Quel Cristo inchiodato a un simbolo di morte e orrore

Fa il giro del mondo la foto del presidente boliviano Morales che dona a Francesco un crocifisso con la falce e il martello

Il problema non sono le foglie di coca. Quando arrivammo con San Giovanni Paolo II a La Paz le bevemmo tutti infuse nel tè, Papa compreso, per farci passare il mal di testa. Ma qui non basta il mate di coca a lenire una ferita al cuore. Come può Francesco accettare in dono, sorridendo, e di fatto riconoscere come amabile, corretto, cattolicissimo l'obbrobrio di una composizione di falce e martello, simbolo del comunismo, con Cristo inchiodato al martello in forma di sostituto della croce?

Io amo il Papa. A prescindere dal nome. Don Bosco quando i suoi ragazzi gridavano felici «Viva-Pio-IX» li correggeva dicendo che era più giusto inneggiare «Viva-il-Papa». Ma non es+istono i pontefici in generale. E Francesco è un segno di misericordia eccezionale per chiunque porti con sé il carico dei peccati e dei tradimenti, e io di più.

Ho provato a immaginare i sentimenti di Bergoglio in quel momento. Di certo avrebbe sbranato quel briccone di Morales, presidente guerrigliero svalvolato, che lo ha posto dinanzi al fatto compiuto. In effetti una prima immagine - dinanzi all'offerta scostumata del leader boliviano - ne mostra il volto contrariato, come di chi è incerto sul da farsi. Wojtyla avrebbe staccato Gesù da quel martello, ne sono sicuro, e l'avrebbe baciato e fatto baciare a Morales. Impossibile pensare accettasse Cristo crocifisso come protettore ed emblema divino del comunismo.

Invece Francesco ha mutato la durezza del volto in benevolenza. Io penso abbia dentro di sé trovato un positivo in quell'intruglio simbolico osceno. E cioè lo abbia interpretato come un atto sincero di devozione. Adesso è di moda buttare giù le croci dai campanili: lo fanno i seguaci del Califfo, a colpi di piccone, e i sindaci francesi, a colpi di laïcité . Che un capo di Stato veneri la figura di Gesù Cristo deve magari essergli parso persino bello alla luce del Vangelo e di quella frase del Messia: chi non è contro di me è con me.

Io preferisco pensare, però, che abbia dentro di sé valutato che aver inchiodato il Nazareno al simbolo di una ideologia sanguinaria, da centoventi milioni di morti ammazzati, dicesse una verità insieme tremenda e taciuta. E cioè che davvero è stato negli ultimi cent'anni il martello del comunismo a mettere in croce migliaia e migliaia di vescovi, preti, suore e milioni di semplici cristiani.

Detto questo, aspetto che qualche giornalista, in aereo, gli chieda la ragione del suo farsi concavo dinanzi a una bestemmia da propaganda triviale. Qualunque cosa potrà dire la rispetterò, e così tanti cattolici con la colpa di aver letto gli atti dei martiri russi e vietnamiti. Resta quel dolore, e sono certo che in Paesi dove le stigmate della persecuzione sono ancora sanguinanti, la pena rasenta lo scandalo. Tanti fratelli nella fede, in Cina, in Corea del Nord, anche a Cuba nonostante i passi avanti, proprio in questo momento sentono sulle loro ossa il martello del comunismo che picchia i chiodi o picchia le teste e le anime della gioventù.

Mi viene in mente don Lorenzo Milani, da tutti ormai ritenuto giustamente un grande della fede, che criticò il fatto che alcuni cardinali vicini al Papa assolvessero il regime franchista e lo benedicessero, in articoli e interviste sulla Stampa . Il priore di Barbiana li contestò in nome della sua esperienza e della libertà. E aggiunse che non era comunque il caso di scandalizzarsi e di abbandonare il cattolicesimo. Scrisse, era il 1959: «Noi la Chiesa non la lasceremo perché non possiamo vivere senza i suoi Sacramenti e senza il suo Insegnamento. Accetteremo da lei ogni umiliazione ma ce lo dovrà dire il Papa con atto solenne che ci impegni nel Dogma. Non il giornale della Fiat. E fino a quel giorno vivremo nella gioia della nostra libertà di cristiani. Criticheremo vescovi e cardinali serenamente visto che nelle leggi della Chiesa non c'è scritto che non lo si possa fare. Il peggio che ci potrà succedere sarà d'essere combattuti da fratelli piccini con armi piccine di quelle che taglian la carriera».

