Caprotti nemico di classe pure da morto

La sinistra in Comune si oppone a una via per Mr. Esselunga: era anticomunista

Bernardo Caprotti nemico di classe anche da morto. Sembra impossibile, eppure per quelli della sinistra trinariciuta nemmeno l'umano rispetto che si deve a un defunto riesce a cancellare l'avversione, anzi forse proprio l'odio verso quello che un tempo veniva marchiato come il «padrone». Anzi, non solo un tempo visto quello che è successo ieri nell'aula del consiglio comunale di Milano, patria di un riformismo socialista che probabilmente a qualcuno ha insegnato davvero poco.

Di Forza Italia l'idea di presentare una mozione per dedicare all'inventore dell'Esselunga una strada o una piazza. Riconoscendogli magari anche un posto al Famedio del cimitero Monumentale, lì dove vengono per tradizione ricordati tutti quelli che hanno dato lustro alla città. In calce, dopo il capogruppo azzurro Gianluca Comazzi, le firme della Lega, di Stefano Parisi, delle liste Sala e Milano popolare, del Pd e perfino dei grillini del Movimento 5 Stelle. Mancano quelle della sinistra-sinistra, dell'ex presidente del consiglio comunale Basilio Rizzo con la sua Sinistra e costituzione e di Sinistra per Milano (si scusino le inevitabili ripetizioni) che è la declinazione meneghina di Sel, la Sinistra ecologia e libertà dell'ormai fu (politicamente) Nichi Vendola, tutto impegnato oggi nella sua nuova vita da puerpera. Ma a non firmare è stato anche quel Paolo Limonta, già braccio destro del sindaco arancion-vendoliano Giuliano Pisapia. Evidentemente troppo per chi tanto si riempie la bocca con la difesa dei lavoratori, rendere onore a chi oggi dà uno stipendio a 22mila dipendenti. E che da quel primo supermercato aperto in viale Regina Giovanna ha dato da mangiare a centinaia di migliaia di famiglie. Senza chiedere nulla in cambio, anzi rifiutando l'Ambrogino, la massima onorificenza cittadina che in molti avrebbero voluto assegnargli. Troppo l'odio di classe per Limonta e compagni che non hanno ceduto nemmeno di fronte alla morte.

«Ci dispiace molto, è stata una grande perdita, un grande imprenditore. Un grande uomo», diceva un'anziana ieri davanti a un suo supermercato, interpretando una verità non poi così difficile da riconoscere. Ma non per la sinistra, rimasta ferma agli odi antichi della lotta di classe.

Ieri tutti i supermercati sono rimasti chiusi in segno di lutto. Ma in perfetto rito ambrosiano hanno riaperto alle 12 in punto, dopo che in duecento avevano affollato San Giuseppe in via Verdi per il funerale dell'imprenditore scomparso venerdì a pochi giorni dal suo novantunesimo compleanno. Chiesa barocca del Seicento di cui proprio Caprotti aveva finanziato il restauro del pavimento. Nei banchi di sinistra la seconda moglie Giuliana Albera e la figlia Marina con accanto il presidente di Esselunga Vincenzo Mariconda e l'amministratore delegato Carlo Salza, a destra i figli di primo letto Giuseppe e Violetta protagonisti della lite giudiziaria con il padre. Ed è stata la stessa Violetta, accorsa in clinica proprio l'ultimo giorno, a far leggere un messaggio a monsignor Giuseppe Maggioni: «Grazie papà per avermi aspettato, mi hai fatto capire l'enorme amore che c'era tra di noi. Rimarrai sempre nel mio cuore». E ora l'attesa è per l'apertura del testamento, davanti al notaio Carlo Marchetti.

Commenti

canaletto

Mar, 04/10/2016 - 08:27

SOLITE DEMENZIALITA DEI PIDIOTI CATTO COMUNISTI. ALLORA VIA TUTTE LE VIE INTITOLATE AI COMUNISTI. ORA FACCIAMOCI LE VIE A CAPROTTI, A BENITO MUSSOLINI ECC. E TOGLIAMO ANCHE ALDO MORO DALLE VIE: QUELLO LI CI HA ROVINATO!!!!

