Così i veri razzisti di sinistra insultano i «ribelli» italiani

Offese, vignette e fango: stampa e politici scatenati su Goro. Che è un comune rosso (ma nessuno lo dice)

U no, ce ne fosse stato uno. Uno solo degli inviati piombati nelle brume del delta del Po alla caccia dei presunti razzisti di Gorino, che si fosse preso la briga di fare la cosa in fondo più semplice di tutte: andare su Internet e scoprire come avevano votato questi pescatori di vongole tagliati fuori dal mondo, pronti a erigere barricate contro donne e bambini. E avrebbe scoperto di non essere in un covo della Lega né in un'enclave di Forza Nuova ma in un lembo dell'Italia progressista, dove alle ultime europee il Pd era primo per distacco, i grillini erano alla pari con Forza Italia, e quella Lega oggi accusata di essere l'anima nera della rivolta era ferma al sette per cento.

Certo, se si fossero andati a vedere i risultati elettorali sarebbe stato un po' più complicato scaricare sugli abitanti di Gorino il razzismo dell'antirazzismo, le vignette insultanti, i commenti al vetriolo come quello di Pierfrancesco Majorino, assessore al Welfare milanese, «mi domando se la mattina riescano a guardarsi allo specchio». Sarebbe stato più problematico trattare il paese come un villaggio di gozzuti, colpevoli di bere ancora il Biancosarti e lo Stock 84, diventati nei reportage chissà perché simbolo di arretratezza culturale e politica. E sarebbe forse risultata più grottesca la campagna che prende via ieri, «non comprate più le vongole di Goro»: che invoca una sorta di rappresaglia generalizzata, deve pagare le conseguenze del blocco anche chi non era in piazza a bloccare il pullman, perché è comunque colpevole. «Voi fate parte di questa comunità, quindi ne dovete soffrire le responsabilità; me ne dispiace», scrive un tizio alla cooperativa dei pescatori annunciando il boicottaggio.

Ci prova, nel suo editoriale su Repubblica, l'ex direttore Ezio Mauro, a scavare nel profondo del dramma di Gorino, senza anatemi, parlando della «solitudine dell'indigeno italiano». Ma è una voce che predica nel deserto di una indignazione pressapochista, dove l'importante è scandalizzarsi più che capire. E anche qui l'insulto piomba sull'intera popolazione e sul paese stesso, «chiudete Goro che arriva puzza di m...», è la vignetta di Vauro. «I profughi pensano che l'Italia sia un Paese civile, poi invece li portano a Gorino», gli fa eco la sua collega Ellekappa.

Le donne e i bambini cacciati da Goro non potevano essere una minaccia per nessuno: ma capire come un piccolo gruppo di disperati sia diventato, nell'immaginario della gente del posto, l'avanguardia dell'invasione interessa a pochi. «Fascisti schifosi», vengono definiti su Twitter; e per descriverli si ripubblicano le immagini del Ku Klux Klan. «Io non sono vostro fratello», manda a dire alla gente di Goro il deputato del Pd Emanuele Fiano. «Vergogna, questa è l'unica parola che posso dire», tuona da Palermo il sindaco Leoluca Orlando.

Certo, nell'agitarsi dei social network c'è anche chi la pensa diversamente, e inevitabilmente anche chi sbarella nel senso opposto, esaltando le barricate di Gorino come il segnale di una resistenza all'invasione, e non di un tragico scontro tra ultimi e penultimi. Ma a fare la voce più grossa sono i pasdaran del politicamente corretto: «Schiatta nella tua melma», è l'augurio al sindaco (democratico) di Goro, colpevole di voler accogliere i migranti ma di voler scegliere il posto. E così via, in una gara a chi insulta più forte: come per esorcizzare paure e violenze che non sono di Goro ma dell'Italia profonda. Forse, persino di chi dal caldo dell'ufficio e del tinello, ieri si sfoga contro i razzisti di Goro e di Gorino, e quel paese di m... tra la pianura e il mare.

Commenti

luly.luly

Gio, 27/10/2016 - 14:01

Compriamo solo vongole di Goro!!!

