Foibe, la sinistra continua ad infangare i martiri

Pisapia diserta la cerimonia, la Boldrini organizza la commemorazione mentre i deputati sono impegnati in Aula e c'è chi si dissocia dal ricordo

La sinistra perde il pelo ma non il vizio. Quando si tratta delle foibe, la recidiva è una costante. Reticenze e silenzi imbarazzati quando va bene, negazionismo aperto e insulti nei casi più clamorosi.

Da quando, nel 2004, è stato istituito il giorno del Ricordo, con cui si celebra la memoria dei martiri delle foibe e delle vittime dell'esodo forzato da Istria, Venezia Giulia e Dalmazia, il revisionismo ha una data fissa: il 10 febbraio. Ogni anno la stessa storia: nelle foibe sono stati buttati i fascisti e i tedeschi e "comunque prima della fine della guerra sono stati uccisi anche un sacco di jugoslavi". Quando si fa notare che a venire ammazzati furono anche migliaia di civili, obiettivi di una barbara operazione di pulizia etnica, la risposta è un'alzata di spalle.

Non solo perché i responsabili dell'eccidio furono i partigiani comunisti del maresciallo Tito; ma anche e soprattutto per coprire le colpe e le menzogne, protrattesi per anni, della sinistra italiana. Quella ufficiale, rappresentata dal defunto Pci, e quella extraparlamentare, che ancora oggi ne porta avanti le istanze più radicali.

Le polemiche alla Camera

Una responsabilità, quella del silenzio e della mistificazione, tanto pesante da provocare persino l'intervento del presidente della Camera Laura Boldrini, che oggi ha ricordato come "con il giorno del Ricordo si colmi il debito verso la memoria degli italiani rimasti vittime della violenza jugoslava". La Boldrini ha poi richiamato le parole di Napolitano del 2007, quando l'ex Presidente della Repubblica fece mea culpa, parlando della responsabilità della sinistra per "aver negato, o teso ad ignorare, la verità per pregiudiziali ideologiche e cecità politica, e dell'averla rimossa per calcoli diplomatici e convenienze internazionali". Concetti accolti a parole con un plauso unanime, ma nei fatti ben poco recepite.

A Montecitorio, ha fatto discutere la decisione di fissare le celebrazioni con il Presidente della Repubblica Mattarella e la Boldrini alle 16.30, quando l'Aula sarà occupata da altri lavori. FDI, in particolare, denuncia come ai deputati venga così impedito di assistere alla commemorazione.

Sel: "Foibe? Mitologia italiana"

Particolare scalpore hanno suscitato le dichiarazioni del consigliere comunale di Sel ad Orvieto Tiziano Rosati che, come scrive la Nazione, avrebbe pubblicato su Facebook un lungo post in cui definisce le foibe "mitologia di una popolazione italiana cacciata dalla sua terra, quando in realtà i territori dell’Istria e della Dalmazia, che con la Prima Guerra Mondiale l’Italia aveva occupato militarmente, non erano mai stati abitati da popolazioni italiane, se non in minima parte". Il giorno del Ricordo, scrive Rosati, sarebbe inoltre parte di una "campagna denigratoria della Resistenza."

Il consigliere Pd si dissocia dal Ricordo

In Lombardia, il consigliere Pd Onorio Rosati si è dissociato pubblicamente dalle celebrazioni del giorno del Ricordo, anticipando con ostentazione, sul proprio profilo Facebook, la sua diserzione alla cerimonia ufficiale. Inevitabili le contestazioni, da Giorgia Meloni a Viviana Beccalossi. Il diretto interessato, però, ha risposto alle critiche con sfrontatezza, parlando del giorno del Ricordo come di una ricorrenza "storicamente controversa" e "politicamente divisiva", "istituita dal governo Berlusconi e fortemente strumentalizzata dalla destra italiana neofascista". Il mantra insomma è sempre quello: ricordare le foibe è roba da fascisti e peccato se nelle profondità del Carso sparirono tanti italiani innocenti, che con la politica non avevano niente a che fare.

Pisapia dov'è finito?

