Case ai profughi, il prefetto frena. Forza Italia: il governo chiarisca

Treviso, retromarcia di Lega: "Io fraintesa". Salvini: "Ora cambi lavoro", Gli azzurri portano il caso in Parlamento: non siamo cittadini ma schiavi

Requisire le case sfitte ai privati per destinarle ai richiedenti asilo che i sindaci non vogliono accogliere. Che si tratti di «un'uscita infelice», come l'ha definita il governatore del Veneto Luca Zaia, di una minaccia reale, oppure di un semplice scossone morale, a cui ora il prefetto di Treviso Laura Lega tenta di riportare il senso dell'aut aut lanciato a una quarantina di primi cittadini ribelli alle quote di migranti assegnate dal Viminale, il caso è aperto. Ed «è necessario che il governo venga in Parlamento a riferire se questa misura verrà davvero applicata - sostiene Deborah Bergamini, responsabile comunicazione di Forza Italia - perché sarebbe un esproprio proletario in piena regola ai danni degli italiani. Poi finiranno per prenderci i soldi dai conti correnti. Non siamo più cittadini ma schiavi di un governo non eletto». La «misura» in questione, paventata come extrema ratio dalla rappresentante del governo in un muro contro muro sollevato con gli amministratori del Carroccio della provincia trevigiana ribelli al reperimento di altri 1.428 posti nelle strutture di accoglienza come stabilito dall'ultimo bando prefettizio, è quella di mettere le mani sugli edifici privati vuoti. Espropriando di fatto le famiglie delle proprietà immobiliari non locate, così da utilizzarne gli spazi in via emergenziale per l'accoglienza dei richiedenti asilo. Il leader della Lega, Matteo Salvini tuona: «Siamo alla follia. Caro prefetto, cambia mestiere che è meglio!»Lo tsunami di indignazione ha spinto il prefetto a precisare, pur senza arretrare: «La mia provocazione - così la definisce Lega - voleva pungolare i sindaci, far capire loro che non si può rimanere fermi. È stata data eccessiva enfasi a una farse pronunciata in quattro ore di discussione (durante una riunione convocata con i sindaci e disertata dai primi cittadini padani in segno di protesta, ndr) ma noi ci troviamo in una fase di emergenza - aggiunge - i migranti sono in aumento». Sono oltre 7mila e 500 quelli già accolti dal Veneto, a fronte di una quota stabilita dal ministero di oltre 8mila, ma i numeri rischiano di essere esponenziali in vista della nuova ondata di sbarchi prevista con l'arrivo della primavera e con lo spostamento delle rotte migratorie dai Balcani al mare. Ecco che a maggio, se i sindaci continueranno a dire di no, «l'estrema soluzione sarebbero le requisizioni delle case sfitte, come anche le tendopoli, ma come ho detto non voglio arrivare a questo», precisa ancora Lega. Più che un'ipotesi concordata e al vaglio del ministero dell'Interno, quella del prefetto pare una presa di posizione solitaria per costringere a un passo indietro del Carroccio. Eppure, il capo del dipartimento per le libertà civili e all'immigrazione del Viminale, Mario Morcone, spiega al Corriere del Veneto che la valutazione di eventuali requisizioni spetta «in caso di situazioni drammatiche» al ministro, e che comunque si tratta pur sempre di «un istituto del diritto» che «nulla ha a che vedere con le confische ai mafiosi». Non solo, se i sindaci non collaborano, «è chiaro che tocca ai prefetti decidere al posto loro».

Annunci

Commenti

Beaufou

Lun, 22/02/2016 - 08:42

Sarei oltremodo felice se un'iniziativa del genere andasse in porto. Perché darebbe sicuramente il via a una rivoluzione armata che spazzerebbe via prefetti, magistrati, politici, burocrati e mangia a ufo vari di cui l'Italia dovrebbe liberarsi al più presto. Chi lavora e produce sa anche imbracciare un fucile o un mitra, quando è l'ultima ratio...