Keplero17

Gio, 27/10/2016 - 14:06

Adesso capisco perché il prefetto ha mollato. Feudo rosso.

Max Devilman

Gio, 27/10/2016 - 14:07

Per forza nessuno dice che è un paese PD, il loro ufficio stampa/comunicazione/marketing sta sfruttando l'accaduto per attaccare la lega e la destra, guardando la TV sembra che il sindaco di Goro sia Salvini. Il loro controllo sui media fa paura, definire l'italia una dittatura è riduttivo, io di sicuro sono già schedato per quello che scrivo su questo giornale. Mi vengono i brividi a pensare cosa sarebbe accaduto se il comune fosse stato amministrato dalla destra.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 27/10/2016 - 14:12

Si chiama con un'altro GIUSTIFICATISSIMO termine PAURA!!! Paura che l'Italia diventi il RICETTACOLO di orde crescenti di FINTI/PROFUGHI da mantenere e questi pescatori ai quali il prodotto che vendono viene pagato un CASSO, la PAURA fa PAURA!!! Tutto il resto è solo STUPIDITA COCOMERIOTA!!!AMEN.

Ritratto di lucaju

lucaju

Gio, 27/10/2016 - 14:20

...ma perchè al di là del credo politico non incominciamo a considerare prima i nostri connazionali e poi i clandestini?...sarebbe ora di dirlo a gran voce che la vera paura è che questi ospiti indesiderati, prepotenti e presuntuosi, non sono delle risorse, ma dei veri e propri parassiti che alle nostre spalle e con la complicità dei sindacalisti rubano denaro del nostro paese...

ortensia

Gio, 27/10/2016 - 14:21

Gli abitanti di Goro e di Gorino sono gente con le famose p.lle. Un tempo pescavano le anguille con i denti.

Ritratto di orione1950

orione1950

Gio, 27/10/2016 - 14:37

sono gli stessi che a Capalbio hanno creato dei problemi. Gli immigrati vanno accolti ma non a casa mia; questo é il pensiero dei pdioti.

VESPA50

Gio, 27/10/2016 - 14:46

Quelli che davvero dovrebbero vergognarsi sono quelli che per mero profitto stanno svendendo l'Italia e riempiendo le città di nullafacenti che bighellonano tutto il giorno sulle bici con in mano telefonini di ultima generazione. Certo che in Italia per loro è davvero una pacchia. Mangiano, dormono e vengono pagati per non fare un ca.. mentre chi ha perso il lavoro, chi è malato viene messo ai margini. Di questo dovrebbero vergognarsi

semelor

Gio, 27/10/2016 - 15:09

Ecco dal vocabolario dei sinonimi della lingua italiana come viene definito sinistro: spiacevole, sgradevole, sfavorevole, contrario, ostile, avverso, tragico sciagurato, minaccioso, pauroso, funesto, infausto, incidente, infortunio, disgrazia, inquietante, bieco, truce, torvo. Questi siete voialtri cari sinistri nessun aggettivo piacevole.

Ritratto di blackeye

blackeye

Gio, 27/10/2016 - 15:10

L'unico modo di fare effettivamente solidarietà trasparente, convinta ed efficace è il voler accettare coscientemente nel proprio nucleo familiare, con effettiva iscrizione sullo stato di famiglia, la persona o le persone che hanno i requisiti necessari al riconoscimento di rifugiato, facendosi carico del costo per l'alimentazione, la sanità e l'istruzione che ne consegue. Solo in questo modo chiunque parla a sproposito di integrazione e soprattutto parla a danno di cittadini che non hanno alcun torto senonchè di essere italiani, dimostrerebbe la vera solidarietà e non solamente ad ergersi a paladino della bontà pelosa. Quindi è ormai assolutamente improcastinabile che i nostri ben conosciuti sinistroidi sostenitori dell'accoglienza tout court dimostrino di far seguire alle parole "I FATTI", nel qual caso potremmo modificare i nostri giudizi nei loro confronti, attualmente molto pessimi.

baio57

Gio, 27/10/2016 - 15:13

I PDIOTI di Capalbio e di Goro non sono razzisti,sono "diversamente accoglienti ". Chiamiamo le cose come stanno, e che diamine.

Una-mattina-mi-...

