Consip, strano giro di soldi "Dal Pd all'azienda dei Renzi"

Tiziano avrebbe procurato al sindaco di Rignano 10mila euro, poi finiti in consulenze alla sua Eventi6

Non c'è pace a casa Renzi. Matteo ha provato a ribaltare il tavolo dell'inchiesta Consip, ponendo come «questione vera» non tanto le intercettazioni «rubate» tra lui e il babbo Tiziano né il loro contenuto, ma piuttosto una domanda: «Ci sono stati o no pezzi di istituzioni che hanno creato prove false contro un rappresentante delle istituzioni»? I pasticci e i lati oscuri soprattutto sul fronte napoletano dell'indagine, in effetti, sembravano offrire campo al contrattacco dell'ex premier, libero di rimarcare le gravi anomalie emerse nella gestione dell'inchiesta. Se non fosse che, però, proprio da Rignano si moltiplicano i colpi di scena. L'ultimo ha l'odore dei soldi e l'indirizzo della Eventi6, società di famiglia dei Renzi, che avrebbe incassato denaro destinato al Pd.

Tutto salta fuori quando il Corriere della Sera va a Rignano ad analizzare i riflessi sul voto nel feudo renziano dei veleni dell'inchiesta Consip. E tra la fronda contro il sindaco uscente Daniele Lorenzini, eletto col Pd e ora candidato contro i dem - oltre che teste «scomodo» per Tiziano Renzi, avendo raccontato ai pm che il babbo del segretario Pd era spaventato - ecco l'ex autista del camper di Renzi alle primarie, Billy, mostrarsi scettico rispetto alle distanze prese da Lorenzini nei confronti di Carlo Russo, l'imprenditore di Scandicci coindagato con Tiziano per traffico di influenze, che il primo cittadino avrebbe messo a verbale di non conoscere. Billy sostiene invece che Lorenzini da Russo ha pure preso soldi per la sua campagna elettorale alle Regionali del 2015. E Lorenzini, sul punto, non smentisce ma precisa. Ammette di aver incassato 10mila euro di finanziamento (regolarmente denunciato e iscritto in bilancio) ma aggiunge un dettaglio che non ha riferito nemmeno agli inquirenti. Ossia che quei soldi erano destinati al Pd nazionale, e che è stato Tiziano Renzi a intervenire sul partito (nel 2015 già guidato dal figlio Matteo) per deviarli sulle Regionali e metterli dunque a disposizione della campagna elettorale di Lorenzini. Il quale aggiunge, ancora, di averli spesi con un unico fornitore. Non uno qualsiasi, bensì la Eventi6 dei Renzi: la società dove lo stesso ex premier aveva lavorato sarebbe stata la destinataria finale dei 10.400 euro targati Pd. E il sindaco conclude ricordando che, quando il mandatario del Partito democratico chiese all'azienda finanziatrice i documenti da inviare alla Corte d'appello, venne indirizzato a parlare non con la società che aveva sborsato i soldi - che si chiama Securtrak - ma con Carlo Russo, che da intermediario procurò i documenti richiesti.

Il colpo di scena innesca il capogruppo in Regione Toscana di Fdi, Giovanni Donzelli, che chiede chiarezza e annuncia sul tema un'interrogazione in regione per domani. «Se è vero, come ha dichiarato il sindaco di Rignano, che il Pd ha pagato per le regionali 2015 10.400 euro alla Eventi6, saremmo di fronte alla prova che Carlo Russo avrebbe usato il Pd per far arrivare soldi nelle casse della famiglia Renzi». Già nelle intercettazioni dell'indagine, ricorda poi l'esponente di Fratelli d'Italia, era emersa la richiesta proprio da parte di Carlo Russo all'imprenditore partenopeo Alfredo Romeo di finanziare con 70-80mila euro il Pd toscano. E anche sulla destinazione di quella cifra Donzelli aveva presentato un'interrogazione. Ora un nuovo capitolo, che apre altri scenari il cui meccanismo «se accertato», chiosa Donzelli, coordinatore dell'esecutivo nazionale di Fdi, «sarebbe un fatto gravissimo, in un quadro dell'inchiesta Consip che già presenta molti aspetti inquietanti».

