Emiliano resta e si candida: "Io come Che Guevara"

Bersani: "Non rinnovo l'iscrizione, il Pd non è più la ditta". D'Alema: "Io insultato. A parte Renzi, siamo tutti uniti"

Poi dice che uno si butta (nella mischia). Tutto è in movimento, nella cristalleria del Nazareno assediato dalla folla. Sono gli ambulanti anti-Bolkenstein, che pure non è l'ultimo dei candidati oriundi alle primarie del Pd. Dal retro entrano, scortati da robusti cameramen, invece gli ultimi appassionati del rito congressuale.

Emiliano c'è, Rossi e Speranza no (non è uno gioco di parole, anche se lo sembra). Loro si considerano fuori: «E grazie, li avete offesi e bastonati», dirà il governatore. «Di fronte all'avarizia renziana tanta è stata la voglia di andar via», sospira spiegando che il dimissionario leader «tiene tutti sotto la spada di Damocle del voto anticipato» e dunque il congresso con «rito abbreviato» sarà per forza un suo nuovo trampolino di lancio. Le scorie sono tante, le ferite ancora aperte. Renzi «ha fatto capire che era meglio che D'Alema e Bersani se ne andassero, i bersaniani si sono fatti l'idea che sia inutile contendere la leadership nel Pd». Anche perché il leader vuole vincere «con ogni mezzo». Ma allora, perché star qui a candidarsi e non fuori, a costruire l'Ulivo di D'Alema? «Chi non lotta ha già perso», proclama lo sfidante dal nome rivoluzionario messicano, citando il collega argentino Che Guevara. «Nessuno mi caccia da casa mia».

Ci sono molti modi, per assaltare una cristalleria. Emiliano assicura che non esiste alcuna rottura con gli scissionisti: ci sarà chi contende il passo a Renzi all'interno e chi da fuori, tutto qui. «Farò di tutto perché rientrino», annuncia, anche se nel frattempo Speranza sta già lavorando alla costruzione di un «nuovo soggetto politico». Emiliano era il più adatto a restare nel Pd: con l'operazione primarie assurgerà a statura di leader nazionale, catalizzando gran parte della minoranza anche qualora si candidi Orlando. Ma il gioco a tutto campo ammette varianti, persino in uno statuto e un regolamento che solo Orfini, lasciato a guardia del bidone, considera come tavola della legge. Cuperlo chiede primarie a luglio, per dare un segnale di sostegno e durata al governo, ma Matteo il Grande non vuole e il Piccolo esegue. Trincerandosi, appunto, dietro norme che furono stravolte quando la sfida l'aveva lanciata Renzi a Bersani. C'è ancora nervosismo e le tossine non sono smaltite. Alla fine l'ok alla commissione congresso ci sarà, sia pure integrata con gli uomini che garantiscono Emiliano. A lui tocca di fare l'«entrista», come i trotzskisti di un tempo, mentre altri giochi si svolgeranno fuori.

Nei talk tv della sera, Bersani ribadisce di non essere intenzionato a riprendere la tessera di un partito renziano, «il Pd non è più la ditta», mentre D'Alema inaugura la nuova stagione da regista (di scissioni) da Bianca Berlinguer. Amica di sempre e, soprattutto, speranza per l'avvenire. Nel progetto di un'aggregazione capace di svuotare il Pd, fino a reinglobarlo, un nome come quello della Berlinguer sarebbe in grado di chiudere il conto col giocoliere di Firenze: «Senza lui, saremmo tutti uniti». D'Alema ora parla senza freni dell'esperienza renziana, periodo nel quale «chiunque obbiettasse veniva insultato da gruppi di energumeni». Renzi ha cercato di «rottamare i valori della sinistra e bisognava che qualcuno reagisse - spiega -, ma non ha dato prova di grandi capacità né politiche né di governo». Pur non candidandosi a nulla, nella futura formazione, D'Alema apprezza Pisapia e i suoi sforzi: «Sarà ragionevole lavorare assieme» e dice che ci saranno ripercussioni sul governo Gentiloni «solo se Renzi vorrà fare ritorsioni». Ultima battuta per chi l'ha definito ironicamente «conducator» della scissione: «Il problema Giachetti? L'ha risolto la Raggi, diciamo».

