Fioramonti furioso con il governo: "Nessuno mi ha ascoltato"

Il grillino se la prende con l'esecutivo: "Non è normale che un ministro non venga coinvolto". E annuncia: "Il clima sarà materia di studio a scuola"

Fino a ora l'esperienza di Lorenzo Fioramonti nel governo giallorosso è stata tutt'altro che facile e tranquilla. Anche perché il suo esordio era stato davvero vibrante, minacciando subito le dimissioni entro fine anno: "Un miliardo per l’università entro Natale o mi dimetto". Senza dimenticare la bufera scatenata grazie all'inchiesta de ilGiornale relativamente agli insulti choc sui social contro politici, donne e forze dell'ordine. Ma ora per lui le cose non si sono assolutamente messe bene. Lo stesso ministro dell'Istruzione ha denunciato un fatto che ingabbia l'esecutivo: non è stato coinvolto in alcuni aspetti della manovra.

"Serve gioco di squadra"

Il grillino si è sfogato con i suoi colleghi della maggioranza: "Non è normale che un ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca venga a scoprire dalla rete dell'esistenza di norme che riguardano il suo settore, senza che sia stato neppure coinvolto". Ha sottolineato l'importanza del gioco di squadra: "Ma ciò prevede la condivisione dei processi e delle norme. Faremo gioco di squadra col Parlamento per modificare queste norme". Nello specifico sotto la lente di ingradimento sono finiti gli articoli 28 e 29.

Il primo - relativo all'Agenzia Nazionale della Ricerca - inizialmente era stato sviluppato "escludendo il Miur da qualunque ruolo". Successivamente si però è riusciti a farlo rientrare, ma persiste un problema di fondo: "Il funzionamento e la governance di tale agenzia possono essere decisi solo dopo un confronto con la comunità di ricerca ed una ricognizione delle migliori pratiche internazionali". Dunque l'augurio è che la legge di Bilancio "si limiti a sancirne la costituzione e la dotazione economica", ma che rinvii "ad una norma ad hoc da realizzare nei primi mesi del nuovo anno per approntare modello di governance e obiettivi".

Il secondo andrebbe "completamente rielaborato per evitare che gli enti pubblici di ricerca ed i ricercatori vedano sbarrate le loro prospettive future". Ma non solo. A destare perplessità sono anche alcuni "passaggi sulla pubblica amministrazione, con riferimento ad università e ricerca".

Clima a scuola

Fioramonti poi, in un'intervista rilasciata a Reuters, ha anticipato una novità per quanto riguarda il prossimo anno scolastico: "L'anno prossimo l'Italia sarà il primo Paese al mondo dove lo studio dei cambiamenti climatici e dello sviluppo sostenibile sarà obbligatorio". A partire da settembre 2020 tutte le scuole dovranno dedicare "33 ore all'anno, circa un'ora a settimana, alle questioni relative ai cambiamenti climatici". Il ministro poi ha aggiunto che sarà prevista "una nuova prospettiva legata allo sviluppo sostenibile" per le materie tradizionali come geografia, matematica e fisica. "L'intero Ministero sta cambiando affinché la sostenibilità e il clima siano al centro del modello educativo", ha concluso.

Commenti
Ritratto di Koerentia

Koerentia

Mar, 05/11/2019 - 13:06

Normale. Fioramonti e' il Ministro di PICCHE.

Popi46

Mar, 05/11/2019 - 13:54

“Impone clima a scuola”? E chi si crede di essere, il Padreterno?

ulio1974

Mar, 05/11/2019 - 13:56

se non ti hanno coinvolto, è perchè magari se ne sono dimenticati....non crucciarti, non lo hanno fatto apposta.

ulio1974

Mar, 05/11/2019 - 13:57

...ecco il prossimo che si accinge a passare con renzi.

Jon

Mar, 05/11/2019 - 14:19

Ma quale Ministro?? Cialtrone ignorante..piuttosto! Manco un accenno alle guerre continue..loro pensano alle vacanze..

scurzone

Mar, 05/11/2019 - 14:36

Cosa c'azzecca la matematica con lo sviluppo sostenibile? Mi sembra proprio che non ci siamo: sia mai possibile che ognuno cerchi di inserire a scuola ore inutili ( educazione civica ad esempio) o estremamente specialistiche come il cambiamento climatico? Basterebbe che chi riceve un diploma avesse un'idea della società in cui vive e delle leggi di Einstein, ad esempio.

Calmapiatta

Mar, 05/11/2019 - 14:54

Ergo, dimissioni. Aveva solennemente promesso che se non avesse ottenuto un mld di euro per la scuola, svrebbe rassegnato le sue dimissioni. Siamo in attesa di un coerente gesto da parte del Signor Ministro.

agosvac

Mar, 05/11/2019 - 15:06

Questa di insegnare i cambiamenti climatici e ciò che "realmente" li causa, è un cosa giusta. Il problema è trovare insegnanti che ne sappiano qualcosa e che non siano seguaci della piccola greta.

maxfan74

Mar, 05/11/2019 - 15:11

A casa tutti. E si voti.

Italianocattolico2

Mar, 05/11/2019 - 15:12

Il Ministro non interpellato (probabilmente perchè ritenuto inutile anche dai suoi) ha anche deciso come intervenire contro i professori ed i rettori che fanno solo politica negli istituti superiori e nelle università, oppure a lui sta bene così ???