Commenti

PEPPINO255

Dom, 21/05/2017 - 09:18

Questa "famiglia" Renzi comincia tanta ad assomigliare ad alcune "famiglie" sicule e calabresi.....

Iacobellig

Dom, 21/05/2017 - 09:34

INDAGARE A FONDO SU QUESTA GENTE, DISONORE DEL PAESE UNITAMENTE A QUELLA BOSCHI.

fifaus

Dom, 21/05/2017 - 10:43

Perché Romeo è l'unico in carcere? ha fatto, se ha fatto, tutto da solo? Altrimenti, dategli compagnia..

scalette

Dom, 21/05/2017 - 10:52

LA MAFIA ROSSA governa la TOSCANA, l'EMILIA-ROMAGNA, L'UMBRIA. indagate gente, INDAGATE. ne vedremo delle belle.

paolonardi

Dom, 21/05/2017 - 11:02

Qualcuno si e' mai chiesto come dei contadini in poco tempo si sono arricchiti fino ad avere qualce diecina di societa' organizzate come scatole cinesi.

idleproc

Dom, 21/05/2017 - 11:13

Se non erro la Risorsa Della Repubblica disse, tra le tante che disse e dice, che si ispirava a Blair. Un Uomo, una Garanzia e un programma di riferimento per i fini personali della casta di "sinistra" new-age che nel metodo è sempre quella vecchia ma meno organizzata. Solo che Blair è più intelligente nel farsi gli affari suoi e li fa più in grande, anche su questo, se dovesse essere e vista l'eseguità delle cifre, deficita.

Giorgio1952

Dom, 21/05/2017 - 13:11

paolonardi sta parlando delle società off-shore della famiglia Berlusconi? Quella dello chansonnier da crociera con il padre in Banca Rasini, diventato miracolosamente imprenditore immobiliare?

isaisa

Dom, 21/05/2017 - 13:34

Controllare i finanziamenti (garantiti dal consorzio regionale toscano) dati alle società dei renzi che poi sono fallite. Controllare le nomine societarie e gli spostamenti di sedi sociali. Controllare le compartecipazioni con personaggi poco raccomandabili. Forza magistrati, datevi da fare !!

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Dom, 21/05/2017 - 13:38

Solo gli imbecilli possono credere ancora a questo pallonaio e mafioso.

tRHC

Dom, 21/05/2017 - 14:16

Anna 17:uno di questi e' proprio Giorgio1952,che fa dei paragoni improponibili,tra chi investe i proventi e chi li intasca senza via di fuga!!!

tRHC

Dom, 21/05/2017 - 14:21

che famigliola,quella del Mulino Bianco gli fa un baffo!!!!Questa e' gente sporca,come fa la gente a non accorgersi di questo?Si vede che la dottrina della sezione ha la sua efficacia!!!

unosolo

Dom, 21/05/2017 - 14:50

chiamatemi scemo , da mesi che nel mio piccolo ho capito come fanno a non figurare nelle" mazzette " ebbene ho notato tramite le stampe proprio la insistenza nelle voci : DONAZIONI ; CONSULENZE ; APPALTI GRANDI DIVISI A SETTORI , entrano anche le FONDAZIONI ovviamente , ma se ho notato io come mai chi preposto non lo notava ? questi sono i nuovi metodi usati da diversi anni dai sinistrati oggi in posti ben precisi per muovere certi filoni , insomma sanno usare le presine ma ne hanno abusato e forse finalmente qualcuno non interessato comincia a notare ,.,.,

