Fra destra e sinistra. Il nodo delle alleanze spacca i grillini

Casaleggio tentato dal "polo sovranista". Ma l'ala sinistra punta al dialogo con Mdp

Roma - Il Movimento Cinque Stelle e l'eterno dilemma della destra e della sinistra. In questi giorni, complici i sondaggi che danno il M5s sopra al 30%, e con il proporzionale sempre dietro l'angolo, si è tornati a parlare di alleanze. Probabilmente saranno accordi confezionati a urne chiuse, perché il Movimento da statuto non può allearsi con altri partiti, ma ora chi non raggiunge il 40% da solo non governa. E questa non è fantapolitica, ma si chiama legge elettorale. Sono state bollate come «fantasie», invece, tutte le ricostruzioni che ogni volta hanno tentato di accoppiare il Movimento Cinque Stelle con qualche altra forza politica, di destra come di sinistra. Un tema che, dice chi gli è vicino, «fa arrabbiare molto Beppe Grillo».

I corteggiamenti più spinti sono arrivati da sinistra. Prima fuori dal Pd con Pier Luigi Bersani (Mdp) e poi dai dem stessi con Michele Emiliano. Bersani ha parlato del Movimento Cinque Stelle come di «un partito di centro, argine al populismo», dimenticandosi dello streaming del 2013 quando Crimi e la Lombardi lo hanno massacrato in diretta. Anzi rivendica l'episodio: «Sarebbe quello che gli avevo chiesto quattro anni fa». E subito c'è lo scontro con i renziani, secondo i quali l'apertura nei confronti del M5s «sarebbe l'ennesimo tentativo di far fuori Renzi». Ma il candidato alla segreteria dem Michele Emiliano fa subito eco a Bersani e azzarda: «Io sono pronto a governare con il Movimento Cinque Stelle, anche perché metà dei loro voti sono nostri, oggi inizia l'epoca della ricostruzione, dell'amicizia e dell'armonia».

Ma i grillini non cedono: «Noi arriveremo al 40%», ripetono in pubblico senza troppa convinzione mentre in privato cominciano a dividersi. Tra isolazionisti e realisti, tra destra e sinistra, tra gruppi parlamentari e vertici milanesi.

Così sarebbe solo una pattuglia di «portavoce» quella disposta a sacrificare le ambizioni di governo sull'altare della purezza. Perché non c'è solo la sinistra, ma pure la destra. Sempre secondo i sondaggi, un'alleanza «sovranista» con Lega e Fratelli d'Italia può arrivare al 50% dei voti. La maggioranza assoluta.

Una soluzione che non dispiacerebbe all'inner circle di Casaleggio Jr, ma che scontenterebbe i gruppi parlamentari «troppo spostati a sinistra». Mentre Salvini e la Meloni un po' smentiscono e un po' tentennano, e Di Battista in tv (giovedì a Piazzapulita su La7) è incerto su sicurezza, euro e immigrazione, arriva un assist dall'ex grillino Walter Rizzetto. Il deputato fuoriuscito, ora tra le fila di Fratelli d'Italia, si dice «aperto a fare un ragionamento con M5s a partire da temi in comune, se c'è la possibilità di lavorare insieme ben venga, ma devono trovare una linea al loro interno».

Ed ecco la conclusione: «È lapalissiano che chi non arriva al 40% deve allearsi per poter governare».

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 25/03/2017 - 11:11

"Ma l'ala sinistra (ovvero la maggioranza) punta al dialogo con Mdp". Più che puntare al dialogo ne rivendicherà la paternità.

Ritratto di orione1950

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 25/03/2017 - 11:29

La maggior parte di loro proviene da sinistra e da estrema sinistra. Quindi si sa dove ci saranno alleanze.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Sab, 25/03/2017 - 12:52

La fine del PD riporta la politica italiana al bipolarismo. Lo schema bipolare dovrebbe favorire la governabilità, ma, in realtà, le cose non stanno così. Da un lato c'è un partito egemone, oggi al 33% ma che potrebbe non arrivare al 40%, dall'altro un gruppo di partiti che, se messi insieme, raggiungerebbero la stessa percentuale, ma che insieme non sono. Se la situazione non cambierà fino alle prossime votazioni e supponendo che Grillo non arrivi al 40%, ai grillini verrà si assegnato l'incarico di formare il nuovo governo, ma non potranno farlo da soli. E allora con chi? Si è già offerto l'MDP, disposto a qualsiasi compromesso (compreso il mea culpa) per qualche poltrona o strapuntino, ma potrebbe non bastare e inoltre Grillo e C&A diffidano - a ragion veduta - della sinistra e pensano piuttosto a cercare alleati nel nostro campo, Lega in testa. Governo M5S-Lega? Se il Centro destra non si unisce finirà così.