Il doppio lavoro di Emergency: impedire e agevolare gli sbarchi

Nel 2016 l'organizzazione di Gino Strada ha ricevuto fondi dal ministero dell'Interno. Intanto operava sulle navi Moas

Roma - Tra le organizzazioni che hanno operano attivamente per il recupero dei migranti sui gommoni c'è anche Emergency. Che a sorpresa non solo ha lavorato con una delle Ong che vanno a caccia di carrette del mare nel Mediterraneo, ma anche con sovvenzioni statali. Nel corso del 2016, infatti, il ministero dell'Interno, alla voce «pagamenti», ha inserito circa 264mila euro, divisi in due tranche (da 108.438,02 euro e da 159.952,32 euro) che ha dato per quattro mesi tra marzo e agosto alla realtà fondata da Gino Strada, che ne aveva già ricevuti 266.202 euro nel 2015.

Dal Viminale fanno sapere che i finanziamenti sono stati dati perché l'ente «è stato individuato a ragione della sua organizzazione operativa, della sua esperienza internazionale, nazionale e regionale in tema di assistenza a favore delle popolazioni migranti e a supporto delle strutture pubbliche su cui grava l'onere della tutela della salute». Tra i compiti di Emergency «quello di facilitare buone pratiche in tema di assistenza sanitaria di base, educazione sanitaria, prevenzione e corretta informazione». Gli interventi più consistenti sono stati attuati in Sicilia (115mila prestazioni effettuate) con sportelli di orientamento socio sanitario, poliambulatori, cliniche mobili, ecc.).

Nello stesso periodo in cui lavorava per il Viminale, che oltre a salvare i migranti vorrebbe arrestare gli scafisti, l'organizzazione di Strada operava anche a bordo delle navi di Moas, la cui attività è ora sottoposta a scrutinio da tre procure siciliane perché favorirebbe gli scafisti. Un paradosso, anche perché Gino Strada, pacifista convinto, si è trovata a collaborare proprio con Moas, organizzazione non governativa maltese fondata da Chris Catrambone, con la moglie Regina, uomo d'affari che ha fatto fortuna con le assicurazioni in zona di guerra. La stessa Moas ha reclutato militari della marina maltese e un ufficiale dell'esercito, Ian Ruggier, molto criticato per aver inventato un metodo piuttosto rude per reprimere le rivolte dei migranti.

La partnership, con i medici di Emergency a bordo della nave Topaz responder, è durata poco, appena un paio di mesi. Per una questione di soldi: «L'interruzione della collaborazione - spiegano da Moas - è avvenuta quando abbiamo lanciato un'operazione con Croce rossa italiana. I partner operativi contribuiscono al costo della missione. Non necessariamente Emergency dava pochi soldi, ma sono state fatte valutazioni di tipo operativo e strategico». In seguito anche il rapporto con Cri è finito: «Ora usiamo un team di nostri medici, in futuro vedremo»

Per chiarire a fondo la quesione abbiamo interpellato anche Emergency, che attraverso il suo ufficio stampa ci ha invece fatto sapere che, «dopo due mesi di lavoro insieme, Moas aveva comunicato di aver bisogno di un partner che contribuisse alle spese». E, a quel punto, ha deciso di tirarsene fuori.

Commenti

opinione-critica

Sab, 22/04/2017 - 12:35

Il ministero dell'interno invece che dare soldi alle forze di polizia preferisce pagare tangenti a chi lo ricatta e a chi fa di tutto per impedire alle forze di polizia di difendersi. Tra poco dovranno pagarsi la divisa...

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 22/04/2017 - 13:00

Associazione a delinquere. Altro non è.

moshe

Sab, 22/04/2017 - 13:00

... e i magistrati fanno finta di niente ...

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 22/04/2017 - 13:06

quanti croceristi che vedo beati loro che vanno in ferie senza pagare un centesimo.

Anonimo (non verificato)

Una-mattina-mi-...

Sab, 22/04/2017 - 13:24

CARCERE DURO, SEQUESTRO DEI BENI, RIMBOSRO DEI DANNI CAUSATI ALLA PATRIA MEDIANTE ETERNO LAVORO COATTO!!!

momomomo

Sab, 22/04/2017 - 13:25

Da sempre: l'agnello che succhia da due pecore, sta meglio dei suoi fratelli!

