Il fine dei pirati è demolire gli stati

Adesso Sea Watch ha calato la maschera e issato la sua vera bandiera. Quella della pirateria umanitaria. Una pirateria che, al pari delle navi corsare al servizio degli stati nazionali del XVII secolo non agisce per fini propri, ma per soddisfare gli interessi di nuove entità sovranazionali poco disposte a metterci la faccia. A garantire la «lettera di corsa» alle navi con teschio e tibie e il soldo ai loro capitani di ventura pensavano, un tempo, Paesi come Inghilterra, Francia e Spagna interessati a bloccare i commerci del nemico senza esibire e le proprie cannoniere. Oggi la pirateria umanitaria interpretata con un tocco di romantico femminismo dalla 31enne Carola Rackete, capitana di Sea Watch, svolge esattamente la stessa funzione. La capitana Rackete che si dice in dovere di forzare il blocco «per salvare 42 naufraghi allo stremo» sa bene di mentire. E sa altrettanto bene che il suo aiuto ai quei 42 «naufraghi» sarebbe stato molto più sollecito se li avesse sbarcati in Tunisia o in qualsiasi altro porto del Mediterraneo raggiungibile durante i 15 giorni trascorsi a comiziare e far politica davanti a Lampedusa. Ma la «lettera di corsa» garantitale formalmente dall'opaca organizzazione umanitaria di cui è al soldo le richiede altro. Le richiede di approdare solo ed esclusivamente in Italia perché solo da quel ventre molle, dove l'anomalia di un esecutivo giallo-verde ostacola la compattezza dell'Unione, può iniziare lo sfondamento dei cancelli della «fortezza Europa». La missione assegnata alla capitana Carola come a tanti altri capitani mercenari è insomma quello di penetrare in Italia per scavare una breccia nelle mura dell'Europa. Ma per conto di chi? La risposta è semplice. Per ottenerla basta seguire il denaro fatto affluire nelle casse di organizzazioni umanitarie come Sea Watch. Nel XVII e XVIII secolo i corsari servivano agli stati nazionali per garantirsi il controllo dei traffici. Oggi i «pirati umanitari» servono a fare carne di porco delle frontiere e delle ingombranti legislazioni nazionali per far spazio ad entità multi o sovra-nazionali. Entità come i giganti del web o le grandi aziende globalizzate che considerano gli stati, i loro confini, i loro sistema fiscali e le loro leggi sul lavoro alla stregua di limitazioni obsolete da abbattere quanto prima. Spazzare via il concetto d'inviolabilità delle frontiere legittimando l'arrivo di manodopera a basso costo da trasformare in futuri consumatori dei servizi delle aziende globali è la via più breve per accelerare la fine dei vecchi stati nazionali. Per questo la vera missione della capitana Carola non è quella di salvare o proteggere il carico umano di cui s'è impossessata andando incontro ai trafficanti e violando la zona di soccorso assegnata alla Libia. La vera missione di questa capitana di sfondamento è riversare quel carico umano nella breccia del vallo italiano per dividere il nostro Paese e spaccare l'Europa. Dribblando i divieti di Salvini e scaricando sulle coste italiane quei 42 migranti utilizzati alla stregua di ostaggi la Capitana avrà esaurito il suo compito. Potrà dimostrare a chi la paga di aver contribuito a inasprire i rapporti tra l'Italia e un'Olanda che offre ai pirati di Sea Watch la sua copertura di bandiera. Potrà consolare le anime belle di una Germania che mentre lascia agire impunemente la concittadina Carola Rackete scarica in Italia migranti narcotizzati e si vanta di aver deportato in un Paese in guerra come l'Afghanistan più di 530 migranti irregolari.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Gio, 27/06/2019 - 08:36

HOUSTON,ABBIAMO UN PROBLEMA, NON TROVIAMO LA MINISTRA DELLA DIFESA ITALICA!POTETE RINTRACCIARLA CON I VOSTRI SATELLITI?GRAZIE.

dagoleo

Gio, 27/06/2019 - 08:48

il moralismo degl'immorali.