Gio, 27/10/2016 - 15:15

OFFENDONO IN QUANTO TOTALMENTE PRIVI DI ARGOMENTAZIONI AVENTI UNA PARVENZA DI SENSO COMUNE. SI SENTONO SCOPERTI ED ATTACCANO, COME TUTTI QUELLI MESSI AL MURO DELLE PROPRIE ENORMI RESPONSABILITA' MORALI

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 27/10/2016 - 15:33

Come,come,come? Ho letto bene? Gorno e Gorino sono feudi ROSSO sangue? Quindi il rifiuto dei migranti non è dettato da sano patriottismo,ma da becera ipocrisia kkkattokkkommunista? Ossia,accogliere è un dovere,ma non a casa mia? Credo che nel prossimo futuro dovremo stare molto attenti ai motivi del no ai migranti: considerato l'alto numero di comuni ROSSI,sara' molto probabile che le prossime barricate non abbiano niente a che vedere con i sani ideali dei destricoli.

VittorioMar

Gio, 27/10/2016 - 15:54

...tutti coloro che si "RIBELLANO" alle loro "IMPOSIZIONI" sono "RAZZISTI" "FASCISTI" e non accoglienti!!!

Ritratto di Dux1962

Dux1962

Gio, 27/10/2016 - 16:03

Dove posso trovare delle vongole di Goro? Sono sicuramente deliziose, ma le voglio DOC!!!

patrenius

Gio, 27/10/2016 - 16:04

Onore a Gorino!! esiste solo il diritto all'accolgienza e non esiste il diritto di difendere l'Italianità?? Non si accorge nessuno che così oltre 2000 anni di storia vengono cancellati? Non si accorge nessuno che questi sbarchi non possono avere fine perchè il bacino di chi vuole sbarcare per interesse è di 1500 milioni di africani? 3000 sbarchi al giorno sono una cittaà di 100000 persone al MESE!!

Fjr

Gio, 27/10/2016 - 16:10

Interessante il popolo di Goro non è' rosso di vergogna, ma a giudicare dal commento di Twitter , nero dalla rabbia, ce n'e' abbastanza per uno studio su " l'elettore questo sconosciuto"

Libero1

Gio, 27/10/2016 - 16:13

Come se non bastasse il solito motto Komunista "tu fatichi e io magno",ora anche la furbata komunista su quelli che chiamano migranti " accogliamoli ma a casa vostra".

tersicore

Gio, 27/10/2016 - 16:15

I miserevoli burattini rossi, sono povera gente incolta, col cervello dilavato dai media pid...ti, obbligata a pensare quello che gli ordinano I loro padroni (che lucrano sulla miseria degli altri), ovvero I razzisti che ci odiano mortalmente, a cominciare dai ripugnanti radical-chic che infestano i programmi televisivi. Dobbiamo imparare a riconoscere i nemici nostri e dell'Italia:e' molto semplice: tutti quelli che che sono favorevoli agli sbarchi, tutti gli sbarchi tranne uno: costoro vorrebbero infatti impedire agli italiani di sbarcare...il lunario!

illupodeicieli

Gio, 27/10/2016 - 16:21

Da non dimenticare che quelle donne, di certo quella incinta, faranno valere le regole sul ricongiungimento, ragion per cui il numero dei migranti sarebbe potuto aumentare. Che dire poi del fatto che se tu i migranti li ospiti nel paese X poi questi, sistematicamente li ritrovi nella città Y. Qui a Cagliari vengono accompagnati in pullman tutti i giorni :arrivano dai centri di accoglienza periferici perché in quei centri non ci vogliono restare.

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Gio, 27/10/2016 - 16:23

L'idiozia nei comuni rossi qualche volta cede alla redenzione della ragione che è una sola: non farsi mettere i piedi in testa dai funzionari prefettizi, che sono stati arruolati da Renzi per bastonare e irridere le comunità locali. Non ho parole per stigmatizzare l'imbecillità di chi non ha capito questo e s'industria a chiamare "razzisti" quelli che non lo sono e che, per di più, appartengono al clan "de sinistra".

ampar

Gio, 27/10/2016 - 16:34

anziché criticare, perché non vi fate avanti brava gente animata da mille buoni propositi e non accogliete presso di voi questi poveri disperati? su dai,vediamo quante manine alzate ci sono

LP

Gio, 27/10/2016 - 17:07

Vediamo come vanno le prossime elezioni a Gorino. Auspico lega Nord al 60%.