Fjr

Mar, 04/10/2016 - 08:27

Dormito male stanotte? Avete messo il titolo di un'articolo su Caprotti, ma l'articolo si riferisce alla sanatoria,diavolo di un Caprotti riesce a incasinarvi anche da morto, onore a Caprotti

umberto nordio

Mar, 04/10/2016 - 08:37

L'articolo non c'entra proprio con il titolo.Sveglia,Caprotti vi avrebbe giustamente mandati a spasso.

routier

Mar, 04/10/2016 - 08:38

A Bernardo Caprotti (un italiano veramente commendevole) nessuna onomastica stradale. Ad un "esuberante" giovanotto che assale con un estintore un carabiniere in servizio, si dedica nientemeno che una targa in un'aula del parlamento. Il nostro, è un Paese da operetta. (per non dire peggio)

roberto.morici

Mar, 04/10/2016 - 08:39

?!?!?!?...

leopard73

Mar, 04/10/2016 - 08:41

il grande CAPROTTI se era il patron delle COOP gli avrebbero fatto una statua in piazza duomo, questa e la sinistra democratica che ci comanda purtroppo bellissimo esempio di scortesia nei confronti di un grande imprenditore che da lavoro a 22000 persone ma questo non vale non è di sinistra. incapaci buffoni e ladri

alfonso cucitro

Mar, 04/10/2016 - 08:43

Cosa c'entra il titolo con il contenuto dell'articolo?

Massimo Bocci

Mar, 04/10/2016 - 08:43

Un grande uomo, si riconosce anche da chi sono stati tutta la vita i suoi valori libertari,liberali e gli avversari che questi principi hanno sempre avversato,mistificato,TRUFFATO!!! Coop, dunque grande onore a chi è sempre stato dalla parte della libertà,degli Italiani,per il progresso e contro fecce di miserabili LADRI parassiti, catto-comunisti!!!

Giampaolo Ferrari

Mar, 04/10/2016 - 08:45

Ovvio questo è uno sfruttatore dei dipendenti,ne sfrutta 30.000 circa va sepellito senza lapide. GIULiANI è una brava persona da ricordare,quel delinquente che al G8 di Genova stava per uccidere un carabiniere con l'estintore .Quello è da ricordare con una targa alla camera dei deputati per l'impegno nel distruggere una città, gesto eroico per quella feccia che ci governa.

Ritratto di manganellomonello

manganellomonello

Mar, 04/10/2016 - 09:10

Nemico pure per voi de Il Giornale... Dov'è l'articolo su Caprotti?

Trinky

Mar, 04/10/2016 - 09:19

innanzi tutto a Milano farei una piazza dedicata a "Sala, evasore fiscale".... E da adesso mi sentirò in dovere, ogni volta che passerò davanti a qualche lapide che ricorda partigiani & compagni vari, di sputargli sopra.... Motivo? Erano comunisti!!!!

giovanni PERINCIOLO

Mar, 04/10/2016 - 09:35

Io non solo dedicherei a Caprotti una via in ogni città dove ha operato ma aggiungerei pure a titolo onorifico "Vero e onesto anticomunista".

giovanni PERINCIOLO

Mar, 04/10/2016 - 09:36

Nemico di classe?? certo, nemico della classe dei ladri e dei traditori della patria!

PAOLINA2

Mar, 04/10/2016 - 09:37

Un'altra toppa di questo giornale, ma cosa scrivete? Il titolo fa riferimento a Caprotti e leggendo si parla di sanatoria a imprese e cittadini.Siamo proprio alla frutta.