INGVDI

Gio, 27/06/2019 - 08:54

E' proprio l'anomalia di un governo giallo-verde che permette queste assurdità.

trasparente

Gio, 27/06/2019 - 08:56

Incominciamo a demolire la nave pirata, altrimenti finisce che ritorna in mare a fare altri carichi e a ritornare spudoratamente. Altrimenti farsi pagare un bel riscatto di un miliardo tanto per Soros sono bruscolini...

Ritratto di depil

depil

Gio, 27/06/2019 - 08:57

arrestate Patronaggio e tutti i suoi collaboratori fiancheggiatori di mercanti di schiavi!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 27/06/2019 - 09:01

Micalessin,tutta questa "storia" mette in evidenza,che il PRIMO male,è il "collaborazionismo" interno all'Italia,laddove TUTTE le istituzioni stanziali(magistratura in primis),la "più bella costituzione del mondo",sindacati,patronati,confindustria,ONG,Vaticano,e sopratutto la "stragande maggioranza dei votanti"(ricordiamoci che a Marzo 2018 LEGA e FDI,gli UNICI partiti veramente "contro",hanno preso solo il 22%),VOGLIONO questa INVASIONE.Il "clandestino" è coccolato,curato(anche senza documenti),assistito fisicamente,legalmente(tutto gratis)....Il Paese,è "sostanzialmente "accogliente".Non esiste peggior demolizione di quella INTERNA!!

ricktheram

Gio, 27/06/2019 - 09:07

purtroppo questo processo di globalizzazione è iniziato e non si potrà fermare. non nutro speranze di un mondo futuro migliore. possiamo solo, nel nostro piccolo, continuare ad opporci a queste cose. con le idee, con i post, con le manifestazioni, al bar, a casa o al lavoro. far passare il messaggio che noi, al contrario di chi gestisce questa porcheria, un paese e una storia ce l'abbiamo e non ce la toglieranno.

ginobernard

Gio, 27/06/2019 - 09:10

ottima analisi. E' il vecchio divide et impera. Indebolendo le nazioni chi ha il potere finanziario controlla tutto. Finchè non succede una rivoluzione. Già successo non è detto che non si ripeta.

Mborsa

Gio, 27/06/2019 - 09:19

L'allargamento del problema alla globalizzazione e alla riduzione del costo del lavoro in Europa (e in USA) è interessante: immigrazione, globalizzazione, paradisi fiscali sono ovviamente favoriti dal grande capitale internazionale. Però nella pratica quotidiana nessun paese UE vuole fare la "guerra" alle multinazionali e quindi si "riduce" il problema a pratica umanitaria, come se fosse umano favorire l'immigrazione. La sx non ricorda le sue polemiche sulla migrazione dei meridionali negli anni 60 e sui danni risultanti al sud per l'impoverimento della popolazione attiva. la storia è maestra di vita solo per quelli che la sanno leggere!

Giorgio5819

Gio, 27/06/2019 - 09:22

Non é la Sea Watch a voler demolire lo Stato Italiano, sono i luridi parassiti della sinistra. Sporchi della loro ideologia malata dell'assistenzialismo e del fancazzismo consolidato.

Amazzone999

Gio, 27/06/2019 - 09:26

Del tutto condivisibile. Tra tanti esponenti della stampa pavidi, salottieri, disinformati o tesi alla manipolazione e alla mistificazione, Gian Micalessin e Fausto Biloslavo sono non a caso anche inviati di guerra, quindi abituati a documentare zone difficili, rischiare la pelle sul campo, a riscontrare di persona i fatti e le situazioni, viaggiano e si spostano, conoscono e hanno visto ciò di cui parlano e scrivono. Di fatto, sono tra i pochi che hanno il coraggio di dire la verità, sebbene scomoda e negata da tanti. Ben diversi dalla maggior parte dei giornalisti di salotto e studio, penso soprattutto alla Sette, in fregola immigrazionista e fremito umanitario, che adorano invitare opinionisti gauchiste bocciati alle urne, petulanti, aggressivi, sprezzanti. I "pirati umanitari" hanno il compito di imporre il famigerato Patto Globale sulle Migrazioni e il flusso dei clandestini, di abbattere frontiere e sovranità, di indebolire Stati e Nazioni che ostacolano tali intenti.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 27/06/2019 - 09:29