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 22/04/2017 - 13:35

Il BUSINESS CONTINUAAA, PECUNIA NON OLET!!!!E io PAGOOOO!!! AMEN. Buenos dìas dal Nicaragua.

antonmessina

Sab, 22/04/2017 - 13:40

direi solo agevolare. Questa gente radical chic specula sulle tasse dei poveri cristi italiani

Ritratto di elkid

elkid

Sab, 22/04/2017 - 13:42

----titolo disonesto per chi conosce Emergency----il cui unico obiettivo è offrire cure mediche e chirurgiche gratuite e di alta qualità alle vittime della guerra e della povertà---punto---ad Emergency non interessa da che parte sta la vittima ma solo se questa abbia bisogno di cure o meno---quelli di Emergency curerebbero perfino Abu Bakr al-Baghdadi se lo vedessero in una pozza di sangue sul selciato---è per questo che danno così fastidio--poichè non si schierano --se non dalla parte della pace e contro ogni forma di guerra e di violenza---hasta siempre

seccatissimo

Sab, 22/04/2017 - 13:44

E' pazzesco ma a ben vedere risulterebbe che tutti coloro che si muovono intorno al problema dei clandestini invasori, a cominciare dal governo, siano dei fetenti imbroglioni, truffatori a danno del popolo italiano !

Tarantasio

Sab, 22/04/2017 - 13:48

haha... dei veri geni, Totò che vende il Colosseo è un dilettante

btg.barbarigo

Sab, 22/04/2017 - 14:10

Questa Emergency non mi ha mai convinto.

billyserrano

Sab, 22/04/2017 - 14:21

Si però, le ong in cambio fanno campagna elettorale creando opinione favorevole in caso di elezioni. E poi magari qualche bustarella ci scappa pure. Ma il tutto viene fatto in nome della carità. Carità a chi poi, lo sanno solo loro. Ma forse lo sanno fin troppo bene.

OttavioM.

Sab, 22/04/2017 - 15:14

Che schifo!!!Qualunque cosa leggi su questi presunti profughi,si legge solo di milioni di euro di soldi soprattutto nostri,che girano e che vanno a tutti questi c.d. benefattori.Ma poi le ONG non dovrebbero essere indipendenti?E come fanno a essere indipendenti se pigliano soldi dai governi?Ma poi che idea è quella del governo di finanziare ONG che prendono soldi dai contribuenti di un paese e contemporaneamente sono a favore dell'immigrazione di massa che grava sempre sui contribuenti?

Ritratto di ermetere

ermetere

Sab, 22/04/2017 - 15:34

Un paradosso, anche perché Gino Strada, pacifista convinto, si è trovata a collaborare proprio con Moas... è per questo che danno così fastidio--poichè non si schierano --se non dalla parte della pace e contro ogni forma di guerra e di violenza... Per i dettagli, chiedere agli ex katanga boys ed alle loro hazel 36. Oppure al povero Ramelli che, sono certo, confermerà il pacifismo del personaggio. Quanto all'(h)asta, Vlad Tepes saprebbe cosa farne, e vi piacerebbe pure.

Anonimo (non verificato)

Pnsvcn

Sab, 22/04/2017 - 17:32

solo con la Lega. (Salvini )Al gverno litalia. puo riscatsrsi. e mertere. le lancete. a lora giusta. il resto e solo prpaganda. Mafiosa

Anonimo (non verificato)

dakia

Sab, 22/04/2017 - 18:09

Già, quando questo soggetto arriva in italia e si fa intervistare in TV mi è sempre parso avesse il vizietto agnelli, cioè battere cassa allo stato, poi cosa ci fanno con il denaro una volta fuori dall'Italia non lo abbiamo mai saputo ciò che ho visto in un documentario però, che lui vive dietro una tenda asettica e trasparente e della Cri non ne avrebbe avuto bisogno data la sua rilassatezza o non fare niente.Vogliamo toglierci di dosso tutti questi tromboni che sfrontatamente vivono alle spalle di noi poveretti?

carpa1

Dom, 23/04/2017 - 09:14

Lo sappiamo da sempre come siano degli ipocriti dalla doppia faccia! Quella del buonismo peloso che scarica sugli altri il peso che loro stessi contribuiscono a creare. A braccetto con MSF; dove sono i volontari che una volta si dedicavano alla cura dei bisognosi nei loro paesi di origine? Molto meglio viaggiare con le navi e portarli qui ad aumentare il peso sui cittadini italiani. Fanfaroni, a voi neanche un centesimo, ci potete contare. Non so altri, ma io gli aiuti li invio solo a chi conosco e sono certo che li utilizza per aiutare sul posto chi ne ha necessità, senza che sia obbligato da questi ipocriti a lasciare il proprio paese. E questo è ciò che dovrebbe fare anche un buon governo anzichè regalare quettrini a palate agli opportunisti che si ingrassano sulla pelle dei poveracci.