Ritratto di ReDario

ReDario

Gio, 27/10/2016 - 17:09

Visto quanti conventi di clausura e non si sono offerti di ospitare queste avanguardie. Viva,Goro e Gorino ,speriamo sia solo l'inizio.

giovanni951

Gio, 27/10/2016 - 17:19

sono solo zecche rosse...lasciateli blaterare. Io spero solo che ciò che è successo a girino sia l'inizio di una lunga serie.

Ritratto di nando49

nando49

Gio, 27/10/2016 - 17:26

Mi propongo di votare NO al referendum per andare a votare. Bisogna cambiare questa classe politica che vede solo nei migranti un "affare" nell'immediato e "voti" in futuro. Bisogna reagire prima che sia troppo tardi e il nostro paese diventi un condominio islamista.

Ritratto di bassfox

bassfox

Gio, 27/10/2016 - 17:32

bravi gorini, ora isolatevi dal resto del Paese, grazie

AndreaT50

Gio, 27/10/2016 - 17:34

I razzisti sono coloro che non hanno rispetto dell'altrui convinzione, ci pensi lo stato o il vaticano a fare strutture adeguate ed accogliere i bisognosi. E ci vengono a parlare di democrazia? RITORNATE A SCUOLA A STUDIARE!

Garganella

Gio, 27/10/2016 - 17:45

Tutti i comuni d'Italia dovrebbero comportarsi come Goro e Gorino. Quelli che accolgono tutti a braccia spalancate e solo per interessi economici un bel giorno (non tanto lontano) reciteranno un "mea culpa".

Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Gio, 27/10/2016 - 17:46

Poveri noi: quanta idiozia cresce e prospera a sinistra. Ma chi o cosa è stato che sin da piccoli li ha imbevuti di tanta POCHEZZA MENTALE e MORALE. E' una maledizione: a qualsiasi livello (su su fino ai vertici) sono imbevuti di MALAFEDE, IPOCRISIA e IDIOZIA. Mi ricordo che circolava il libretto di Mao: sara mica stato quel libercolo a produrre un tale sfacelo di cervelli!!??

potaffo

Gio, 27/10/2016 - 17:51

L'Italia vera sta con Goro. A sbraitare ed ad indignarsi sono solo i soli radical chic che i migranti li vedono solo nelle loro copertine patinate sotto forma di bambini con il peluche in mano, ma la maggioranza silenziosa li ammira e alcuni li invidiano. Invidiano una comunità che si è trovata unita contro l'invasione, che è riuscita ad organizzarsi mentre molte altre, frammentate e senza guida, falliscono. Goro è un modello, Goro è il futuro e l'avanguardia. BRAVI! W Goro e W l'Italia vera!

mandilluforever

Gio, 27/10/2016 - 23:27

A Goro ci sono stato questa primavera. Non é brutta. Di più. Secondo me i migranti mica ci vogliono andare.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 27/10/2016 - 23:43

Dicono di non essere comunisti ma adottano esattamente i comportamenti totalitari dello stalinismo. In URSS mettevano nei gulag i dissidenti. Quelli recidivi li fucilavano. Da noi diffamano socialmente chi esprime le proprie idee insultandoli con accuse di razzismo. Questa è la democrazia dei comunisti travestiti da democratici. Hanno capito che taglia di più la lingua del coltello.

gimuma

Ven, 28/10/2016 - 00:32

Ma come e' possibile che con tutti i guai che stanno combinando i "trinariciuti" risultino sempre in vantaggio nei sondaggi del lunedi su La7?Possibile che i miei compatrioti siano cosi'in tanti affetti dalla sindrome di Stoccolma,o di masochismo alla Tafazzi? BAH!

