Forza Italia: "Il Parlamento armonizzi il sistema elettorale"

La Consulta boccia l'Italicum, Forza Italia: "Ora serve un passaggio parlamentare impegnativo"

Dopo la sentenza della Corte costituzionale è necessario un "passaggio parlamentare molto impegnativo" perché l'Italia abbia un sistema elettorale omogeneo e coerente.

Lo sostengono deputati e senatori di Forza Italia, che denunciano la "totale divergenza tra il sistema elettorale della Camera rispetto a quello del Senato" derivante dalla bocciatura di oggi. "La sentenza, come da Costituzione, si definisce immediatamente applicabile, ma ovviamente solo per l'elezione della Camera", spiegano, "Aveva ragione il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: la totale difformità tra il sistema elettorale della Camera (come disegnato oggi dalla Consulta) e quello del Senato (il cosiddetto Consultellum della sentenza della Corte del gennaio 2014) necessita un deciso intervento parlamentare per armonizzare i due sistemi di voto. Ad oggi, infatti, il premio di maggioranza è previsto per la sola Camera dei deputati e non per il Senato della Repubblica. Inoltre a Montecitorio, proprio per il premio di maggioranza, si incentivano le liste; a Palazzo Madama, invece, si incentivano le coalizioni, con soglie di sbarramento più basse per ottenere i seggi in caso di accordo tra più liste. Altra rilevante divergenza: alla Camera ci sono i capilista bloccati, al Senato no".

Questo significa che ora il Parlamento "analizzatene attentamente le motivazioni", dovrà "intelligentemente ed alacremente operare per garantire la omogeneità dei due sistemi elettorali".

"Una volta esperito tale passaggio, si potrà andare alle elezioni", ha detto il presidente dei deputati Fi Renato Brunetta, "Quindi bisogna aspettare le motivazioni. Dopo le motivazioni, che la Corte ha detto arriveranno entro un mese, il Parlamento si metterà al lavoro proprio per omogeneizzare i due sistemi elettorali, che, pur essendo singolarmente applicabili, non sono applicabili insieme perché rischiano di originare maggioranze diverse alla Camera e al Senato, essendo le due leggi risultanti da due sentenze della Corte Costituzionale profondamente divergenti. Il Parlamento è sovrano: la Corte Costituzionale fa le sentenze, ma non le leggi. Le leggi, vivaddio, le fa il Parlamento".

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 25/01/2017 - 19:13

Mi pare assolutamente logico che occorra "armonizzare" le due leggi elettorali in vigore. Ma non basta. occorre rivedere l'Italicum, malamente corretto dalla corte, ricorrendo nuovamente al ballottaggio tra i primi due partiti ove nessuno abbia superato il 50% (dicesi CINQUANTA%) dei votanti. Amen

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 25/01/2017 - 19:14

Ribadisco che in primo luogo bisogna tenere conto del fatto che per il Senato non si applica l'ITALICUM, ma un'altra legge elettorale, che può portare a risultati anche molto diversi, generando un'altra volta l'ingovernabilità del paese. Resta poi il fatto che viene ritenuto applicabile il criterio che riconosce a chi supera la soglia del 40% un premio di maggioranza, ma nulla viene detto per il caso, non impossibile, che DUE partiti (non sono ammesse le coalizioni) superino il 40%. Comunque un premio di maggioranza ad un partito che non la ha raggiunta sembra veramente incostituzionale, guarda caso a favore di qualcuno e nuovamente a danno della credibilità del sistema. QUESTA LEGGE, nuovamente di BOSCHI, male aggiustata, va cestinata oppure va corretta prevedendo il ballottaggio fra i primi due partiti (o coalizioni, ma meglio "partiti") come avviene in Francia o, guarda caso, come avviene in Italia per le elezioni amministrative. AMEN

fiorentinodoc

Mer, 25/01/2017 - 19:19

tutte scuse per non andare a votare

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mer, 25/01/2017 - 19:26

Beh, ha ragione, l'Italicum corretto incentiva la crescita dei singoli partiti che aspirano al premio di maggioranza, il consultellum al Senato, invece incentiva la formazione di coalizioni. Ma, dovendo omogeneizzare i due sistemi, quale dovrebbe prevalere? Il proporzionale corretto, o quello semplice? La vedo dura ...

Libero1

Mer, 25/01/2017 - 19:33

Per evitare agli italiani la confusione di votare con due sistemi di voto diversi penso che dovranno armonizzare il sistema di voto per camera e senato.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 25/01/2017 - 20:53

dunque, un ulteriore sistema per far danni alla democrazia ! altro che gentiloni..... qui si sente l'odore di napolitano!!

ambrogiomau

Mer, 25/01/2017 - 20:59

Fa la melina per giustificare la prossima alleanza con il PD dopo il voto. L'armonizzazione è un termine puramente musicale e , in questo caso, politico.

Ritratto di Lestat

Lestat

Mer, 25/01/2017 - 21:38

Altro che Forza Italia. Dovreste chiamarvi Vergogna Italia. Voglio votare subito! La legge elettorale c'è. L'italicum modificato dalla consulta. Basta!

fifaus

Mer, 25/01/2017 - 23:00

E' ormai da anni che voglio votare. E' un mio diritto. Smettetela con le manfrine!!

Hume

Gio, 26/01/2017 - 07:14

Ma come fa Berlusconi a sostenere il proporzionsle, dopo che per anni ha detto che era il male assoluto?