Fdi rilancia i valori della destra per una coalizione anti-Renzi

Nel comizio di Venezia la Meloni rafforza l'asse con la Lega: "Legittima difesa contro criminali e poteri forti. Noi siamo coerenti, il Ncd è la nuova Dc e governa con la sinistra"

Parla in tedesco con un giornalista di una tv bavarese, prende l'altoparlante come un colonnello dell'esercito e dà ordini alla truppa («Cologno, ricompattatevi! Cacciatori, ricompattarsi!»), poi Ignazio La Russa si mette a cantare una strofa di Yuppi Du , di Celentano: «Silvia non è morta, è ritornata dal canal.. Il centrodestra non è morto, è ritornato dal canal...», indicando il Canal Grande pochi metri in là. Alla testa del corteo c'è lui, con gli altri deputati di Fratelli d'Italia, i sindaci con la fascia tricolore, al centro la leader Giorgia Meloni, e dietro un serpentone di 8-10mila persone arrivate da tutta Italia. Bandiere di partito, quelle di Fdi che ha radunato tutti a Venezia per una manifestazione che fa il paio con quella di piazza del Popolo a Roma settimana scorsa (lì però era la Lega di Salvini ad organizzare e Fdi ospite, qui l'inverso), bandiere tricolore, bandiere della Lega Nord, della Liga veneta col leone di San Marco, bandiere del sindacato di polizia, bandiere sarde coi quattro mori, e anche qualche bandiera di Forza Italia (c'è «L'esercito di Silvio» dell'infaticabile Furlan). A vigilare trecento poliziotti, perché poco lontano dal serpentone diretto a Campo San Geremia per il comizio, c'è una manifestazione dei centri sociali.

I cori sono per Renzi, per la Boschi («Ministro Boschi, salutaci papà, la vostra banca, domani fallirà»), per i due marò da riportare a casa, per la Meloni (cui tocca sottoporsi a svariati selfie ), ma ancora di più per Graziano Stacchio, il benzinaio-eroe di indagato per aver difeso la sua commessa dai rapinatori armati («Graziano Stacchio, ce l'ha insegnato, legittima difesa, non è reato»). La sicurezza è uno dei temi forti del corteo, e sullo striscione in testa c'è scritto non a caso «Difendiamoci» (l' hashtag però è #renzivattene ). Anche per questo la Meloni ha scelto Venezia, non la meta più semplice per organizzare la trasferta (pullman e anche traghetti da Sicilia e Sardegna), ma simbolica per più di un motivo. «Venezia perché qui si vota (le regionali a maggio, ndr), perché è un simbolo di quelle piccole e medie imprese vessate e costrette a chiudere - spiega la leader di Fdi -. Ma siamo qui anche per manifestare la nostra solidarietà a Graziano Stacchio, che secondo noi merita una medaglia d'oro». Legittima difesa dai criminali, ma anche «dal terrorismo e dall'immigrazione clandestina», «alle tasse e dalla burocrazia, dall'Europa a trazione tedesca», «dalla concorrenza sleale», «dai soprusi dei poteri forti», tutti slogan del corteo veneziano (e tutti chiosati dal principio base: «La difesa è legittima, sempre»). E il terreno su cui costruire «un nuovo fronte anti Renzi, perché non vogliamo morire renziani», ripete Giorgia Meloni.

Il candidato governatore del centrodestra (cioè al momento Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia) in Veneto sarà Luca Zaia, attuale governatore del Carroccio. Che non è presente alla manifestazione. C'è però il capogruppo leghista alla Camera Massimiliano Fedriga, che sale sul palco e prende parecchi applausi quando attacca il «fighetto (Renzi, ndr ) che va in tv a dire che va tutto bene quando abbiamo il record di disoccupati. Organizziamo insieme un grande fronte anti Renzi». Prendono il microfono anche Walter Rizzetto, deputato ex M5S, poi l'ingegnere veneziano rapito in Libia Gianluca Salviato, Adriano Sabbadin figlio di Lino, fatto fuori da Cesare Battisti.

«La Lega ci ha dato spazio sul palco a Roma, questo corteo a Venezia è un modo per ricambiare e anche per lanciare un messaggio chiaro a Salvini: noi ci mobilitiamo per appoggiare i tuoi candidati, però lo stesso ci aspettiamo da voi» racconta un dirigente di Fdi. Nel caso specifico la Meloni punta a un candidato presidente alla regionali targato Fratelli d'Italia (più in là anche per il Comune di Roma, in questo secondo caso il candidato sarebbe la stessa Meloni), e cioè Giovanni Donzelli, consigliere regionale in Toscana, che secondo Fdi dovrebbe diventare il candidato del centrodestra in Toscana, con l'appoggio della Lega nord (che però avrebbe già deliberato l'ok all'economista Borghi Aquilini). Messi in freezer, invece, i rapporti - in precedenza ottimi - con Tosi, in attesa di capire se è ancora un alleato oppure qualcos'altro. Perché l'obiettivo della Meloni e dei suoi non è la corsa solitaria ma la coalizione anti Renzi. Partendo però, dice, dalla coerenza. «E ogni riferimento a Ncd, che io chiamo Ndc, nuova democrazia cristiana, perché dice di essere di centrodestra e poi governa col Pd, non è per niente casuale».

