronto alla scissione, e a tentare la formazione di un nuovo partito che «rappresenti il mondo liberaldemocratico rimasto orfano».

La sfida è a Nicola Zingaretti, che per ora continua prudentemente a tenere le carte coperte. Da quando Matteo Renzi ha spiazzato tutti con la sua proposta di un «governo istituzionale» per evitare il voto e mettere Salvini all'opposizione, nel Pd sono venuti allo scoperto uno dopo l'altro tutti i big (a parte Paolo Gentiloni, silenziosamente ostile) dando in vario modo la loro adesione all'idea renziana. Il segretario, che invece aveva puntato tutte le sue carte sulle elezioni anticipate, ha convocato la Direzione del partito per inizio settimana, ma tiene le carte coperte in attesa dell'evoluzione della crisi, e continua a sperare: «Aprire dibattiti su governi futuri prima che quello in carica cada è un errore», avverte. E comunque «il Pd è pronto per andare ad elezioni». Il segretario vuole evitare spaccature interne, soprattutto nel caso in cui si precipitasse comunque verso il voto, e Calenda invece minaccia rotture: «Se la direzione del Pd darà a Zingaretti il mandato di verificare l'ipotesi di accordo con i 5 stelle, questo vorrà dire che il Pd avrà definitivamente abdicato alla rappresentanza del mondo liberaldemocratico. Io questa cosa non la accetterò. Sarà a quel punto inevitabile lavorare a una nuova forza politica che rappresenti quel mondo orfano». Una forza, aggiunge, « non alleata con il Pd, perché il Pd avrà perso ogni credibilità rispetto alle istanze dell'Italia seria». Sulla linea del non dare ai grillini «anche la leadership del Pd», assicura Calenda, «ci siamo io, Minniti, forse Gentiloni». Tutti gli altri, «da Renzi a D'Alema», sono invece «schierati per non andare al voto, pronti all'intesa con M5s per non perdere la poltrona».

L'ex ministro viene attaccato dai renziani: «Calenda usa gli stessi argomenti di Salvini», accusa Michele Anzaldi. «Polemizza e cerca visibilità per pubblicizzare la sua scissione». Mentre invece, assicura, «se oggi Salvini è sconfitto, se è costretto a fare marcia indietro, se è finito a mendicare un rimpastino pur di salvare la sua poltrona, lo si deve alla strategia vincente di Renzi». A smontarla, dando manforte a Zingaretti, arriva invece il grande vecchio del Pci Emanuele Macaluso: solo un Pd «ammalato di governismo» può «avere paura del voto», con l'unico risultato di «fare prendere più consensi a Salvini tra qualche mese».

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 18/08/2019 - 08:45

il PD è in perenne spaccatura. a questo punto non mi preoccuperei molto del suo destino: che possa scomparire! ma se rinasce, mi auguro che rinasca con questi requisiti: abiurare l'ideologia comunista, ammettere gli errori del passato, scusarsi con gli italiani per gli 80 anni di fregature, scusarsi con berlusconi, e cambiare mentalità! poi potrei veramente dare il mio voto.... :-)

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 18/08/2019 - 08:48

Un comunista con la logica. Stessa cosa da destra e da sinistra, per limitare i danni!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 18/08/2019 - 09:15

Uno dei pochissimi sinistri ad essere almeno coerente. Ma sarebbe un terzo partito PD? Allora le percentuali sono piccole piccole per tutti e tre. Ma dove volete andare?

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Dom, 18/08/2019 - 09:41

Buon viaggio!

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 18/08/2019 - 10:01

Il pd e' oramai un organizzazione politica smaccatamente antidemocratica pericolo per il paese, eterodiretto dai potentati ue..

robik51

Dom, 18/08/2019 - 10:43

Mortimer: lei darebbe il voto anche a Leu se glielo ordina il suo Silvio. Certo che la sua è una gran bella ossessione

Ritratto di wilegio

wilegio

Dom, 18/08/2019 - 11:21

Scommettiamo che non va da nessuna parte?

arkangel72

Dom, 18/08/2019 - 11:42

Altro che ultimatum... chissà quale poltrona vuole in cambio! Adesso tutti i pdioti staranno già lì a candidarsi come ministri del prossimo governo giallo-rosso.

fjrt1

Dom, 18/08/2019 - 11:49

Il pd già nella precedente legislatura ha domostrato ampiamente la sua attitudine alla frammentazione, se fa un governo con i 5s, le beghe interne del pd esploderanno e il partito andrà inevitabilmente verso l'estinzione consegnando così l'Italia nelle braccia di Salvini.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Dom, 18/08/2019 - 12:01

Macaluso: come si permette di contraddire il bullo di Rignano? Impazzito? ... Secondo me egli guarda un pò più in là mentre c'è una canea di miopi che credono di poter ribaltare in eterno il risultato politico di perdenti a loro vantaggio senza calcolare che chi vota non è così sprovveduto come essi stessi credono. Nel 2011 e poi nel 2013 (con l'aiuto dei soliti responsabili anche l'anno successivo), il Pd le elezioni non le ha vinte però ha "governato", sì che sono espertissimi in giochini di palazzo come e più dei grillini. Cum magnum gaudium di certa commissione Ue..