Correrò il rischio e faccio mie queste parole. Ci dica il Papa solennemente, con formula impegnativa della sua autorità apostolica, che va bene adorare Cristo inchiodato su falce e martello e mi adeguerò. Griderò viva Gesù e viva il Papa. Viva il comunismo non sono in grado però di garantirlo.

Commenti
Ritratto di luigipiso

luigipiso

Ven, 10/07/2015 - 17:12

Una risata di Papa Francesco seppellirà questo articolo

@ollel63

Ven, 10/07/2015 - 17:28

che vergogna papocchio bergoglio! Torna da dove sei venuto.

Ritratto di Giuseppe.EFC

Giuseppe.EFC

Ven, 10/07/2015 - 17:41

Le chiese sono vuote. Per ironia, ad un successo di immagine senza precedenti fa riscontro un crollo nel numero dei credenti, dei praticanti e il completo azzeramento delle conversioni. La Chiesa sta morendo del suo successo: applausi fragorosi sui media per ogni presa di posizione "modernista" e fuga dei fedeli che ormai non si sentono più rappresentati. Per amara ironia, il successo e le nuove conversioni vanno tutte verso l'Islam, e non certo verso l'Islam moderato. C'è un bisogno di coerenza che la Chiesa non soddisfa. Quando la Chiesa si renderà conto del danno fatto sarà ormai troppo tardi. Ammesso che non lo sia già

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Ven, 10/07/2015 - 17:44

Eppure Gesù Cristo lo aveva detto: Qui gladio ferit gladio perit. Vero Bergoglio?

graffias

Ven, 10/07/2015 - 17:47

In altri tempi un atto del genere sarebbe stato considerato una offesa ad capo di stato estero . Avrebbe , come minimo visto la fine delle relazioni diplomatiche tra i due stati. Invece penso , almeno per come stanno andando le cose, che non succederà nulla di nulla ed il signor Immorales verrà anzi invitato ad una visita di stato in Vaticano. Se così dovesse finire, mi auguro che il buon Francesco regali a questo indio tronfio ed insolente, qualche santino con l'immagine di uno dei tanti martiri del comunismo, giusto per ricordargli qualcosa.

Ritratto di perigo

perigo

Ven, 10/07/2015 - 17:56

Comunismo, falce e martello, dittatura: orrore, distruzione e morte!

Edmond Dantes

Ven, 10/07/2015 - 17:57

@luigipiso. In effetti riderà, ride sempre, anche troppo. Riderà ancor più quando nel prossimo viaggio in medioriente gli regaleranno il Corano, a patto che non si metta addosso crocifissi, che altrimenti non rideranno loro. E che non gli venga in mente di nominare Gesù e tantomeno dire che era figlio di Dio: al massimo potrà dire che era un tizio passato una volta da quelle parti, forse un turista antelitteram, ma parlava in un modo strano e solo una combriccola di svitati lo stava a sentire.

Ritratto di Giuseppe.EFC

Giuseppe.EFC

Ven, 10/07/2015 - 17:59

Leggo ora che alla Chiesa è andato 1 miliardo da 8x1000. Non è male: solo che su 41.320.548 contribuenti solo 18.929.945 (il 46%) ha fatto questa scelta. In un paese che si dichiara cattolico al 90%, una percentuale che dovrebbe far riflettere

Ritratto di Kommissar

Kommissar

Ven, 10/07/2015 - 18:10

Morales avra` poco tatto e gusto, ma Farina e` un integralista un po' macchietta...Scommetto che Francesco lo catalogherebbe tra i bigotti senza speranza e passerebbe oltre...

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 10/07/2015 - 19:32

Se piace tanto ai cattocomunisti ci sarà un motivo. Se i mangiapreti marxisti apprezzano tanto questo Papa, significa che lo sentono molto vicino alla loro ideologia. Ergo...

Ritratto di bracco

bracco

Ven, 10/07/2015 - 19:45

Falce e martello equivale alla svastica, il braccio sinistro con il pugno alzato è la stessa cosa del braccio destro e mano al cielo

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 10/07/2015 - 19:47

Credo che il 1° commento di "luigipiso" abbia centrato sulla probabile reazione di Francesco, che però l'unica foto (da me) conosciuta mostra quanto meno sorpreso. Comunque la sua probabile risata papale non farebbe che aumentare la mia sorpresa sulla facilità con cui Francesco è capace di "ritoccare" le posizioni assunte dalla Chiesa romana nell'ultimo secolo. Per altro va preso atto che la Chiesa medesima sta subendo una crescita impressionante di disinteresse da parte soprattutto delle nuove generazioni, almeno in Italia. Però legare il Figlio di Adonai al simbolo del comunismo sovietico mi sembra decisamente troppo non accettabile e volutamente provocatorio: soprattutto non serve ad attirare i fedeli.