timba

Ven, 28/10/2016 - 05:51

A tutti gli antagonisti della domenica che danno dei razzisti (e si limitassero a quello) proprio loro che sicuramente dormiranno tranquilli a casa di mammina magari ai Parioli chiedo : ma dove eravate quando a Capalbio tutti, sindaco in testa, dicevano a chiare lettere che i migranti no...proprio non li volevano? Loro, si, i fighetti miliardari di sx che potevano accoglierne e sfamare a bizzeffe. Ebbene, ipocriti schifosi, dove eravate? Ed a Vauro sempre gentiluomo e cavaliere nelle sue vignette chiedo: dove vive lei? Ci sono immigrati? Quanti ne ospita direttamente? Quanto dei milioni che guadagna (da proletario ovviamente) destina alle coop per l'accoglienza? Niente da fare. Il liquame sinistrorso non si smentisce mai. Armiamoci e partite..... Bravi bravi

timba

Ven, 28/10/2016 - 06:04

Potaffo. Hai pienamente ragione. Chiunque abbia un briciolo di cervello e senso pratico (ossia tutti tolto i lobotomizzati) sta con Goro, quindi contro la sinistra che invece spalleggia ed ha provocato tutto questo. Ma a questo punto la domanda è sempre la stessa. Perché poi al momento buono c'è sempre il 30% di pecoroni che continua a votare PD nonostante tutto? Spero che almeno a Goro abbiano imparato la lezione. Ma il resto di Italia ti assicuro no. Proprio lobotomizzati. Pensa che il ragazzo di una mia collega ultra attivista impegnato di sx un giorno le ha detto "ti porterò a Parigi". Lei tutta contenta per la sorpresa... Peccato che poi abbia aggiunto "se vince il si al referendum"!!!!!! Ecco questi sono i tipici sinistrorsi...

Tipperary

Ven, 28/10/2016 - 06:28

Compriamo solo vongole di Goro !!!

tazio63

Ven, 28/10/2016 - 06:43

io a Goro domenica ci porto la famiglia,andiamo a mangiare le vongole.

rigadritto

Ven, 28/10/2016 - 07:41

Altrove non si sono ribellati, per esempio al cara di Mineo (CT). Risultato: una coppia di miti pensionati è stata massacrata. Oppure a Chiari (BS): hanno accolto "i nostri fratelli migranti": una ragazza è stata stuprata. Mi fermo con gli esempi altrimenti serve un libro intero. Bravi abitanti di Goro. Solo, la prossima volta evitate di rivotare "i razzisti dell'antirazzismo"

Ritratto di tokarev

tokarev

Ven, 28/10/2016 - 08:19

piddini, leghisti, forzisti o pentastellati...sempre infami sono...gentaglia da inviare nelle sacre foibe...

ampar

Ven, 28/10/2016 - 09:48

W Goro. le vongole di Goro sono le migliori al mondo. acquistatele

ziobeppe1951

Ven, 28/10/2016 - 09:52

Tokkkarev...Kkkompagno dei centri -asociali, perché non ti trasferisci in qualche gulag di staliniana memoria ....da novembre a marzo è il periodo migliore

FRANKBENELLI

Ven, 28/10/2016 - 11:27

Tokarev è una pistola russa, mentre tokarev 08.19 è un pistola tout court. Ma come si fa a considerare sacre le tragiche foibe.Visto che c'è in giro gente come Lei, pur non essendo io fascista, vedrei bene l'arrivo...Mah, la prudenza mi consiglia fermarmi e non dire altro.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Ven, 28/10/2016 - 12:57

Chi ha buona memoria ricorda gli insulti con cui hanno accolto, alla stazione di Bologna, gli italiani in fuga dall’Istria. Buon sangue non mente! Non cambiano mai: congelati come i mammut. Sotto varie sigle spunta sempre la loro ideologia illiberale al limite della criminalità. Chi non acuisce alle loro mira di potere, è «fascista», «nazista», «razzista» e chi più ne ha ne metta. Mai che accusino qualcuno di essere comunista… chissà perché? Ah! Ho capito: il comunismo non è mai esistito e, se è esistito era il partito dei poveri, della pace della democrazia ecc. ecc. ecc. Comunque loro non sono mai stati comunisti. La democrazia l’hanno inventata loro, quando in visione è apparso loro baffone.