A Milano ha fatto discutere l'assenza alle celebrazioni del sindaco Giuliano Pisapia. Che, attaccato dall'opposizione in consiglio comunale, ha risposto alle critiche affermando che "Milano ha sempre ricordato la tragedia delle foibe" e ricordando di essere andato personalmente "negli anni scorsi", alla cerimonia. Quest'anno, evidentemente, non c'era modo. L'ex vicesindaco Riccardo De Corato, inoltre, ha ricordato come lo stesso Pisapia, quando era deputato, votò contro il giorno del Ricordo.

La violenza dei centri sociali

In qualche occasione, però, dalle parole si è passati ai fatti. A Trento, anarchici ed esponenti dei centri sociali hanno aggredito i partecipanti a una manifestazione in memoria dei martiri giuliani, istriani e dalmati, con tanto di lancio di bombe carta. Solo l'intervento delle forze dell'ordine ha impedito il contatto con i manifestanti.

Insomma, una vasta gamma di opzioni che rappresentano un insulto al dolore e alla memoria dei martiri. Martiri che - nelle parole di Silvio Berlusconi, che nel 2004 volle fortemente l'istituzione del giorno del Ricordo - "furono condannati ad una morte atroce per la sola colpa di essere italiani e di non volersi assoggettare alla tirannide comunista."

Commenti

steacanessa

Mar, 10/02/2015 - 17:12

Vomitevoli maledetti sinistri.

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Mar, 10/02/2015 - 17:23

Fra tutte le persone che ho conosciuto i comunisti convinti sono gente senza dignità, pronti a negare anche l'evidenza pur di affermare la loro teoria che poi è solo l'esaltazione della loro stupidaggine. Gente di mxxxa.

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 10/02/2015 - 17:38

Confermano quello che sono, una massa di delinquenti infami.

Ritratto di stufo

stufo

Mar, 10/02/2015 - 17:40

Eppoi hanno il coraggio di censurare quando li definisci sxxxxxxxxxi !

Ettore41

Mar, 10/02/2015 - 17:43

Riconciliazione nazionale? Con questa sinistra e con tali personaggi non ci sara' prima di 100 anni o forse anche di piu'.

MEFEL68

Mar, 10/02/2015 - 17:47

Per par condicio mi aspettavo che il neo Presidente della Repubblica andasse a rendere omaggio anche ai martiri delle foibe, visitando il monumento eretto vicino al capolinea della metro B nei pressi del quartiere Giuliano Dalmata. A proposito, quel monumento, completamente ingnorato, è diventato un deposito di bottiglie vuote di birra. E' una vergogna! Queste vittime meritano lo stesso onore giustamente riservato agli ebrei vittime dei nazisti.

Joe

Mar, 10/02/2015 - 17:52

"Va ricordato l’imperdonabile orrore contro l’umanità costituito dalle foibe, ma egualmente l’odissea dell’esodo, e del dolore e della fatica che costò a fiumani, istriani e dalmati ricostruirsi una vita nell’Italia tornata libera e indipendente ma umiliata e mutilata nella sua regione orientale. E va ricordata la “congiura del silenzio”, “la fase meno drammatica ma ancor più amara e demoralizzante dell’oblio”.Anche di quella non dobbiamo tacere, assumendoci la responsabilità dell’aver negato, o teso a ignorare, la verità per pregiudiziali ideologiche e cecità politica, e dell’averla rimossa per calcoli diplomatici e convenienze internazionali" TUTTO QUESTO LA STORIA RICORDRRA' (anche se i sinitri DEMOCRATICAMENTE disconoscono questa ricorrenza!)

Marcuzzo

Mar, 10/02/2015 - 17:57

Solito tentativo di infangare la Resistenza ed i Partigiani. La verità e' un'altra . I 3.000 infoibati erano quasi tutti complici , amici e collaborazionisti dei nazifascisti. Piuttosto sarebbe meglio ricordare quel milione e cinquentomila civili iugoslavi che i nazifascisti uccisero in nome della colonizzazione che volevano fare. W la Resistenza

mariolino50

Mar, 10/02/2015 - 17:57

Ma qualcuno sa cosa hanno fatto gli italiani prima di allora da quelle parti, purtroppo la vendetta non guarda per il sottile.

