Case popolari agli stranieri: così gli italiani vanno in coda

Nella rossa Ferrara tutti immigrati tranne due tra i primi venti in graduatoria. Residenti discriminati

C'è un'aria esterofila nelle graduatorie per l'assegnazione di alloggi popolari, la 29esima, approvata dal comune di Ferrara, che la rinnova ogni 18 mesi. Perché, per i criteri di assegnazione stabiliti dalla regione Emilia-Romagna e per i requisiti di punteggio stabiliti dal comune, curiosamente gli italiani assegnatari, sopratutto nelle prime posizioni, sono mosche bianche. Sono solo 14 sui primi 55 posti, meno di 40 nei primi cento. E considerando l'intera graduatoria, ossia 590 richiedenti, salta fuori che gli stranieri si aggiudicano quasi il 60 per cento (esattamente il 58,82%) dei futuri alloggi.

«Ma già adesso - spiega il consigliere comunale azzurro Matteo Fornasini - una percentuale del 27-28 per cento degli alloggi di edilizia popolare, che a Ferrara sono circa 6mila, risultano assegnati a stranieri. Visto l'esito della nuova graduatoria, direi che il trend diventerà ancora più evidentemente sbilanciato a favore di chi non è cittadino italiano». Un dato che già così spinge Fornasini a parlare di «discriminazione contro gli italiani», anche perché gli stranieri a Ferrara rappresentano meno del 10 per cento della popolazione residente.

Carta canta. Di fronte a una esigua presenza in città, i cognomi esotici diventano preponderanti nella lista che deciderà le assegnazioni. «E considerando che col turn over delle case popolari vengono assegnati circa 70-80 alloggi ogni anno, questo vuole dire che solo una manciata di questi verranno dati agli italiani». Che pure qualche diritto ce lo avrebbero. Se non altro perché chi a Ferrara abita da anni con le sue tasse ha permesso che questa bella città emiliana potesse vantare di essere seconda solo al capoluogo Bologna per numero di case popolari disponibili. Costruite con i soldi dei contribuenti, che però poi al momento di stilare la graduatoria, non vedono riconosciuto questo contributo sotto forma di punteggio. «Una vera assurdità», sospira il consigliere azzurro: «Avevamo chiesto, invano, in consiglio di aggiungere tra i criteri di assegnazione del punteggio un tot per ogni anno di residenza, rispetto ai tre anni previsti dalla legge regionale, proprio per premiare la residenza storica». Un criterio che, tra l'altro, sarebbe valido anche per gli stranieri che vivono regolarmente a Ferrara da anni, ma che è stato bocciato senza dalla maggioranza, «anche se molti comuni, tanti di questi a guida Pd - continua Fornasini - hanno invece scelto di introdurre questo meccanismo». Ferrara no. E così ecco che le famiglie di migranti, spesso numerose e con figli minori a carico, si ritrovano a fare incetta di punti e affollano la zona alta della graduatoria, con soli due italiani richiedenti nei primi 22 posti. «E per questa stortura - attacca il consigliere di Fi - io ricevo quotidianamente richieste e lamentele da ferraresi con pensione minima che non riescono ad accedere alla graduatoria e sono esclusi dalle case popolari». Vedovi, con 4-500 euro di pensione al mese, ma scavalcati da «coppie giovani» e famiglie numerose, quasi solo straniere, premiate dai requisiti. «Io - aggiunge Fornasini - mi sono sentito obiettare che le case popolari vanno a chi ha bisogno. Certo, ma io dico che vanno prima a chi ha bisogno e ha contribuito fattivamente a costruirle. C'è molto malcontento in città, e ci sono 200 famiglie ferraresi che ancora aspettano di avere le chiavi di un alloggio popolare. Direi che sarebbe doveroso - conclude - cominciare da loro».

Commenti

jaguar

Mer, 30/08/2017 - 08:55

Se devono pagarci la pensione dovranno pur avere una casa, magari gratis, con acqua-luce-gas gratis. Mi sembra uno scambio equo, noi li manteniamo e loro ci pagano le pensioni.

Siciliano1

Mer, 30/08/2017 - 09:03

Prima gli ospiti.

cameo44

Mer, 30/08/2017 - 09:16

L'italia è governata da gente indegna ed incapace cè da vergognarsi di essere Italiani uno Stato dormiente per tutti i problemi degli Italiani mai nessuno si è occupato per trovare alloggi per i senza tetto e gli sfrattati Italiani oggi tutti dal Presidente Mattarella al Viminale ai Prefetti pensano come dare alloggi a questi calndesti ni che hanno occupato abusivamente interi palazzi commettendo reato in compenso vengono premiati cercando alloggi per loro mentre tanti italiani onesti dormono in macchina o nei parchi si vergognino tutte le Istituzioni diciamo pure che la colpa è degli Italiani che fanno a gara per stringere la mano e fare foto con i politici anzicchè prenderli a calci nel sedere