Kimjonhung

Mar, 04/10/2016 - 09:37

errore di impaginazione

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Mar, 04/10/2016 - 09:38

Questa classe politica comunale, sinistra, becera e stupida sarà sempre nemica del popolo. Sono talmente ignoranti che definire Caprotti nemico di classe perché fa un buon servizio alla gente. Allora le Coop come definirle delinquenti ed affamatore della gente?? Squallidi sinistri attenti, appena vi scoprono farete una brutta fine.

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 04/10/2016 - 09:39

mai la spesa alla coop delle zecche rosse anti italiani

schiacciarayban

Mar, 04/10/2016 - 09:44

Segnalo ch c'è un titolo su Caprotti e l'articolo parla di tutt'altro!

orso bruno

Mar, 04/10/2016 - 09:49

Poveri sinistri:sempre più imbecilli, sempre più patetici !

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Mar, 04/10/2016 - 09:50

Classico atteggiamento comunista.Cosa ne pensano i dipendenti di questo potente supermercato ?

PAOLINA2

Mar, 04/10/2016 - 09:57

Grazie, dopo il mio commento vi siete accorti della grande gaffe del vostro grande giornale.

steacanessa

Mar, 04/10/2016 - 09:59

Come diceva Feltri quando ragionava: sono comunisti. Vanno contro natura. Vedono gli esseri umani come una colonia di formiche in cui ognuno deve svolgere il compito assegnato senza possibilità di scelta. Il dono del libero arbitrio a loro non è concesso.

Ritratto di mina2612

mina2612

Mar, 04/10/2016 - 10:05

...e poi si offendono chiamarli comunisti: non è la falce e martello per individuare comunista, ma il suo cervello!

maxfan74

Mar, 04/10/2016 - 10:07

Grande uomo, capace e umile, ah se avessimo anche un solo politico così, quanta redditività per la nostra povera Italia.

Cheyenne

Mar, 04/10/2016 - 10:07

questa povera italia sgovernata da folli e feroci sinistrati è l'unico paese comunista rimasto al mondo. Mi fanno schifo. La lotta di classe ma che siamo nell'ottocento?

grazia2202

Mar, 04/10/2016 - 10:07

ma non avete capito che essere comunisti è come essere ciechi ma con il cervello fino

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mar, 04/10/2016 - 10:09

MA; SE LA GIUNTA COMUNALE DI MILANO NON RISPETTA NEPPURE LA REGINA DELLA DANZA CLASSICA CARLA FRACCI CHE DOVEVA FESTEGGIARE IL SUO 80 ANNIVERSARIO LA GIUNTA MILANESE VOLEVA CHE LEI SI SEDESSE IL PLATEA INVECE DI DEDICARLE UNA SERATA;É COME DOVREBBE RISPETTARE LA GIUNTA MILANESE UN IMPRENDITORE COME BERNARDO CAPROTTI?! SE NEPPURE UNA STAR COME CARLA FRACCI VIENE ONORATA NELLA SUA CITTÁ NATALE?!É INFATTI CARLA FRACCI HA DECISO DI FESTEGGIARE IL SUO 80ESIMO ANNO AL SAN CARLO DI NAPOLI!É QUESTI 2 CASI FANNO VEDERE CHE I KOMUNISTRONZI NON RISPETTANO NÉ LA CULTURA E NEPPURE IL MONDO INDUSTRIALE!.

cabass

Mar, 04/10/2016 - 10:10

I sinistrati possono pensarla come gli pare, tanto finché restano in minoranza lasciano il tempo che trovano! L'importante è che tutti gli altri, PD e 5 stelle compresi, la pensino in maniera diversa.

