E parte lo sciacallaggio "È colpa del clima contro la magistratura"

Ad assalto appena compiuto l'ex pm di Mani Pulite si scopre sindacalista e attacca pure il decreto sulle ferie

Questione di clima. Per Gherardo Colombo l'assalto omicida di uno squilibrato che riesce a introdurre un'arma e due caricatori nel Tribunale di Milano sarebbe rivelatore di «un clima che c'è oggi contro la magistratura» perché, dice a Sky , «certamente questa continua sottovalutazione del ruolo e svalutazione dei magistrati contribuisce a creare un clima». Abbiamo capito bene? Ma no, avremo certamente frainteso. Pochi minuti dopo, intervistato da Repubblica.it , Colombo rincara la dose: «Sono andato col pensiero alla categoria dei magistrati pubblicamente svalutata». Pausa. «Temi come la responsabilità civile e le ferie dipende da come vengono affrontati. Purtroppo spesso vengono trattati come se i magistrati siano poco attenti al proprio lavoro. E questo contribuisce a creare un clima».

Colombo piange la morte di un amico al quale era personalmente legato, il che rende ancor meno comprensibile la scivolata dal sapore sindacalese. Senza entrare nel merito su cui pure ci sarebbe molto da dire (il decreto legge sulle ferie, per esempio, è stato scritto in modo che non tagli un bel niente), la polemica dell'ex magistrato suona inopportuna. Se si tirano in ballo i provvedimenti citati, il pensiero corre al premier Renzi, al Guardasigilli Orlando e ai partiti che li hanno sostenuti in Parlamento. Va forse loro imputata la responsabilità «indiretta» della strage? Non scherziamo. Le parole sono come pietre. È ancora fresco il ricordo della presidente della Camera Laura Boldrini che in occasione del primo maggio, a pochi giorni dalla sparatoria che ferì gravemente il carabiniere Giangrande davanti a Palazzo Chigi, decise di indossare i panni della paladina dei diseredati: «Chi ha sparato a Palazzo Chigi era disperato per perdita di lavoro. Urge dare risposte perché la crisi trasforma le vittime in carnefici». Capolavoro. Se un folle imbraccia un'arma e spara contro un innocente, c'è sempre una variabile ambientale, una questione di clima e di contesto. E se invece la responsabilità fosse semplicemente di chi agisce? Fino a prova contraria, non tutti i disoccupati sparano, né tutti gli imputati per bancarotta uccidono. E va bene che Colombo è un ex magistrato e quella è pur sempre la corporazione di cui è stato audace esponente fino a qualche ripensamento in epoca recente. Ma il responsabile delle morti al Tribunale di Milano ha un nome soltanto. La polemica spicciola contro i privilegi toccati, o meglio sfiorati, sa di bieca strumentalizzazione. Il che non era certo nelle intenzioni di Colombo. Ma il «clima» ha fatto il resto.

Commenti
Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Ven, 10/04/2015 - 21:49

Evidentemente questo "sciacallo" esclude a priori che il "clima" a cui fa riferimento sia stato creato proprio da arroganti come Lui appartenenti alla autoreferenziale CASTA del Magistrati. Una delle più odiate dagli Italiani visto il loro andazzo.

elgar

Ven, 10/04/2015 - 22:14

Ma facessero meno i magistrati superstar. Questo è un semplice problema di sicurezza. In una normale caserma, per esempio, non entri. C'è scritto ZONA MILITARE ALT FARSI RICONOSCERE. Lo so, un Tribunale non è così. Però voglio dire che "se si vuole" i sistemi esistono.Non è una cosa "impossibile". Non c'entra nulla il clima. Ma quale clima? La verità è che i tribunali sono un colabrodo. In tanti sensi. Oltre alla sicurezza, la diffusione delle intercettazioni coperte da segreto istruttorio con le indagini in corso e passate a tante testate giornalistiche. Ma chi controlla? Non c'è un responsabile? Su, non prendiamoci in giro... suvvia Colombo! Ma raccontane un'altra... E' tutto ma proprio tutto da rivedere.

VittorioMar

Ven, 10/04/2015 - 22:21

Hanno perso l'occasione di non delegittimarsi ulteriormente!!!

Ritratto di Zione

Zione

Ven, 10/04/2015 - 22:37

Vergognatevi; ignobili Cialtroni e FELLONI giudiziari, del passato e del presente. Avete immiserito e ASSASSINATO il POPOLO. -- A.V.G. -- (Associazione VITTIME del GIUDICIUME) -- (ruotologiu@libero.it).