Libertà75

Mar, 10/02/2015 - 17:58

Il tipico negazionismo di sinistra dal quale si evince ignoranza, violenza, razzismo e spirito antidemocratico... rammento ai tanti ignoranti che si vantano di esserlo, che quando l'ex PdR Napolitano ha riconosciuto le foibe, esse sono diventate realtà per il nostro Paese. La parola realtà discende appunto dalla figura monarchica, impersonata in Italia dal PdR. Quindi per i soliti eversivi, va ricordato che le foibe non sono controverse, ma realtà per il nostro Paese. Tuttavia da italiano soffro nel vedere tanti politici a vari livelli godere della più ampia ignoranza possibile!

Blueray

Mar, 10/02/2015 - 18:06

Luridi negazionisti e revisionisti. Gente che non merita neanche si parli di loro con i più putridi aggettivi. Venissero qui che li accompagno io ad una serie di visite che fanno venire i brividi, e poi vediamo se hanno ancora il coraggio di parlare

giza48

Mar, 10/02/2015 - 18:16

Cari Italiani amanti della nostra Nazione (non sono certamente gli eredi del PCI ora chiamati PD) non c'e' niente da meravigliarsi se i cari compagnucci sono assai tiepidi in questa Santa Nazionale ricorrenza. Loro devono negare, negare, ed insultare e calunniare perchè così qualcosa uscirà a loro vantaggio. La verità nazionale, civile, storica non esiste per loro, c'e' sempre un "ma però anche gli altri etc". Tutto è per loro relativo alla verità del momento e all'interesse contingente in termini di potere. E' la parte peggiore del paese che fa finta di volere il bene dell'Italia. Meditate gente meditate !

lorenzovan

Mar, 10/02/2015 - 18:18

cari bananioti...a parte il dovuto inchino ai martiri delle foibe..e ai martiri di tutte le guerre e le rivoluzioni...dovreste guardare ai responsavili indiretti di quelle foibe...e cioe' i gerarchi del partito FASCISTA..che imposero l'italianizza zione forzata a Sud tirolo e zone orientali del paese...tiraneggiando...incarcerando...uccidendo gli oppositori ai loro sogni di grandezza...il resto fu la vendetta di chi aveva sofferto e molto...sia chiaro NON GIUSTIFICO NIENTE...ma se dovete insultare cari bananas insultate il vostro ex duce...leggi speciali...leggi razziali...guerra a etiopia,Iugoslavia e Grecia...guerra civile...distruzione quasi completa del paese...IO C'ERO...da bambino con i miei sono pure finito al muro ..ci salvo' mio padre amputato ai piedi per congelamento in russia che masticava il tedesco...

Ritratto di sitten

sitten

Mar, 10/02/2015 - 18:19

La Bestia Rossa, è ipocrita, vigliacca, bugiarda, e anti italiana. Tutti i sinistrati sono uguali. VIVA L'Italia anti bestia rossa.

Anonimo (non verificato)

FRANZJOSEFF

Mar, 10/02/2015 - 18:23

RIPETO E LO RIPETERO'. RICORDATEVI DI SERGIO ENDRIGO CHE SCAPPATO CON LA SUA FAMIGLIA. ERA PIU' COMUNISTA DI RENZI E COME BOLDRINI. MA HA SCRITTO UNA BELLISSIMA CANZONE STRUGGENTE DEDICATA ALLA SORTE DEI MORTI ITALIANI CADUTI NELLE FOIBE E VOI CxxxxxxI SxxxxxI SINISTRI VOLETE FAR DIMENTICARE O SEPPELLLIRE QUESTA RICORRENZA. LA CANZONE SI CHIAMA 1947 SENTITELA E CAPIRETE SINISTRI INGINOCCHIATEVI A SERGIO ENDRIGO COMUNISTA MA GRANDE RISPETTA I MORTI DELLE FOIBE. NON SIETE DEGNI. RICORDATELO PER QUESTA BELLISSIMA CANZONE INDEGNI ITALIANI SINISTRI "STRADA FIORITA DELLA GIOVENTU'" MEFEL 68 AI RAGIONE NON SONO ISTRIANO HAI RAGIONE

baio57

Mar, 10/02/2015 - 18:27

@ Marcuzzo - (Ansa 6 ore fa) Laura Boldrini : " Esiste un debito Italiano verso le vittime delle foibe e di una violenza brutale rispetto alla quale dobbiamo assumerci la responsabilità di aver per troppi anni negato o teso a oscurare la verità ..." Il tuo commento da tipico ottuso cocomeros sinistrato invece ,fa veramente PENA !