Non è tanto il far sbarcare sti 42 poveracci a Lampedusa, quanto voler agire da parte della Capitana secondo proprie visioni fregandosene della sovranità italiana e compromettendo rapporti fra stati dell'Ue, tutto questo nonostante pareri contrari di organi giudiziari e dopo aver VOLONTARIAMENTE ciondolato nel mediterraneo per due settimane per poi accampare la scusa che i "profughi" erano allo stremo! Spiegare queste cose a certa becera sx è come voler scalare l'Everest senza attrezzatura idonea. SOPRATTUTTO L'OPPOSIZIONE NON SI RENDE CONTO CHE QUESTA É ACQUA PER IL MULINO LEGA. COSA TROPPO DIFFICILE DA METTERE A FUOCO, EVIDENTEMENTE.

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Gio, 27/06/2019 - 09:31

Uscire dall'Europa, potere ai militari subito, leggi razziali (rimpatri coatti ed esclusione sociale per tutti gli stranieri), ... e torneremo ad essere il Belpaese: amato, desiderato, rispettato e soprattutto entusiasta della propria identità.

flgio

Gio, 27/06/2019 - 09:35

Comunque vada è il massimo che si può ottenere, cioè rendere lo sbarcare in Italia difficile e faticoso in termini di esasperanti attese in mare. Per le Ong ora è davvero sfiancante svolgere la propria attività. Cederanno fisicamente e presto. Infatti ora si tentano altre modalità di sbarco, meno capienti e miniaturizzate. E' una guerra di confine, ma almeno ci stiamo difendendo senza mercanteggiare invasioni per qualche punto di deficit dello stato.

nerinaneri

Gio, 27/06/2019 - 09:36

...a quello, ci pensa già l'inps...

diesonne

Gio, 27/06/2019 - 09:38

DIESONNE NELL'EPOCA DEL FEMMINISMO TASIANON ABBIAMO PIU' I PIRATI,SONO FUORI MODA,MA LE PIRATE,CHE ATTIRANO MEGLIO L'OPINIONE PUBBLICA E I MEDIA HANNO PIU' FANTASIA,SONO LE NUOPVE AMMAZONE IN GONNELLA:NUONA SFILATA DELLa moda,non in passarella,ma in ong sul mare

maurizio50

Gio, 27/06/2019 - 09:40

@Zagovian @Giorgio. Sottoscrivo ampiamente quanto da Voi affermato nei post sopra riportati!!!

Luigi Farinelli

Gio, 27/06/2019 - 09:40

Un articolo ineccepibile. Non apporta nulla di nuovo a ciò che la gente capace di ragionare col proprio cervello non avesse già arguito: i "risvegliati" e i "distratti", da pochi mesi; i più svegli da anni (anche da molti anni). Chi siano i traditori della nazione ormai è palese; che cosa si prefiggano in combutta con la più pericolosa casta di criminali (liberal e ultramercantilisti, marxisti e "filantropi" sostenuti a colpi di fake news mediatiche) è pure fin troppo chiaro: l'abbattimento degli Stati nazionali è sempre stato un pallino del socialismo e della massoneria. Ed ecco delineato il pericolo per la nostra nazione: una masnada di sedicenti umanitaristi (fra PD, CEI, europeisti e bergogliani) eminenza grigia del mondialismo, coscienti di ciò che fanno, e la massa di giovani plagiati dal sinistrese radical chic: la futura generazione dell'Europa e dell'Occidente. ALTRO CHE "PERICOLO FASCISTA"!!!

