La carriera di Chouchane: prima Al Qaida, poi da noi

Il capo dell'Isis di Sabrata già nel 2003 voleva unirisi alle bande di Al-Zarkawi in Irak, ma fu arrestato in Siria. E da jihadista ha vissuto indisturbato in Italia

Noureddine Chouchane, il super terrorista tunisino ucciso a Sabrata dai caccia Usa, nel 2003, prima di arrivare in Italia con documenti falsi, stava andando a combattere in Iraq contro l'invasione americana, ma è stato arrestato in Siria. Lo ha rivelato il fratello Bilal in un collegamento radiofonico dopo il raid americano (ascolta qui l'audio). Non solo: la cellula che ha tenuto in ostaggio i 4 ostaggi italiani negli ultimi otto mesi, secondo una fonte tunisina ben informata, «faceva parte della fazione di Ansar al Sharia, che ha giurato fedeltà allo Stato islamico» guidata da Chouchane. I rapiti sono stati preziosi per l'autofinanziamento con il riscatto, non per tagliarli la gola davanti a una telecamera. La moglie, Madeeha Azima Mahmoud, si sarebbe unita ai carcerieri dei nostri connazionali dopo le bombe Usa del 19 febbraio. Le fonti tunisine sostengono che «al 90% è suo il cadavere fotografato dai miliziani di Sabrata vicino ai due ostaggi italiani uccisi appena fuori città». Se verrà confermato dall'inchiesta non ci saranno più dubbi sul marchio delle bandiere nere sul sequestro, che il governo si affanna a smentire.

«Mio fratello si è diplomato a Sousse nel 2001 poi è andato in Italia la prima volta l'anno dopo», raccontava il 22 febbraio Bilal Chouchane a radio Shems di Tunisi, tre giorni dopo l'uccisione di Noureddine sotto le bombe Usa. «Nel 2003 ha deciso di partire per l'Iraq per andare a combattere contro gli americani, ma è stato fermato in Siria e arrestato. In carcere è rimasto un mese e mezzo. Quando lo hanno liberato è andato in Italia, ma era senza documenti», continua Bilal. Il futuro emiro di Sabrata «è rimasto un primo periodo in Italia con documenti falsi» sostiene il fratello. Nel 2007 ha ottenuto un permesso di soggiorno ad Ancona e tre anni dopo gli è stato rinnovato a Novara. «I documenti regolari dall'ambasciata (tunisina) li ha ottenuti solo dopo la primavera araba», spiega il fratello del terrorista defunto. Il Giornale ha scoperto che nel gennaio 2011, quando il regime di Ben Alì stava crollando, Chouchane aveva ritirato il passaporto al consolato tunisino di Genova. Il fratello spiega che in Italia «si comportava bene, scriveva, telefonava, andava alla moschea e si è fatto crescere la barba». Secondo le fonti tunisine del Giornale «durante il periodo italiano era in contatto con Sharia 4 Belgio, il gruppo salafita che nel 2015 è stato designato come organizzazione terroristica». Bilal conferma che il fratello «ha lasciato l'Italia nel 2011 per andare (a combattere) in Siria, ma poco tempo dopo era in Libia. Lo abbiamo capito dal prefisso del numero di telefonino che usava per chiamarci». La fonte attendibile tunisina sostiene che «Chouchane ha avuto contatti in Italia e in Siria con il jihadista italiano Del Nevo». Il ragazzo partito da Genova e morto combattendo nel 2013, che era stato probabilmente reclutato ad Ancona. Tutte città di passaggio per il futuro emiro di Sabrata. Chouchane, prima di arruolarsi nella guerra santa, viveva nel quartiere multietnico Sant'Agabio di Novara. Nel gennaio 2015, dopo il primo attentato a Parigi, il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, ha espulso 9 jihadisti compresi 5 tunisini. Fra questi Ben Salah Ben Sadok, che viveva nel quartiere novarese di Chouchane da anni. Nello stesso periodo il Viminale ha emesso un decreto di espulsione per «motivi di sicurezza nazionale» per Chouchane, ma era già a Sabrata ad impiantare un campo di addestramento per 200 tunisini, che volevano tornare in patria per instaurare il Califfato.