sergio_mig

Mar, 04/10/2016 - 10:13

ONORE A CAPROTTI GALANTUONO D'ALTRI TEMPI, SOLO DEGLI IMBECILLI TARATI NEL CERVELLO POSSONO PENSARE CHE UN IMPRENDITORE CHE HA DATO LAVORO A MIGLIAIA DI PERSONE, CHE HA "COMBATTUTO" CONTRO I SOPPRISI DELLE COOP CHE HANNO SEMPRE PRESO X I FONDELLI I LORO DIPENDENTI POSSANO SOLO PENSARE A CAPROTTI COME UN NEMICO DELLA GENTE. PERSONE SIMILI NON SOLO HANNO PIENO DIRITTO AD AVERE UNA VIA CON IL SUO NOME MA RICORDATO NELLA STORIA DELLA CITTA DI MILANO COME LUSTRO DELL'IMPRESA DI QUESTO PAESE. SOLO MENTI BACATE COME LA SINISTRA TRUFFALDINA DI QUESTO PAESE NON RICONOSCONO IL VALORE DI QUEST'UOMO.

schiacciarayban

Mar, 04/10/2016 - 10:18

La sinistra è ridicola, veramente inqualificabile. Caprotti è un uomo che ha fatto grande Milano, un imprenditore illuminato, un grande innovatore, ha dato lavoro a decine di migliaia di famiglie, un orgoglio per Milano, ma i nostri minuscoli e insignificanti politici di sinistra sono così meschini e patetici che piuttosto che riconoscere la grandezza di un uomo di destra farebbero qualsiasi cosa.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mar, 04/10/2016 - 10:20

Ad intitolare una sala a Giuliani hanno fatto presto. Sono sempre più convinto che chi è di sinistra vive di invidia.

chebruttaroba

Mar, 04/10/2016 - 10:21

Le persone di sinistra sono persone per definizione sinistre e, in quanto tali, che vivono piene di livore, cattiveria e invidia nei confronti di chi non la pensa come loro. Sinistri pieni di odio per tutte quelle persone che, proprio per il fatto di non essere di sinistra, sono felici e sanno vivere la vita.

Ritratto di renzoditolve

renzoditolve

Mar, 04/10/2016 - 10:37

Non ho ragione che questi Gattopardi ex PCI hanno DNA dell'Idiota Ideologia dell'ex URSS$Mao? A pensare che l'Italia è invasa di nome vomitevoli di ccheskì e dal 2011 ancora più vomitevoli Napolitano e suoi Governi!

Fjr

Mar, 04/10/2016 - 10:44

Non so perché' ma alla lettura del testamento sento ci saranno delle belle sorprese

Ritratto di joice

joice

Mar, 04/10/2016 - 10:44

I milanesi hanno avuto l'occasione di mandare a casa i "sinistri" la scorsa primavera.Sono rimasti a casa e questa è un'altra delle conseguenze.Pensavate gli avrebbero fatto un monumento????ma quando mai....comunque WIVA Caprotti ovunque sia adesso.

zucca100

Mar, 04/10/2016 - 10:44

E allora? La via gli può essere dedicata con i voti contrari della sinistra

zucca100

Mar, 04/10/2016 - 10:46

Perinciolo, sembri uscito direttamente dagli anni settanta. Vivi ancora nel secolo scorso, svegliati

Fjr

Mar, 04/10/2016 - 10:46

@pasquale esposito, tutta invidia quella dei trinariciuti , preferiscono onorare gli atleti nel lancio dell'estintore

il sorpasso

Mar, 04/10/2016 - 10:49

In Romagna siamo pieni di vie intitolate ai COMUNISTI e A Ravenna pefino agli ZINGARI!!!!

gesmund@

Mar, 04/10/2016 - 10:52

Non ha portato voti ai comunisti e non ha pagato tangenti. Peccati imperdonabili. Ha creato lavoro vero, benessere e pagato miliardi di tasse.

vinvince

Mar, 04/10/2016 - 10:59

Uno ... cento .... mille Caprotti !!!

giovanni PERINCIOLO

Mar, 04/10/2016 - 11:16

zucca100. E ne sono fiero. I valori restano valori sempre mentre i sinistr-onzi hanno cambiato nome o, se preferisci, ragione sociale non so più qu

montenotte

Mar, 04/10/2016 - 11:18

QUESTI SINISTRI SON NATI CAPRE E CAPRE RIMARRANNO. SENZA OFFESA PER LE CAPRE OVVIAMENTE.

giovanni PERINCIOLO

Mar, 04/10/2016 - 11:19

zucca100. E ne sono fiero. I valori sono e restano valori sempre. I sinist-ronzi invece hanno cambiato nome o, se preferisci, ragione sociale non so più quante volte per mascherare le loro magagne e delitti restando sempre gli stessi, sinist-ronzi appunto!

