"Ma così la nostra politica sarà decisa dagli stranieri"

L'esperto: quelli che diventeranno cittadini del nostro Paese avranno forti potenzialità elettorali

La popolazione italiana scenderà dai 60 milioni di oggi a poco più di 53 milioni nel 2065 e sarà molto più anziana, il mancato ricambio generazionale metterà a repentaglio il mercato del lavoro e, infine, gli immigrati residenti in Italia supereranno i 14 milioni. Questo il futuro prospettato dall'Istat. «Non è una sorpresa - spiega Gian Carlo Blangiardo, demografo e docente di Statistica all'Università Milano-Bicocca Vengono solo delineate delle tendenze in corso, delle quali si è avuta una chiara anticipazione in questi anni. Se non cambierà qualcosa, il punto di arrivo sarà quello prospettato dall'Istat».

Insomma, nel 2065 avremo un calo della popolazione italiana e oltre 14 milioni di stranieri residenti in più.

«Questo numero non è assolutamente una novità e lo si poteva già immaginare. Questo è il finale della storia, avendo ben presente la consistenza e la continuità dei flussi migratori».

I numeri dicono che gli immigrati supereranno ampiamente il 20 per cento della popolazione totale. Secondo lei, avrà delle conseguenze sul piano politico interno?

«Avrà sicuramente un'influenza. Quella cifra illustra la popolazione straniera residente ma senza cittadinanza italiana, ma dietro c'è un altro numero, forse non così grande ma comunque consistente, di persone di origine straniera che hanno ottenuto la cittadinanza italiana. Per darle un'idea, solo nel 2016 sono stati 200mila gli stranieri che sono diventati cittadini italiani. É questo gruppo che ha forti potenzialità elettorali e che potrà sicuramente condizionare le scelte politiche. Stiamo parlando del 2065, non è dietro l'angolo, ma tutto ciò è la conseguenza di quello che è stato fatto fino a oggi».

Quindi, una sorta di rivoluzione, come è stata immaginata per la Francia da Michel Houellebecq nel suo libro Sottomissione?

«Non sono in grado di dirle che cosa succederà, ma se i numeri sono questi bisogna immaginare una realtà politica, sociale e culturale molto diversa rispetto a quella di oggi».

A fronte di un continuo calo della natalità e dell'invecchiamento della popolazione, come si potrebbe intervenire per fermare o quantomeno frenare questa tendenza?

«La politica ha già una ricetta, che sta nel cassetto della presidenza del Consiglio. É stata elaborata a suo tempo dal governo Berlusconi e si chiama Piano nazionale per la famiglia. É stata poi approvata dal governo Monti nel 2012, ma alla fine è stata rimessa nel cassetto. Detto questo, in quel piano ci sono una serie di indicazioni che darebbero una mano a risollevare la famiglia e il problema della natalità in Italia. Stiamo parlando di una cosa nota, che naturalmente chiede delle risorse, ma nessuno oggi può dire che non fosse previsto. Prendiamo atto di un fatto che accade, che si sa come poterlo contrastare, ma si decide per motivi politici, legittimi intendiamoci, che non sia una priorità».

Uno scenario abbastanza fosco. Quale sarà l'epilogo?

«Ciascuno si prenderà le proprie responsabilità. Sono trent'anni che si ripetono le stesse cose. Siamo arrivati a 470mila nascite nel 2016, probabilmente nel 2017 saranno di meno, come nel 2018, e avanti così fino ad arrivare ai numeri tracciati dall'Istat. Vogliamo proseguire in questa direzione? É chiaro che il discorso dell'invecchiamento, del welfare, della forza lavoro, di far quadrare i conti in una società fortemente invecchiata avrà delle pesanti conseguenze».

Esperienze in controtendenza in altri Paesi?

«Le faccio un esempio: i francesi, che sono vicini a noi, fatti come noi e ragionano similmente a noi, hanno circa 300mila nascite in più all'anno e hanno una popolazione che equivale numericamente alla nostra. Ci sarà un motivo?».

