Centro accoglienza terroristi

Lo stragista di Tunisi arrestato a Milano. Era arrivato coi barconi. Grazie a Renzi e Alfano

Solo Alfano non si è reso conto che il Mediterraneo è una porta scorrevole dove si entra, si esce, si ritorna e nel frattempo si fa una gita in Tunisia per massacrare turisti in visita al Museo del Bardo. È cecità fraudolenta, che serve come alibi per non assumersi responsabilità, per scrollarsi dalle spalle il fallimento.

Alfano fa come gli struzzi, non affronta il problema e mette la testa sotto la sabbia, sperando che l'emergenza finisca e il peggio passi in fretta. Il pericolo, invece, è adesso e ha il volto di un marocchino di 22 anni che per lungo tempo è sfuggito ai radar. Non è certo colpa delle forze di polizia, brave a contrastare con poco il possibile e l'imponderabile. Il dato di fatto però è che sui barconi diretti verso la Sicilia viaggiano terroristi. Qualcuno dirà: ma è solo uno. Sbagliato, uno è stato beccato, ma chissà quanti continuano probabilmente a muoversi nell'ombra. C'è una rete che potrebbe accendersi e colpire al cuore una terra senza difese.

E il governo che fa? Sminuisce, nega, dissimula.

Così l'Italia è diventata un porto sicuro solo per clandestini e jihadisti. Renzi ha barattato la sicurezza del Paese con la tenuta del suo governo: meglio un terrorista in più in Italia che un voto in meno in Parlamento. Questo spiega l'ostinata incapacità di cacciare un ministro dell'Interno come Alfano. Né ci aiuta l'Europa, dove le chiacchiere di Renzi stanno a zero. Lì c'è chi conta e chi no. E noi non contiamo nulla, come ha certificato la mortificante pantomima delle quote di rifugiati.

Questo è il governo delle tre scimmiette: non vede, non sente e, se parla, racconta frottole.

Ecco le risposte di chi non vede o non vuole vedere. Paolo Gentiloni, 24 gennaio: «I terroristi non arrivano sui barconi. Strumentale ogni generica confusione». Renzi, il 22 febbraio intervistato da Lucia Annunziata: «Diciamolo, i terroristi non arrivano sui barconi. La solita propaganda». Il prefetto Mario Morcone, capo del Dipartimento Immigrazione del ministero dell'Interno: «Terroristi infiltrati? Io non partecipo al festival della paura. Posso solo dire che se fossi un terrorista non mi imbarcherei su un gommone in Libia a calci nel sedere...». Alfano, tre giorni fa: «Fin qui non abbiamo traccia di presenze dei terroristi sui barconi». Il ministro della Difesa Pinotti, due giorni fa: «Non c'è nessuna prova di terroristi sui barconi». Ieri, il risveglio. I terroristi sono arrivati. Sui barconi. Ma gli struzzi continuano a negare.

Commenti

giovanni951

Gio, 21/05/2015 - 16:52

caro Tramontano, dovevi usare il condizionale..infatti pare proprio che 'sto tipo era in Italia. Poi su alfano ed il governo, stendiamo un velo pietoso

Ritratto di semovente

semovente

Gio, 21/05/2015 - 16:56

Caro Tramontano per gli attuali irregolari governanti le risorse non possono compiere le azioni che lei attribuisce loro.

berserker2

Gio, 21/05/2015 - 18:02

Tramontano è sempre più bravo e lucido.

giordaano

Gio, 21/05/2015 - 18:15

controllare, aspettare prima di raggiungere conclusioni, esprimere qualche dubbio ? macche' : e' per forza un terrorista. Addosso, cosi' si puo' anche usare il caso per i propri fini politici immediati un altro esempio di giornalismo dei miei stivali

El_kun

Gio, 21/05/2015 - 19:42

ottimo articolo Tramontano, hai inchiodato impeccabilmente gli incapaci che, ricordiamolo, ce ne sono tanti oltre hal_fano; un nome x tutti: pref. morcone che tanto si da da fare per la distruzione del paese... ci ricorderemo di tutti. purtroppo però possiamo solo aspettare il botto, che sarà forte!

emigrante

Gio, 21/05/2015 - 22:56

La mia non vuole assolutamente essere una istigazione, ma soltanto una constatazione. In un Paese, come il Giappone, il "perdere la faccia" era una vergogna tale per cui il fallimento veniva considerato incompatibile con il prosieguo stesso della vita, e portava al suicidio rituale. In un paese come il nostro, dove la "cultura della vergogna" non esiste, le colpe manifeste di pseudo-leaders bugiardi e corrotti vengono spudoratamente negate, e conducono - e maggiormente condurranno - al sacrificio, anche estremo, altrui.

luigi1947

Ven, 22/05/2015 - 08:10

Caro Tramontano, il paradosso è che abbiamo un governo "clandestino" che in qualche modo fa anche atti di terrorismo nei confronti dei Cittadini Italiani! come può un governo del genere contrastare i suoi simili clandestini e terroristi !