Jimisong007

Mar, 04/10/2016 - 11:20

I Blocca Italia

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 04/10/2016 - 11:22

Ricominciamo con la storia delle vie intitolate, con ovvie divagazioni su Carlo Giuliani (che non c'entra nulla) e, immagino dopo questo mio post, su Enrico Cuccia. Il povero Caprotti è appena morto... lasciamo trascorrere i fatidici 10 anni previsti dalla legge e poi ne riparliamo.

il corsaro nero

Mar, 04/10/2016 - 11:37

@paolina2: se non lo consideri un grande giornale, perchè lo leggi? vai a leggere i giornaletti dei tuoi amici radical chic comunistoidi!

Trinky

Mar, 04/10/2016 - 11:41

Ma per quale motivo Carlo Giuliani deve aver intitolato qualcosa? Solo perchè era uno che cercava di tirare gli estintori in testa ai poliziotti?

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 04/10/2016 - 11:41

----avete stufato però con questa menata che il tizio in questione ha creato migliaia di posti di lavoro come se questa fosse una "conditio sine qua non" per ottenere un riconoscimento- anche la mafia crea milioni di posti di lavoro non per questo gli si dedicano le strade-- hasta siempre--

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 04/10/2016 - 11:42

--non sono gli operai che devono ringraziare un capitano d'industria per il lavoro ottenuto- è piuttosto il capitano d'industria che deve ringraziare gli operai che hanno reso possibile la realizzazione di progetti che senza di loro sarebbero rimasti sulla carta-- fossi nelle vesti del sindaco di milano farei scegliere ai dipendenti esselunga se vogliono una strada dedicata al loro patron ----il risultato potrebbe non essere così scontato come si crede-- hasta siempre

il corsaro nero

Mar, 04/10/2016 - 11:44

zucca100: semmai chi è uscito dagli anni settanta e vive ancora nel secolo scorso mi sembrano più gli amichetti tuoi, visto che ancora esaltano Marx e la lotta di classe!

Ritratto di ProSilvioForever

ProSilvioForever

Mar, 04/10/2016 - 11:45

Vale più di 1 milione di volte la foto con il sobrio annuncio della morte del Dottor Bernardo Caprotti da parte di Esselunga (che ho memorizzato sul mio pc per ricordo) che sapere della decisione dei buoni a nulla di sinistra di negare l'infinita superiorità morale e materiale di un uomo che non ha dimostrato di essere un accattone come quelli della coop... Rip

Ritratto di viotte17121957

viotte17121957

Mar, 04/10/2016 - 11:50

Comunisti di ieri,comunisti di oggi non c'e'mai fine al peggio!!

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 04/10/2016 - 11:51

MA COMEEE?? i pdioti e sinistroidi sparsi,dicono che non ci sono più komunisti ed ora non vogliono intitolare la via al Dott. Caprotti perché anticomunista?? Non facciamoli più soffrire con questi "dubbi" atroci...una dose di TANAX ciascuno così si pone fine alle loro sofferenze!!!ACCHHH SOOOO!!!

Gianluca_Pozzoli

Mar, 04/10/2016 - 11:58

grande uomo, se non altro perchè ha fatto il muso duro al PD e il suo portafogli: LE COOP

maurizio50

Mar, 04/10/2016 - 12:02

Il fatto che Caprotti fosse anticomunista è un vanto per lui: Atteso che i comunisti sono i distruttori del Paese, dell'Economia e della Nazione Italiana è il caso che la dedica di una strada o piazza a Caprotti provenga da tutte le Amministrazioni Pubbliche che non hanno niente a che spartire con l'attuale insano regime!!!!!