Commenti
Ritratto di Azo

Azo

Mer, 22/02/2017 - 08:48

Se siete dei DEMOCRISTIANI,"""SMETTETELA DI GOVERNARE DA COMUNISTI, FATEVI UN ESAME DI COSCENZA E FATE DEL BENE ALLA POPOLAZIONE, NON SOLAMENTE AGLI AMICI DEI VOSTRI AMICI, O ALL`EGOISMO DI MAFIOSI E DI INFIMI BANCHIERI"""!!!

tosco1

Mer, 22/02/2017 - 08:50

Il riferimento al Che poteva risparmiarselo. Comunque sono favorevole a persone come Emiliano che dimostrano di volere lottare contro le arroganze insopportabili. Il mio conterraneo toscano,poi, di arroganza ne ha da vendere. Il compito di Emiliano è di rincuorare i pavidi del PD e convincerli ad alzare la testa . Per il PD e per il paese. D'altra parte, Renzi,come appare facilmente, è tutta scena,gesticolazione, mossa scenica con le mani e con la faccia. Un venditore, cioè che fa ridere. Nel suo cervello ci sono 3 scatoline : due sono vuote, ed in una non c'è niente.

Ritratto di emo

emo

Mer, 22/02/2017 - 08:53

Che Guevara? Nooooo! !!!! Sancho Panza

guerrinofe

Mer, 22/02/2017 - 09:13

A questi FIFONE piacerebbe essere come il "CHE". Gli piacerebbe solo essere preso in considerazione, ma non lo e'!

Ritratto di marmolada

marmolada

Mer, 22/02/2017 - 09:17

Emiliano ..è solo uno dei grandi PAGLIACCI del PD!!! Buffoniiiiiiii!!!

Ritratto di marmolada

marmolada

Mer, 22/02/2017 - 09:19

Pagliaccio!! Non sei nemmeno l'ombra del Che!!!!!

lupo1963

Mer, 22/02/2017 - 09:20

Perche' ? Anche a che guevara portavano cassette di pesce e cozze pelose ?

Ritratto di MARIOLAZZARI

MARIOLAZZARI

Mer, 22/02/2017 - 09:27

Velleitario!!! Inaffidabile!

Ritratto di MARIOLAZZARI

MARIOLAZZARI

Mer, 22/02/2017 - 09:28

Penoso!!! A chi può ispirare fiducia???

cgf

Mer, 22/02/2017 - 09:33

come chi?? Che Guevara innanzi tutto è stato veramente scacciato da Fidel perché era troppo sanguinario ed a Cuba cominciava ad essere 'braccato', come giudice popolare non ha mai sentenziato una sola assoluzione, tutti colpevoli di condanne a morte che spesso eseguiva personalmente. Ultimamente poi cronometrava quanto tempo passava tra il colpo alla nuca ed il fermo del cuore... che onore essere come Che Guevara

Emiliotoscana

Mer, 22/02/2017 - 09:44

Bravo emiliano, da quando hai scagionato il tuo amico baffino d'alema per lo scandalo dell'aiuti in Albania, ne hai fatta di strada. Ora potreste guidare questo gruppo di sinistri osceni,che nell'anni sono passati dal proletariato al BANCARIATO, alla gestione dell'affare immigrati,alle amicizie di grandi gruppi industriali. Non è che di comunismo vi è rimasto solo il nome?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 22/02/2017 - 10:01

Forse è meglio che rimanga in politica. Sai che disastro combinerebbe in un'aula di tribunale.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mer, 22/02/2017 - 10:14

Tu sei solo un arrogante ignorante, ottuso, vigliacco e prepotente ... Un buffone fuori dalla storia ... Uno dei mafiosi parassiti dell´apparato di partito che tiene ancora il Paese sotto la sua bassezza.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mer, 22/02/2017 - 10:19

Sei solo un arrogante e vile buffone, uno dei tanti ignoranti, ottusi e prepotenti sudicioni che tengono il Paese sotto ai loro piedi ... Ecco quello che sei, altro che Che Guevara.

Ritratto di ...AmericaFirst..

...AmericaFirst..