Fjr

Mer, 30/08/2017 - 09:29

La crisi socio economica che dettò l'ascesa di Mussolini è nulla in confronto a quanto sta avvenendo ,il popolo prima o poi si sveglierà e per qualcuno saranno davvero volatili per diabetici

Marcello58

Mer, 30/08/2017 - 09:29

questo è poco, dopo lo "ius-soli" ne vedremo di meglio ! Almeno mezzo milione di richiedenti in più ! Quindi, poi, fate voi...... l'Italia non c'è più ! A cosa serve essere italiani, avere la cittadinanza italiana ? Spiegatemelo, cortesemente !

giusto1910

Mer, 30/08/2017 - 09:50

Le assegnazioni delle case popolari date agli extracomunitari sono tutte illegittime perché il soggetto di nazionalità non italiana compila un'autocertificazione in cui dichiara di non possedere nulla. Ma se un italiano richiedente casa popolare possedesse un bene all'estero e non lo dichiarasse commetterebbe un'illecito grave. Molti extracomunitari che vivono in case popolari possiedono nei loro Paesi beni mobili e immobili senza dichiararli al fisco italiano. Basta, per esempio, osservare il traffico di immigrati sulle navi e sugli aerei verso i Paesi extraeuropei. Come fanno, se sono "poveri", a prendere l'aereo più volte all'anno o imbarcarsi con auto, spesso di lusso, stracariche di merce?

Royfree

Mer, 30/08/2017 - 10:20

I Ferraresi dovrebbero fare prima il mea culpa, così come in moltissime altre zone d'Italia. Se invece di dargli un lavoro, di fargli elemosina o altra forma di solidarietà facessero terra bruciata tutto intorno anche con la casa assegnata costruita coi soldi degli Italiani col piffero campassero sti parassiti.

Maura S.

Mer, 30/08/2017 - 10:27

Hanno votato un sindaco komunista, che se lo godano.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 30/08/2017 - 10:30

nessuno va a guardare se hanno proprietà nei loro Paesi? Da me per parecchi mesi, ma specialmente durante l'estate si assentano, dove vanno? Anch'io vorrei essere profugo a Montecarlo e poi faccio la spola tra Italia e Monaco.

Tarantasio

Mer, 30/08/2017 - 10:33

mi aspetterei una protesta clamorosa sotto la sede della regione Emilia Romagna, soprattutto da parte degli italiani esclusi e dei familiari

Facetious

Mer, 30/08/2017 - 10:38

Mio fratello ha nome e cognome stranieri ed è italiano. Lavora e paga quelle tasse, con cui ha contribuito, sta contribuendo e contribuirà alla costruzione di case popolari. Ha diritti e doveri come ogni italiano. Inoltre, è proprio un bel figo, quindi farà figli e cercherà di trovargli un tetto.

Ritratto di AnsgarQuabius

AnsgarQuabius

Mer, 30/08/2017 - 10:47

Non mi soprende, l'Emilia-Romagna è la regione più islamica di tutte.

Guido_

Mer, 30/08/2017 - 11:17

Colpa dei migranti se sono gli unici che fanno figli! E' questo il messaggio, no?

KAVA

Mer, 30/08/2017 - 11:24

Un po' di studio della statistica non farebbe male. Comprendo il fatto che tutti (io compreso) vorremmo che fossero gli Italiani a godere delle nostre tasse, ma dovremmo fare delle leggi (bandi di assegnazione) che probabilmente sarebbero discriminatorie. Bisogna chiedersi quanti erano gli Italiani che avevano fatto richiesta di un alloggio popolare. Guardare la classifica di assegnazione non ha senso.

giuseppe227

Mer, 30/08/2017 - 11:28

Non conosco la normativa regionale Emiliana (che potrebbe aver derogato ad alcuni principi generali (sic!) dettati dalla normativa nazionale). Ma la legge nazionale che regola la materia delle assegnazioni di case popolari (Legge 560/93) stabilisce che l'assegnazione a cittadini non italiani possa validamente essere fatta solo a condizione di reciprocità, cioè p.es. assegno la casa ad una famiglia di nazionalità, poniamo, ghanese, a patto che in Ghana un cittadino italiano possa vedersi assegnata una casa popolare... Non credo occorrano altri commenti... Se poi a Ferrara gli stranieri in graduatoria hanno già ottenuto la cittadinanza italiana allora è tutto regolare (?)

Reip

Mer, 30/08/2017 - 11:43

Dobbiamo ringraziare a quei milioni di italioti imbecilli, che continuano a finanziare coop rosse, ONG, centri sociali, e il vaticano. Che continuano a votare partiti di sinistra e sindaci comunisti.

maxfan74

Mer, 30/08/2017 - 11:51

Complimenti a chi ha contribuito al sorgere di questa situazione. E pensare che sono anche pagati. Vi paghiamo lo stesso, ma state a casa, forse fate meno danni.