g-perri

Mar, 10/02/2015 - 18:28

Da lettore de "il Giornale" fin dal 76 ebbi la fortuna di apprendere meglio la vicenda delle foibe; nei primi anni 90, durante una cena nella provincia di Bologna, mentre ero circondato da una ventina di comunisti rossi fino al midollo, tirai fuori l'argomento per far capire loro che non hanno sempre ragione. Nessuno dei presenti sapeva di cosa stessi parlando ed ogni tentativo di far prendere loro coscienza di quei fatti fu vano. Non erano disposti ad ammetterli. Attualmente non ne parla solo il Giornale ma a sinistra sono rimasti sempre uguali, NEGANO L'EVIDENZA.

flip

Mar, 10/02/2015 - 18:29

anche in Ucraina attualmente i comunisti stanno decimando un popolo che vuole vivere in libertà e non sotto il giogo di dittature.

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Mar, 10/02/2015 - 18:30

Tanti e tanti anni fa, quando frequentavo la scuola elementare, era prassi comune tracciare sulla lavagna una riga verticale e segnare da una parte i buoni e dall'altra i cattivi. E, per pura coincidenza, i buoni si segnavano a sinistra e i cattivi a destra. I compagnucci sono rimasti alle elementari.

Anonimo (non verificato)

Gioa

Mar, 10/02/2015 - 18:36

QUESTI SINISTRINI HANNO UN'UNICA GRANDE FORZA DISSOCIARSI SEMPRE DAL RICORDARE E DALLE LORO RESPONSABILITA' PUR MINIME. COME FANNO?...QUANDO DEVONO ESSERE PRESENTI NON CI SONO MAI. STUDIANO PIANI SENZA CONFINI....MI DOMANDO MA QUANDO LAVORANO?...MAI PERCHE' CI SIAMO NOI CHE LAVORIAMO PER NOI!!. NOI SIAMO STUFI DI PAGARE STI PIANI DI INCIUCI!!. SIAMO ALLA VERGONA DELLA PEGGIO VERGOGNA. NOI PAGHIAMO STA GENTE CHE VERAMENTE RUBA SENZA CHE RUBA... ARSENIO LUPEN NON TI OFFENDERE!!.

narteco

Mar, 10/02/2015 - 18:38

Il vero pericolo è il negazionismo comunista,il revisionismo storico di GianpaoloPansa ha descritto con documenti irrefutabili i crimini dei partigiani come gemisto e infoibati dai titini.La volante rossa,il triangolo della morte e le tante stragi di civili,donne,anziani e bambine come Giuseppina Ghersi gridano vendetta e non furono commesse da partigiani ebrei,socialisti,liberali,repubblicani bensì solo da partigiani comunisti.Il 25 aprile sono bandite bandiere angloamericane e cacciati i partigiani noncomunisti come il padre di letizia moratti e figlia aggrediti da feroci e continui insulti, tali da costringerla a lasciare il corteo mentre spingeva la carrozzella delpadre ultra 90nne deportato nei campi disterminio nazisti,bandiere israeliane e americane bruciate,fischi e sputi contro la Brigata ebraica,tanti esempi che confermano l’infamia dei partigiani comunisti che bollano i revisionisti come filonazisti non potendo smentirli.

Ettore41

Mar, 10/02/2015 - 18:42

@MARCUZZO..... Hai ragione, ma 120 milioni di morti fatti dal comunismo dove li mettiamo? E non sono ancora finiti. Vai a farti un giretto nella Corea del Nord e, per piacere, restaci.