Lucky52

Mar, 04/10/2016 - 12:06

Che la sinistra non arrivi a capire che senza gli imprenditori gli operai non esisterebbero è elementare. Del resto che la materia grigia a questi signori faccia difetto è molto evidente da tempo.

sergio_mig

Mar, 04/10/2016 - 12:07

Il sindaco Sala dovrebbe solo vergognarsi non è degno di commentare CAPROTTI, non è capace neppure di gastrite l'immigrazione figuriamoci la città di Milano e fa lo gnorri con un grande personaggio che dal nulla ha creato un impero dando lavoro, benessere a intere famiglie, pagando fior di quattrini di tasse allo stato e alla città di Milano. Inutile spendere parole nei confronti di un sindaco che rappresenta con la sua ciurma la banda bassotti degli appalti pubblici.

roberto.morici

Mar, 04/10/2016 - 12:08

La sinistra in Comune si oppone a una Via per Mr Esselunga. Si sono accontettati con centinaia di Vie, Viali e Piazze in onore di tale Togliatti, quello che si sentiva orgoglioso di aver rinnegato la cittadinanza italiana a favore di quella sovietica per non essere scambiato per un "miserabile mandolinista"; quel tale individuo che auspicava l'occupazione della Regione Giuliana da parte delle truppe del Maresciallo Tito.

giovauriem

Mar, 04/10/2016 - 12:14

hanno ragione icomunisti in italia mancano ancora un centinaia di strade e una cinquantina di piazze intitolate ai stalin , lenin , togliatti , iotti , gramsci, berlinguer , longo , ai partigiani di via rasella , ecc. ec.

PAOLINA2

Mar, 04/10/2016 - 12:18

@il corsaro nero: lo leggo perche' mi diverto.Auguri.

Ritratto di alejob

alejob

Mar, 04/10/2016 - 12:42

Quando la sinistra averà finito di governare, perché se non passa il REFERENDUM non sarà per sempre, chi verrà poi potrà dedicare a questa persona non solo una via ma la CITTA' INTERA.

frabelli1

Mar, 04/10/2016 - 12:51

Forse questi beceri non lo sanno ma in Italia ad essere anticomunisti sono in molti e ne vanno fieri. I beceri sono convinti che l'unica occupazione è quella statale e lavorare solo poche ore. In caso di contestazione c'è il sinndacato a difenderli. Questi sono i comunisti.

Ritratto di host8965

host8965

Mar, 04/10/2016 - 12:57

Ci sono migliaia di ottimi imprenditori italiani del passato che hanno creato valanghe di posti di lavoro eppure non sono mai stati nominati per l'assegnazione di una via o di una piazza, non si capisce come mai si sollevi un polverone solo quando la cosa interessa Caprotti. Mica sarà una scusa per sputare il solito fango sui "nemici trinariciuti"?

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mar, 04/10/2016 - 12:58

..In generale si riconosce in Italia un valoroso , un grande ,solo dal fatto che raramente viene nominato ,ricordato,commemorato, facendolo si umilierebbe l’infinita moltitudine di mezze tacche, quaquaraquà, mezzi uomini, vigliacchi e imbelli che ci troviamo costantemente in bella mostra quotidianamente, se a ciò aggiungiamo che la persona viene ancor di più vilipesa dal cattoprogressistacompagnocomunista significa che lei è un vero gigante. Sig. CAPROTTI grazie e R.I.P.

chit 54

Mar, 04/10/2016 - 13:24

ma perché intitolargli una strada che sarebbe poi calpestata anche dai comunisti

agosvac

Mar, 04/10/2016 - 13:28

Già lo avevo detto: Milano ha un'amministrazione di sinistra e la gente di sinistra le strade o le piazze le intesta a persone di sinistra non a chi, effettivamente, ha fatto qualcosa di buono!!!