unosolo

Dom, 21/05/2017 - 14:52

e poi vogliono far sparire il PM che da noia e forse ha capito ,,,

Giorgio1952

Dom, 21/05/2017 - 14:58

tRHC secondo lei faccio dei paragoni improponibili su cosa? Le cito un articolo che titolava “Berlusconi e l’offshore: quelle 64 società per evadere 3500 miliardi”, nel quale si parlava della perizia del revisore di bilancio KPMG, utilizzata nel processo All Iberian per falso in bilancio; il documento di KPMG racconta come vanno le cose nella società di Berlusconi : Fininvest sommerge buona parte della sua contabilità. Nascosta da un doppio registro movimenta nei 7 anni analizzati dalla perizia, almeno 3 mila e 500 miliardi, 884 dei quali occultati su piazze off-shore”. Il motivo principale della fama la Banca Rasini è che tra i suoi clienti principali si annoveravano i criminali Pippo Calò, Totò Riina, Bernardo Provenzano uomini guida della Mafia) e l'imprenditore e uomo politico Silvio Berlusconi, il cui padre Luigi Berlusconi vi lavorava come funzionario!

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Dom, 21/05/2017 - 15:26

Famiglia di arruffatori, di cui uno si crede pure un geniale statista ed a malapena potrebbe fare il capo scout oggi!

Magicoilgiornale

Dom, 21/05/2017 - 15:36

Fuori casa mia costruiscono sul marciapied e' una privinciale!!! E nessuno si accorge nulla, cosa pensate del papa' di renzi? Che schifo

unosolo

Dom, 21/05/2017 - 16:10

come il prezzemolo , il Berlusconi anche da morto darà noia ai sinistrati ,

paolonardi

Dom, 21/05/2017 - 16:41

@Giorgio1952: presuppongo che le sue fonti siano Repubblica, l'Unita e il Manifesto. Alla resa dei conti il Berlusca ha pagato politicamente, e non solo, ed ora mi aspetterei che i contadini di Rignano subiscano la stessa sorte, toghe rosse permettendo.

tRHC

Dom, 21/05/2017 - 17:09

Giorgio1952: lei continua a parlare e a pendere da una notizia giornalistica senza nessun nesso con dei fatti concreti,vede io di notizie giornalistiche e di giornalisti schierati ne ho piene le tasche,i fatti mi dicono tra l'altro,che dopo vent'anni di persecuzione,il cav Berlusconi e' stato prima tradito,poi boicottatoe ancora disarcionato politicamente con una legge(severino) fatta a "misuram"per lui e poi accantonata per tutti gli altri.La sentenza emessa DA QUEL GIUDICE CHE AVEVA PROMESSO CHE A BERLUSCONI GLI AVREBBE FATTO UN CULO COSì,E' STATA QUELLA DEL,NON POTEVA NON SAPERE,ORA MI DICA lEI CARO Giorgio Di cosa stiamo parlando? Anche io le chiedo la stessa cosa che le chiede paolonardi nel suo delle 16:41 di quali articoli giornalistici si nutrono le sue informazioni???Repubblica,il Manifesto e L?Unita'? ah beh allora....

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 21/05/2017 - 19:02

Senza poi che nessuna delle accuse fatte dal Giorgio, sia stata comprovata da nessun tribunale caro amico tRHC 17e09, ma per "i garantisti" come il Giorgio, le accuse si trasformano automaticamente in CONDANNE se l'imputato è un loro avversario politico, mentre al contrario sono IPERGARANTISTI per i LORO TRAFFICANTI DI UOMINI che si chiamano ONG che per quelli come LORO, non vanno per niente indagate. Saudos sa Nicaragua.

Marcello.508

Dom, 21/05/2017 - 19:41

Pecunia non olet. Neanche per certi soggetti "nonchalance" ..

Ritratto di pinox

pinox

Dom, 21/05/2017 - 20:15

e pensare che questo losco individuo proveniente da una losca famiglia voleva mettere le mani sulla costituzione!

swiller

Lun, 22/05/2017 - 03:41

I famosi MANO LESTA.