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 27/06/2019 - 09:51

" Potrà consolare le anime belle di una Germania che mentre lascia agire impunemente la concittadina Carola Rackete scarica in Italia migranti narcotizzati e si vanta di aver deportato in un Paese in guerra come l'Afghanistan più di 530 migranti irregolari." OTTIMO ESEMPIO DI MORALE DOPPIA , bravo !

Ritratto di akamai66

akamai66

Gio, 27/06/2019 - 09:51

C’era una volta il CHE, che per l’internazionale anarco-comunista era un santino, tanto da figurare dietro la scrivania di femministe, scrittori, giullari, pittori e comici da strapazzo, financo di giustizialisti, pensate: lui che aveva fatto ammazzare centinaia di oppositori solo in quanto tali, era il faro a cui si ispiravano nei loro giudizi! Oggi la svolta, che potremmo titolare “Carola , un’eroina dei nostri giorni pensiona il CHE”: lui sulla Sierra Maestra, lei nel Mediterraneo. Da oggi il faro, la luce verde che illuminerà il radioso futuro di benessere e prosperità dei radical sarà Carola Rachete. E poi visto che l’hanno dato al giullare per…?…chissà magari anche il Premio Nobel per la Pace, tra compagni ..se non ci si da un aiutino…

Cheyenne

Gio, 27/06/2019 - 09:55

Caro Micalessin, mi scusi ma dove è lo stato italiano? Non esiste più da anni, preda della delinquenza, dei comunisti, della magistratura, del vaticano.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 27/06/2019 - 10:00

Niente paura! Sull'isola è già presente un presidio del PD. Vedrete che, in men che non si dica, risolverà il problema. Quando si tratta di salvaguardare gli interessi degli Italiani sono sempre in prima linea, loro!

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Gio, 27/06/2019 - 10:04

-*- Per ora si tratta di 40 clandestini, se gli lasciamo via libera in futuro diventeranno 400, poi 40000 fino ad arrivare a 4 milioni di soggetti, tutti destinati a rimanere in Italia a spese degli italiani, dato che l'UE farà chiudere le frontiere a nord Italia, come ha ordinato nel recente passato a Francia e Austria per evitare che clandestini extra comunitari totalmente privi di identità possano mettere piede in Europa. In nord Europa nessuno li vuole. E il trattato di Dublino è l'ultima cosa che gli europei del nord vogliono cambiare, dato che per come è stato sottoscritto gli stà benissimo (primo paese EU di approdo è quello che deve dare sostegno): il pensiero dei cittadini del nord europa è che "i migranti clandestini se li prenda e se li tenga l'Italia". Molto chiaro. Difficile pensare di riuscire a fargli cambiare idea su questo punto, e in virtù di questo l'Italia deve pensare a come agire in tema, indipendentemente se serve. -*-

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 27/06/2019 - 10:10

HOUSTON,MI INFORMANO CHE NON SI RIESCE A RINTRACCIARE ANCHE L'UOMO DEL COLLE!POTETE PROVVEDERE? GRAZIE,

Giorgio Colomba

Gio, 27/06/2019 - 10:20

I pirati peggiori, tra toghe e cattosinistri infarciti di ideologia antitaliana, li abbiamo in casa.

Mario5009

Gio, 27/06/2019 - 10:37

Ma cosa aspetta il governo a convocare gli ambasciatori di Olanda e Germania !!