narteco

Mar, 10/02/2015 - 18:44

L'Italia è stata liberata dagli angloamericani con oltre 300mila morti.L'Anpi è un insulto alla democrazia e libertà.I vili e criminalipartigiani comunisti volevano sostiutire un regime con un sanguinario totalitarismo a falce emartello.I libri di G.Pansa come il sangue deivinti o bella ciao,il libro nero delcomunismo,i giustizieri la bambina e il partigiano ci confermano che la lotta partigiana fu una lunga serie di masscri,infoibati,vili attentati fatti a nemico chefuggiva o a guerra finita xpoi far ricader la ritorsione su gente inerme come in via Rasella,eran solo vili stragi volte al voto postguerra non atti eroici o di guerra.L’Anpi considera eroi quei criminali come F.Moraninno detto Gemisto e tanti altri ricoperti di medaglie,onori dal Pci di Togliatti che nel 46 scrisse e varò amnistiaTogliatti,un lurido colpo di spugna per migliaia di criminali partigiani alcuni dei quali eletti poi nel Pci.Basta mistificazione comunista!

narteco

Mar, 10/02/2015 - 18:46

Nelle scuole ed università L'Anpi si guarda bene dall'insegnare che durante la seconda guerra mondiale i veri atti nobili ed eroici furono quelli di Salvo D'Acquisto e Ines Gozzi che con la loro mediazione riuscirono ad evitare una ritorsione deinazisti contro il villaggio causata da uno dei tanti vili e pianificati attentati dei Gapcomunisti tanto stimati dall'Anpi,questi sacrificavano la gente inerme per fini di voto e potere postguerra,un odio da inoculare nelle vene della gente per decenni.Ines Gozzi sarà definita Salvatrice del paese,vera eroina locale e per questo rapita,violentata e trucidata col padre.Tutti i partigiani che hanno commesso questo crimine contro l'umanità sono stati assolti perchè l'azione fu definita Azione di guerra, idem per Aurelio Bussi fu azione diguerra ma almeno nel suo caso ci fu la giusta punizione,qualche colpo di pistola ed il sanguinario pluridecorato sindaco partigianocomunista fu giustiziato da Alfa che vendicò così la povera innocente madre.

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Mar, 10/02/2015 - 18:47

...Persino gli autori dei più efferati crimini comuni, qualche volta partecipano alle esequie delle loro vittime! Gli "eredi" degli autori dei crimini politici, non ne vogliono sapere, in questo caso, fa parte del loro dna!

Miraldo

Mar, 10/02/2015 - 18:51

Bastardi comunisti verrà anche il giorno della resa dei conti.

brunog

Mar, 10/02/2015 - 18:53

Scommetto che la Serrachiani doveva andare a cavalcare per tenersi in forma.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mar, 10/02/2015 - 18:59

non ce ne frega più. i fascisti sopravvissuti sono in forma come papi. e gli istriani pure. i comunisti invece al massimo salvano i cani

sbrigati

Mar, 10/02/2015 - 19:07

@marcuzzo; sarebbe meglio stessi zitto che offendere persone uccise solo perchè ITALIANE. Si capisce benissimo che le uniche scuole che hai frequentato sono quelle delle sezioni del PCI. Patetico! @ lorenzovan, se con il termine "bananiota" vuoi offendere , lo rispedisco al mittente, il quale non rinnega niente di quanto accaduto,ma trova mille scusanti per degli assassini, un poco come chi non condanna i tagli di teste da parte dell'isis. Sei quasi peggio di marcuzzo.

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 10/02/2015 - 19:16

qui deve uscire tutta la verità e le famiglie dei colpevoli, PAGHINO LE MALEFATTE DEI LORO AVI !!!

leitz

Mar, 10/02/2015 - 19:16

non solo furono infoibati gli italiani, rei di esserlo, ma anche i domobronci (patrioti jugoslavi, che non accettavano la dittatura di tito. per l'esattezza circa 15.000 domobronci. se uno non crede che venga a Trieste e parli con i figli degli infoibati e visiti il museo di storia dalmata e fiumana e istriana. ci sono mareee di documenti ,foto, e materiale usato dai titini per infoibare. vergogna!

Roberto Casnati

Mar, 10/02/2015 - 19:31

Chi come SEL sostiene che le foibe sono "mitologia italiana", potrebbe anche dire che i campi di sterminio nazisti sono mitologia ebraica, o no?

Roberto Casnati

Mar, 10/02/2015 - 19:32

La Boldrini è persona SCHIFOSA!

