Censura social, Forza Nuova all’attacco: “Battaglia legale contro Facebook”

Il leader di Forza Nuova, Roberto Fiore, ha annunciato di procedere contro Facebook Italia per diffamazione e attentato alle libertà di opinione. Previste manifestazioni in 10 città italiane

Forza Nuova dichiara guerra, legale, a Facebook Italia. Il partito di estrema destra guidato da Roberto Fiore ha, infatti, deciso di portare in tribunale il popolare social network dopo che quest’ultimo ha cancellato numerosi account legati al movimento.

Il blocco delle pagine, avvenuto lo scorso lunedì pomeriggio, riguarda anche Instagram e coinvolge allo stesso tempo Casapound Italia e il Movimento Idea Sociale che, come denuncia il leader Raffaele Bruno, ha visto decine di profili cancellati.

Gli account ufficiali dei partiti non sono più raggiungibili, così come quelli di numerosi responsabili nazionali, locali e provinciali, compresi quelli degli eletti in alcune città italiane. Il blocco, però, non riguarda i profili Twitter. A spiegare la ragione del procedimento è stato lo stesso portavoce di Facebook: "Abbiamo una policy sulle persone e sulle organizzazioni pericolose, che vieta a coloro che sono impegnati nell''odio organizzato' di utilizzare i nostri servizi". La definizione delle persone e delle organizzazioni pericolose, si apprende dal social, avviene sulla base di un ampio processo e vengono presi in considerazione un'ampia serie di segnali.

Il segretario di Casapound Italia, Simone di Stefano, aveva subito denunciato l’accaduto su Twitter: "Facebook ha chiuso la mia pagina, 140.000 iscritti. E quella di CasaPound, 250.000. Ha chiuso le pagine dei nostri consiglieri comunali democraticamente eletti. Un abuso, commesso da una multinazionale privata in spregio alla legge italiana. Uno sputo in faccia alla democrazia".

Durissima anche la reazione di Forza Nuova che ha annunciato una battaglia legale contro il social, con il processo penale che avrà la funzione di sollevare la questione politica ai più alti livelli giuridici.

In una nota diffusa dal partito si apprende che la segreteria nazionale ha dato mandato al proprio ufficio legale di procedere contro Facebook Italia per il reato di diffamazione e per tutti i reati relativi all'attentato alle libertà di opinione commessi a danno del movimento.

L'ufficio legale, inoltre, raccoglierà tutte le richieste per danni avanzate dalle migliaia di persone che hanno visto le proprie pagine di interesse lavorativo cancellate. Il blocco, infatti, ha riguardato anche i profili personali di dirigenti e militanti.

“Solo allora potremo sapere se Roma continua a splendere come faro del Diritto o se l'asse politico-mediatico Fiano-Zuckerberg avrà avuto la meglio anche sui diritti universalmente riconosciuti”, ha dichiarato il leader di Fn Roberto Fiore.

Questa, però, non è l’unica azione programmata contro il social. I vertici del movimento fanno sapere che sono previste dieci manifestazioni in altrettante città italiane (Catania, Catanzaro, Caserta, Foggia, Roma, Perugia, Ravenna, Verona, Torino, Milano) per difendere il proprio diritto alla libertà di opinione e di pensiero.

Commenti

Alain#

Mer, 11/09/2019 - 12:40

Fare apologia del fascismo e istigare all'odio è un reato.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 11/09/2019 - 12:53

Ridere o piangere? Meglio ridere. Facebook non é indispensabile per la nostra vita, anche se può far comodo. Ma vadano al Diavolo!

Ritratto di Nahum

Nahum

Mer, 11/09/2019 - 12:56

vediamo chi vince, mi sa che Facebook si arrende senza condizioni... intanto forse la tanto bistrattat magistratura potrebbe fare uno sforzo per verifcare se le idee dei camrati del terzo millennio sono sempre in linea con la costitutzione e la legge. Quanto poi alla sede di casapound occupata illegalmente come un volgare centro sociale procediamo allo sgombero subito osi i nostri amici dal craniopiccino e rasato rimarranno senza casa ...

lorenzovan

Mer, 11/09/2019 - 13:38

dai fateci i tarzan de noiantri...lololol

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 11/09/2019 - 13:44

Basta vedere chi controlla queste compagnie.... tutti correligionari di Fiano... mica per niente.

Mr Blonde

Mer, 11/09/2019 - 13:48

se fosse spazio pubblico vi difenderei fino allo stremo, ma spazio privato é privato e ospita chi vuole

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mer, 11/09/2019 - 14:06

Fiore, mister 0.01 percento, si agita con la frenesia di un paramecio dentro una goccia d’acqua stagnante sotto la luce di un microscopio.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mer, 11/09/2019 - 14:07

Bravo fai bene...denunciali tutti, occhio però,,,, che non ti denuncino loro !!!

pasquinobz

Mer, 11/09/2019 - 14:14

Spazio privato è spazio privato e ospita chi vuole? Sicuro, sicuro? Prova nel tuo locale privato a rifiutarti di servire un cliente che non ti aggrada. Se accidentalmente è pure donna, scuretto o gaio, diranno che lo hai fatto per discrimianzione e ti fanno chiudere.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mer, 11/09/2019 - 14:17

Consiglio quindi di fare copia personale di notizie "scomode", dovendo scegliere fra essere tacciati di "inventarsi notizie" e "avere creato notizie false" credo convenga la seconda, almeno SAREMO IN BUONA COMPAGNIA DI SINISTRI AFFABULATORI.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mer, 11/09/2019 - 14:20

@ Mr Blonde: le notizie lanciate da un'agenzia come l'Adnkronos sono da ritenersi pubbliche o private? E come ci si dovrebbe comportare nel caso SPARISCANO UN GIORNO DOPO IL LORO LANCIO??

Franz Canadese

Mer, 11/09/2019 - 14:26

Mr. Blonde @ 13:48 - In effetti i privati possono fare quello che vogliono, ma non violare la legge. Non possono quindi ergersi a giudici ed emettere giudizi arbitrari . In altre parole: comportamento da governo ex cortina di farro (se preferite da Corea del Nord). A parte l'aspetto legale, complesso, c'e' un imbarazzante dimensione politica di questo arbitrio. Cambiando Infine, e cambio discorso, in termini di credibilita' questi "democratici" 'mmericani sinistri radical chic e miliardari (in dollari) potrebbero iniziare a pagare le tasse anche in Italia. Un dubbio: e se avessero commesso questo arbitrio appunto per spostale l'attenzione dal problema tasse? Si sa, mai come a sinistra, pecunia (o poltrona...) non olet.

mystes

Mer, 11/09/2019 - 14:42

Lssciate fottere Facebook e pensate a fare le cose serie, l'Italia ha bisogno di una rivolta anti-comunista non di queste c...

Ritratto di ichhatteinenKam.

ichhatteinenKam.

Mer, 11/09/2019 - 15:43

gli uomini passano ma le idee RESTANO

cir

Mer, 11/09/2019 - 17:03

Ausoniom.. verissimo !!