Ritratto di gattofilippo

gattofilippo

Lun, 22/02/2016 - 08:44

La prefetta di bassa Lega.

maurizio50

Lun, 22/02/2016 - 08:49

C'è poco di che chiarire. I cialtroni di governo hanno già programmato che in caso di mancanza di disponibilità volontaria di alloggi per i Baluba, si darà luogo a requisizioni in stile militare. D'altronde i Prefetti sono abituati ad attaccare il somaro dove vuole il padrone; ed oggi il padrone è il governo di tangheri e cialtroni che sta riempiendo il Paese di beduini e selvaggi, con sviluppo mentale da età della pietra. Tutti futuri votanti PD!!!!

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Lun, 22/02/2016 - 08:50

Il movimentismo affannato pro-clandestini di questi prefetti, che sembrano burattini semoventi nell'ottica del padrone politico di turno dell'Italia, è intollerabile. La cosa migliore sarebbe un'abolizione delle loro figure o un ridimensionamento drastico dei loro poteri amministrativi. In ogni caso è inaccettabile che un funzionario, che dovrebbe essere al servizio dei cittadini, diventi il loro persecutore, con l'avallo eventuale del Ministero di RenzieAlfano. La Bullan ci faccia conoscere l'evoluzione della questione.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 22/02/2016 - 09:08

Ha sentito in pericolo la cadrega?

morghj

Lun, 22/02/2016 - 09:35

Io direi che "sua eccellenza" ha detto cose senza senso e senza possibilità legale di essere attuate, e per questo motivo deve essere sostituita. Detto questo, la perenne emergenza clandestini ci ha già rotto abbondantemente i .... ciclamini. Sarebbe ora di smetterla di riversarne migliaia e migliaia nei centri urbani. Con tutte le isole vuote che ci troviamo, occorrerebbe fare dei campi profughi e metterli li, in attesa di verificare le richieste d'asilo in tempi brevissimi. Poi chi ha il diritto resta e tutti gli altri devono essere rimpatriati in massa senza se e senza ma.

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 22/02/2016 - 09:40

Premesso che i Prefetti di una volta ,di cui Il PREFETTO MORI è e rimarrà l'indiscusso alfiere,erano altra cosa,vorrei capire, oggi,chi li nomina ed i base a che cosa!Forse perché partigiani di una sinistra radical chic o per meriti...non meglio precisati e meglio taciuti,Comunque,una dichiarazione dell genere,in altri Paesi avrebbe scatenato una Rivoluzione Epica,ma tant'è ...Povera Italia...

semprecontrario

Lun, 22/02/2016 - 09:44

ma sove ja preso la laurea questo prefetto in cina? e allora vada a lavorare cina

claudioarmc

Lun, 22/02/2016 - 09:46

POVERA COCCHINA LA FATTA GROSSA ED ORA SE LA DEVE RIMANGIARE!

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 22/02/2016 - 09:49

Ai burocrati e sgovernanti itagliani ricordatevi che :«in caso di situazioni drammatiche» anche gli ITALIANI,TIRATI PER LE P:LLE DA ANNI E ANNI,POTREBBERO INSORGERE E FARE COME NEL 1789 IN FRANCIA!!!

Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 22/02/2016 - 09:53

La prefetta di bassa Lega, mandata da Alfano in sostituzione dell'altra prefetta che ha distrutto il turismo di una cittadina sul mare, voleva dimostrare di essere più tosta. A casa subito, lei e questo governo di abusivi.

pagu

Lun, 22/02/2016 - 10:12

in itaglia posso fare di tutto le pecore che calpestano questo suolo, non sono neanche in gradi di belare... in un paese degno di tale nome avrebbero già riportato alla ragione a suon di bastonate dopo averlo licenziato, questo insulso dipendente statale...

sergioilpatriota

Lun, 22/02/2016 - 10:12

Logica conseguenza di una immigrazione senza regole e senza limiti; Dovrebbe essere elementare, per chi si fregia del titolo di "ammnistratore", sondare prima quanti alloggi sono disponibili per i profughi (non per i clandestini economici) e poi stabilire quanti ne possono entrare. Quì invece si fa al contrario; prima si fanno entrare tutti, senza alcun limite; poi si invoca l'emergenza perchè i posti non bastano per tutti. E chi ve lo ha detto di farli entrare tutti?