Non molto lontano c'era l'appartamento prigione degli ostaggi italiani, che ricordano lo spostamento d'aria delle bombe Usa. Poco dopo il raid sono arrivate altre persone, che sembrano scappate dall'attacco. Gli ostaggi sentono le voci e capiscono che si tratta di donne e bambini.

Il 2 marzo gli italiani vengono divisi. Failla e Piano sono costretti a salire su un fuoristrada. Nel mini convoglio di due mezzi c'è anche una donna con un bambino. Nel deserto fuori città la brigata «Febbraio al Ajilat-2» di Sabrata li intercetta ammazzandoli tutti (2 italiani e 7 tunisini). Nei raid delle ore precedenti i miliziani hanno sequestrato documenti e appunti dei tunisini di Ansar al Sharia legati allo Stato islamico. Su un foglietto strappato si legge il versetto 101 del Corano con sotto la firma di chi l'ha copiata: «Madeeha Azima Mahmoud», la moglie di Chouchane, l'emiro ucciso dagli Usa. La fonte tunisina del Giornale riconosce «al 90% il cadavere» della donna fra quelli fotografati dai miliziani, che hanno ucciso i poveri Failla e Piano.(ha collaborato Luigi Guelpa)

Commenti

piardasarda

Mer, 09/03/2016 - 08:05

ai familiari delle vittime si dica che l'Italia salva vite umane.

Happy1937

Mer, 09/03/2016 - 08:56

Quelli di Al Qaida e dell'ISIS sanno benissimo che, fra il Papa e gli sgovernanti, l'Italia è il loro Paradiso.

oicul44

Mer, 09/03/2016 - 09:45

italia paese di partenza dei tagliagola bravo alfano renzi boldrini

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 09/03/2016 - 09:51

L'"Itaglia" rappresenta, per il terrorismo islamico, una delle basi operative più importanti del mediterraneo. A questo, e solo a questo, si deve l'assenza di attentati sul nostro territorio. Al di là della iattanza autoincensatoria del nostro ministro dell'interno con delega all'invasione.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mer, 09/03/2016 - 10:00

Per chi conosce chi c'è veramente dietro questi soggetti non si stupisce. Chiedetevi solamente chi ha le infrastrutture per creare passaporti falsi con matrici vere. Sveglia gente...sveglia!!

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mer, 09/03/2016 - 10:01

Qual è il problema? Mentre era in Italia con documenti falsi, il "disperato profugo migrante" ci ha insegnato tanta cultura. Ricordo a tutti che in Tunisia, ma anche in Egitto, un documento falso -ad una qualità di falso che possa confondere la nostra polizia, ovvero bassissimo- costa come un cartoccio di pistacchi.

vinvince

Mer, 09/03/2016 - 10:16

COME MAI HA POTUTO VIVERE INDISTURBATO IN ITALIA ???

Royfree

Mer, 09/03/2016 - 10:17

Hai fittato casa, dato lavoro, solidarietà, elemosina ad un musulmano? Quello ti odia, anche se ti sorride e se gli capita l'occasione ti fa del male. Aiutarli è da dementi. Nessuna compatibilità con loro, vanno cacciati a calci in culo dalla nostra civiltà.

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 09/03/2016 - 12:46

Itaglia ricettacolo di criminali. Qui trovano il loro ambiente protetti da uno stato ridicolo se non compiacente.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Gio, 10/03/2016 - 09:13

@ vinvince - perché qualcuno che può, li vuole dentro casa per ovvii motivi. Guarda caso, in tutti gli attentati terroristici recenti, i terroristi, invece di essere stati presi vivi (per essere interrogati) sono morti. Addirittura abbiamo dei casi di collaboratori a Parigi ai quali è 'esploso' il telefonino che li ha uccisi. Almeno quattro persone sono morte in questo modo, ma lei non ne sentirà parlare di queste cose.