Mobius

Ven, 10/04/2015 - 23:35

Tranquillo, Colombo, il "clima" è quello giusto, quello che i magistrati si sono meritati con la loro tracotanza.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 11/04/2015 - 00:07

Siamo stufi di dare fiducia a dipendenti dello stato che vilmente e arrogantemente la tradiscono. GHERARDO COLOMBO si è rivelato uno dei maggiori artefici di quella ORRENDA STORPIATURA della giustizia asservita alle idee politiche dei magistrati. Di quale democrazia si dicono portatori i suoi colleghi di M.D. dopo essersi resi responsabili del linciaggio dell'avversario politico SILVIO BERLUSCONI? CI DICA DI QUALE DEMOCRAZIA VANNO CIANCIANDO QUEI SUOI COLLEGHI CHE HANNO CONDANNATO INGIUSTAMENTE BERLUSCONI.

Ritratto di pippo48

pippo48

Sab, 11/04/2015 - 01:10

certamente il clima non è più lo stresso di una volta. Infatti al giorno d'oggi non si distinguono le stagioni. Nevia al sud, c'è caldo al nord. Il mondo è impazzito e per fortuna anche gli esseri umani si stanno ribellando contro certe istituzioni ditattoriali. Speriamo si continui di questo passo. Visto che Renzi non riesce a fermare l'escaletion della spesa pubblica, ci riusciranno uomini come l'ardito giustiziere di Milano.

Iacobellig

Sab, 11/04/2015 - 06:02

Il clima cui si riferiscono è invece quello che la maggior parte dei magistrati si è creato con il loro scarso senso di capacità professionale e arroganza mostrato fino ad oggi! Sarebbe stato più equo il gesto verso la Boccassini o il suo Capo, ad esempio per come hanno "lavorato" il processo Berlusconi!

Silviovimangiatutti

Sab, 11/04/2015 - 06:22

Sono 3 i profili psicologici del Magistrato: 1. Ha un'altissima considerazione di se stesso e ponendosi su un piedistallo reputa di essere superiore a coloro che sono oggetto del suo giudizio. 2. Pensa che il mondo con le sue diseguaglianze faccia schifo ed è convinto che la causa di tali diseguaglianze risieda nei ricchi, così li perseguita. 3. Vuole guadagnare il massimo col minimo sforzo: così si assicura stipendi basati sull'anzianità, arriva a guadagnare presto, senza dover rispondere dei propri errori, quello che nel settore privato guadagnano solo i dirigenti, e pretende di poter godere di più giorni di riposo rispetto agli altri lavoratori.

babilonia

Sab, 11/04/2015 - 07:26

Colombo, ogni occasione è buona per tirare l'acqua al proprio mulino!!!! Quello che è successo nel tribunale di Milano non è dovuto al clima ostile contro i magistrati, se ne faccia una ragione; si tratta solo di un gesto criminale di un uomo pieno di problemi economici, denunciato per bancarotta, il quale è entrato nel munitissimo edificio giudiziario munito di un'arma. Ecco, si chieda perché quell'individuo è potuto entrare così facilmente nel tribunale, pensi un pò, se un gruppo di terroristi avessero voglia di fare una scampagnata nel capoluogo milanese, con visita obbligata nel luogo dove lei ha lavorato per tanti anni...

An_simo

Sab, 11/04/2015 - 08:19

Insomma quindi alla fine e' colpa del giudice che è stato ucciso ?

vittoriomazzucato

Sab, 11/04/2015 - 08:22

Sono Luca. E' proprio un ragazzo del '68. Dalla foto sembra che porti lo zainetto su giacca e cravatta. Una splendida immagine anche se ha dimenticato il cappuccio nero che lascia esposti naso e occhi, perché Gherardo Colombo non è mai stato un "bel ragazzo". GRAZIE.

Marcoulpiotraiano

Sab, 11/04/2015 - 08:29

Questi magistrati, impiegatini privilegiati dello stato che dopo aver superato un concorsino da quattro soldi minacciano ritorsioni al popolo che li paga profumatamente. E' semplicemente ASSURDO che con una misera laurea in legge assurgono a popolarità nazionale, tanto più rapidamente quanto più dicono fesserie, le uniche cose che sanno dire!

tonipier

Sab, 11/04/2015 - 08:39

" CLIMA? OPPURE ESASPERAZIONE SOPRAVVIVENZA?" Si nasce PM o si diventa? Si nasce ipocriti o si diventa? Al declino della forza e dell'autorità dello Stato, del vigore delle sue leggi, corrisponde il prevalere delle forze centrifughe e dissolvitrici dell'armonia societaria dell'ordine politico costituito, cioè il fasto della sopraffazione sociale, la dilatazione dell'illecito, il trionfo delle prevaricazioni.

michele lascaro

Sab, 11/04/2015 - 12:41

Clima creato dal loro comportamento passato, presente, e, non sia mai, futuro. Sopravvivenza del fariseismo.

Giorgio5819

Sab, 11/04/2015 - 15:29

Dovrebbe ricordare, questo genio, che anche le altre tre vittime hanno dignità , anche se non togate, ma evidentemente si sente appartenente a una razza eletta... Squallido.