Antares-60

Lun, 22/02/2016 - 10:27

Agli ITALIANI terremotati in chiaro stato di EMERGENZA hanno dato tende e container dove hanno vissuto per ANNI, i cosidetti "profughi", molti di loro CLANDESTINI, li mettono in ALBERGO e rifanno loro pure il letto! Questa si che è vera solidarietà, complimenti al governo di fantocci!

jeanlage

Lun, 22/02/2016 - 10:35

Una volta si parlava di braccia rubate all'agricoltura. nel caso del prefetto lega, parlerei di gambe rubate alle passeggiate sui viali di circonvallazione.

avallerosa

Lun, 22/02/2016 - 10:36

I prefetti prima di tutto devono requisire tutte le seconde terze ecc case di politici magistrati ecc. mi risulta che la boldrina abbia pure una chiesetta poi possono fare certe dichiarazioni.

tuttogas

Lun, 22/02/2016 - 11:03

Ricordo che quando ero bambino (anni 50), gli amministratori pubblici che non gestivano secondo criterio e regole, usi e costumi venivano allontanati dai loro scranni in modo simpatico ed indolore: davanti a casa dell’eroe di turno veniva parcheggiato un somaro..Per evitare conseguenze più pesanti il soggetto attenzionato vi montava sopra da solo e poi il popolo lo accompagnava fino ai confini territoriali augurando buona fortuna! Questo valeva anche per i parroci! Ora penso che i somari in Italia non manchino anzi abbondano per cui a buon intenditore……

Rossana Rossi

Lun, 22/02/2016 - 11:38

Sarà il momento in cui finalmente gli italiani cominceranno a sparare........

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 22/02/2016 - 12:13

I prefetti NON sono capaci di gestire i problemi! Abbiamo visto tronca che non è affatto capace di sistemare i disastri del comune di Roma! Eppure ha poteri più ampi di un sindaco! Come mai?? La risposta è una sola: risponde una ideologia Comunista!!!! ne è un esempio i migliaia di ricorsi per le multe, il 90% finiscono respinti e le multe raddoppiate! Anche se hai ragione!! Inoltre, per timori di ordine pubblico, ti revocato anche le licenze di caccia, pure se stai a casa ! I prefetti hanno troppa discrezionalità! Ecco perché la democrazia è in deficit!!!

01Claude45

Lun, 22/02/2016 - 12:25

morghj, pensaci bene: LO STANNO GIÀ PROVANDO CON L'ILVA DI TARANTO. Stanno vendendo un'azienda NON SUA, MA DEI RIVA. Sono le prove per "tastare il polso".

Ritratto di alejob

alejob

Lun, 22/02/2016 - 14:16

Prefetto di TREVISO, sei poco informata. Non saprei se hai frequentato un asilo dove ti hanno insegnato che : (IL POTERE E' DATO DAL SAPERE). Qualcuno ti ha dato TROPPO POTERE ma poco SAPERE e cosi non funziona. Cerca con una buona PARABOLA di SINTONIZZARTI su Canali Televisivi Internazionanli e poi, SOLO POI, puoi dire ai TUOI CITTADINI, aprite le porte ai "PROFUGHI". La marmaglia che migra in Europa, dati espressi dei GRECI ieri SERA, sono il 3% dei RIFUGIATI sul loro territorio. Alla domanda che le Autorità fanno a questa gente e il perché emigra, la risposta è sempre la stessa : (NOI ABBIAMO I NOSTRI PIANI). Puoi informarti Prefetto, quali sono i PIANI DEI MACEDONI, ALBANESI, AFRICANI MAROCCHINI ecc. che sul loro territorio non hanno GUERRE?. Poi solo poi, puoi dare ASILO a chi MERITA.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 22/02/2016 - 16:39

Gia postato ieri ma REPETITA JUVANT. Ai tempi del fascismo c'era il FEDERALE, che aveva poteri assoluti. Ora la stessa cosa la fa il PREFETTO, di cui gli ANTIFASCISTI si servono usando metodi FASCISTI!!! Se vedum.