Senza difese

Dopo la strage di Milano parte il processo ad Alfano, ma lui e Renzi negano l'evidenza

Oggi si dirà che è stata una strage della follia. Certo, l'imprenditore che ieri dentro il tribunale di Milano ha ucciso tre persone - un magistrato, un avvocato e un socio - e ne ha ferite gravemente altre due, tanto sano non doveva essere. Ma proprio per questo oggi ci si deve chiedere come sia possibile eludere i controlli ed entrare armati nel più importante tribunale d'Italia, luogo simbolo della legge e per questo apparentemente blindatissimo. E infine oggi, alla luce di questa incredibile falla nella sicurezza, si ha paura per quello che potrebbe facilmente succedere se altri «folli» - dell'Isis o per conto proprio poco importa - volessero salire armati, per esempio, sul palcoscenico mondiale dell'Expo che aprirà a giorni.

Gherardo Colombo, pm simbolo di Mani pulite con vocazione al vittimismo permanente, dice che tutto ciò è accaduto perché «c'è un brutto clima nei confronti della magistratura». Ma per favore. Ogni episodio ha un suo perché, spesso irripetibile nei moventi e nelle dinamiche. Ma tutte queste «follie» sono riconducibili al fatto che siamo un Paese che ha rinunciato a difendersi, che sull'onda del buonismo non sa più cosa siano regole, ordine e legalità. Abbiamo lasciato indifese le nostre frontiere di fronte all'immigrazione clandestina, indifese le città da zingari che rubano «mille euro al giorno a vecchiette, e che muoiano pure», indifesi i cittadini dalla microcriminalità che da pochi giorni ha ottenuto l'immunità grazie alla legge che depenalizza furti e scippi, indifesi sono i nostri ragazzi da spacciatori che per lo stesso motivo non finiranno più in galera. Siamo indifesi da quei delinquenti dei black bloc e no global perché la nostra polizia è fascista e torturatrice. Non difendiamo le nostre piccole e medie imprese da un fisco strozzino, la nostra storia da chi ci vuole proibire di esporne i simboli «per non disturbare sensibilità altrui». E ci meravigliamo ora che non sia difeso il tribunale di Milano?

Che senso ha allestire mille controlli sugli appalti di Expo e permettere che ci siano zero controlli là dove la gente vive e lavora, che sia una scuola, un tribunale, un quartiere? Se tolleranza zero deve essere - e ben venga - che parta dal basso. Vorrei un ministro degli Interni che si occupasse più dei suoi poliziotti e meno dei suoi sottosegretari. Vorrei un premier che proteggesse le nostre libertà quotidiane invece che vessarci con caterve di leggi che quando non sono dannose sono inutili. Vorrei dei procuratori generali che si occupassero meno di politica o di cene private e più di fare funzionare in sicurezza i tribunali che sono stati affidati loro. In altre parole, vorrei un Paese orgogliosamente conservatore. È chiedere troppo?

Commenti

pupism

Ven, 10/04/2015 - 15:54

Parole al vento...Il difetto è nel manico cioè nel popolo italiano. Vedrà caro direttorre come andranno a finire le elezioni regionali. Guardo soprattutto alla Liguria dopo treni in bilico sulla massicciata e morti nelle alluvioni vedrà che il PD vincerà ancora. Troppo forti sono gli interessi che questo partito garantisce.....in tutta Italia (COOP insegnano).

UNITALIANOINUSA

Ven, 10/04/2015 - 15:56

Quel che non si capisce e' il perche'...perche' tutto quanto specificato dal nostro direttore viene accettato con indifferenza? Qual'e' il motivo? Lo scopo? Che cosa ottengono? Non ha senso.Fa paura.E portera' l'Italia alla distruzione. Comunque,contenti voi! italiano in usa