Commenti

Klotz1960

Dom, 08/03/2015 - 09:39

La Meloni non ha alzato un dito contro Fini. Non vedo come possa alzarlo contro l' UE .

Ritratto di combirio

combirio

Dom, 08/03/2015 - 09:54

Avanti tutta non c'è soluzione migliore ! Il male assoluto dell' Italia è sempre stata la mentalità democristiana e quella comunista che in questo momento di unità stanno producendo un veleno peggio del cianuro.

Ritratto di combirio

combirio

Dom, 08/03/2015 - 09:57

Avanti tutta non c'è soluzione migliore! Il male assoluto dell' Italia è sempre stata la mentalità democristiana e quella comunista che in questo momento di unità stanno producendo un veleno peggio del cianuro.

Maver

Dom, 08/03/2015 - 10:36

@ Klotz1960, è evidente che la Meloni è più interessata a trovare soluzioni per togliere la Destra dall'angolo cieco in cui s'è cacciata, piuttosto che continuare una recriminazione sterile e senza senso. E'tempo di scelte e la donna non si sottrae all'appuntamento con la storia, per questo ha tutta la mia stima e il mio appoggio.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Dom, 08/03/2015 - 10:37

Un forte destra, non ipocrita, con Forza Nuova, FdI, Casa Pound, Lega Nord e FI è vincente. Il popolo vuole libertà e democrazia ma, sopratutto, ORDINE e DISCIPLINA. E solo la destra può garantirli. Come dice il grande Salvini i moderati sono spariti. Oggi sono, parole sue "una categoria dello spirito". Siamo il terrore dei comunisti.

peter46

Dom, 08/03/2015 - 10:45

Klotz1960...e tu hai alzato almeno il mignolo contro Bossi che vi ha 'sputtanato' più di quanto hanno 'sputtanato' l'Italia tutti coloro che sono stati inquisiti(e condannati)da 'mani pulite'? Se un uomo solo(Fini)è stato capace di farvi tutti 'squagliare' vuol dire che gli altri 'manici'non avevano,checchè se ne dica,alcuna capacità a guidare il cdx:Che gli altri tirino fuori i c......i:iniziando ognuno dal loro partito,s'intende,per dimostrare di essere più capaci.NB:senza Bossi sul palco di Roma son sicuro che qualche 'simpatia' in più sarebbe arrivata.

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 08/03/2015 - 10:58

la meloni un altra al servizio di berlusconi......altro che destra.

peter46

Dom, 08/03/2015 - 11:36

ersola...giustamente anche a te 'una' deve essere permessa...speriamo di no,comunque.

epesce098

Dom, 08/03/2015 - 11:41

ersola - E tu comunistone ignorante impara che "un altra" si scrive "un'altra" con l'apostrofo!

Klotz1960

Dom, 08/03/2015 - 11:58

Maver, starei calmo prima di parlare di appuntamento con la storia. Una che ha taciuto per anni di fronte alla follia di Fini, proprio non vedo come potra' válidamente opporsi all ' UE , che e' un osso molto piu' duro. Poi , a strillare dall'opposizione siamo capaci piu' o meno tutti.

Ritratto di Nopci

Nopci

Dom, 08/03/2015 - 12:02

SU 47 CARATTERI IL SOLA INSERISCE SEMPRE 10 CARATTERI QUALUNQUE ARGOMENTO A PRESCINDERE.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Dom, 08/03/2015 - 12:32

Non interessa, il colore, il partito, la corrente. Apprezzo chi parla il linguaggio dell'Italiano. Tra il dire e il fare ne passa di acqua ma almeno è un linguaggio che rispecchia la volontà di tutti anche dei FALSI-MORALISTI che si nascondono dietro una "ideologia" oggi FALLITA!

Spaccaossa

Dom, 08/03/2015 - 13:55

Cara Meloni non mi sei molto simpatica però confido fortemente in te.

Duka

Dom, 08/03/2015 - 14:16

Da tre anni state sbraitanto contro TRE GOVERNI eletti dall'ex presidente bolscevico, SENZA ALCUN RISULTATO . Quando capirete che la via da percorre è una altra?

MEFEL68

Dom, 08/03/2015 - 14:22

@@@ ersola - a parte che "un altra" si scrive con l'apostrofo, ti potevi risparmiare la becera battuta maliziosa de "al servizio di Berlusconi". Capisco che sei uno sputtanatore dilettante, ma un minimo di classe...perbacco.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 09/03/2015 - 09:04

Ma in FdI ci sono sempre come boss i vari larussa e alemanno?ok allora e' roba gia' morta.