Ritratto di niki 75

niki 75

Gio, 27/06/2019 - 10:42

Ma sono stati convocati gli Ambasciatori della Germania e dell'Olanda? Loro cittadini, con loro mezzi hanno, deliberatamente, violato i confini Italiani. Che cosa avrebbero dovuto fare di più.??????

schiacciarayban

Gio, 27/06/2019 - 11:13

La Sea Watch non riuscirà mai a demolire lo stato Italiano, arrivano tardi, è stato già demolito mattone per mattone in questi ultimi 12 mesi.

timoty martin

Gio, 27/06/2019 - 11:18

Questo si era capito sin dall'inizio che, con l'aiuto di sinistre e giudici rossi, questi pirati vogliono mandarci in rovina. Come mai non interviene il ministro della difesa??

carlottacharlie

Gio, 27/06/2019 - 11:38

Lei, gentile Micalessin, ha più che ragione. Purtroppo gli idioti criminali e sempre in malafede sono tantissimi in questo paese e fargli capire l'andazzo è difficile ed inutile. Quelli pro delinquenti, pro neri, pro feccia van per Tv a dirci che siamo brutti e cattivi, noi che sappiamo come va il mondo e sappiamo quale deriva vogliono che gli Stati prendano. Quel che fa vomitare sono gli italici in parlamento, i giornalisti, i tanti sinistri che non vedono perchè sono ottusi in malafede ed idioti, son il cancro del mondo e noi tontoloni gli diamo modo di arringar le folle con parole folli. Ammetto che quando li sento blaterare mi coglie il desiderio di zittirli, zittirli senza delicatezza.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Gio, 27/06/2019 - 11:43

@ niki75 "Loro cittadini, con loro mezzi hanno, deliberatamente, violato i confini Italiani. " - Non è esattamente come dice : essendo europei sia la capitana(sic) e l'equipaggio (almeno presumo per quest'ultimo) della nave battente bandiera olandese, con la libera circolazione in Europa tra cittadini comunitari ratificata dai trattati di Maastricht hanno tutto il diritto di atraccare ed entrare in Italia; il vero problema è un altro : ovvero i 42 clandestini extra comunitari che si portano dietro = QUESTI NON HANNO ALCUN DIRITTO DI ENTRARE IN ITALIA.

mifra77

Gio, 27/06/2019 - 11:43

ma la capitana non è andata a salvare proprio nessuno.Le sue parole sono solo pretesti... pezze giustificative che dimostrano che sta facendo la furba per cadere in piedi. Vuol fare braccio di ferro? Se perde paghi! Il suo pensiero non va minimamente ai migranti sulla nave; fa la sceneggiata che aveva preparato da tempo e che ora gli comandano di recitare. Secondo voi, non si tratta di una sceneggiata di comare al mercato del pesce?

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 27/06/2019 - 13:53

Dall'Africa è sempre stato stato facile per le navi negriere portare via centinaia di migliaia di poveracci verso Spagna Francia Inghilterra e States. Oggi la stessa operazione la si fa a costo zero. Peggio, i costi son tutti a carico di poveracci che, ignorando la politica fin dai tempi di Cartagine, preferiscono emigrare anziché combattere per migliorare i propri ricchissimi paesi. Fruitori dei servizi degli schiavi sono i soliti stati di allora con l'aiuto di preti e democratici ostinati a cercare di sembrare persone per bene. L'Europa è un continente di 500 ml. e l'Africa presto sarà due miliardi. Gli schiavi vanno rispettati, quelli che dicono di fargli del bene andrebbero messi in galera. Tutti.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 28/06/2019 - 20:53

Luigi Farinelli - 09:40 Haters e caldo sono una pericolosa miscela esplosiva. Si vorrebbe aprire lo stargate tanto chi paga saranno sempre gli italiani. I propugnatori saranno africani, probabilmente.. Concetto troppo complicato per menti ideologizzate che non guardano oltre la punta del proprio naso. Le leggi, può piacere o meno, vanno rispettate e questo lo hanno dimostrato gli organi giudiziari interpellati dalla capitana coraggiosa. Il resto è tifo: simile a quello di quel tizio che per fare un dispetto alla consorte si tagliò i co... Tutti profughi, tutti rifugiati dunque? Controllare a monte e fuori dalla Ue prima di accogliere? Basta dire "Salvini" e scatta in certa opposizione il solito riflesso pavloviano..