Hamurrabi

Ven, 10/04/2015 - 16:14

Siamo nelle mani di una masnada di folli .....i nomi? Eccoli : Obama Merkel Bergoglio Mattarella Renzi Boldrini Grasso Monti Bruti Liberati Bocassini Caruso Vendola Agnoletto Landini Camusso Poletti Alfano Scalfari Pannella..... Europa o meglio Eurabia ho dimenticato qualcuno? " ...serva Italia di dolore ostello nave senza nocchiere in gran tempesta non donna di provincie ma " bordello"

therock

Ven, 10/04/2015 - 16:17

Il paradosso di Sallusti è che lui critica, devo dire a ragion veduta, Gherardo Colombo perchè dà un'interpretazione particolare dell'accaduto e poi fa lo stesso se non peggio. Perchè caro direttore una cosa è sottolineare l'incredibile falla nella sicurezza del Tribunale e un'altra è fare la solita predica contro il buonismo per attaccare l'ennesima volta, con la solita trita demagogia, la microcriminalità, l'immigrazione, i centri sociali e il fisco dimenticandosi altre forme di illegalità diffusa quali la corruzione, l'evasione e l'elusione fiscale, gli abusi dei potenti di turno, le raccomandazioni a vario titolo e di vario peso. Qui il buonista diventa Sallusti solo che si fregia del titolo di garantista...che pena...

kayak65

Ven, 10/04/2015 - 16:23

non e' proprio cosi: la casta per la maggior parte ha scorta per se e per I suoi familiari. siamo noi comuni cittadini che siamo indifesi. renzi e alfano ci vogliono tranquillizzare con I loro proclami falsi, ed intanto si spartiscono soldi e poltrone fregandosene della sicurezza nostra.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 10/04/2015 - 16:28

"Senza difese", proprio vero! E' da tempo che la sicurezza di tutti noi è affidata solo alla civiltà e buon senso comune, perchè in giro non si vede un poliziotto, nemmeno a a pagarlo oro. Quando dico "in giro" non mi riferisco a piccoli spazi ma ad interi quartieri. E' rarissimo vedere un auto delle forze dell'ordine passare, ma passare velocemente e senza controllare un accidente. Giorno e notte siamo abbandonati a noi stessi. Adesso le pecche incominciano a farsi vedere anche in Tribunale. Piani isolati e senza nessuno in giro o un controllo che sia uno o la visione di un carabiniere o poliziotto. Siamo una nazione allo sbando sul livello di sicurezza dei cittadini e adesso arrivano pure i terroristi islamici. Con un paio di kalashnikov in un luogo pubblico affollato quelli fanno una strage di proporzioni bibliche se sono dei tipetti alla Charlie Hebdo. Alla prossima strage!

little hawks

Ven, 10/04/2015 - 16:30

Non ci sarebbe bisogno di controlli estenuanti e di difese, scorte armate e quant'altro se venisse fatta veramente giustizia in tempi celeri. La gente osannerebbe e difenderebbe le toghe e gli avvocati se avesse giustizia quando la chiede. Purtroppo però si passano gli anni in inutili diatribe piene di avverbi, congiuntivi, combinati disposti, ex post ed ex antea, si fanno ricerche dottissime su tutti gli articoli possibili ed immaginabili di codici dove c'è tutto ed il contrario di tutto. Ormai siamo pieni di sdegno di questi vampiri succhiasangue che risultano di fatto inutili pur costituendo un giogo immane per chi ci capita sotto. A cosa servono avvocati e magistrati se non, di fatto, a darsi reciprocamente onori, soldi e potere? Ed il popolo che paga e aspetta? Usque tandem questo popolo tartassato e sfruttato aspetterà paziente? Quando qualchun altro esasperato perderà il lume della ragione?

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 10/04/2015 - 16:46

D'accordissimo con il Direttore Sallusti ma temo che il suo articolo serva a niente. E' evidente a tutti il disastro della sicurezza italiana inesistente o tenuta con scarso rigore. Questa è stata una strage occasionale dovuta alla disperazione di un individuo ma cosa accadrà quando gente alla Charlie Hebdo, ben preparata militarmente, verranno e vorranno colpire? Un massacro di proporzioni inaudite, seguito dai soliti discorsi ipocriti di convenienza e di scaricabarile. Non bastano mezze misure, occorre un cambio radicale di persone, d'idee, di politica sociale, economica, militare e giudiziaria. Altrimenti tanto vale aspettarsi d'essere colpiti e sperare che i prossimi non siamo noi personalmente.

kallen1

Ven, 10/04/2015 - 16:48

Per colpa del lassismo dei nostri politici faremo la fine dell'impero romano quando venne conquistato dai "barbari". Anche allora, dopo un periodo di splendore, si cullarono sugli allori ed abbassarono la guardia finendo preda degli invasori. Oggi gli invasori hanno già cominciato ad arrivare, piano piano, su barconi fattiscenti.....