Ritratto di bracco

bracco

Mar, 04/10/2016 - 13:31

Definire questi di sinistra delle teste di k***o sarebbe una offesa al nobile organo maschile atto alla riproduzione, la verità è che si tratta di imbecilli che come succede hanno portato il cervello all'ammasso delle ideologie della sinistra ormai in decomposizione avanzata

giottin

Mar, 04/10/2016 - 13:41

Stia tranquillo sala, che non ci sarà nemmeno una via intitolata a lui, al massimo ci potrà essere Via dalle palle!

Libertà75

Mar, 04/10/2016 - 13:47

non manca il solito razzismo di sinistra contro chi non si era allineato alla bandiera rossa... e poi dicono di essere persone intelligenti, cosmopolite, internazionaliste e anticlassiste... chiacchiere

luna serra

Mar, 04/10/2016 - 13:57

era uno che faceva la guerra alle coop giustamente quindi come da Ordini superiori niente vie o mpiazze in onore di questo signore, non mi sembra di aver letto una dichiarazione del presidente del Consiglio o perlomeno mi è sfuggita

Ritratto di scriba

scriba

Mar, 04/10/2016 - 14:10

PIAZZE COMPAGNE. Ma si è più giusto dedicare piazze e vie ai dittatori rossi rei di genocidi e di foibe, ai terroristi tipo Guevara e fra non molto agli "eroi" delle brigate rosse. Comunismo = metastasi.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 04/10/2016 - 14:11

host8965 non si distragga dalla sua politica,per lei Caprotti non valeva niente ancora meno di quel nano dell'estintore.I suoi acquisti li faccia alla coop,almeno darete un po di soldi a quel gallinaccio spelacchiato per la pubblicità.

Pinozzo

Mar, 04/10/2016 - 14:37

Due commenti: 1) ma se anche il PD ha firmato perche' scrivete mentendo "la sinistra si oppone"? 2) perche' mai dovremmo intitolare una via o una piazza a un bottegaio che ha fatto i soldi? le vie si intitolano ai grandi personaggi della storia, mazzini, verdi, marconi, gramsci, e quest'uomo di grande non ha fatto nulla.

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Mar, 04/10/2016 - 14:51

I komunisti sono troppo presi ad erigere monumenti a DELINQUENTI OMICIDI FALLITI come il giuliani, e ad intitolargli aule del parlamento Italiano, perché per loro l'apologia di reato è una virtù. Non hanno tempo per intitolare vie o strade a persone oneste e capaci come l'Imprenditore Caprotti. Non ne hanno nemmeno la voglia perché intitolando vie o strade ad Italiani come il Caprotti al confronto la loro nullità e incapacità sfolgorerebbe come non mai.

unz

Mar, 04/10/2016 - 14:58

canaletto via le vie dei comunisti, che sono feccia della storia, daccordo. Ma a noi non ci ha rovinato Moro, abbastanza irrilevante. Ci ha rovinato Benito Mussolini. Prima eravamo un paese sovrano, ora un paese servo. Ci ha regalato il più grande partito conunista occidentale, vero motivo dell'arretratezza e dell'inefficenza e della pervasività dello stato. Senza contare in 200.000 morti sotto i bombardamenti anglo americani, la tragedia dell'Armir, le leggi razziali. Il primo Mussolini l'ha ucciso il secondo Mussolini, è luinche ne ha cancellato giustamente la memoria.

Trinky

Mar, 04/10/2016 - 15:05

@host.....se è per questo ci stanno vie intitolate a quel farabutto sovietico di togliatti...adesso aspettiamo qualche altra intitolazione a chi va in giro a tirare estintori...oppure non è vero?