MarcoE

Ven, 22/05/2015 - 11:38

Per continuare a mantenere la poltrona questo personaggio (di bassissima levatura e scarsa intelligenza) farebbe la qualsiasi ... Anche far vivere gli italiani nelle discariche. Veramente squallido

Rossana Rossi

Ven, 22/05/2015 - 12:06

Incredibile........è proprio tutto vergognosamente così.........povera italietta ridotta al nulla........

Ritratto di mambo

mambo

Ven, 22/05/2015 - 15:32

Gentiloni ed Alfano, una coppia perfetta per il facile ingresso di terroristi con l'enorme massa di sconosciuti che arriva giornalmente nel nostro paese, voluta fortemente dalla sinistra per modificare la base elettorale nel nostro paese e per lucrare su quei poveri disperati. Come si fa a pensare che i terroristi islamici non approfittino di questi autobus che vanno e vengono dall'Africa tutto gratis e della generosa accoglienza a nostre spese.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 22/05/2015 - 16:09

per me a scuola ha mandato un suo connazionale che gli assomigliava molto per fare la presenza.

Atlantico

Ven, 22/05/2015 - 16:35

Tramontano è un grandissimo giornalista. Lo dimostra da anni e questo articolo ne è l'ennesima conferma.

VittorioMar

Sab, 23/05/2015 - 09:18

I possibili terroristi che arrivano in ITALIA si trovano così bene che diventano pigri, si imborghesiscono e rinunciano alla lotta armata!!Roviniamo anche questi impavidi eroi!!

tataio

Dom, 24/05/2015 - 05:34

Per la testa (...) di Alfano passano solo le idee su come mettere il bastone fra le ruote dei Sindaci che trascrivono i matrimoni gay...

gillette

Dom, 24/05/2015 - 09:12

Parliamoci chiaro: all'europa va bene che l'Italia si comporti così coi clandestini. Aiuta l'impoverimento generale dell'Italia, ciò che la UE e gli Usa hanno iniziato ad attuare con l'avvento dell'euro. Regalano caramelle al governo, che si preoccupa solo del proprio potere, e se ne lava le mani. Non facciamoci illusioni... il verso oramai è evidente che è quello!!!

m.nanni

Dom, 24/05/2015 - 17:40

caro Tramontano ti leggo sempre con condivisione e ammiro le tua "resistenze" in tv, contro il bolscevismo che avanza. però credo sia arrivato(sta anche scadendo di brutto) il momento di dire a Silvio Berlusconi: presidente, ma a che gioco stiamo giocando? quand'è che si decide di prendere posizione contro il goverso che sta lasciando l'Italia allo sbando? Cameron ha parlato chiaro alla sua gente, che l'ha capito e sostenuto. Silvio ci sta facendo anche arrabiare, e da un pezzo. anche Voi de Il Giornale siete fortemente sbilanciati a vafavore della decenza della politica, che faccia fronte con coraggio soprattutto sull'immigrazione clandestina, ma sul campo di battaglia non vi portano nè acqua né "munizioni".

m.nanni

Dom, 24/05/2015 - 18:15

Berlusconi ha detto che Renzi deve dimettersi se il Pd perdesse le imminenti elezioni regionali; e non le chiede sull'immigrazione clandestina che sta scassando il Paese e neppure quando Renzi l'irresponsabile si lancia a suon di 15 milioni di euro a recuperare la carretta della tragedia affondata in mari altrui, fin oltre Malta e lontanissima dai nostri confini una volta sacri!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Dom, 24/05/2015 - 18:45

Che differenza fa se un terrorista o aspirante tale arriva in Italia sui barconi in treno pattini a rotelle autobus auto aereo barca a vela? Il terrorismo o il degrado che gli immigrati determinano sono due cose ben diverse. Una certa cultura è accogliente coi soldi pubblici, le tasse. E pare anche che costoro siano i migliori. Perché altrove non accade? Perché altrove sbarrano respingono sparano? Perché altrove hanno qualcosa da difendere che si chiama civiltà cultura etnia. Noi no. Noi siamo da tempo in mano agli antagonisti della liberal democrazia e della civiltà occidentale. Costoro saranno pure i migliori, non saprei, ma sono stupidi perché non capiscono che pure loro quel che hanno rubato finora dovranno cederlo con le buone o con le cattive a questo oceano di disperati.

Ritratto di DASMODEL

DASMODEL

Dom, 24/05/2015 - 21:43

Dr. Tramontano, purtroppo abbiamo politici pavidi, inutili ed abusivi. L'Italia è trattata da costoro, come una bella donna lasciata morire per assoluta negligenza; abbiamo i terroristi in casa e negano l'evidenza per una manciata di voti e qualche poltrona. Indegni- Cordiali Saluti-