nonnoaldo

Ven, 10/04/2015 - 17:00

Ma quale falla nella sicurezza, tutto funziona come hanno voluto magistrati ed avvocati, che, poverini, non possono passare un metal detector come il popolo bue. Come se magistrati ed avvocati abbiano un dna esente da follie. Oppure essi devono entrare nel palazzaccio armati, perché. Se proprio lo vogliono fare si mettano in fila e lascino che il piantone controlli uno per uno i tesserini ed i documenti. Altrimenti accettino fatalisticamente che quantoo successo ieri si possa ripetere.

kallen1

Ven, 10/04/2015 - 17:07

Noi addirittura ce li andiamo a prendere per essere sicuri che non ci ripensino! Un po' come fecero i troiani quando si portarono dentro le mura il famoso cavallo costruito dai greci e pieno di loro. Il resto conosciamo tutti come andò a finire....

VittorioMar

Ven, 10/04/2015 - 17:15

E' una situazione che conoscono bene tutti i cittadini italiani,in particolare i deboli, gli indifesi,i rassegnati alle violenze e ai soprusi,a chi convive giornalmente con la criminalità senza la possibilità di regire,alle forze dell'ordine umiliate ,sbeffeggiate, derise e frustrate psicologicamente.Siamo nel 2015 ma la classe politica a tutti i livelli ignora il forte "GRIDO DI DOLORE" che si alza dal paese?

zucca100

Ven, 10/04/2015 - 17:20

Bravo therock, hai centrato il problema

gedeone@libero.it

Ven, 10/04/2015 - 17:39

zucca1OO, hai il nik giusto, la tua testa è vuota, proprio come una zuzza anzi 100 zucche...

Fracescodel

Ven, 10/04/2015 - 18:41

Comunque adesso smettetela di ingigantire questa notizia. Ricordo che i nostri problemi economici, di immigrazione, e di sovranita' vs EU/Euro sono ben piu' tangibili per tutti...senza contare la corruzione/tradimento della politica verso il popolo ed il paese!

therock

Ven, 10/04/2015 - 20:41

Gedeone, visto che insulta Zucca 100 perchè mi ha detto bravo mi ritengo responsabile dell'insulto e quindi di grazia vuole confrontarsi e farmi capire cosa non le va giù di cosa ho scritto? Capace di argomentare o fermo all'insulto?

chicolatino

Ven, 10/04/2015 - 22:38

e' giusto cosi'! l'Italia ha quel che si merita, ogni stato ha il governo che si merita! guardate la francia...ha fatto la s@..nzata di eleggere quell'incapace di hollande ma ora il vento sembra completamente cambiato: la le pen e Sarkozy congiuntamente sfiorano l'80% dei consensi, quindi i francesi si son resi conto della baggianata fatta;e gli italiani? che continuino ad andare in spiaggia o a fare l'aperitivo nei gg delle votazioni, mentre i pii sinistri diligentemente al voto guidati dal loro mononeurone! affaracci vostri! mi dispiace troppo, ma da molto lontano dico giusto cosi', son curioso di vedere fino a che punto gli italiani possono arrivare prima di raggiungere quello di rottura...

Ritratto di manasse

manasse

Sab, 11/04/2015 - 09:47

a quelle teste quadre che ci governano non è chiedere troppo è chiedere L'IMPOSSIBILE

paopic

Sab, 11/04/2015 - 09:50

Per therock. Su quanto dice in merito all'articolo puo' anche avere ragione. Pero' il problema che deriva da chi la pensa come Lei e' che ormai, in Italia, il nostri piu' grandi problemi sono "la corruzione, l'evasione e l'elusione fiscale, gli abusi dei potenti di turno, le raccomandazioni a vario titolo e di vario peso" e non se qualcuno sporca, deturba, violenta o uccide. In questi casi, grazie a chi la pensa come Lei, c'e' sempre, sempre una scusa disponibile. E non sto dicendo che quanto da Lei elencato non sia da perseguire ma si sono perse le priorita'. Se dovessi scegliere (!) preferirei che qualcuno mi passasse davanti ad un concorso o che mi rubasse il portafoglio rispetto a che qualcuno facesse del male a me o a qualcuno dei miei cari. Lei, in questa assurda ipotesi, cosa preferirebbe?