Giorgio Colomba

Mar, 05/11/2019 - 15:48

"L'anno prossimo l'Italia sarà il primo Paese al mondo dove lo studio dei cambiamenti climatici e dello sviluppo sostenibile sarà obbligatorio". L'anno prossimo, caro Fioramonti, tornerai a far danni a Pretoria.

ruggerobarretti

Mar, 05/11/2019 - 15:56

II tentativo: tralasciando cosa penso di questo ministro, semplicemente gli dico: reitroduca lo studio serio della geografia, perché i ns giovani non sanno distinguere l'Arno dal Tevere, il Fumaiolo dal Monviso. Aumenti le ore di ginnastica e faccia si che le stesse vengano fatte in maniera seria. In quanto alla climatologia, immagino quale taglio ideologico vorrebbe trasferire agli alunni.

rawlivic

Mar, 05/11/2019 - 16:12

ah ecco ... viene istituzionalizzato il lavaggio del cervello per formare nuovi "gretini"...

ulio1974

Mar, 05/11/2019 - 16:28

"L'intero Ministero sta cambiando affinché la sostenibilità e il clima siano al centro del modello educativo": scopo del Ministero dell'istruzione è far sì che gli studenti si facciano una cultura, capiscano la matematica e sappiano leggere. Il clima, lasciamolo agli esperti come Bernacca, grande metereologo!, oppure ai contadini che la sanno lunga.

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Mar, 05/11/2019 - 16:31

Introdurrà anche un corso per l'allevamento ecologico degli asini?

Luigi Farinelli

Mar, 05/11/2019 - 16:34

Ma bene! Il clima sarà oggetto di studio! E i libri da chi saranno firmati? Da Greta o dai 500 scienziati per i quali i gretini sono un blef (e pure pericoloso)?

Papilla47

Mar, 05/11/2019 - 17:15

Si aggiunge all'ora di religione ed educazione fisica con possibilità di scelta da parte dell'alunno che avrà un'ora in più per il motorino.

Dordolio

Mar, 05/11/2019 - 17:23

Si tratterà di solito insegnamento politicamente corretto e quindi indiscutibile. E guai a chi esprime nei componimenti o nelle interrogazioni tesi diverse da quelle ufficiali. E verrà quindi segato senza pietà, nonostante studi assolutamente degni di interesse. Credo poi che questa sia la vera essenza della attuale "democrazia", che consente solo l'espressione di punti di vista ufficiali ed accettati. Il resto è psicoreato.

scurzone

Mar, 05/11/2019 - 17:35

Dordolio, Farnelli e company in passato ostentare ignoranza era ignobile, oggi ognuno può dire qualsiasi sciocchezza ed è seguito! Imparate un po' di matematica, magari partendo da 5/0 e poi ne riparliamo. Aprite un libro serio di scienze ogni tanto! Non state a postare e leggere cretinate su Internet. 500 scienziati? E di che? Stupidaggine apparsa solo su questo giornale!

Giorgio5819

Mar, 05/11/2019 - 17:38

E' ora di andare a votare, elezioni politiche subito, serve un serio colpo di spugna su questo governo di scarabocchiatori della civiltà...

Beaufou

Mar, 05/11/2019 - 18:16

Ma va' là, stupidello. Sai quante fregnacce diranno gli insegnanti durante queste ore (perse)? Sarà solo aria fritta, in puro stile grillino. Un altro piccolo colpo di piccone (piccolo, perché di cose grandi non siete capaci) alla serietà e alla credibilità della scuola italiana. Pagliaccio!

Dordolio

Mer, 06/11/2019 - 10:25

Scurzone, qui l'unico ignorante è lei. Che si abbevera a scempiaggini ufficiali confezionate da chi ha un interesse alle stesse. I cambiamenti climatici CICLICI non vengono spiegati dai "dotti" di oggi. Bisogna ricorrere a scienziati (VERI!!!!) che ogni tanto sfuggono al clima oppressivo del politicamente corretto. Seguii io una dotta relazione di un docente universitario che con prove inoppugnabili era in grado di rapportare i suddetti cambiamenti nei secoli all'attività solare. E non potevi che concordare con i suoi numeri, osservazioni e le sue statistiche. Già.... e tutti (al solito) dimenticano quando in tempi relativamente recenti la Groenlandia (appunto: "Terra Verde"..) era verde sul serio e non coperta dal permafrost. E in Inghilterra si coltivava la vite....

scurzone

Mer, 06/11/2019 - 12:20

Dordolio: essere ignoranti va bene, ma perseverare è ignobile! Hai sentito una dotta docente che dice che, con prove inoppugnabili, esiste una ciclicità dovuta all'attività solare? Per forza! Peccato che il tutto avvenga secondo dei tempi prestabiliti: sembra che il tutto stia cambiando invece molto in fretta e come dicono le vere rubriche scientifiche, l'uomo ci sta mettendo del suo. Bacioni! Piuttosto sembra che siano 11.000 gli scienziati mondiali che stanno studiando il problema e sono concordi con quello da me postato.

scurzone

Mer, 06/11/2019 - 12:22

Piuttosto alla mia domanda: quanto fa 5/0 non avete ancora risposto! Magari rispondete anche a questa: che cos'è un gradiente termico?

ruggerobarretti

Mer, 06/11/2019 - 19:39

Scurzone per conto mio uno che si pone come te non potrà mai essere preso come punto di riferimento. Della tua saccenza non so proprio che farmene e se permetti a casa mia seguo chi katzo più mi aggrada. Sei libero di avere la tua visione ma non di rompere i coglioni al prossimo.