Dugin, a sinistra piace sempre censurare facile

La sinistra finalmente è tornata a fare quello che le riesce meglio: censurare. D'altronde era quasi un mese che nessuno veniva cacciato da un Salone del libro o demonizzato con argomenti comici. Per fortuna è apparso all'orizzonte il guru russo Aleksandr Dugin. All'università di Messina gli hanno già impedito di parlare, altrove si stanno organizzando per non essere da meno dell'ateneo siciliano. Dugin è perfetto: sta sulle scatole a tutti. Probabilmente considera l'Europa una propaggine dell'Asia o meglio dell'impero russo. Ai liberali non piace la critica al capitalismo, ai progressisti non piace il richiamo alla tradizione, ai sedicenti intellettuali non piace il recupero del populismo. Il Partito comunista d'una volta censurava con spregevole ipocrisia ma anche con criminale sapienza. Quando calava la mannaia su Pasternak o Solgenitsyn o la Biennale del dissenso, lo faceva con una strategia: oscurare il nemico politico che ben conosceva. Cosa che non si può dire degli adepti del politicamente corretto. Per colpa di questi epigoni del comunismo, l'Italia è eternamente impantanata in dibattiti che si potrebbero evitare a patto di essere in possesso di un decoroso livello di istruzione. Ad esempio: no alla statua di Gabriele d'Annunzio a Trieste, il Vate era un pericoloso fascista. Un pericoloso fascista che solo per caso scrisse la più libertaria e moderna delle costituzioni, la Carta del Carnaro (1920). Altro esempio: no all'incontro futurista su Marinetti a Palermo, anche il «cretino fosforescente» (come lo chiamava d'Annunzio) era un pericoloso fascista. Un fascista tanto pericoloso da essere accantonato dal Regime che al Futurismo preferiva il ritorno all'ordine del classicismo. Il mondo è pieno di sfumature, tra l'altro. È possibile essere al contempo grandi uomini di pensiero e grandi fascisti. Non ditelo ai sedicenti intellettuali, poverini, sarebbe un rompicapo da emicrania per le loro testoline. Torniamo a Dugin: è proprio urticante. A maggior ragione quindi bisogna difendere il suo diritto di espressione. I sedicenti intellettuali sono invece specializzati nel difendere la libertà di parola solo quando non costa nulla farlo e non c'è il pericolo di esporsi a critiche. Vorrai mica passare per il cattivo? Con sommo sprezzo del ridicolo, i sedicenti intellettuali salgono sulle barricate per difendere il diritto d'espressione di chi ce l'ha sempre avuto, da Roberto Saviano in giù.

Commenti
Ritratto di navajo

navajo

Mer, 12/06/2019 - 13:01

Per i soliti trinariciuti komunisti, dugin ha la gravissima colpa di aver scritto, tra l'altro, nel 2006 il libro "Julius Evola et la Russie". Evola, ma scherziamo? Un fassista, un reazionario. Mica come quel pacifista di Marx.

routier

Mer, 12/06/2019 - 16:03

"Non la penso come te ma mi batterò fino alla fine affinché tu possa esprimere le tue idee". (attribuito, ma senza certezze, ad una biografa di Voltaire)