INGVDI

Mar, 10/02/2015 - 19:33

C'è da vergognarsi che in Italia ci siano partiti e movimenti politici che sostengono l'ideologia più criminale che la storia abbia conosciuto: il comunismo. Il pensiero sia pur edulcorato dalla presenza del cattolicesimo sociale è fortemente presente nel PD, un cancro per le deboli menti.

flip

Mar, 10/02/2015 - 19:34

più di 10.000 sono stati i morti nelle foibe qualcuno ancora vivo dopo le torture subite dai "partigiani" comunisti di tito e con il beneplacito di Togliatti che ha negato anche il rientro in Italia degli alpini dell' ARMIR dicendo e scrivendo che erano invasori della russia. in questo giorno ricordiamoci anche delle assassinii provocati dai nostri "partigiani"(?) nel famoso triangolo della morte dell' Emilia. uomini e donno non facevano differenza.

Roberto Casnati

Mar, 10/02/2015 - 19:35

Onorio Rosati fai schifo!

FRANCO1

Mar, 10/02/2015 - 19:36

comunisti infami e delinquenti, ieri come oggi. Anzi: più di ieri e meno di domani!!

Roberto Casnati

Mar, 10/02/2015 - 19:36

Pisapia lo schifoso terrone!

Roberto Casnati

Mar, 10/02/2015 - 19:37

Comunisti siete soltanto degni del peggior nazismo!

Ritratto di V_for_Vendetta

V_for_Vendetta

Mar, 10/02/2015 - 19:43

il comunismo ha prodotto 80 milioni di morti, in confronto quel verme di hitler era buono e la gente ha ancora il coraggio di votare per sta gente che mai ha rinnegato cio che ha fatto.

Pinozzo

Mar, 10/02/2015 - 20:04

narteco, commenti come i tuoi denotano il tuo livello cerebrale sub-umano ed e' offensivo che sia dalla stessa parte di chi giustamente ricorda le foibe e ricorda come quegli italiani che dovettero scappare furono trattati come fascisti dal resto degli italiani (che dopo l'8 settembre erano di colpo tutti antifascisti), mentre volevano semplicemente restare italiani (e restare in vita allo stesso tempo). Le foibe furono una pulizia etnica che voleva decapitare la societa' italiana per far si che la venezia giulia, l'istria e la dalmazia fossero annesse da tito. Per fortuna di trieste e gorizia i titini ce la fecero solo a meta'. PS per voi bananioti ignoranti, vittorio vidali segretario del PC del TLT nell'immediato dopoguerra e deputato nelle file del PCI era fortemente anti-titoista e antijugoslavo, capito bifolchi?

Ritratto di moshe

moshe

Mar, 10/02/2015 - 20:05

..... i sinistri hanno dimostrato una volta di più di essere dei luridi traditori della patria, SIANO MALEDETTI !!!!!

Ritratto di Gios'',,40.

Gios'',,40.

Mar, 10/02/2015 - 20:17

Questi politici,, interessa solo il posto, il denaro é la bella vita,, con tanto di scorte e privilegi molto discutibili a carico publico. Cosa pensavate che erano,!!questi politici. Sono la vergogna Italiana,, ci stanno pure facendo diventare la barzelletta del Globo. Saluti

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Mar, 10/02/2015 - 20:37

Dopo 60 anni, i comunisti si confermano per quello che sono sempre stati cioè dei pirloni e non hanno il pudore di ammetterlo, piuttosto cambiano il nome al partito.

Ritratto di sitten

sitten

Mar, 10/02/2015 - 20:52

X marcuzzo, prova a gridare anche, viva Luigi Canali. La "resistenza" non ho mai capito a Cosa resistevano quei Traditori, i bagni pubblici allora erano occupati? Se no, non capisco a Cosa resistevano.