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 30/08/2017 - 11:57

Godo. Visto che li votano pd, vuol dire che gli sta bene.

nerinaneri

Mer, 30/08/2017 - 12:06

...spero che gli italiani siano tutti anziani di dx...

Franco40

Mer, 30/08/2017 - 12:15

Marcello 58 : Serve, serve essere italiani DOC, serve più di quanto lei creda. Chi infatti paga le imposte o le ha pagate per decenni? Gli Italiano vero? Allora vede che servono. Ciao

ziobeppe1951

Mer, 30/08/2017 - 12:20

nerinaneri...12.06....egh già ..a voi anziani dell'ANPI vi hanno gia sistemati bene

nerinaneri

Mer, 30/08/2017 - 12:26

ziobeppe1951: venerdì sciopero delle poste...

Ritratto di bassfox

bassfox

Mer, 30/08/2017 - 12:42

mi sembra abbastanza comprensibile che tra i bisognosi ci sia una percentuale maggiore di stranieri, se vi sforzate potete capirlo persino voi...

blackbird2013

Mer, 30/08/2017 - 12:56

x Facetious. Magari, prima di fare i figli cominciamo a pensare ad essere autosufficenti e non ad andare a chiedere case popolari ecc. E poi, FACCIAMO I FIGLI SE POSSIAMO MANTENERLI E FARLI STAR BENE. Filiare come i cani siamo capaci tutti.

Edith Frolla

Mer, 30/08/2017 - 12:59

Del resto, finché i giovani vanno in piazza solo per i gay pride, che altro aspettarsi ?

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 30/08/2017 - 14:01

bassfox , presumo che tu dai da mangiare prima agli estrani e poi ai tuoi figli , giusto ? se così non è significa che sei il solito sinistroide bla bla bla con i soldi degli altri ! e difficilmente potrai capire il concetto .

Facetious

Mer, 30/08/2017 - 15:17

@ blackbird2013 Si scrive figliare: sarai mica straniero anche tu? Anche perché non mi pare che tu abbia capito molto di quello che ho scritto.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 30/08/2017 - 15:35

facetius , da quando tempo tuo fratello è italiano ? io lo sono dalla nascita , lo erano i miei genitori , i miei nonni e i miei bisnonni, mentre i miei trisavoli erano borbonici e sicuramente sono più italiano di te e di tuo fratello , prima di sposarmi mi sono assicurato di poter mantenere una famiglia, e appena ho guadagnato i primi soldi ho comprato casa , poi l'ho comprata ai miei figli, da italiano vero e non da iussolista non ho mai fatto richiesta di casa "popolare" non sono mai stato in cassa integrazione(anche per che ho lavorato sempre in proprio)e non ho mai ricevuto e mai richiesti sussidi .

Facetious

Mer, 30/08/2017 - 16:15

@ giovinap. mio fratello è italiano dalla nascita non per iussolismo. al di la di trisavoli e fratelli, in generale non puoi dire che uno non è italiano dal nome che ha, ma dai diritti che acquisisce rispettando le leggi. Tutti i giorni mangerai pane fatto da magrebini, latte munto da indiani, biscotti mulino bianco fatti da banderas, e ne sei felice. E loro hanno diritto a figliare e avere un tetto anche con 800 euro al mese. Se nella lista ci fossero 20 italiani al primo posto ti inalbereresti perché noi siamo poveri quando loro hanno tv al plasma e pellicce (vedi articolo di oggi del Giornale). Con questo non dico che sei un razzista, ti consiglio solo di leggere e guardare il mondo con occhio critico e non farti accecare dalla rabbia che ti insinua un articolo, a mio parere, di cattiva informazione.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 30/08/2017 - 17:21

facetious,ecco;ci siamo arrivati! siete in italia e in europa,per che anche voi volete pellicce,auto di lusso,telefonini di ultima generazione,televisori da 1000 pollici,e vestiti griffati,sta tutta qui la vostra storia che è uguale a quella dei vostri"fratelli"palestinesi che combattono(grazie a Dio perdendo)contro gli israeliani)per potersi appropriare di quello che hanno gli ebrei,dalle mie parti(napoli)il latte e il pane,la pizza,le sfogliatelle e i babbà sono fatti da italiani,in ultimo veniamo al vero punto;noi non vi vogliamo non per che siete neri,rossi,blu,alti,bassi,magri,obesi,brutti,belli,noi non vi vogliamo per che siete musulmani e tutti integralisti e potenzialmente pericolosi e per ciò non siamo razzisti ma "religionisti"

Facetious

Mer, 30/08/2017 - 17:39

@ giovinap. Una volta il giornale e bossi ce l'avevano con te perché eri del sud, e tu eri outgroup, adesso il giornale e salvini hanno un nuovo nemico, il musulmano e l'immigrato (anzi, qualunque musulmano, qualunque immigrato), quindi tu sei diventato ingroup e puoi leggertelo. Eroe.