FRANZJOSEFF

Ven, 10/07/2015 - 19:52

VENDOLA E CROCETTA CHE SIMBOLI AVREBBERO MESSO NEL CROCIFISSO?

massimo trevia

Ven, 10/07/2015 - 20:14

il papa non può proclamare dogmi se non discernendoli da quello che il "popolo di Dio"(i battezzati) sentono grazie all'azione dello spirito santo.non credo che i cristiani sentano che va bene una croce siffatta!!!!!!! il papa l'ha anche (guardate la foto)indossata,la falce e martello:è la riproduzione in piccolo della croce grande. il papa ha già detto che i valdesi sono animati da un carisma....ma essi invece sono dichiarati eretici dal medioevo.e una eresia non è un carisma!

Edmond Dantes

Ven, 10/07/2015 - 21:30

@kommissar. Infatti il problema non è lo zotico comunista che offende l'amico suo Francesco, incidentalmente anche papa, ma l'estensore dell'articolo. Nessun dubbio che tra i due, un comunista pure zotico ed un giornalista magari troppo osservante (lei lo chiama bigotto), lei e l'amico suo Francesco buttereste giù dalla torre Farina. Certo che per il cretinismo "de sinistra" questo papa (parola grossa) è come la manna dal cielo.

Ritratto di voglioesserecomunista

voglioesserecom...

Ven, 10/07/2015 - 21:35

Cari fascisti, mi piacerebbe cambiare quello che è stata la nostra storia recente o quasi. Orrore e morte è stato il fascismo. Di questo siamo sicuri ed abbiamo testimoni oculari in casa nostra.

Ritratto di voglioesserecomunista

voglioesserecom...

Ven, 10/07/2015 - 21:39

Ma guarda un pò sti fascisti che vogliono insegnare a Bergoglio a fare il papa

Giorgio5819

Ven, 10/07/2015 - 22:01

Il trionfo del catto comunismo, la peggiore miscellanea di schifezze possibile.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Ven, 10/07/2015 - 22:59

Non sono credente, ma credo che facciano bene i cristiani, e i cattolici in special modo, ad attribuire al Papa una posizione di totale riferimento per la Fede. Fino adesso Bergoglio non ha, tutto sommato, espresso posizioni profondamente destabilizzanti per la tradizione, ma solo posizioni in qualche modo, 'personali'. Quindi non 'ex Cathedra'. Posizioni certamente, e per chi vuole, discutibili, ma, finchè è certo che Cristo sia morto in croce e poi risorto, per i cristiani e per chi crede non c'è alcun problema! Se il papa dovesse cedere sui fatti della croce, anche se fatta a forma di martello, allora che crolli la Cupola di S. Pietro! Bergoglio questo lo sa e non ha certo voglia di ridere!

thelonesomewolf97

Ven, 10/07/2015 - 23:11

Avete censurato il mio commento? Di grazia, potrei sapere la ragione?

Ritratto di MACzonaMB

MACzonaMB

Ven, 10/07/2015 - 23:16

Se è questo il Vangelo che subdolamente si vorrebbe insinuare....e in un'ottica da strabici dovessi assimilare una libera scelta di carità ad una prepotente imposizione appianatrice delle diseguaglianze.....ebbene, pane al pane e vino al vino: je ne suis pas Francesco.

indiana joe

Sab, 11/07/2015 - 00:04

Evo Morales, il contadino idiota a tutti i costi (mentre il contadino in genere è un fatto positivo). Un turricefalo che approfitta del potere esercitato sulle masse di contadini poveri e poveri contadini e che si permette di propinare al Papa un simbolo di morte, pari al nazismo. Credo che solo la diplomazia ed il savoir vivre abbia frenato il Papa che è là non per l'idiota contadino, ma per le masse contadine sfruttate e livellate da quel personaggio. Che incontro penoso! Vorrei vederlo in Europa il contadino idiota. Ma il becero sa bene che nessuno lo inviterebbe...........

angie_01

Sab, 11/07/2015 - 03:39

Ommioddio ma nemanco la Cina o la Russia usano piu' falce e martello sulla loro bandiere. Mi fa sempre impressione quando vedo qs simbolo fuori dai vari circoli sindacali, partigiani etc. Speriamo sparisca una volta per tutte, e presto.

roberto.morici

Sab, 11/07/2015 - 07:10

Forse l'aquilotto di nome Evo ha solamente voluto rappresentare come i raffinati comunisti avrebbero fatto fuori il Cristo se fosse stato di loro competenza.

