Case popolari agli stranieri: così gli italiani vanno in coda

Nella rossa Ferrara tutti immigrati tranne due tra i primi venti in graduatoria. Residenti discriminati

Case popolari agli stranieri: così gli italiani vanno in coda

C'è un'aria esterofila nelle graduatorie per l'assegnazione di alloggi popolari, la 29esima, approvata dal comune di Ferrara, che la rinnova ogni 18 mesi. Perché, per i criteri di assegnazione stabiliti dalla regione Emilia-Romagna e per i requisiti di punteggio stabiliti dal comune, curiosamente gli italiani assegnatari, sopratutto nelle prime posizioni, sono mosche bianche. Sono solo 14 sui primi 55 posti, meno di 40 nei primi cento. E considerando l'intera graduatoria, ossia 590 richiedenti, salta fuori che gli stranieri si aggiudicano quasi il 60 per cento (esattamente il 58,82%) dei futuri alloggi.

«Ma già adesso - spiega il consigliere comunale azzurro Matteo Fornasini - una percentuale del 27-28 per cento degli alloggi di edilizia popolare, che a Ferrara sono circa 6mila, risultano assegnati a stranieri. Visto l'esito della nuova graduatoria, direi che il trend diventerà ancora più evidentemente sbilanciato a favore di chi non è cittadino italiano». Un dato che già così spinge Fornasini a parlare di «discriminazione contro gli italiani», anche perché gli stranieri a Ferrara rappresentano meno del 10 per cento della popolazione residente.

Carta canta. Di fronte a una esigua presenza in città, i cognomi esotici diventano preponderanti nella lista che deciderà le assegnazioni. «E considerando che col turn over delle case popolari vengono assegnati circa 70-80 alloggi ogni anno, questo vuole dire che solo una manciata di questi verranno dati agli italiani». Che pure qualche diritto ce lo avrebbero. Se non altro perché chi a Ferrara abita da anni con le sue tasse ha permesso che questa bella città emiliana potesse vantare di essere seconda solo al capoluogo Bologna per numero di case popolari disponibili. Costruite con i soldi dei contribuenti, che però poi al momento di stilare la graduatoria, non vedono riconosciuto questo contributo sotto forma di punteggio. «Una vera assurdità», sospira il consigliere azzurro: «Avevamo chiesto, invano, in consiglio di aggiungere tra i criteri di assegnazione del punteggio un tot per ogni anno di residenza, rispetto ai tre anni previsti dalla legge regionale, proprio per premiare la residenza storica». Un criterio che, tra l'altro, sarebbe valido anche per gli stranieri che vivono regolarmente a Ferrara da anni, ma che è stato bocciato senza dalla maggioranza, «anche se molti comuni, tanti di questi a guida Pd - continua Fornasini - hanno invece scelto di introdurre questo meccanismo». Ferrara no. E così ecco che le famiglie di migranti, spesso numerose e con figli minori a carico, si ritrovano a fare incetta di punti e affollano la zona alta della graduatoria, con soli due italiani richiedenti nei primi 22 posti. «E per questa stortura - attacca il consigliere di Fi - io ricevo quotidianamente richieste e lamentele da ferraresi con pensione minima che non riescono ad accedere alla graduatoria e sono esclusi dalle case popolari». Vedovi, con 4-500 euro di pensione al mese, ma scavalcati da «coppie giovani» e famiglie numerose, quasi solo straniere, premiate dai requisiti. «Io - aggiunge Fornasini - mi sono sentito obiettare che le case popolari vanno a chi ha bisogno. Certo, ma io dico che vanno prima a chi ha bisogno e ha contribuito fattivamente a costruirle. C'è molto malcontento in città, e ci sono 200 famiglie ferraresi che ancora aspettano di avere le chiavi di un alloggio popolare. Direi che sarebbe doveroso - conclude - cominciare da loro».

Commenti