Mer, 22/02/2017 - 10:23

ah,ah,ah,ha sono SENZA VERGOGNA, la faccia come

Iuchi

Mer, 22/02/2017 - 10:36

Vedete cosa crea, a una persona, la perdita di una poltrona? Lui come tanti aòltri suoi colleghi sono disposti a tutto pur di non perdere le poltrone acquisite. Questo è dimostrato anche dal fatto che ci sono continui cambi di casacca tra i parlamemtari. Mi domando per quale ragione non si fa una legge che blocca e manda a casa questi cambisti che rendono i governi delle vere barzellette. Credo che non ci sia più un italiano che ami tanto la sua terra che possa andare al timone dello stato e fare i dovuti cambiamenti. Una volta c'era e tanta gente comincia a ricordare e a cercarlo nuovamente!!!

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Mer, 22/02/2017 - 10:49

"Emiliano non tradisce, gringo!" (pistola puntata sul naso) "Emiliano dice tutto, gringo!" ("Lo chiamavano Trinità", con una preghiera affettuosa per Bud che non c'è più)

dallebandenere

Mer, 22/02/2017 - 10:50

Il guerrigliero ha camminato a fianco degli scissionisti ma non troppo,ha aspettato la fine della commedia,poi è rientrato nei ranghi.Perchè? Per mettere in atto, d'accordo con il Capo, la pagliacciata delle future primarie in qualità di utile comparsa.Come finirà? Che prenderà il 10% o gù di li,naturalmente aiutato dal Capo.Cosa avrà in cambio? Una manciata di capilista in Puglia alle prossime politiche.Tutto qui? Si, tutto qui.

VittorioMar

Mer, 22/02/2017 - 11:00

...DA "PAURA" !!!

Pensobene

Mer, 22/02/2017 - 11:16

"Io come Che Guevara". Ma la trova una motocicletta che lo regga?

paco51

Mer, 22/02/2017 - 11:42

occhio! vista la fine! lupo1963: no al Che hanno dato pallottole cubane!

lupo1963

Mer, 22/02/2017 - 11:43

"Io come Cannavacciuolo",molto piu' credibile.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mer, 22/02/2017 - 12:13

E si che il Che era un sudicio vigliacco come te che rimani nel partito solo per paura di perdere la retribuzione pecuniaria ... Brutto cialtrone ... Sono i cialtroni, mafiosi, ottusi, ignoranti, prepotenti e assetati di potere come te che hanno distrutto l´Italia.

elalca

Mer, 22/02/2017 - 12:19

perfetto, speriamo che faccia la stessa fine.

Giorgio Rubiu

Mer, 22/02/2017 - 12:20

Una persona di cui non fidarsi mai! Ecco cos'è!

lupo1963

Mer, 22/02/2017 - 12:21

@Pensobene In realta' ci hai azzeccato sulla motocicletta di Che Guevara ! Che non sia proprio questo il motivo del richiamo al comunista argentino... Era un sidecar,l'ideale per emiliano.In tutti i sensi .Una chiappa di qua e una di la'.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mer, 22/02/2017 - 12:22

Brutto mafioso sacco di lardo ... Devi ringraziare questi minorati mentali degli italiani che ti votano se ti ritrovi dove sei ...

Duka

Mer, 22/02/2017 - 12:28

NON ti allargare troppo del "CHE" hai solo un po' di barba!!!!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 22/02/2017 - 12:38

I faziosi e imbroglioni dovrebbero essere fuori dalla magistratura.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 22/02/2017 - 12:38

I faziosi e imbroglioni dovrebbero essere fuori dalla magistratura.

Libero 38

Mer, 22/02/2017 - 12:55

Chi volete che voti un innaffidabile personaggio che tradisce prima che il gallo canti tre volte gli amici di merende rossi-speranza.Gentaglia come lui meglio perderli che trovarli.

agosvac

Mer, 22/02/2017 - 13:31

"io come che Guevara", egregio emiliano, stia tranquillo, il suo fisico non le permette di essere al livello del "che". Troppe ostriche gratis, troppo buon pesce con troppo buon vino bianco!!!

lupo1963

Mer, 22/02/2017 - 17:31

Se Crozza si mette a fare l'imitazione di emilano per le battuta ha solo l'imbarazzo della scelta . Con emiliano-che guevara e' come sparare sulla croce rossa ...