zucca100

Mar, 04/10/2016 - 15:11

Pinozzo, giusto il punto 1 (ti rimando alla faziosita del giornale). Ma sul punto 2 sbagli in pieno perché caprotti non è, stato un certo bottegaio, ma l'imprenditore che ha rivoluzionato il settore della grande distribuzione creando lavoro x migliaia di persone. Anche Silvio, che non ho mai votato, meritera' di essere ricordato in qualche modo dalla sua città"

hectorre

Mar, 04/10/2016 - 15:13

Pinozzo....una domanda,anzi due....ma a voi sinistrati istallano un limitatore al cervello dalla nascita?........e le vie intitolate a sinistri individui che rispondono ai nomi di che guevara,stalin,lenin..ecc....c'entrano in qualche modo con la nostra storia o è la solita tara mentale sinistra?......

swiller

Mar, 04/10/2016 - 15:59

Sinistra = criminalità e delinquenza.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 04/10/2016 - 16:09

"Basta stare con questi qua per far fuori quelli là" è la filosofia condivisa da comunisti e fascisti. Ecco perché i democratici andrebbero trattati come fascisti.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 04/10/2016 - 16:12

A Milano dinnanzi alla stazione della Metro verde "Cascina Gobba" c'è un piazzale che dovrebbe essere intestato a Giulio Andreotti, perché davanti c'è la piazza e dietro la Gobba.

Fjr

Mar, 04/10/2016 - 16:17

El Kid finiscila, Co' sta storia dei dipendenti senza uno che investi i dipendenti non avrebbero una strada da dedicargli , vada a vedersi quanti"imprenditori" o pseudo hanno delocalizzato in Cina o in Turchia, vedi Pirelli ad esempio, negli anni 80 Pirelli ha chiuso i battenti a Bicocca e ha trasferito a settimo torinese , salvo poi fare le gomme in Turchia e per una volta non racconti cojonate , visto che la storia della zona la conosco bene vivendoci, tutto il terreno ex Pirelli è' stato venduto a peso d'oro e alcuni dicono che quel terreno ha valso più' dell'intera azienda quando era ai massimi storici, quindi fatti 4 conti della serva......

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 04/10/2016 - 16:55

Caprotti il grande nonostante le avversioni delle coop è riuscito a resistere ed a dar da mangiare a 20.000 famiglie.Fu denunciato per un libro che svelava tutte le cose storte della sinistra.

Pinozzo

Mar, 04/10/2016 - 17:05

zucca100, guardi non sono un esperto sulla storia di Esselunga, ma guardando su wikip. parrebbe che lui all'inizio non abbia fatto altro che associarsi a degli americani (rockfeller et al.) col 18% per ricreare in italia il modello di supermarket americano, per poi riscattarne la maggioranza quando il progetto era ormai ben lanciato. Non ci vedo nulla di rivoluzionario e non mi sembra un pioniere da celebrare (non un olivetti, per intenderci), ma solo un affarista con un buon fiuto. hectorre, non so di nessuna piazza stalin o via stalin. via lenin e via che guevara esistono come esistono viale washington o piazza kennedy.

manfredog

Mar, 04/10/2016 - 17:26

La sinistra non vuole dedicargli né via né piazza innanzitutto perché ha fatto guerra ai supermercati coop, e quello è un peccato mortale che il 'Dio Rosso' non perdonerà mai; il 'padrone' viene dopo, anche se è importante per carità, ed anche se per loro c'è differenza, ma, in sostanza, cambia solo il nome: alla coop il padrone magari è un socio della GRANDE cooperativa di consumatori, ma sempre padrone è, ma per loro è differente. Pensate un po' come sono messi !! mg.

maurizio50

Mar, 04/10/2016 - 17:51

Pinozzo@. Lei ha proprio ragione. Un pioniere da celebrare è certamente l'ing. De Benedetti, pioniere del come prendere un'azienda con migliaia di dipendenti ed affossarla!!De Benedetti , il santone di tutti i compagni, n. 1 del PD!!!!

zucca100

Mar, 04/10/2016 - 17:57

Pi nozze, d'accordo, i supermarket sono nati negli USA, lui,li ha lanciati in Italia. Non mi sembra poco. La questione delle vie è' stucchevole. A torino c'è, corso stalingrado, e allora?