La politica per la famiglia

«Certo, e abbiamo già un'evidenza: qualcosa che dà un risultato oltre le Alpi e uno diverso in Italia. Ma, ripeto, sono scelte che spettano alla politica, che ha le sue priorità e preferisce dedicare le risorse ad altre cose. Ne prendiamo atto».

Commenti
Ritratto di nando49

nando49

Gio, 27/04/2017 - 09:43

Sì, è vero, vedo le famiglie di nord africani islamici con tre figli mentre le mamme italiane ne hanno uno solo. Le prossime generazioni saranno in maggioranza di fede islamica. Poi abbiamo anche la politica del PD che favorisce l'insediamento di islamici nel tessuto sociale e politico italiano arruolando persone di fede islamica.

perseveranza

Gio, 27/04/2017 - 09:52

Il PD, la sinistra e la Chiesa ci hanno fregato. Ormai é tardi per invertire la rotta. Ma almeno tentiamo un minimo di resistenza, quando finalmente ci faranno votare, perché qui ormai non ci fanno neppure votare, (e poi la chiamano democrazia e festeggiano il 25 aprile!) almeno votiamo quei partiti che nel programma avranno l'impegno a fermare l'invasione.

nopolcorrect

Gio, 27/04/2017 - 10:37

"la consistenza e la continuità dei flussi migratori»." Niente fatalismi, bisogna opporsi al considerare l'immigrazione di massa come un fatto inevitabile, l'immigrazione va limitata e controllata e bisogna istituire quote, non dobbiamo trasformare l'Italia in un'appendice africana dell'Europa o nel Mississippi o nell'Alabama dell'Europa.

Marcello.508

Gio, 27/04/2017 - 11:17

Intanto il prode Minniti ha disposto che sia data la carta di identità (con tutti i vantaggi - economici, servizi sociali, case popolari etc. - che ne conseguono per costoro e che prevarranno sugli italiani) ai richiedenti asilo. E se poi non l'ottengono? "Caro" Minniti, questa è proprio una chicca di notevole spessore per le disastrate casse dello stato italiano! Un po' di vergogna non la prova, visto che di italiani poveri, nell'inedia o giù di lì ce ne sono a milioni e che l'interesse di questo governo per costoro è ai limiti del ridicolo? Non eravate i difensori dei ceti (italiani) meno abbienti? Ma va là!

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Gio, 27/04/2017 - 11:44

Il PD al governo per i prossimi 200 anni, tanto questi personaggi votano lì

petra

Gio, 27/04/2017 - 12:22

Soltanto i paesi dell'est si salveranno dall'islamizzazione e sostituzione etnica in Europa.

nopolcorrect

Gio, 27/04/2017 - 12:59

@ petra: è molto probabile che finirà così se continueranno a governarci catto-comunisti anti-italiani e terzomondisti in combutta con finanzieri anti-democratici desiderosi di comandare per i propri interessi su popoli omologati,omogeneizzati, senza più identità nazionali.

routier

Gio, 27/04/2017 - 13:05

Il ministro Minniti ha dato disposizioni affinché a TUTTI i richiedenti asilo venga concessa la carta di identità con i relativi benefici che questa comporta (case, sanità, ecc). Se il PD voleva suicidarsi politicamente, Minniti lo ha accontentato, altrimenti i loro strateghi andrebbero cacciati a pedate.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 27/04/2017 - 13:05

Cosa pensate li facciano entrare a fare? Per sostituirci. L'ex bel paese diverrà una cloaca.

dakia

Gio, 27/04/2017 - 14:12

Noi non facciamo altro che attendere chi ci tiri fuori la carne dal fuoco, bastava fermare l'invasione ora che si è aperto lo spiraglio delle ong a cui ci possiamo attaccare cercando chi sta sotto ai miliardari di Malta, medici senza frontiere, green... dove sono i loro conti e da dove proviene il fiume di denaro che vi si deposita, insomma arrivare dallo scorrere del fiume alla sua sorgente e suoi tributari fermando momentaneamente il flusso, invece no, la procura di Catania si attacca al art, 54 che descrive lo "stato di necessità" seppure questo non reciti a favore. ma noi a questo punto spauriti, zitti!poi si penserebbe a ripopolare il paese e vedere con chi conviene, ora non fanno che allarmare di più.

scarface

Gio, 27/04/2017 - 14:13

Come diceva un vecchio manifesto della Lega in merito ai nativi americani: Loro hanno subito l'immigrazione, ora vivono nelle riserve.