lorenzovan

Mar, 10/02/2015 - 21:03

questi post dimostrano l'ignoranza assoluta della storia da parte di tanti cittadini...e chi ignora la sdoria e gli errori fatti e' cpondannato a ripetere gli stessi errori

narteco

Mar, 10/02/2015 - 21:36

Le foibe furono una pulizia etnica dei titini comunisti che infoibarono pure tanti comunisti italiani e nonostanteciò il partito comunista di allora e gli attuali eredi di rfc,sel e alcuni delPd osano ancora negare le foibe o infangarne i martiri L’articolo di Masini dice tutto.Togliatti detto ilmigliore dei peggiori già negatore delle purghe staliniane e massacri di Mao colluso con la strage di Katyn dove migliaia disoldati e ufficali polacchi furono fatti trucidare dalsuo idolo Stalin che poi su suo invito lasciò crepare migliaia di soldati Italiani dell'armir in Russia xkè laloro morte doveva servire da antidoto contro futuri rigurgiti fascisti la dice tutta sulla mortifera storia del comunismo nel mondo non solo in Europa.Il comunismo ha causato solo morte miseria e devastazione con oltre 200milioni di morti numero ancora in crescita nei paesi a falce e martello.Pisapia rifiutò sempre di commemorare icaduti della Rsi e si presentò senza fascia tricolore a quella di Ramelli

killkoms

Mar, 10/02/2015 - 21:53

ora e sempre comunisti di mxxxa!

Canaglia

Mar, 10/02/2015 - 22:18

Tito comunista assassino. I sinistri che non hanno la dignita' di ricordare i nostri compatrioti massacrati per il solo fatto di essere italiani e' giusto che spariscano dalla vergogna, poveri lobotomizzati dalla falce e martello.

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Mar, 10/02/2015 - 23:09

Marcuzzo, mariolino50 ogni commento su di voi è fiato sprecato. Perché non scrivete sui vostri giornali... Li qualche cxxxxxxe che vi dia ragione lo trovate.

Ritratto di pascariello

pascariello

Mar, 10/02/2015 - 23:14

Marcuzzo sei solo una m@rdazza come tutti i comunisti b@stardi!

Luigi Farinelli

Mar, 10/02/2015 - 23:32

Pisapia e Boldrini: due dei migliori rappresentanti dell'ipocrita schiatta del "progressismo illuminato" imperante grazie ai grotteschi media di regime e al lavaggio del cervello nelle scuole statali, infettate dal pensiero unico deformante Storia, realtà e principi, con l'unico fine internazionalista del raggiungimento della "Repubblica Universale" massonica: il peggior regime totalitario che la stessa Storia avrà mai visto e di cui Boldrini e Pisapia (e altri squallidi personaggi arrivati ad occupare le loro poltrone grazie ai grembiulini) pensano di rientrare di diritto fra le guide "illuminate".

Pelican 49

Mar, 10/02/2015 - 23:39

Solo per un po' di giustizia........tutti i compagni di Palmiro meriterebbero la stessa fine, a cominciare dalla Boldrini per finire a Pisapia, uno dei più schifosi comunisti che si possano vedere in Italia.

Ritratto di gangelini

gangelini

Mar, 10/02/2015 - 23:57

I sinistri sono così: ci sono morti di classe A e morti di classe B. Come ci sono terroristi e assassini di classe A e dopo onesti cittadini di classe B (questi ultimi naturalmente tutti a piede libero).

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 11/02/2015 - 00:40

I comunisti per nascondere la verità sulle foibe hanno plagiato le nuove generazioni. Cercano di cancellare i massacri delle foibe compiuti da comunisti italiani e titini contro gli inermi civili italiani della Venezia Giulia e L'Istria. LA VERITÀ È ORMAI VENUTA A GALLA E NESSUNA MANIFESTAZIONE DI GIOVANI PLAGIATI ANARCOIDI E DEI CENTRI ASOCIALI POTRÀ CANCELLARLA. A Trento hanno manifestato appunto dei poveri giovani plagiati. I mentecatti del centro asociale BR 1 e bande di altrettanti mentecatti anarcoidi.