Ritratto di qwertyfire

qwertyfire

Sab, 11/07/2015 - 07:46

io ancora non ho capito a che serve il papa? A gestire il 40% delle proprietà immobiliari in itajia dicendo a noi di accogliere nelle nostre casa "le eccedenze partoriali" del mondo?

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Sab, 11/07/2015 - 08:13

NON SONO D'ACCORDO CON I COMMENTI NEGATIVI, COME SIMBOLO PUÒ ESSERE ACCETTABILE: IN FONDO IL SINEDRIO ERA UNA SPECIE DI KOMINTERN RELIGIOSO E PILATO UN PRETORIANO DELLA POTENZA EGEMONE (ROMA=USA), CHE SE NE LAVA LE MANI.

paci.augusto

Sab, 11/07/2015 - 08:38

Soltanto un lurido, ottuso, demente compagno poteva compiere questo infame accoppiamento blasfemo di Cristo inchiodato sulla falce e martello!! E poi, proprio dai più criminali e fanatici anticristo dell'umanità!! Naturalmente è subito scattata la solidarità rossa dei soliti mentecatti trinariciuti, con i loro demenziali commenti!! Per questo voglioesserecom..., che come da prassi comunista da del fascista a chiunque critica questo simbolo infame, senza discutere la criminalità fascista, non sono i fascisti che hanno inchiodato Cristo alla svastica!!!

umberto nordio

Sab, 11/07/2015 - 09:00

Questo Papa mi sembra troppo incline ai compromessi col marxismo. Non riesco a seguirlo.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Sab, 11/07/2015 - 09:01

Se in Italia l'intelligenza fosse obbligatoria caro Edmond Dantes, perseguibile penalmente in caso contrario, per luigipiso si dovrebbe riaprire l'Asinara mentre, per quello più complesso che riguarda rato mino ( tutti però lo chiamano mino rato ) alias il Kommissar, dovrebbero riallestire e di gran carriera Alcatraz. Cordialmente. Dalton Russell.

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Sab, 11/07/2015 - 09:09

Cosa vi aspettavate da Morales: sottoculturato, burino inguardabile e sostenitore dei produttori di coca. Personalmente ho sempre pensato che papa Bergoglio, da buon gesuita, abbia per la chiesa, dei piani che a noi comuni mortali sfuggono. Certo che si fa sempre piu' fatica a capirlo....

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 11/07/2015 - 09:53

Leggo il commento di tale “voglioesserecom…” che, in coda ad un articolo che riguarda Papa Francesco, parla di fascismo, “orrore e morte”, giustamente, e mi domando come Egli vorrebbe essere. Però non vedo cosa c’entri quella sua condivisibile affermazione con papa Francesco. Forse Francesco è un fascista?

Ritratto di Kommissar

Kommissar

Sab, 11/07/2015 - 11:46

dalton.russel, commento pietoso come al solito, mai un concetto, si intravvede una mente arida, tesa solo all'insulto gratuito. Certe sindromi deliranti hanno esattamente questi sintomi...

killkoms

Sab, 11/07/2015 - 12:42

sciocco accettare un siffatto regali da chi predica l'ateismo!

Ritratto di voglioesserecomunista

voglioesserecom...

Sab, 11/07/2015 - 16:15

02121940 ( forse data di nascita ) Parlo di fascismo in contrapposizione al comunismo (falce e martello, orrore e morte)Il mio nickname dice come vorrei essere e sono. Francesco non è fascista e io sono ateo, Badi bene!!!

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Sab, 11/07/2015 - 22:30

Dimmi Kommissar, con un minorato del tuo livello, quali argomenti potrei sostenere a confutazione dei tuoi deliri. Io, e non sono uno abituato a vantarsi, non troverai mai un mio intervento che smentisce quanto affermo, ho ed è documentabile, un Q.I. molto alto. Pertanto, quando mi rivolgo a te, minus habens, ti prendo solo per il kulo. E, se volessi veramente offenderti, userei il linguaggio a cui tu, minorato, sei sovente avvezzo. Attento comunque, cominci a rompermi las cojeneras. Dalton Russell.