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Gio, 27/04/2017 - 14:18

Gli islamici professano una religione che non rispetta i principi dell’ ORDINAMENTO GIURIDICO italiano, per cui permettere loro di vivere nel nostro paese costituisce VIOLAZIONE DELL’ ART. 8 DELLA COSTITUZIONE. Art. 8 Costituzione: "Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, IN QUANTO NON CONTRASTINO CON L’ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO." Quindi a meno che non DICHIARINO di rinunciare ai principi religiosi contrari al nostro ordinamento devono essere DEPORTATI.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 27/04/2017 - 14:21

IN BOCCA AL LUPO, Italiani!!!!lol lol.

Marcello.508

Gio, 27/04/2017 - 15:07

Lady Cassandra - Fosse solo l'art. 8 sarebbe il meno! Aggiunga per lo meno gli artt. 2° - 3° - 13° - 27° e 29° (gli ultimi due riguardano il matrimonio). Questa gente che antepone il Corano a tutto, se vogliono la cittadinanza italiana devono giurare fedeltà e CONSAPEVOLMENTE alla costituzione, SOTTOSWCRIVENDOLO. Al primo sgarro gli si toglie la cittadinanza e si rispediscono da dove sono venuti. Certa "gramigna", quando cresce, va estirpata dal proprio territorio senza tentennamenti.

Jesse_James

Gio, 27/04/2017 - 15:10

E' come ho scritto ieri prima di questo articolo: Quando saranno un numero sufficiente, con la cittadinanza acquisita, fonderanno un partito filo-islamico e prenderanno una marea di voti. E non come spera il PD, che crede che una volta divenuti cittadini votino per lui. Una volta entrati in parlamento la frittata sarà fatta. Addio al crocifisso, al presepio, all'albero di Natale. E noi tutti in giro con barbe e baffi, e le donne con il burqa. Chi vivrà, vedrà. Ai posteri l'ardua sentenza. A meno che...qualcuno ci metta un freno, e si vada in controtendenza.

Max Devilman

Gio, 27/04/2017 - 15:55

Sono le premesse per una guerra civile come nella ex Jugoslavia, grazie PD, se non altro ne subirete anche voi le conseguenze. Italiani, cominciate ad iscrivere i vostri figli a scuole militari, ne avranno bisogno, i nuovi arrivati sono addestrati e preparati, come si è potuto ampiamente vedere.

piazzapulita52

Gio, 27/04/2017 - 16:55

I TRADITORI DELLA PATRIA HANNO FATTO I CONTI SENZA L'OSTE! UN GIORNO SI PENTIRANNO AMARAMENTE DI AVER TRADITO IL POPOLO ITALIANO!!!

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Gio, 27/04/2017 - 16:55

Per me sono già il 20%, almeno in città. Io vedo solo loro. Qui di fianco a casa c'è una scuola elementare, poco fa alle 16.30 l'uscita dei bambini con relative mamme che aspettano. Sembra di essere al Cairo, non sto scherzando.

giovannibid

Gio, 27/04/2017 - 17:44

la RESISTENZA bisogna farla adesso ed è ora di cancellare le buone maniere e tirarsi su le maniche come fecero gli ITALIANI, quelli VERI, nel risorgimento. Soprattutto commissariare la classe politica esistente che non riesce a capire il MALE che sta facendo a questa Nazione. Io spero che nasca un Trump italiano che metta a posto le cose con le buone o le cattive Viva l'Italia libera

TitoPullo

Ven, 28/04/2017 - 01:57

LA DEMENZA PIDIOTA PUR DI AUMENTARE LA BASE ELETTORALE (PERCHE' E QUESTO IL LORO OBIETTIVO!) STANNO SCONQUASSANDO IL PAESE CON ONDATE UMANE INCOMPATIBILI CON IL NOSTRO SISTEMA DI VITA!!! LAZZARONIIIIIIIII !!