19gig50

Mer, 11/02/2015 - 01:13

Ci andrebbero buttati i sinistri a cominciare dai vertici.

gpetricich

Mer, 11/02/2015 - 08:03

SEL: foibe, mitologia italiana. Cosa ci si deve aspettare da un branco di culirotti, comunisti per di più.

gian paolo cardelli

Mer, 11/02/2015 - 08:17

dov'è la mistificazione comunista? nel motivo che questi relitti vogliono difendere: le Foibe NON furono attuate "per vendetta", come i cerebrolesi "di sinistra" vorrebbero sostenere, ma per preciso disegno politico di Tito, ovvero sarebbero avvenute lo stesso anche senza i Lager nazisti del periodo 41-43. Del resto, cosa ci si puo'attendere da chi segue ancora un'ideologia che fa della menzogna una legittima arma politica?

baio57

Mer, 11/02/2015 - 09:05

@ ottuso, cococomeros ,TRifolco kompagno Pinozzo . Palmiro Togliatti :"....Lavoratori Triestini ,il vostro dovere è accogliere le truppe di Tito come liberatrici e di collaborare con esse nel modo più stretto..."

Ritratto di manasse

manasse

Mer, 11/02/2015 - 10:14

ecco perchè è un letamaio il pensiero rosso,potrebbero dire a discolpa che la situazione era eccezionale che i patimenti dovuti al regime avevano svegliato un senso di rivincita tutto quello che volete ma negare che ci siano state le foibe è da vigliacchi mentitori tipico dei comunisti

Joe

Mer, 11/02/2015 - 10:45

Aggiungiamo anche , per non dire che fu la ragione primaria, che quelle brave persone(?) lo fecero, buttando gli istriani italiani, nelle foibe per impadronirsi di tutti i beni di quei poveri disgraziati. Collegatelo a quel che successe dopo la liberazione nel triangolo ROSSO dell'Emila Romagna e il cerchio si chiude.

narteco

Mer, 11/02/2015 - 12:51

Da uno come pisapia che si fece quasi 5 mesi per eversione e banda armata che ospitava a casa sua brigatisti che qualche anno dopo uccisero 2 giudici,cosa ci si apettava:Pisapia fu avvocato di chi trucidò Ramelli,poi del terrorista ochalan,poi di carlo gixxiani,ha invaso la città di Milano dasempre anticomunista con locandine facendo apologia comunista e partigiana nelle scuole,totem pro resistenza come alla loggia dei mercanti,eventi e soldi pubblici pro Anpi a iosa,si dice sindaco di tutti e non commemora la morte dei caduti della Rsi ma è cxxo e camicia con dario fo che fu rastrellatore di partigiani nel Rsi,la sentenza del 1979 dice che è certo che Fo ha vestito la divisa del paracadutista repubblichino nelle file del Battaglione Azzurro di Tradate,la canzone di dario fo sono arrivati i veri ciarlatani è perfetta per descrivere sia lui che pisapia. Milano Libera!!!!

narteco

Mer, 11/02/2015 - 14:33

La sinsitra anarco-comunisoide al caviale non solo continua a fare l'apologia della lotta partigiana che fu vile e nulla ai fini della liberazione,alcontrario letruppe angloamericane furono vereliberatrici d'Italia con migliaia di morti dalla Sicilia alle Alpi.I partigiani fecero solo azioni terroriste che causarono mortali ritorsioni su gente inerme,scopo finale regalare l'Italia al blocco comunista e trarne voti postguerra.La strage di via Rasella è una delle tante infamie dei tanti compagni ultramedagliati e glorificati eletti poi nel Pci e poi Pd come Carla Capponi e marito Rosario Bentivegna autori di tanti vili attentati e noti x la famigerata strage di via Rasella che causò l'eccidio di oltre 330persone.Il 25 aprile si vedono solo bandiere a falce e martello,bruciate quelle angloamericane ed ebraiche insultati i deportati come il padre di LetiziaMoratti partigiano non comunista dunque indegno a sfilare,sulle foibe,volante rossa e triangolo della morte idem. Italia Libera!

angelomaria

Mer, 11/02/2015 - 15:21

SOLO IL FATTO CHE SIANO ANCORA AL GOBERNO INFANGA TUTTI NOI!!!

angelomaria

Mer, 11/02/2015 - 15:24

CON QUEL SCHIFO D'EDUCAZIONW E LE PAROLACCE CHE VI LASCIATE SCAPPARE NON FANNO ALTRO CHE DIMOSTRASTRARE QUEL VOSTRO SCHIFO D'EDUCAZIONE PORCI!!!!!

Giorgio5819

Mer, 11/02/2015 - 21:15

SEL : Squallido e Laido.